Ora anche la Chiesa ricorre al vocabolario antilingua dell’Onu

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzOnu-2bChe cos’è lo «sviluppo sostenibile»? La definizione oggi universalmente accettata è contenuta nel rapporto Brundtland, elaborato nel 1987 dalla Commissione mondiale sull’ambiente e lo sviluppo: «Lo sviluppo sostenibile – si legge – è un processo di cambiamento», che «impone di soddisfare i bisogni fondamentali di tutti».

Ora, nel concetto di «sviluppo sostenibile» è compreso anche l’accesso universale alla «salute riproduttiva», inclusa la promozione della contraccezione e l’aborto anche per adolescenti, indigenti ed emarginati. Il tutto è stato tradotto nell’antilingua come «pianificazione familiare», assecondando così i desiderata dell’Organizzazione mondiale della Sanità, di International Planned Parenthood Federation e della Federazione Internazionale della Pianificazione Familiare.

Proprio di Obiettivi di sviluppo sostenibile parla espressamente anche l’agenda post-2015, messa a punto dalle Nazioni Unite. Il documento, che dovrà essere ratificato dai Capi di Stato e di governo, punta a 17 obiettivi. Tra questi figura anche «l’accesso universale ai servizi di assistenza sanitaria sessuale e riproduttiva», nonché «i diritti riproduttivi, come concordato in conformità col Programma di azione della Conferenza sulla popolazione e lo sviluppo e la piattaforma d’azione di Pechino e dei documenti finali delle loro conferenze di revisione». Tradotto significa: aborto, fecondazione assistita e quant’altro. Per almeno 15 anni. Il testo, infatti, varrà sino al 2030.

Dalla Conferenza del Cairo del 1994 su popolazione e sviluppo ad oggi, tali terminologie sono state pertanto sempre respinte in blocco dal Vaticano e bandite in quanto assolutamente contrarie alla Dottrina cattolica. Ancora nell’ottobre scorso la Santa Sede ricordò di non esser d’accordo su questi obiettivi specifici. Aggiunse che il termine gender non poteva (ed in ogni caso impropriamente) riguardare altri che un uomo ed una donna. Ma i negoziati avviati dalla Nunziatura il mese scorso potrebbero – secondo l’agenzia Medias-Presse-Info – «indurre a pensare ad un cambio di strategia».

Cosa è accaduto? L’Arcivescovo mons. Bernardito Auza, osservatore permanente del Vaticano all’Onu, lo scorso 22 giugno ha colto tutti di sorpresa, dichiarando per la prima volta testualmente di sostenere il «programma di sviluppo sostenibile» in discussione alle Nazioni Unite. Certo, pur con tutti i distinguo: ad esempio, escludendo qualsiasi sostegno a «ciò che distrugga la famiglia ed il diritto alla vita dal momento del suo concepimento». Ma – precisa Medias-Presse-Info – «gli è stato chiaramente risposto dai funzionari dell’Onu come non sia opportuno riaprire il caso, o si accetta tutto o non si accetta niente». Del resto, le eccezioni servono a poco, quando si permetta all’antilingua di entrare nel dizionario della Chiesa. Lo ha subito rilevato con lucidità esemplare lo stesso Card. Robert Sarah, Prefetto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, che ha detto in proposito: «E’ sbagliatissimo che la Chiesa si permetta di usare le parole che sono usate dalle Nazioni Unite. Abbiamo un vocabolario per esprimere ciò in cui crediamo», ha detto. Meglio usare quello.

Anche perché, una volta ratificato, il testo finale dell’Onu verrà applicato indistintamente a ciascuno Stato – che abbia o meno una legislazione pro-life –, costringendolo non solo ad equipararsi agli obiettivi delle Nazioni Unite, ma anche a partecipare ai costi. Stiamo parlando di un finanziamento previsto tra i 5 ed i 7 miliardi di dollari complessivi, non certo di pochi spiccioli.

Ma davvero possiamo parlare di una “sorpresa”? In realtà, già lo scorso 28 aprile l’Accademia pontificia di Scienze Sociali riservò una calorosa accoglienza al Segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, promotore dell’aborto su scala mondiale (nella foto). Il Cancelliere dell’Accademia, mons. Marcelo Sanchez Sorondo, argentino, ed il suo presidente, Margaret Archer, non hanno mancato di accettare i progetti di «sviluppo sostenibile», definendoli a certe condizioni conformi all’insegnamento della Chiesa, nonché di approvare termini finora tabù come «pianificazione familiare, salute sessuale e riproduttiva», ritenendo poi che la loro «interpretazione e applicazione» fosse da intendersi come “discrezionale”: «Dipende dai governi», ha tagliato corto mons. Sorondo, che non esclude per la Chiesa sull’argomento una sorta di sacro recinto, di area protetta, di «spazio riservato», di nicchia semantica. Insomma, la convinzione è di potersela cavare con qualche acrobazia linguistica. Non sarà così.

Non solo: lo scorso 30 luglio, mons. Auza, richiamandosi ampiamente all’enciclica di papa Francesco Laudato si’, ha, a sua volta, fatto per tre volte riferimento al concetto di «sviluppo sostenibile» nel messaggio inviato al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, auspicandone anzi la pianificazione in particolare nei Paesi in via di sviluppo. Certo, qui riferendolo soprattutto ai problemi energetici ed ambientali dei piccoli Stati insulari. Ma, come detto dai funzionari Onu (cosicché sia chiaro per tutti), il pacchetto o lo si prende per intero o non lo si prende. E dall’accesso ai finanziamenti saranno certamente esclusi tutti quegli Stati, che, benché poveri, non adottino politiche abortiste. Un bieco ricatto economico già attuato, nulla di cui stupirsi.

