Papa Francesco e l’immigrazione: una compassione selettiva – di Jean-Pierre Maugendre

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Pubblicato sul sito francese Renaissance Catholique 

.

In occasione della prossima Giornata Mondiale del Migrante, il 14 gennaio 2018, Papa Francesco ha diffuso, il 21 agosto 2017, un testo del 15 agosto intitolato: “Accogliere, proteggere, promuovere e integrare i migranti e i rifugiati”.
Evidentemente, vi era urgenza, visto che si è pubblicato questo testo cinque mesi prima dell’evento che ne è l’oggetto! E non oso credere che si sia trattato di collegarlo all’attentato di Barcellona del 17 agosto, i cui autori sono stati dei migranti di più o meno fresca data.

Questo testo, che si muove sulla scia di un opuscolo del CCFD [il francese Comité Catholique contre la Faim et pour le Développement – Comitato Cattolico contro la Fame e per lo Sviluppo] o di un libello di Témoignage Chrétien [Testimonianza Cristiana], è una lunga arringa a favore degli immigrati.
Qui, l’immigrazione è diventata un diritto da sostenere, mentre invece l’insegnamento tradizionale della Chiesa è sempre stato piuttosto contrario a tali spostamenti delle popolazioni, considerandoli malsani (Cfr. la Rerum Novarum di Leone XIII, 1891).

Non presenteremo qui la lunga lista di tutti questi diritti dei migranti, accontentandoci di far notare le affermazioni sorprendenti, le dimenticanze sconcertanti e le analisi e le proposte fuorvianti.

Le affermazioni sorprendenti

Il principio della centralità della persona umana, […] ci obbliga ad anteporre sempre la sicurezza personale a quella nazionale. 

In tal modo viene siglato l’atto di decesso di ogni vita sociale organizzata e vivibile. La nozione del bene comune – cosa che non è citata nemmeno una volta in questo documento pontificio – qui si rivela essere obsoleta. Indubbiamente si tratterà di un’altra formulazione della dichiarazione conciliare: l’ordine delle cose deve essere subordinato all’ordine delle persone (Gaudium et Spes, 26, § 3).
Il sacrificio della propria vita a beneficio di un bene comune superiore, del bene della propria famiglia, della Patria, ecc., diventa, al meglio, incomprensibile, al peggio sconveniente!
La persona umana, con le sue debolezze e le sue passioni diventa la misura di tutte le cose.
Protagora lo aveva già affermato, ma noi credevamo che il cristianesimo avesse trasformato questa prospettiva.

…difesa dei diritti e della dignità dei migranti e dei rifugiati, indipendentemente dal loro status migratorio.

Fino ad oggi era cosa risaputa distinguere tra i rifugiati: quelli che si trovano in una situazione regolare insieme a quelli che si trovano in una situazione irregolare, da un lato, e dall’altro quelli che provengono da zone di guerra insieme ai rifugiati economici.
Queste distinzioni elementari vengono cassate con un tratto di penna.
Le nozioni basilari che regolano le relazioni internazionali e che poggiano sulla cittadinanza e sul rispetto del diritto,vengono ridotte a niente. Nessuna discriminazione basata sulla nazionalità o su una norma giuridica è più giustificabile. La terra è di tutti! Siamo tutti cittadini del mondo! Forza… circolare!

…va riconosciuto il giusto valore alla dimensione religiosa, garantendo a tutti gli stranieri presenti sul territorio la libertà di professione e pratica religiosa.

Tale libertà religiosa assoluta, le cui primizie si trovano nella Dichiarazione conciliare Dignitatis Humanae, è al tempo stesso un rifiuto della missione evangelizzatrice della Chiesa e una carta bianca rilasciata ai predicatori wahabiti o salafiti, con le conseguenze che si conoscono.

Dimenticanze sconcertanti

In nessuna parte di questo testo si trova impiegato il termine “islam”, nonostante la maggioranza dei migranti che arrivano in Europa siano musulmani. In nessuna parte si fa menzione degli attentati mortali che insanguinano il nostro continente, commessi da islamici dichiarati che spesso sono migranti o discendenti di migranti.

Il Dicastero per il servizio dello sviluppo umano integrale tace del tutto sui diritti delle popolazioni europee autoctone. Nessuno ritiene utile interessarsi alle sorti e alle aspirazioni di queste popolazioni.
In particolare ci si può chiedere: a partire da quale livello del numero degli stranieri, le popolazioni indigene si sentono ineluttabilmente in stato di insicurezza culturale e fisica?
Lo “sviluppo umano integrale” sembra che non riguardare tutti gli uomini!

