Nuovi preti della nuova chiesa. Follia ecumenica a Ceuta: omaggio all’idolo in casa di Maria

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il 27 agosto 2017, nella città di Ceuta (città autonoma spagnola del Nord Africa) il vicario vescovile ha accolto nel Santuario della Vergine dell’Africa, con tanto di canti e una folla di fedeli, il simulacro del dio indù Ganesha.

La comunità indù del posto ha celebrato la festa di tale dio, portandone in processione il simulacro. Evidentemente in base ad una precisa programmazione, si è pensato bene di condurre il simulacro fin dentro il Santuario della Vergine dell’Africa, Patrona della città di Ceuta, dove è stato accolto da cattolici festanti che hanno intonato dei canti in onore della Vergine, in particolare della Vergine del Rocío, particolarmente venerata nella Spagna andalusa.

Tale partecipazione, guidata dal parroco del Santuario, che è anche vicario vescovile, può spiegarsi in tanti modi, ma non v’è dubbio che in quello che è rimasto della già cattolicissima Spagna, può poggiare solo sulla totale corruzione della religione cattolica innescata dalla follia ecumenica che infesta ormai da anni il mondo cattolico diabolicamente partorito dal Vaticano II.

Grazie a Dio, non sono mancate le proteste, molto energiche, così che il vescovado di Cadice (Cadíz) e Ceuta (sede suffraganea dell’arcidiocesi di Siviglia),  è stato costretto ad emettere un comunicato, che riproduciamo.

A prima vista, il comunicato, tolte certe incongruenze e alcuni sottintesi rivelatori, sembrerebbe porre un po’ di ordine in mezzo ad un incredibile disordine, ma se si ha la pazienza di visionare il video che riprende questa vicenda

(https://www.youtube.com/watch?v=GGMsFpHtpk8),

si può cogliere a piene mani il compiacimento del vicario e dei fedeli presenti nel Santuario, che parla di tutt’altro che di un errore o di una leggerezza.
Da notare che i canti in onore della Vergine Maria, intonati dai fedeli, appartengono alla tradizione religiosa andalusa relativa alla venerazione della Vergine del Rocío, quindi la partecipazione dei fedeli presenti è stata particolarmente sentita e compiaciuta, al pari della partecipazione organizzata del vicario, come si vede nel  tratto del video in cui si rende omaggio all’idolo Ganesha dallo stesso altare che porta l’immagine della Vergine.

Dal punto di vista ecumenico, e tenuto conto della convivenza della comunità cristiana con quella indù, occorre notare che in termini meramente popolani può cogliersi una qualche apparente affinità tra la devozione femminile delle due comunità: il dio Ganesha è particolarmente legato alla figura femminile (si vedano le danze indù che accompagnano questa festa) di cui sarebbe un protettore, la Vergine Maria è di per sé il prototipo della donna. Ora, tenuto conto dell’indifferentismo introdotto dalla pratica dell’ecumenismo moderno, certe donne cristiane hanno finito col sentirsi vicine alle donne indù, fino a condividerne certe espressioni folkloristiche. Da qui i canti intonati nel Santuario, per lo più eseguiti dalle donne.

Ovviamente, questo non giustifica alcunché, ma permette di capire a quali blasfemie e  apostasie pratiche possa condurre il malsano “ecumenismo” del Vaticano II.

fonte: UnaVox

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Nuovi preti della nuova chiesa. Follia ecumenica a Ceuta: omaggio all’idolo in casa di Maria”

  1. Tutto in linea con l’ultimo capitolo del concilio ecumenico intitolato: “libertà religiosa” che dice che la salvezza eterna si può ottenere anche seguendo qualsiasi dio che puo essere pure allah o budda o altri, questo nefasto capitolo non fu firmato dal grande mons. Lefebvre, e fu una delle cause della sua scissione. Questa è pura massoneria anticristiana e pure satanica, che punta ad una religione unica mondiale e pure al governo unico mondiale in mano alla finanza sionista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su