Paranoie sinistre degli anti-Trump – di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

zrsgr1I NIPOTINI DI SOROS
Una signora attempata sfila in corteo per una via di New York innalzando un cartello: “Hillary the people’s President”; peccato che “the people” quel Presidente non l’abbia voluto.
Portland un gruppo di femministe vomitate da una caricatura degli anni ‘70, espone una bimba nera di 6-7 anni con un cartello: “Tell me how it’s ok to grab my pussy?”per giudicare l’indecenza e l’idiozia ideologica di queste cianfrusaglie travestite da donne non serve il moralismo quacchero, basta una laica consapevolezza di sé.
Chicago due fanciullette bianche innalzano cartelli in cui si dicono “sconvolte e spaventate”.
Los Angeles gli studenti californiani chiedono “Power to the People”, come se Trump non fosse stato eletto dal popolo e fosse un Matteo Renzi qualsiasi.

Le immagini si moltiplicano e mostrano i volti delle proteste con cui la sinistra liberal Usa cerca di allontanare da sé il demone di una sconfitta inaspettata: bandiere americane bruciate, vetrine e auto distrutte, simboli fallici con la faccia di Trump e striscioni con la scritta “Fuck Trump”, giusto per esorcizzare il fatto che è stato Trump a fottere loro.

La paranoia dei liberal si sta consumando con vampate di violenza e retorica elitaria; i nipotini di Soros, scesi in piazza a 10$ al giorno per contestare l’esito di un voto democratico, fanno parte del rito apotropaico universale con cui la sinistra prova ad espiare la colpa della propria stupidità e la rabbia quando la Storia non risponde ai suoi desideri.
Per questo, quando la polizia di Portland ha diramato la notizia che il 70% dei giovincelli arrestati per le violenze che hanno scatenato perché “Trump is not my President” è gente che nemmeno è andata a votare, non ci siamo sorpresi più di tanto.

zrsgr2NELLE SCUOLE DEI FIGHETTI
Alla Cornell University di Ithaca, ottocentesca istituzione dello Stato di NY, studenti e professori hanno indetto la giornata del “Cry with Us”, la lamentela collettiva, una sorta di lagna condivisa con cui elaborare il lutto della vittoria di Trump; e così, in una giornata plumbea falciati dal vento freddo della nuova America reazionaria i docenti e i loro discenti si sono accampati a piangere per l’elezione del nuovo Presidente ed esprimere la loro preoccupazione per le sorti progressive dell’umanità.
Un video postato sulla pagina Facebook del Cornell Daily Sun (lo storico giornale universitario) mostra un’anziana professoressa sessantottarda spiegare le ragioni della sua presenza: “i risultati spezzano il cuore (…) sono un ceffone in faccia a tanti cittadini americani … ci sono tante persone che soffrono e che pensano che Trump darà loro risposte.… Non penso che capiscano…”Questa frase condensa tutta l’arroganza di chi si crede sempre dalla parte giusta della storia.

Nelle scuole dei fighetti radical-chic, dove i giovani vengono formati ai valori di “pace, democrazia, solidarietà, uguaglianza, amore” e arcobaleni vari, lo psicodramma tocca livelli di ridicolo lirismo. Hamilton Clark è il Direttore della Avenue World School di Chelsea, la scuola per intenderci dove Tom Cruise e Kate Holmes hanno mandato la piccola Suri.
Il giorno dopo le elezioni Mr. Clark ha inviato una lettera ai genitori degli studenti rassicurandoli che la scuola s’impegnerà con ogni sforzo per affrontare “il disorientamento, l’emozione e l’ansia dei ragazzi” di fronte all’evento incredibile della vittoria di Trump.
Dopo aver ammesso che il risultato elettorale “ha deluso la scuola” ha però affermato che i docenti sono eroici per aver passato la notte delle elezioni al Javits Center (il QG del Comitato Clinton)  ma “la mattina dopo hanno messo la loro faccia e sono venuti a scuola pronti per i loro studenti” ai quali “stanno facendo ascolto ed accoglienza” per mitigare i contraccolpi psicologici della bastonata. Come direbbe Obelix: “Sono pazzi questi Liberal!”.

Ma c’è chi non ha reagito in maniera così composta: il prof. Kevin Allred insegna gender studies alla Rutgers University: il suo corso di studio è: “Prospettive femministe: politicizzando Beyoncé”.
Qualche giorno fa la polizia lo ha prelevato da casa e portato in ospedale per un esame psichiatrico. Il motivo è che, secondo alcuni suoi studenti, il Prof si sarebbe abbandonato in classe e su Twitter a commenti violenti in cui invitava a bruciare bandiere americane e a sperimentare il Secondo Emendamento ammazzando cittadini bianchi.
Ovviamente il giovane professore non è matto e probabilmente il suo odio per Trump è stato frainteso ma per lui tutto questo è la dimostrazione che “il giro di vite di Trump sulla libertà di parola è cominciato”.

zrsgr3IL DELIRIO DELL’ÉLITE
Colpisce che questi deliri provengano da schegge impazzite dell’alta società americana, non quella degli “ignoranti” che hanno votato Trump.
Matt Harrigan non è un disoccupato di Detroit ma il Ceo di un’importante azienda di San Diego, la PacketSled, specializzata in Big Data e Cyber Security; o meglio era il Ceo, perché è stato licenziato dopo che su Facebook, la notte dei risultati elettorali, ha scritto diversi post in cui annunciava che avrebbe ammazzato Trump“mi procuro un fucile da cecchino e mi apposto dove è meglio (…) in un stanza della Casa Bianca. Sul serio. Fottiti!”Intervistato sulla Abc, l’ex manager (padre di due figli) si è scusato e pentito, dicendo che era ubriaco.

