Piromane e pompiere – di L. P.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Ovvero, come un ‘santo’ recita due parti.

di L. P.

.

Giorni or sono è apparso, sul quotidiano ‘La Verità’, e precisamente il 19 novembre, un servizio a firma di Francesco Borgonovo riportante, in esclusiva, un’intervista a Monsignor Mauro Longhi il quale narra di una visione notturna, manifestatasi a Papa Giovanni Paolo II, in vacanza nei giorni di marzo/aprile del 1993, sulle montagne del Gran Sasso nella zona di Montecristo.

Il Monsignore non racconta de relato ma assicura di averne avuta notizia, come confidenza, direttamente dallo stesso GP II durante una sosta della passeggiata mattutina. Diamo il nucleo più pregnante e significativo della visione così come Monsignor Longhi assicura di averla ricevuta e rammentata.
Giovanni Paolo II narra:

Ricordati queste parole, perché sono parole di un Papa. Ricordalo a coloro che tu incontrerai nella Chiesa del terzo millennio. Vedo la Chiesa afflitta da una piaga mortale. Più profonda, più dolorosa, più mortale rispetto a quelle di questo millennio. Si chiama islamismo. Invaderanno l’Europa. Ho visto le orde provenire dall’occidente all’oriente. Invaderanno  l’Europa, l’Europa sarà una cantina, vecchî cimeli, penombra, ragnatele. Ricordi di famiglia. Voi, Chiesa del terzo millennio, dovrete contenere l’invasione. Ma non con le armi, le armi non basteranno, con la vostra fede vissuta con integrità”.

Aggiunge, il Monsignore, che il Papa elencò i paesi da temere ma che, nell’intervista, non vengono citati..

Commento dell’articolista: “Nel 1993 sarebbe stato piuttosto difficile immaginare una situazione come quella attuale”.
Controcommento nostro:  strano che fosse difficile, 1) perché già a Poitiers (732), già a Lepanto (1571), già a Vienna (1683) l’Islam provò a schiavizzare la Cattolicità; 2) perché questo significavano le minacciose ‘profezìe’ del defunto presidente algerino Houari Boumediènne che, nel 1972, previde l’invasione islamica del terzo millennio fatta di giovani uomini, donne e bambini; 3) perché altre voci autorevoli avevano messo in guardia l’Europa dal pericolo incombente, tra le quali Ida Magli e Oriana Fallaci.

Ma il tema del nostro intervento non è tanto disquisire su come e quando intervenire per arrestare il flusso massiccio di clandestini islamici, quanto scoprire la contraddittorietà che esplode tra il Wojtyla estatico e il Wojtyla sveglio. Eh, sì, perché riguardo a questa tragica faccenda tutto stride nella condotta di GP II che, a distanza di 24 anni, ci viene raccontato come colui che ci aveva ammonito e che, se ancor vivente, potrebbe dirci “Ve l’avevo detto!”. Eppure, eppure. . . GP II è lo stesso che da sveglio:

– l’11 dicembre 1984 mandò un suo rappresentante a presiedere alla posa della prima pietra della moschea di Roma – la più grande in Europa – approvando così la falsa religione dell’Islam che nega la Divinità di Cristo e perseguita i cristiani;
– organizzò, ottobre 1986, ad Assisi il primo festival multireligioso  convinto, come affermò nel discorso ai cardinali il 22 dicembre, che ogni preghiera autentica – e quindi anche quella islamica, buddista, animista, induista, luterana, anglicana, ebraica – “è destata dallo Spirito Santo che è presente, in maniera misteriosa, nel cuore di ogni uomo” rinnegando, in tal modo, il salmo 95 – parola di Dio – che, al versetto 5, afferma “omnes dii gentium daemonia” – tutti gli idoli dei pagani sono demonî.
3 – in una confidenza ‘ecumenica’ del 12 dicembre 1986, rilasciata al Gran Muftì di Siria, Ahmed Kaftaro, alla importante autorità mussulmana, ebbe a confessare: “Ogni giorno leggo un brano del Corano”;
4 – in visita nel Sudan – febbraio 1993 –  termina il suo discorso impartendo la benedizione in nome di Allah, con la formula “Baraka Allah as-Sudan” (Allah benedica il Sudan) – O. R. 15/2/1993 – esprimendo la riconoscenza al governo sudanese per la tanta stima dimostrata verso la Chiesa cattolica. Non ricordando, GP II, che, dal maggio 1983 al 1993, erano stati massacrati, da quel regime, più di 1     milione e 300 mila sudanesi, tra cui migliaia di cristiani cattolici;
5 – ha riconosciuto valenza salvifica a tutte le religioni i cui fondatori – Maometto, Buddha, Lao Tse, Zoroastro, Confucio – “hanno realizzato, con l’aiuto dello Spirito di Dio, una più profonda esperienza religiosa” (O. R. 10 settembre 1998), mettendo Gesù, Figlio di Dio e Seconda Persona della Trinità, sullo stesso piano dei falsi e pagani profeti, annunciatore di una sua personale ‘esperienza’;
6 – davanti a una delegazione cristiano-islamica irakena, 14 maggio 1999, bacia il Corano che, per quanto da lui stesso rivelato, è libro che legge ogni giorno!!!!
7 – il 13 aprile 2000, riceve in udienza privata il giovane sovrano e capo spirituale del Marocco islamico, Mohammed VI, figlio dello scomparso re Hassan II, salutandolo come “diretto discendente del profeta Maometto”;
– il 6 maggio 2001 – primo Papa in questa circostanza – visita la moschea di Omayya, pregando con le locali autorità islamiche;

