Orban contro Soros – di Guido Dell’Omo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Guido Dell’Omo

.

L’influenza politica del sito Breitbart – il cui fondatore, Steven Bannon, non a caso è l’attuale Consigliere del presidente Trump – ha attraversato l’Oceano e sta cominciando a pesare anche in est Europa. Questa settimana infatti, il parlamento ungherese ha annunciato che voterà una proposta di legge per obbligare le organizzazioni non governative alla massima trasparenza per quanto riguarda i fondi che ricevono e la loro provenienza.

Sulle colonne della “piattaforma internet dell’Alt-Right”, per usare la definizione dello stesso Bannon, già durante la campagna elettorale americana veniva denunciato il legame torbido e ambiguo tra George Soros e le ong, accusate di essere sotto il suo controllo. Su Breitbart, infatti, Soros è sempre stato indicato come il burattinaio che agisce nell’ombra per manovrare le ong a seconda dei suoi interessi. E quali sono questi interessi? Promuovere la retorica dei “no borders” in Europa, favorire l’immigrazione clandestina di massa e, per quanto riguarda Trump, cercare di indebolire la sua figura il più possibile attraverso la diffusione di scandali che infanghino il suo nome. Insomma, Soros veniva e viene indicato come il vero leader del mondo liberal-progressista, che parla di Diritti Umani (rigorosamente scritti con le maiuscole) per poi preoccuparsi di tutt’altro. In questo caso, dell’indebolimento dell’Europa.

 Goran Buldioski, il direttore dell’Open Society Initiative for Europe, una delle fondazioni-ombrello del miliardario Soros, non appena appresa la notizia dell’imminente votazione al parlamento ungherese, ha contrattaccato condannando l’iniziativa come una minaccia per “i valori europei”. Sempre secondo Buldioski infatti: “La democrazia e la libertà sono sempre più lontane dall’orizzonte degli interessi dell’Ungheria.”

Ad aiutarci a inquadrare meglio l’opera dell’Open Society Initiative for Europe è un testo pubblicato dalla fondazione stessa (Reliable allies in the European Parliament), un fascicolo che riferisce i nomi di 226 deputati (su 751) ‘amici’ di Soros

A rispondere per le rime al direttore dell’Open Society ci ha pensato Zoltan Kovacs, Segretario di Stato e portavoce del governo di Orban, che ha accusato le ong di non avere alcuna legittimità democratica: “In una democrazia la rappresentanza dovrebbe essere concessa dopo delle elezioni, non secondo la volontà delle potenze straniere.” E, in effetti, nelle Ong non risulta che si tengano elezioni per designare i loro funzionari.

Le organizzazioni non governative presenti in Ungheria forniscono già una serie di documentazioni sull’origine dei loro fondi, ma secondo il governo non è abbastanza perché molto spesso la vera origine dei flussi di denaro rimane oscura. Orban, durante una trasmissione radiofonica nazionale del 24 febbraio, si è scagliato contro le ong: “L’Ungheria non può permettere che sul suo territorio agiscano organizzazioni che si muovono nell’ombra, non dichiarando da chi ricevono i finanziamenti e per quale ragione. Le ong che fanno capo a Soros hanno superato ogni limite: non possono incoraggiare i migranti a entrare nel nostro Paese, perché ciò vìola le nostre leggi.”

Il miliardario di origine ungherese George Soros ha iniziato la sua opera di “beneficenza” durante la Guerra fredda finanziando i dissidenti che volevano ribellarsi (o che lui stesso spinse alla ribellione) contro il regime sovietico. Questa forma di “esportazione della democrazia” fa parte, storicamente, dell’attitudine degli Stati Uniti. A ricordarlo sono le più recenti campagne in Afghanistan, Iraq, e Libia, che tutto hanno portato in questi Paesi tranne la pace e la stabilità tanto promesse prima della loro invasione o del rovesciamento del regime che li governava.

A tal proposito, fin dagli albori della sua candidatura, Trump ha promesso un progressivo disengagement dalle questioni internazionali e dai teatri di guerra del Medio Oriente, attitudine che ha fatto tirare un sospiro di sollievo a molti. Non a George Soros però, che si oppone al nuovo presidente degli Stati Uniti in ogni modo, anche attraverso le recenti manifestazioni femministe anti-Trump, che è accusato di aver orchestrato.