In molte città americane si sono registrati episodi di violenza contro sostenitori di Donald Trump: minacce, aggressioni e pestaggi. Eppure colpisce il fatto che né la Clinton né Obama abbiano ancora condannato questi episodi; anzi entrambi fanno di tutto per alimentarli: Obama invitando i manifestanti anti-Trump a non tacere e la Clinton sbandierando congiure ai suoi danni (dall’FBI a Putin) come ragione della sua disfatta.
La sinistra sta perdendo la testa; i suoi leader sono ormai privi di freni inibitori e questo non è un bene per la democrazia americana.

Per fortuna, ogni tanto, qualcuno da quelle parti ha il coraggio di spiegarlo: Jon Stewart, poliedrico intellettuale della tv americana, mitico conduttore di The Daily Show (uno dei programmi satirici più seguiti) e da sempre liberal, ha denunciato l’ipocrisia della sinistra americana: L’America che ha votato Trump è quella che votò Obama”. Dovrebbe essere un concetto facile da capire ed accettare, perché si chiama “democrazia”; ma è proprio ciò che la paranoica sinistra in America e in altre parti del mondo non sopporta.

Su Twitter: @GiampaoloRossi

Articoli correlati:
Ma studiatevi il voto, fighetti radical-chic!
We the People
Il cervello di Trump

.

fonte: Il Giornale  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “Paranoie sinistre degli anti-Trump – di Giampaolo Rossi”

  1. L’Ami du peuple (L’amico del popolo) fu un giornale fondato nel settembre del 1789 da Jean-Paul Marat durante la Rivoluzione Francese.

    “I veri amici del popolo non sono né rivoluzionari, né novatori, ma tradizionalisti” (San Pio X)

  2. giorgio rapanelli

    La Sinistra si considera etica ed ha il compito inventato di regolare tutto. E’ la caratteristica “religiosa” di un Partito regola tutto per il suo Ordine nuovo. Noi comunisti pensavamo che la Rivoluzione d’Ottobre fosse stata un moto popolare, regolata attraverso i suoi esponenti marxisti. Oggi sappiamo che il bolscevismo fu inventato, finanziato e organizzato non dal popolo ma dall’Alta Finanza massonica ed ebraica. La stessa che ha finanziato Kalergi e il suo piano razzista degli Stati Uniti d’Europa, la stessa che oggi ha finanziato la Clinton. E’ il DENARO, l’espressione satanica che dirige il mondo. Per ora dobbiamo dire “grazie” a Trump per avere fermato il satanismo in America. Poi vedremo in Europa.

  3. Clint Eastwood, il solitario gringo dei film western leoniani, degna metafora dell’Individuo assoluto, dell’uomo differenziato e del cavalcatore di tigre di evoliana memoria (sarebbe interessante sapere se Sergio Leone fu consapevole della figura che aveva creato), è l’unico esponente della Hollywood giudaica e sionista che ha avuto gli attributi di dichiarare che la società statunitense è costituita da fighetti. Eppure i miei parenti statunitensi, cugini e zii, mi dicono che la situazione negli USA è terribile e che il popolo è davvero furioso, soprattutto la classe operaia e dei lavoratori. Hanno parlato di un serio pericolo di frattura della società. Non è un caso che Trump è stato votato dalla classe operaia e da quella parte della società legata alla terra, al fare, ai valori (per quello che possono valere i ‘valori’ marchiati USA).

    1. Un’autentica tragedia che Hollywood sia stata presa in mano totalmente da quegli ambienti.
      Senz’altro una “figura-bandiera” dell’okkkupazione di Hollywood, riferibile proprio al momento storico in cui essa avvenne (1960 circa), è Marilyn Monroe: la “girl” americana, non giovane e di stampo nordico secondo i gusti di quel popolo, auto-trasformata e trasformata da chi la gestiva in “Madre Natura”.
      Dal pudore “malato” di stampo rigoristico/protestante all’assegnazione a OGNI donna del DOVERE di far presente a tutti che la divinizzazione della materia era “finalmente” tornata, per sconfiggere la civiltà cristiana e riportare il Paganesimo. L’antitesi della Madonna.

      Vent’anni dopo, abbiamo avuto (e abbiamo tuttora) la Ciccone: “Madonna”, la Material Girl – oggi adepta della Kabbalah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su