Omoeresia – di Mauro Faverzani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Riprendiamo questo articolo dal numero di marzo di Radici Cristiane. Cliccando qui potete leggere la presentazione dell’intero numero di marzo della Rivista, con articoli, dossier e recensioni di grande interesse. Abbonarsi a Radici Cristiane è facile ed è conveniente: Ci sono diverse offerte di abbonamento, valide per l’Italia e per l’estero: per conoscerle, e per abbonarti on line, clicca qui

.

«Omoeresia» è uno dei due neologismi circolanti. L’altro è «omoideologia». Il primo indica il rifiuto, totale o parziale, del Magistero della Chiesa sull’omosessualità. Il secondo indica la promozione del gay fashion nel mondo. Questioni, su cui si sono spaccati già gli episcopaliani, mentre gli ortodossi russi han tagliato i ponti con i presbiteriani scozzesi ed i protestanti francesi. Ed anche i Cattolici rischiano, nel caso prevalesse l’idea di una «Chiesa decentralizzata», come emerge da quest’intervista a don Andrzej Kobyliński, docente presso l’Università «Card. Stefan Wyszyński» di Varsavia.

 di Mauro Faverzani

.

zzzzscrdttlrE’ un termine che sta circolando, da tempo: «omoeresia». Come spiega don Andrzej Kobyliński, consiste nel «rifiuto, totale oppure parziale, del Magistero della Chiesa sull’omosessualità», che non viene più vista come un’inclinazione «oggettivamente disordinata» e contraria alla legge naturale. Recentemente, proprio per la benedizione religiosa data a coppie dello stesso sesso, si sono spaccati in due federazioni gli episcopaliani, presenti in diversi Paesi del mondo. Nel 2015, gli ortodossi russi hanno rotto qualsiasi rapporto ufficiale con i presbiteriani di Scozia e con i protestanti francesi. Anche in casa cattolica si mormora.

Poi c’è un altro neologismo, «omoideologia», descritto come quel «fenomeno globale, che promuove l’omosessualità e lo “stile di vita” omosessuale». Don Kobyliński, dopo gli studi compiuti presso la Pontificia Università Gregoriana di Roma, è attualmente docente di Filosofia presso l’Università «Card. Stefan Wyszyński» di Varsavia. In Italia ha pubblicato Modernità e postmodernità. L’interpretazione cristiana dell’esistenza al tramonto dei tempi moderni nel pensiero di Romano Guardini (1998) e, recentemente, il suo articolo Le dimensioni etiche dell’odierna pentecostalizzazione del cristianesimo, apparso sulla Rivista Teologica di Lugano.

C’è chi afferma che, per risolvere almeno in parte la questione, si dovrebbe consentire ai sacerdoti di sposarsi: Lei è d’accordo?

Il problema veramente cruciale per i cattolici è il rapporto tra il sacerdozio e l’omosessualità. Il sacerdozio cattolico ha un carattere sacramentale e ontologico. Così abbiamo creduto per due millenni. Di conseguenza, nei sacramenti celebrati dai sacerdoti cattolici, in modo particolare nel Sacramento dell’Eucaristia, abbiamo a che fare con la presenza vera, reale e sostanziale di Gesù Cristo. Il prete cattolico deve essere conforme a Cristo, che è fonte di ogni sacerdozio. Per amministrare dei sacramenti validi nella Chiesa cattolica, i sacerdoti devono agire “nella persona di Cristo” (in persona Christi). Per duemila anni nella Chiesa cattolica non è esistito un divieto formale di ammettere al sacerdozio seminaristi omosessuali. La rivoluzione copernicana è avvenuta solo nel 2005, quando papa Ratzinger ha approvato la pubblicazione dell’Istruzione della Congregazione per l’Educazione Cattolica circa i criteri di discernimento vocazionale riguardo alle persone con tendenze omosessuali. In questo documento viene affermato espressamente, per la prima volta nella storia del Magistero della Chiesa cattolica, che non si possono «ammettere al Seminario e agli Ordini sacri coloro che praticano l’omosessualità, presentano tendenze omosessuali profondamente radicate o sostengono la cosiddetta cultura gay».

Reati e peccati relativi all’omosessualità ed alla pedofilia non sono “esclusivi” della Chiesa: è giusto ritenere che rappresentino un fenomeno globale e pertanto appartengano alla miseria dell’uomo in generale?

La pedofilia è un fenomeno planetario, che riguarda tutte le culture e tutte le religioni. Nel 2002 don Fortunato Di Noto ha pubblicato un libro intitolato La pedofilia. I mille volti di un olocausto silenzioso. Questo titolo dice tutto – pedofilia come un olocausto ossia come un crimine terribile. Nel 1998, a giugno e luglio, ho frequentato a Roma il corso per formatori nei Seminari, organizzato dalla Congregazione per l’Educazione Cattolica, dove ho sentito il card. Darío Castrillón Hoyos, a quell’epoca Prefetto della Congregazione per il Clero, parlare del dramma della pedofilia tra i preti cattolici e della preparazione da parte della Santa Sede del documento, che avrebbe vietato l’ordinazione di preti omosessuali. Nel settembre 1998 sono rientrato in Polonia e sono stato nominato a mia volta formatore e docente in un seminario maggiore diocesano. Nonostante la forte resistenza, ho cominciato ad attuare gli orientamenti della Santa Sede sulla pedofilia e sull’omosessualità.