La battaglia della nuova amministrazione della Casa Bianca contro il magnate Soros ha dato coraggio a molti stati dell’europa centrale e orientale. Non solo all’Ungheria.

Nenad Mircevski, fondatore del movimento macedone “Stop Operation Soros”, indaga da mesi sulle attività di Soros in Macedonia tenendo costantemente informato il parlamento. Anche in Romania, il leader del Partito Social-Democratico Liviu Dragnea,durante un’intervista di gennaio su Antena 3, disse: “Sono preoccupato delle azioni di Soros. Le fondazioni di quest’uomo operano sul territorio rumeno dagli anni ’90. E vi assicuro, non hanno fatto nulla di buono per il paese.”

.

fonte: Gli Occhi della guerra – Il Giornale  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Orban contro Soros – di Guido Dell’Omo”

  1. E’ molto bene cominciare a snidare queste infiltrazioni. Anche noi dovremmo liberarci da tutti coloro che, sul nostro suolo, si fanno gli affari loro. Veramente basta. Se solo riuscissimo ad amare il nostro paese e la nostra gente!

    1. Ci vorrebbe un capo di governo della stoffa di Orban, ma né Salvini né la Meloni mi sembrano paragonabili…

  2. giorgio rapanelli

    L’attacco dei satanisti è virulento. Con i condannati all’inferno, in quanto suicidi, che vengono celebrati dai preti satanisti di casa nostra. Con sommo apprezzamento di Mentana sulla 7.

    1. Non solo di Mentana, ma di ogni mezzo di comunicazione grande e piccolo. Letta proprio ieri in uno dei soliti giornaletti da parrucchiere una risposta di Giletti (quello che va a Lourdes con gli ammalati…) sul c.d. ‘fine vita’ perfettamente allineata all’aria che tira. È un allineamento totale.Se ci salveremo sarà solo per miracolo.

      1. Il Divorzio/Aborto/Eutanasia è la triade della distruzione dell’essere umano, carissima signora. E il Nemico gode.
        Il Div/Ab/Eut “cattolici” (fatti in ambiente cattolico, con motivazioni patinate di cattolicesimo, da persone che si presentano come cattoliche) sono la triade del “qui lo dico e qui lo nego”. E il Nemico, il Padre della Menzogna, festeggia: il parlare di costoro è “Sì sì E no no”.

        Storicamente: il Divorzio fu fatto passare, come “ovvio adattamento ai tempi”, dalla DC; l’Aborto fu blandamente contrastato dalla DC, e il suo inserimento nell’ordinamento (che ANNIENTAVA la legittimità dello Stato) fu considerato “doveroso”.
        Oggi gli esponenti del regime bergogliano amoreggiano con la Bonino. Cerea!

  3. Era chiarissimo già tra Ottocento e Novecento che i nazionalismi venivano fomentati in chiave anti-cattolica (che significa “unversale”) e anti-tradizionale. Casi di spicco: l’Italia e l’Impero Austro-Ungarico.
    Questo era la “fase 1” della Rivoluzione Globale. La “fase 2” è quella attuale: NO al principio di identità e non-contraddizione. Un Italiano, uno Svedese, un Ungherese, un Polacco DEVONO essere “formichine dello scacchiere planetario”… ciascuno connesso tramite uno smartphone e controllato tramite quello.

    E questa “Rivoluzione per tutti e per ciascuno” si basa proprio sui Diritti Umani: i “diritti” dell’uomo che si fa IN-DIPENDENTE da Dio, grazie all’ “angelo” che spezza la sua catena. È proprio “quell’ ” angelo: quello della colonna di Place de la Bastille, dell’ Inno carducciano, del “fate l’amore non fate la guerra”, del “vietato vietare”

  4. I diritti umani sono io già catene che incombono su ogni cuore e obnubilano le nostre coscienze. Diritti per tutti, tuonano i banditori sulle piazze mediatiche di tutto il mondo. E i portaborse di mestiere, assoldati a buon mercato, si dimenano a perdi fiato per diffondere il nuovo verbo, quello del novus ordo. Basterebbe, per rinsavire le coscienze, accostarsi alla Santa Messa. Nella liturgia di sempre la scala di valori universale ed il cemento che collega fa ciascuno di noi nel vero corpo mistico della chiesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su