Operazione Filadelfia. Un appassionante racconto di Simonetta Scotto  –  di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Piero Vassallo

.

zzzscttL’ammirazione della vita consacrata al rischio, che è strettamente associato alle imprese del controspionaggio, corre senza respiro fra le righe di Operazione Filadelfia, un avvincente racconto d’azione, scritto con polso sicuro dalla consacrata specialista Simonetta Scotto e pubblicato, in agile veste, dalla casa Youcanprint, editrice  in Tricase di Lecce.

Oggetto del racconto è il furto e il recupero di una potentissima, devastante coltura di batteri creati da un noto scienziato americano.

Le spaventose armi chimiche, selezionate e conservate in un laboratorio del governo, nel quale operano diversi scienziati, benché sottoposte a severissimi controlli da parte della polizia di stato sono sottratte da ignoti. Insieme con le devastanti creature è stato sequestrato anche il loro inventore, il biologo Roger Grant.

Di qui l’angoscia degli agenti incaricati di recuperare la micidiale arma terroristica. I batteri, se liberati nell’aria dagli scienziati di uno stato canaglia, avrebbero infatti causato una epidemia spaventosa, che avrebbe potuto sterminare gran parte dell’umanità (l’Occidente, fondato dalla Cristianità e gestito dal triste surrogato democratico/liberale) e instaurare l’incontrastato impero dei sopravvissuti (i credenti nell’arcaica e implacabile religione islamica).

Gli specialisti del controspionaggio, incaricati di recuperare le velenose e incubose colture scoprono che una delle collaboratrici del dottor Grant è l’amante di un miliardario islamico, che agisce sotto mentite spoglie, avendo al proprio servizio un manipolo di terroristi ben addestrati.

I due responsabili dell’inchiesta, Fred e James, decidono di intervenire in forze e assaltano la casa in cui sono insediati i terroristi. Il loro intervento è spietato ossia conforme alle regole della guerra totale.

Insensibile al canto delle sirene pacifiste Simonetta Scotto inventa una storia in cui agiscono le opposte schiere del terrore e della forza. Retroscena del conflitto immaginario è una riflessione sulla inflessibile reazione che è necessario opporre al terrore seminato dal fanatismo religioso, erede rovente della guerra fredda condotta dai sovietici contro l’Occidente.

La ripetizione di guerre implacabili contro la patria americana, madre della ideologia e custode del sistema occidentale, induce tuttavia il lettore a sospettare che nell’americanismo si nasconda l’ostinata, invincibile magagna, che ha provoca le guerre calde e/o fredde, che hanno segnato l’età contemporanea.

Il racconto della Scotto svela la ferocia di un progetto inteso a rovesciare contro l’America le sue spaventose armi. Non nasconde tuttavia che l’America è un laboratorio nel quale si producono o si nutrono mostri ideologici e veleni strategici. Il mito della mano magica del mercato, ad esempio. La debilitante filosofia sessantottina. E le armi chimiche, presenti nella realtà prima che nell’inquietante e allarmante romanzo della Scotto.

Infine non si può nascondere la perfetta infelicità degli interventi americani in Medio Oriente, imprese cervellotiche/fobiche, dettate dal fanatico e accecante culto della democrazia illuminata e antifascista, e finalizzate ad abbattere regimi (le dittature di Saddam Hussein e di Mu’ammar Gheddafi) che ostacolavano l’insorgenza dell’estremismo islamico. Con i catastrofici risultati che sono sotto gli occhi del qualunque non prevenuto vedente.

L’esaltazione del valore dimostrato dai militari americani e rievocato magistralmente da Scotto, in definitiva, non basta a giustificare il fanatismo pseudo-etico di una nazione pacifista nella squillante immagine hollywoodiana, bellicosa e imperiosa nei fatti.

Una nazione, l’America, che esalta il mito democratico/bancario, ponendolo al di sopra del qualunque altro valore, compreso il diritto dei popoli a scegliere il proprio regime, la propria economia e la propria religione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su