Questi sono gli atti ‘ecumenici’, documentati e incontestabili che mostrano la doppia personalità di Giovanni Paolo II, un Papa che mentre, nell’estasi notturna, ha la visione dell’orda islamica e ci invita ad essere vigili, nella veglia diurna le spalanca le porte europee.
E non è da dire che la supposta visione – o, forse, più probabilmente un senso di colpa materializzatosi sotto forma di visione notturna – sìasi verificata poco prima del suo decesso, tale da poterla considerare una tarda ma efficace presa di coscienza e di autentica sua richiesta di perdono da affiancare alle precedenti con cui egli, a nome della Chiesa, aveva fatto ‘mea culpa’ per le iniquità di cui la Sposa di Cristo si era macchiata, nel corso della sua storia: crociate, dittature, antisemitismo, inquisizione, schiavitù, mafia, razzismo, guerre di religione, conflitti con la scienza, umiliazione della donna,shoah. . .

E poi: perché mai il testimone, Monsignor Mauro Longhi, si sente di rivelare questo avvertimento a distanza di 24 anni, quando l’invasione è nel pieno flusso, inarrestabile? Vuol farci credere che il ‘santo’ Papa vaticansecondista, con questa sua rivelazione, godeva del dono della profezia? E se così fosse, perché l’ha confidata a una sola persona e non alla comunità cattolica? E perché, pur conoscendo in anticipo gli sviluppi di un fenomeno, inizialmente migratorio, rivelatosi, poi, in una vera invasione, ha taciuto continuando a dispensare diplomi e attestati di credibilità e di verità all’Islam?

Santità, a che gioco ha giocato? Al piromane e al pompiere?
Con quale fede dovremmo resistere alle orde? Con una come la sua, salda di notte e inerte di giorno, che si apparenta più alla codardìa, all’ipocrisìa, all’opportunismo o, dovremmo dire, all’apostasìa?

E così, eccoci invasi, imbelli, impaniati nella melassa dell’accoglienza, nella ragnatela appiccicosa d’un bergoglismo che, con atti di iscarioto tradimento, sta consegnando nella mano dei nemici il piccolo gregge di Cristo.

Exsurge Domine!

.

fonte: UnaVox 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

13 commenti su “Piromane e pompiere – di L. P.”

  1. Caro Professore, ha ragioni da vendere.
    E di Bergoglio che va in Birmania a prendere le parti della minoranza musulmana sovversiva sostenuta dagli occidentali e dall’Arabia Saudita e che in Bangladesh riserva il posto d’onore ai 16 rohingya di cui fa fieramente il nome e si inchina con deferenza davanti a loro, ne vogliamo parlare?
    “Missione americana” dice Maurizio Blondet in questo interessante articolo:
    https://www.maurizioblondet.it/perche-mai-bergoglio-myanmar-non-missione-americana/

