Ogni 5 minuti muore un cristiano, ma si dan soldi alle moschee

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzchfr

.

I soldi per ristrutturare chiese e cappelle, si fa fatica a trovarli. Ma per la moschea d’Auch, devastata da un incendio, ci sono: la Diocesi del posto ha infatti dato un consistente contributo per la ricostruzione, ben 5.000 euro, spiegando: «La carità non conosce frontiere», come ha scritto il Vicario Generale, mons. Christian Delarbre, sul bollettino ufficiale «Église qui Vit». Che ha pubblicato anche tutti i dati ed i recapiti dell’«Associazione Cultuale dei Musulmani di Gers» per un’inedita azione di fundraising.

«Non v’è di che stupirsi del costante calo delle offerte per il mantenimento del clero…», ha commentato in merito il blog Le Salon Beige. Specie a fronte dei dati diffusi dall’organizzazione umanitaria Cfi-Christian Freedom International: ogni cinque minuti un cristiano muore martire nel mondo. Senza dimenticare le torture e le amputazioni, cui vengono sottoposti quanto si rifiutino di rinunciare alla propria fede e di convertirsi all’islam: oggi sarebbero oltre 200 milioni i fedeli in queste condizioni e l’emergenza riguarderebbe almeno 105 Paesi.

Secondo il Cfi, ci sarebbero stati più cristiani perseguitati nel corso del XX e del XXI secolo che nei diciannove secoli precedenti. Spiega Jim Jacobson, presidente di tale organizzazione: «In Iraq, i militanti dell’Isis utilizzano le chiese cristiane come camere di tortura: qui o islam o morte». Altri mezzi d’intimidazione e di pressione sono la distruzione e le profanazioni dei luoghi di culto. Le antiche reliquie vengono razziate, per esser rivendute poi a collezionisti occidentali. Il denaro raccolto viene utilizzato per finanziare nuove attività terroristiche. E’ questa la realtà di cui molti, spesso si dimenticano…

Articoli correlati:

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Ogni 5 minuti muore un cristiano, ma si dan soldi alle moschee”

  1. “église qui vit” : ma chi glielo ha dato il nome a questo bollettino? Trovo più adatto “église qui meurt”.

  2. Basta 8×1000 . Visto come li impiegano , meglio ascoltare chi vuole una ‘chiesa povera per i poveri ‘ e darlo agli ortodossi….

  3. “«La carità non conosce frontiere», come ha scritto il Vicario Generale, mons. Christian Delarbre” : Christian Delarbre non conosce il significato della parola Carità, come tutti i modernisti-ecumenisti!

  4. “Secondo me” sono questi i motivi che, PER ORA, fermano in
    Italia attacchi Isis.
    Spalanchiamo loro le porte, li sovvenzioniamo!
    Quando ci avranno silenziosamente invaso, cominceranno le
    uccisioni, le torture, ecc.
    Nella mia città ci sono sempre più tonache, papaline, barbe lunghe
    e donne molto coperte.
    E TUTTE queste persone quando vedono che ho al collo un Rosario
    (come già vi scrissi lo porto da un po’ di tempo a testimonianza di Maria
    e quindi di Cristo. e anche d’inverno cerco di farlo vedere) assumono
    sempre più spesso espressioni di disprezzo, e a volte purtroppo anche
    di intolleranza. Anche da parte delle donne…
    Sono atteggiamenti ora abbastanza frequenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su