Notizie, poteri, buchi neri. Chi ha paura dei "lefebvriani"? – Intervista a Don Mauro Tranquillo – di Leon Bertoletti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un giovane prete, prima incardinato nella diocesi di Vicenza, lo scorso settembre ha celebrato il suo ingresso nella Fraternità sacerdotale San Pio X. Un nuovo Priorato ha nel frattempo aperto a Lanzago di Silea, in provincia di Treviso. Avevo sollecitato alcune testate giornalistiche locali a occuparsi delle vicende, a renderle notizie, ma non ho ottenuto riscontri.

.

mnslfvbpppxii

 Papa Pio XII con Mons. Marcel Lefebvre

.

di Leon Bertoletti

.

Capita, purtroppo. L’informazione che si congratula per i colori – e che si vanta di toni, tinte, sfumature – frequentemente si appaga di un monocromatismo anestetico, soporifero, a suo modo educativo, gremito di buchi neri.

Quando uno non si accontenta, fa domande. Don Mauro Tranquillo ha ricevuto l’incarico, dal superiore del distretto italiano della Fraternità, di rispondere.

Esiste una sorta di ostracismo, pregiudizio, forse addirittura censura nei vostri confronti? «La stampa, spesso anche quella locale, non è quasi mai indipendente da poteri che ne dettano le priorità. Penso sia interessante notare quello che la stampa ignora o denigra, e d’altro canto quello che loda in modo unanime, per capire chi ha veramente il potere».

Quindi? «Gli eventi da lei accennati sono segni dell’attualità dell’opposizione al nuovo corso degli uomini di Chiesa, che ha avuto nuovo impulso con lo stile del nuovo pontificato, così attento a dire ciò che i poteri del mondo si aspettano e richiedono. I cristiani, come profetizzato da Nostro Signore, devono invece trovarsi in opposizione ai poteri del mondo, specialmente a quelli attuali, palesemente contrari all’ordine divino».

Certo, i cristiani. In televisione, anche nel nome dell’ecumenismo, trovano ospitalità tutte le confessioni, più culti eccentrici, sette bislacche, pseudoreligioni. Di voi si è parlato, sappiamo bene in che termini, per le esequie di Priebke. Un fatto significativo? «Il caso del funerale dell’ex capitano nazista poteva essere per la “Chiesa della misericordia” l’occasione di mostrare che veramente ogni peccato può essere perdonato a chi si pente: quell’uomo aveva espresso più volte il suo pentimento per gli episodi della guerra ed era cattolico da decenni. Le autorità della Chiesa a Roma lo sapevano bene, e infatti gli hanno dato i sacramenti per anni».

Che è successo, invece? «Evidentemente anche la misericordia doveva sottostare al politicamente corretto e ai diktat di poteri che di misericordia ne hanno poca, e quindi la curia romana non ha esitato a tirarsi indietro. Atteggiamento che ricorda quello di don Abbondio».

I media hanno agito di conseguenza? «Evidentemente la stampa ne ha approfittato per associare la Fraternità San Pio X non alla misericordia di Dio e alla bellezza del pentimento, ma a quello che Priebke aveva fatto prima. Lo ripeto: appare chiaro che la nostra Fraternità non è complice dei poteri che controllano l’opinione pubblica, mentre le autorità ecclesiastiche sono evidentemente al loro servizio. Ma questi poteri sono cristiani o anticristici?».

Da parte vostra, comunque, pregate ogni giorno per la Chiesa, per il Pontefice. Che impressione avete di quanto Papa Francesco ha fatto finora? «Il Pontificato di Papa Francesco è in continuità sostanziale con quelli dei Papi del post-concilio, non va visto come una vera novità».

La Messa in latino, a quanto sembra, viene scoraggiata. «La Messa tradizionale è stata duramente perseguitata sotto Paolo VI, e concessa solo a patto dell’accettazione del Concilio e della messa nuova da Giovanni Paolo II e da Ratzinger».