  2. L’ascolto dei bisogni, la cura delle ferite negli ospedali da campo al posto del proselitismo (parola diffamatoria usata per spacciare per coercizione la conquista di anime a Cristo), il dialogo al posto dell’evangelizzazione, l’ecumenismo al posto dell’Extra Ecclesiae Nulla Salus, l’accompagnamento delle fragilità al posto dell’ammonimento (ai peccatori impenitenti) e dell’invito al pentimento, al ravvedimento operoso ed al cambiamento di vita, gli errori al posto dei peccati, l’immanente (ambientalismo, ecologismo, animalismo) al posto del trascendente, l’antropocentrismo al posto del teocentrismo, il culto dell’uomo al posto del culto di Dio : è sufficiente questo per capire che la Chiesa uscita dal C.V. II, la Chiesa di Montini, Wojtyla, Ratzinger, ed ora la Chiesa di Bergoglio, non è più la Chiesa di Cristo, ma ne è una contraffazione, una manipolazione, una falsificazione ? e se il clero non segue più il Cristo, chi segue allora? chi sta veramente servendo? dove ci stanno conducendo, a nostra insaputa? Bisogna porsele queste domande e, dopo aver trovato la risposta, agire di…

  3. conseguenza, ricordandoci l’esortazione di San Francesco di Sales “I nemici di Dio e della Chiesa vanno screditati il più possibile … è carità gridare al lupo quando si nasconde tra le pecore, non importa dove” (da “Filotea – Introduzione ala via devota”).
    Anche Miles Christi, riferendosi alle eresie ed alle affermazioni anticattoliche di papa Francesco, afferma “Di fronte alle dichiarazioni eterodosse e ai gesti scandalosi presentati da Francesco senza discontinuità fin dallo stesso giorno della sua elezione, diventa sempre più difficile non pensare alla profezia di S. Giovanni sul falso profeta, la cui missione consisterà nello spianare la via all’Anticristo, mettendogli a disposizione una contraffazione della vera religione. Che fare al cospetto di un uomo simile, il cui carattere eretico e blasfemo è manifesto a tutti quelli che hanno occhi per vedere e orecchie per ascoltare? Quale attitudine devono adottare i cristiani di fronte ad un uomo che fa oggettivamente il gioco dei nemici della Chiesa? Come reagire alla vista di chi si comporta come un solerte servitore di Satana…

  4. e un evidente precursore dell’Anticristo? La risposta mi sembra evidente: ogni cattolico degno di questo nome deve combatterlo e denunciarlo pubblicamente, dato che pubblici sono i suoi scandali e i suoi attacchi contro la fede e la morale cattoliche, perché qui sono in gioco nientemeno che l’onore di Dio, la difesa della fede e la salvezza delle anime” ( cfr “L’impostura bergogliana, vol II “La misura è colma”, pagg. 98-99)

  5. Ma siamo sicuri circa questa supposta visione? Alla luce degli avvenimenti precedenti, ma ache successivi come riferito, direi che c’è da dubitarne!

  6. La rapidità con la quale l’apparato conciliare ha santificato l’uomo venuto dalla Polonia, dice più o meno tutto sulla di lui appartenenza ai meccanismi della Rivoluzione Permanente contro Nostro Signore. Non va dimenticato che l’esecrabile Sanfrancesco Bergoglio sta portando a termine una missione che altri iniziarono…

  7. Mi pare molto strana questa “visione”, al pari di tutte le altre va presa con molta cautela, anche perché, un papa che bacia il Corano e poi ci dice che l’islam invaderà l’Europa qualcosa non quadra, personalmente ritengo non una “visione” ma un suo legittimo pensiero o preoccupazione, certamente da condividere.

  8. Stefano Mulliri

    Anche io credo sinceramente, che non si può da una parte additarlo come pericolo, quando poi si fa di tutto per farli entrare nel salotto di casa. Sinceramente credo che non solo lui ma buona parte della chiesa gerarchica, sia un po schizzofrenica.

  9. Già nel 1985 a Casablanca Papa Giovanni Paolo II baciò il Corano creando imbarazzo in pochi.
    Se poi alla fine si è pentito di queste sue blasfeme aperture, perché non ha confessato apertamente il suo errore?.
    Credo che il Signore lo abbia purificato con la sofferenza finale del suo pontificato. Speriamo.
    Comunque lo scandalo è rimasto, ma molti non se ne sono accorti.
    Forse quei molti avranno anche loro anticipato la inesatta e pusillanime frase di Papa Francesco: chi sono io per giudicare? Mah!
    https://www.radiospada.org/2014/09/breve-su-k-wojtyla-ed-il-corano/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su