Benedetto XVI affrontò la questione: oggi la Chiesa vi si sta dedicando con l’impegno necessario?

Lo scandalo degli abusi sessuali compiuti da preti su minorenni dura nella Chiesa cattolica almeno da trent’anni. Esplose fortemente per la prima volta negli Stati Uniti a metà degli anni Ottanta. All’inizio degli anni Novanta era già un dramma vero e proprio in molti Paesi del mondo. Nell’autunno del 1992 è stata organizzata a Chicago una prima Conferenza Nazionale sul tema. Nel 2002 negli USA vi fu in merito un vero e proprio terremoto: la Chiesa cattolica americana ha versato finora circa 4 miliardi di dollari come risarcimento alle vittime. Secondo le indagini, negli Stati Uniti il 90% dei preti pedofili erano preti omosessuali.

Allora che aspettarsi dal futuro?

Dipende dalla concezione di Chiesa, che prevarrà. Se andassimo verso la Chiesa cattolica decentralizzata e federale, allora la visione dell’omosessualità sarebbe probabilmente stabilita a livello regionale dalle conferenze episcopali, dalle diocesi, dagli ordini religiosi e dalle parrocchie. A questo punto molto significativa rimarrebbe la posizione dei Domenicani, che già nel 1995 a Caleruega in Portogallo (luogo natale di san Domenico), durante il Capitolo Generale, decisero per tutto l’Ordine a livello mondiale che il voto di castità si applicasse a tutti i confratelli di qualsiasi orientamento sessuale. Nel 1998 padre Timothy Radcliffe, Generale dei Domenicani negli anni 1992-2001, scrisse così: «Il Capitolo Generale di Caleruega affermò che le stesse richieste di castità si applicano a tutti i confratelli di qualsiasi orientamento sessuale, per cui nessuno può venire escluso per questo motivo». Ci fu un grosso dibattito a Caleruega su questo punto e sono sicuro che continuerà.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Omoeresia – di Mauro Faverzani”

  1. Vito Santoro

    Il vero pericolo viene dall’interno delle Parrocchie dove diversi sacerdoti non difendono la Dottrina di sempre. Anzi favoriscono il dubbio e la diffusione delle nuove idee in circolazione. Il Signore conceda loro il dono della Sapienza. Manca la spiritualità e la preghiera. Siamo preoccupati e addolorati.

  2. Solo chi (almeno a livello latente) è affetto da sodomia può battersi attivamente e DI PROPRIA SCELTA per favorirla (e questa, credo, è la motivazione di parecchi sacerdoti e prelati, in particolare di quelli tedeschi e sudamericani)!
    Coloro che si lasciano trascinare in questa battaglia omoeretica e omoideologica sono UTILI IDIOTI o persone attaccate al potere/privilegi o persone senza coraggio!
    E per quel che riguarda l’omoeresia, quei prelati che la favoriscono sono talmente ignoranti da non aver capito nulla della Carità, che è nemica acerrima e giurata della sodomia: tutti i rapporti umani dovrebbero avere una base di Carità (che richiede la correzione fraterna e l’avvicinarsi a vicenda al Paradiso e che non ricerca il piacere personale ma il bene OGGETTIVO del prossimo), i rapporti fra sodomiti sono quanto di più lontano possibile esista dalla Carità: due persone che si regalano reciprocamente moltissimi peccati mortali, che si mandano LETTERALMENTE all’Inferno…e nel modo più disgustoso!

  3. Dalla NuovBussolaQuotidiana Padre Sorge chiede tutela per le coppie gay
    08/03/2016

    Il gesuita Padre Sorge (nella foto) – di cui Papa Francesco ha detto: «Lui è un gesuita che ha aperto la strada nel campo della politica» – già direttore di Civiltà Cattolica, è stato intervistato dalla Stampa. Tra i vari argomenti è saltato fuori anche quello delle unioni civili. «Lo Stato è laico – spiega Sorge – la Costituzione è laica. Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge. Era intollerabile che i diritti personali degli omosessuali che vivono in coppia non fossero tutelati giuridicamente». Padre Sorge laicamente compie un errore. Doveroso tutelare i diritti fondamentali della persona (es. vita, libertà, etc.), perché questi riguardano la persona in quanto tale al di là del suo orientamento sessuale. Bene anche che tutti godano dei cosiddetti diritti comuni, es. il diritto di compravendita, di credito, etc. Errato assai invece riconoscere i diritti legati alla convivenza – omo o etero che sia – perché in tal modo si aiuta e rafforza il legame di convivenza. E questa è una condizione immorale e illegittima a dar retta proprio a quella Costituzione che piace tanto a Padre Sorge.

    https://www.lastampa.it/2016/03/06/vaticaninsider/ita/inchieste-e-interviste/laici-e-cattolici-trovate-una-grammatica-etica-per-dialogare-sui-valori-saqhZkY8YBCkmlHAVNu2CP/pagina.html

  4. Questo demonio si scaccia solo con la preghiera e il diguno. È una lebbra mortale presente nei seminari molto. Approvata in modo esplicito da tanti prelati e quasi tutti formatori dei seminari, si mostra come una ‘misericordia’ ma in verità non lo è. La Chiesa che diffende dritti della persona gli nega ai seminaristi con trndenze normali perche sono per i seminaristi con tendenza contra natura spesso oggetto delle loro tentazioni. Cosi stessa prelati della Chiesa mette uni nell’ocassione continua di peccato e altri riduce in vista di un oggetto. Molto triste e dolorosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su