NOTE CRITICHE ALLA TEOLOGIA BRAHMANICA DI VITO MANCUSO – di Peppino Orlando

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Peppino Orlando                    mancuso

 

Ho ascoltato ,giovedi 3 Marzo,il teologo Vito  Mancuso,ormai preda e star di  “Repubblica” ,nel grande salone  di palazzo ducale di Genova. Egli ha chiarito la sua visione sulle “origini della vita”, che ho confutato in   quanto   cristiana, in pochi minuti d’intervento mal tollerato dagli organizzatori ”dialoganti”.  Ascoltavo la tesi di un’energia detta anche” dio”, che si evolve per sua interna potenza  dai gradi fisici a quelli mentali e spirituali.Mi veniva alla mente con sofferenza  l’anno  1637 in cui doge e senato proclamarono regina della città,con stemma e battitura di moneta,Maria santisssima .E qui una massa silente e invaghita  di laici e cattolici pende dalle labbra di un teologo che parla di energia autocreativa  ascendente, dove  i nostri padri dichiararono  la regalità di Maria .La solida oligarchica struttura  repubblicana si collocava così,con geniale ardimento della fede cattolica antica, tra le  grandi corti europee, clienti del Banco di San Giorgio. Mancuso è stato invitato ad esporre la sua teologia evoluzionista, dai discepoli di don Balletto , che continuano  in città la sua opera  di campione del progressismo del dialogo sincretista del “dio unico ”cosi gradito alle ultime propaggini culturali del progressismo cattolico anti-Siri, dalle nicchie  gnostiche  e dalla sinistra atea residua dei poteri locali. Mancuso si è collocato nell’ alveo del cattolicesimo “ dialogante” in alternativa quello dogmatico istituzionale .Ho letto le sue opere principali e nulla di più ho trovato che una teoria della materia come energia che si evolve per interna potenza, giungendo dai gradi inferiori a quelli superiori  ,solo eventuali, della spiritualità intesa come amorosa e ordinata relazione umana. Nulla vi è della dottrina di Dio creatore dal nulla, della storia della salvezza, dell’incarnazione e della divinizzazione come disegno soprannaturale che è il senso della Chiesa. Ho risentito citazioni di scienziati ,in veste impropria di metafisici  del caso o del disegno intelligente. Tesi classiche di scuola panteista antica   moderna, le metafisiche orientali del brahman rivestite di gergo scientifico attuale. Ben diversa è la versione ortodossa,della trascendenza,del soprannaturale gratuito e della divinizzazione in Cristo, che Claude Tresmontant in Francia ha dato alla linea dell’”evoluzione creatrice” di Bergson e Teilhard, riconducendola nel quadro della metafisica biblica ebraico-cristiana secondo San Tommaso e Scoto.

La filosofia cristiana, in ogni sua versione, ha già fatto i suoi conti con facilità con  le tesi  panteiste e immanentiste . la Chiesa cattolica nella sua lettura della Scrittura e nel suo sviluppo dogmatico vive dell’Invisibile e del soprannaturale che una pura autogenesi della materia -energia neppure lambisce. L’aggiunta di un’etica della relazione  come “ bene del mondo”,è tanto vaga ,precaria quanto impotente conosccndo il mistero della peccato,della croce,della nuova nascita in Cristo. Nella città dove hanno insegnato Siri, Sciacca, Andrea Galimberti, maestri delle scuole di pensiero cattoliche tomiste e rosminiane, mi è toccato vedere bocche  fameliche tese verso un  fico sterile   dello spirito conciliare di dialogo .Quale miseria logica e spirituale, chiedo alla nostra Regina, ha procurato carestia e peste, disgrazia dell’errore infestante,  nel  nostro popolo?

5 marzo 2011.

]]>

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su