Non si parla mai dei doveri dei migranti nei confronti dei paesi che li accolgono, e questo in contraddizione col paragrafo 2241 del Catechismo della Chiesa Cattolica:
«L’immigrato è tenuto a rispettare con riconoscenza il patrimonio materiale e spirituale del paese che lo ospita, ad obbedire alle sue leggi, a contribuire ai suoi oneri.» (2241 §2)

Analisi e proposte fuorvianti

… venga promosso l’inserimento socio-lavorativo dei migranti e rifugiati, garantendo a tutti – compresi i richiedenti asilo – la possibilità di lavorare

Disgraziatamente, non basta decretare il diritto al lavoro perché questo diventi una realtà. Si può anche decretare il diritto alla felicità, l’estinzione pauperismo a partire dalle 8 di sera, ecc. Il lavoro non si crea con un’ingiunzione ministeriale o pontificia.
In che modo la Francia, che conta il tasso di disoccupazione vicino al 10% della popolazione attiva [in Italia siamo oltre l’11%] potrà fornire lavoro a dei migranti che non sono tutti ricercatori in fisica nucleare o dottori in nanotecnologie, categorie che lamentano una forte carenza?

Favorire «il ricongiungimento familiare – con l’inclusione di nonni, fratelli e nipoti –, senza mai farlo dipendere da requisiti economici».

C’è da sorridere nel chiedersi come mai vengano esclusi i cugini, le cugine, i genitori acquisiti, ecc. L’iniquità di tutto questo scoraggia ogni commento, ma non vediamo l’ora di sapere quanti visti fornirà lo Stato del Vaticano: 1000, 10 000, 100 000, 1 milione, di più?

…opportunità di arricchimento interculturale generate dalla presenza di migranti e rifugiati

Effettivamente, mancava alla nostra vecchia civiltà l’arricchimento apportato dalle pratiche ancestrali come per esempio: la mutilazione genitale delle ragazze, la poligamia, la lapidazione dell’adultera, ecc.
Quante belle ricchezze ignorate!

Conclusione

E’ del tutto evidente che il grado di autorità di questo documento è debole. Noi non pratichiamo l’idolatria del papato, per usare l’espressione che il cardinale Burke ha impiegato il 9 agosto scorso a Louisville, Kentucky. E tuttavia risulta chiaro che questi scritti sono quanto meno inopportuni mentre lo scontro delle civiltà da tempo previsto da Samuel Huttington diventa ogni giorno di più una realtà.

Il Santo Padre sembra incapace di operare una riflessione di civiltà e politica; egli sembra compiacersi per una compassione selettiva univoca: i poveri gentili migranti esposti all’ostilità dei profittatori egoisti che siedono sulle loro cataste d’oro; e senza che egli si chieda mai che cosa fondamentalmente e strutturalmente fa sì che certe civiltà generino un certo relativo benessere mentre altre apportino solo miseria, guerra e schiavitù.

Questo testo, per di più, pecca gravemente dal punto di vista soprannaturale, perché rifiuta, almeno implicitamente, ogni cura per l’evangelizzazione nei confronti di queste popolazioni sradicate e quindi indebolite, in cerca di nuovi punti di riferimento.

Da parte loro, i popoli d’Europa preoccupati di preservare la loro identità, rischiano di considerare la Chiesa come il cavallo di Troia di questo grande processo in corso della sostituzione della popolazione, cosa che avrà senz’altro sia delle conseguenze spirituali, visto che tale contesto porterà gli Europei ad allontanarsi dalla Chiesa, sia delle conseguenze politiche, visto che certi governi finiranno col considerare la Chiesa un nemico politico o, al contrario, un alleato.

.

fonte: UnaVox

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Papa Francesco e l’immigrazione: una compassione selettiva – di Jean-Pierre Maugendre”

  1. In definitiva, da parte del Vaticano:
    Reiterata negazione del dogma sull’eresia e sulla nocività delle dottrine contrarie alla Verità di Cristo, ovvero sulla necessità di difendere il gregge dalle seduzioni morali e religiose.
    Reiterato insegnamento contrario alla morale cattolica.