Ma Francesco… «Certamente gli atteggiamenti di Papa Francesco sono particolarmente efficaci a livello mediatico, e possiamo aspettarci da lui un nuovo balzo in avanti, mentre il pontificato di Benedetto XVI sembrava rappresentare una sorta di punto di raccolta prima di riprendere il cammino. Cammino che sta conducendo i fedeli lontano dai dogmi insegnati per millenni dalla Chiesa: la dottrina cattolica non viene vista dai modernisti come un dono da Dio da custodire intatto nei secoli, ma come l’espressione del sentimento religioso del momento».

Davvero? «Per questo si è cambiata la dottrina politica della Chiesa, considerata inattuale, nel concilio vaticano II, e per questo si sta discutendo ora di divorziati risposati. Parlo solo degli aspetti più macroscopici, naturalmente. In realtà, questo allontanamento dei cattolici dalla loro dottrina (e di conseguenza dalla vita cristiana) non può che essere a servizio di poteri che cattolici non sono, ma che hanno la volontà di snaturare e abbattere la Chiesa Romana».

Li temete, questi poteri? «Noi non desideriamo esserne complici, dovessimo essere isolati, calunniati o anche perseguitati. Non saremmo certo i primi, e d’altronde c’è Uno che lo è stato prima di tutti noi: il discepolo non è più grande del Maestro. Tra la Chiesa e il mondo non ci può essere simpatia, ma lotta fino alla fine dei tempi».

.

fonte: Sito dell’Autore

]]>

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

6 commenti su “Notizie, poteri, buchi neri. Chi ha paura dei "lefebvriani"? – Intervista a Don Mauro Tranquillo – di Leon Bertoletti”

  1. l’intervista di don mauro si può scolpire nel marmo da quanto è netta, concisa e chiara: “il vostro dire sia sì sì no no” direi che ormai è seguito solo dalla fraternità e pochissimi altri.

    1. Sono dello stesso parere. Sono anche convinta che la chiesa conciliare si autodistruggerà e che i fedeli Cattolici alla Tradizione e a Nostro Signore Gesù Cristo sono quel resto che continuerà la storia della Chiesa.

  2. Non posso fare a meno di notare come questa semplice e breve intervista sia tanto piu’ corposa e stimolante di tanti articoloni e tanti scritti prolissi e confusi di altrettanti “pensatori” celebrati e venerati dalle parti della Città del Vaticano. Francesco in continuità con i suoi predecessori ? Forse allo stesso modo in cui il V. II viene considerato in continuità con quanto lo ha preceduto. O no ?
    Premetto che sono un emerito ignorantone e che la mia è soltanto una domanda, forse ispirata dalla vicinanza che sento, attraverso le parole di questa intervista stessa, con Don Mauro.

  3. Intervista molto capibile nella verita’ di fede, il Cristiano ha bisogno di capire bene i dogmi, la dottrina, che puo’ sapere dal catechismo di sempre quello di San Pio X che hanno sostituito con un altro catechismo, o dalle prediche del Vangelo, per poi metterele in pratica nel mondo da vero Cristiano, chi lo dice piu’ che senza la chiesa non c’e’ salvezza, chi lo dice piu’ che non santificando una festa stai in peccato mortale e serve il sacramento della confessione per ritornare in grazia di Dio, adesso c’e’ il relativismo, la liberta’ di coscienza, e una fede propria, pericolosissima per l’ anima, a che serve conquistare il mondo, se poi ti perdi l’ anima?
    La fraternita’ di San PIo X ha fatto un opera di misericordia, celebrando I funerali di Priebke, a Roma dove viveva Priebke, per anni gli hanno dato i sacramenti, della confessione, e della comunione, e poi si sono tirati indietro per celebrargli i funerali, e le opere di misericordia dove le hanno messe? Ha ragione Don Mauro che non possono essere complici, saranno anche perseguitati, ma Gesu’ lo ha lasciato detto: Quello che hanno fatto a me, lo faranno anche a voi
    SIA LODATO GESU’ CRISTO

  4. Anche sotto gli altri papi, la SS. Messa come Dio comanda è fatta oggetto non solo di persecuzione, ma anche di derisione, e non solo vengono derisi i cattolici che vanno, ma anche i sacerdoti che ne celebrano il rito, e quelli che deridono i propri confratelli, forse , penso, dovranno rendere conto a Gesù anche loro ? Un po’ più di amore e di rispetto da parte loro sarebbe auspicabile e anche più cristiano. In corde Matris Maria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su