Ciò che stupisce sono piuttosto le inedite concessioni fatte all’Onu dalla Chiesa Cattolica. Anche perché è noto come usare termini eguali per esprimere concetti diversi, sia, da sempre, l’arma – purtroppo, al momento, vincente – preferita dal relativismo.

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

12 commenti su “Ora anche la Chiesa ricorre al vocabolario antilingua dell’Onu”

  1. giorgio rapanelli

    Sì, credo che sarà necessario uno scisma, unendoci a quei cristiani che ancora mantengono alto il Vangelo e i Dogmi. Quindi, ai cristiani ortodossi e agli Anglicani che rimangono fedeli al Cristo e alla Celebrazione Eucaristica. I luterani, i valdesi, i calvinisti, eccetera, non sono cristiani. Tradirono all’epoca ed oggi sono nella discarica del potere mondiale.
    Ne “Il Padrone del Mondo” di Robert Hugh Benson è descritto il tradimento della stragrande maggioranza del Clero di ogni ordine e grado. Pochi cardinali erano rimasti con il Papa, che non si chiamava Francesco. Mentre il Padrone del Mondo con le su truppe stava per distruggere il Papa con i pochi fedeli rimasti accadde… Accadde ciò che doveva accadere. Ho ricominciato a rileggere la parte finale del romanzo di fantascienza, in quanto credo di aver capito cosa accadrà. Benson non era un sacerdote anglicano passato al cattolicesimo. Era un conoscitore della Scienza occulta. Era amico del pittore Austin Osman Spare, iniziato

    1. Si, per un cristiano è obbligo essere in comunione spirituale con coloro i veri Apostoli dei nostri giorni. Nell’Ortodossia, grazie a Dio, i vescovi riconoscono ancora oggi di avere in prima persona una vera responsabilità apostolica. Al giorno d’oggi, purtroppo, nel cattolicesimo i vescovi sono costretti a “cambiare linea” ogni volta che cambia la linea del papa (si notino le differenze nell’episcopato durante gli ultimi anni) e questo sistema affossa e deride tutti coloro che vogliono battersi per l’apostolicità e il Vangelo.
      Sembra di essere in un esercito umano, dove ogni membro segue quello che compie il comandante e non si conserva e tramanda quello che ha detto Cristo. Dobbiamo riappropriarci della nostra tradizione e spiritualità occidentale, anche con l’aiuto dei vescovi ortodossi.

      1. La Chiesa Cattolica è stata sempre, e specialmente dll’Ottocento a oggi, caratterizzata dal rapporto diretto fra il singolo fedele e il Vicario di Cristo. Prima in senso morale (le ondate rrivoluzionarie attaccavano il Papa, i fedeli Lo sostenevano), poi in senso anche pastorale e di preghiera (il Papa si rivolgeva a tutti tramite la radio e la televisione, e si recava nelle diverse comunità cattoliche, celebrandovi Messa).
        Oggi ci sono “i Vescovi” delle varie “Chiese locali”, fra cui quella di Roma. Una rovinosa struttura basata sul culto della discussione

    2. Egregio Giorgio,
      Lei e’ ingiusto con Benson. Legga non solo il “Padrone del Mondo”, ma anche il sequel/”immagine speculare” ” L’ALBA DI TUTTO” (PRIMA ed unica edizione italiana a cura delle benemerite “Fede & Cultura”, Luglio 2012 Euro 16, 320 pagine che si leggono d’un fiato). Se poi vuol dare uno sguardo al saggio autobiografico “Confessioni di un convertito” (Gribaudi Editore 1995), non se ne pentirà.

  2. massimo trevia

    perché stupirsi?è dal 2005 che la caritas internazionale fa parte del”world social forum”,di stampo marxista,che fra l’altro propugna l’aborto!!!!

  3. Modificherei la penultima riga in questo modo: “Ciò che non stupisce sono le concessioni fatte all’ONU dalla ex Chiesa Cattolica”.

  4. ragazzi, occhio che continuando di questo passo alla fine lo scisma lo fate e vi trovate voi ad essere ex cattolici. Io ve l’ho detto.

    1. Ha ragione, Luca, nel senso che “qualcosa di grosso” è avvenuto.

      Proprio ieri sono stato mandato a quel paese da un amico perché gli segnalavo che il Papa e i distruttori della Chiesa, tipo Enzo Bianchi, sono esattamente sulla stessa lunghezza d’onda.
      Quindii: AUT l’andazzo “aperto”, nel segno della Pace Universale, è giusto, e siamo eretici noi, AUT è sbagliato, e si è sfasciato il Vaticano.
      Una delle due

  5. giorgio rapanelli

    Caro Nicola, ho già letto “L’Alba di Tutto”, interessante, ma la parte finale della resa dei conti ne “Il Padrone del Mondo” riempie di gioia. Benson non solo ha scritto di fantascienza, “vedendo” scoperte tecniche e scientifiche che sarebbero avvenute decenni dopo la sua dipartita dal piano fisico. Ma aveva previsto il “tradimento” di quasi tutto il Clero di ogni ordine e grado. Il Papa era rimasto quasi solo… Poi… non voglio svelare il finale. Abbiamo oggi Cardinali rinnegati e strutture cattoliche in combutta con l’Anticristo. Consiglierei di Benson la lettura de “I Necromanti”, sempre della benemerita Fede & Cultura. Leggerò “Confessioni di un Convertito” appena possibile. Almeno dopo che avrò terminato i filmati anti-Gender.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su