  2. ma quando finirà questo scempio di Bergoglio? ” Compassione selettiva”?!? Ma costui nemmeno sa che cosa sia la compassione…. Lui conosce solo la pulsione del suo Ego ipertrofico, che trova modo di affermarsi attraverso la stravaganza delle sue posizioni dottrinali e sociali, e quanto più estrema, tanto per lui più gratificante. Quello stesso identico “malato e pazzo” che “la Compagnia di Gesù nel 1990 allontanò da Buenos Aires per esiliarlo a Cordoba , 800 chilometri più a Nord”, e che la Compagnia della Vedova Nera (i.e. la massoneria) ha rifilato a Roma a far la parte di papa, e che il successo ( procurato ab externo ) ‘ha gonfiato al massimo grado la sua follia! PAZZO E FOLLE. (provate a leggere sul sito di Blondet, “Il Credo di Bergoglio”) (Ama tanto i suoi migranti che nemmeno uno si è preso nelle sue dimore vaticane, davvero compassionevole selettivo, tanto selettivo da tenerseli ben al riparo, lui…)

  3. Ma quanti migranti ospita il pontefice regnante sul suolo dello Stato del Vaticano?
    Oppure quanti di questi hanno trovato ospitalità in Santa Marta a spese del pontefice regnante (che si fa immortalare finchè paga col suo borsellino)?
    Ma perchè con concede a ciascun migrante un bel vitalizio a carico dello IOR?

  4. Stefano Mulliri

    Ho solamente la nausea di : questa chiesa finta cattolica ex cristiana, di questo “papa” leader polittico di tutti gli interessi che vanno contro l’Italia e la cattolicità in generale…….non ho più parole preghiamo che Il Signore c’è ne liberi il più presto possibile.

  5. La chiesa di Bergoglio ‘è’ – NON RISCHIA di essere – il cavallo di Troia che gli ‘ astutissimi” nemici della Chiesa di Cristo hanno fatto entrare subdolamente nel “luogo santo” , deputato a irraggiare sul mondo “la luce della verità” ( Leone XIII), per abbattere le strutture della fede, spegnerne la luce, per mano di quelli che per la collocazione nel luogo e l’ uso delle apparenze, vengono creduti agire sotto “lo stendardo delle Chiavi Apostoliche” (Alta Vendita)… a imitazione di quell’Ulisse che già fu detto “maestro di troppe astuzie”, “scelerum inventor” e “FANDI DICTOR”, maestro di un dire volto all’inganno, all’ IMBROGLIO…

  6. Gli anni passano anche per Bergoglio. Forse la sua urgenza nasce dal timore di non avere abbastanza tempo per minare in modo definitivo le basi della civiltà Cattolica. Bisogna capirlo: è un obiettivo normale per un marxista. È un po’ meno normale che un marxista faccia il Papa….

  7. e se dicessimo che per un “malato e pazzo” lieto di esserlo e per questo di danneggiarci, non c’è posto nemmeno per una compassione per quanto selettiva possa essere…Costui è una Disgrazia Somma, che tutti noi è felice di contagiare della sua malattia e pazzia, alimentata, nella sua diffusione epidemica, dalla propaganda del Circo Mondiale della Comunicazione, diretta dai medesimi che quella Disgrazia son riusciti ad appiopparci sotto le vesti del Sommo Pastore!

  8. Commento alla foto qui sopra: ma perche’ non se li porta in Santa Marta con se’ questi bei negroni? che se li baci solo per il piacere, sinistro, di fare piacere a noi? Santa Marta e’ pur sempre un Hotel, e di lusso, come tanti simili che in Italia gareggiano per ospitarli! Su, Francescone, facci vedere che non sei un Sommo Ipocrita!

  9. Franco Cordiale

    Bergoglio sarà davvero da definirsi come Santo Padre ? Usa la lettera del Vangelo come scudo ideologico e politico a due obiettivi sempre più chiari: A) incoraggiare l’immigrazione clandestina come vero e proprio piano di sostituzione etnica, abolendo le distinzioni di status tra migranti, invece INDISPENSABILI (allora quanti migranti indefiniti dovremmo accogliere: decine o centinaia di MILIONI…quanti la propaganda immigrazionista sta istigando a venire in Europa?) B) Scolorire (Bergoglio invece dice “attivare”) il cristianesimo come universale “religione della fraternità”, pura e semplice “inclusione” di chiunque arriva, anche con il coltello o la bomba in tasca, o con il semplice progetto di ISLAMIZZARCI e sottometterci, magari con la semplice bomba demografica. Lo dichiarava Boumedienne e lo ripete ERDOGAN: mussulmani che siete in Europa, fate più figli che potete! C) Si é anche inventato la sciocca fandonia della “religione del Libro”: un mix Bibbia – Corano di cui duemila anni di Chiesa mai avevano accennato. Invece la Chiesa dall’islam ha dovuto difendersi con le…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su