Pornografia e femminismo spinto in aula: così rovinano i figli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzprcvrLe cronache non ne parlano, ma è così che i soliti “benpensanti” rovinano i nostri giovani: Canada, Kingston, liceo cattolico di “Notre Dame”, 23 ottobre 2015. La scuola ha organizzato per i propri iscritti un «colloquio d’amicizia/sessualità sana», l’equivalente in poche parole di un incontro sulla salute sessuale e riproduttiva. In cattedra, a parlare agli adolescenti, c’era però Julie Lalonde (nella foto), femminista abortista e visceralmente anticattolica. La quale, nel corso del suo intervento, ha definito, ad esempio, «accettabile che una ragazza, se consenziente, possa inviare una foto, che la ritragga completamente nuda, al suo fidanzatino», ritenendo questo «un atto del tutto naturale». Purché conosca bene l’amico, per evitare che poi diffonda a sua volta l’immagine tra i coetanei o in rete. Secondo Lalonde qui e solo qui «comincerebbero i problemi»… A detta di tutti, il suo discorso, dalla prima all’ultima parola, è stato imposto in modo assolutamente contrario alla fede cattolica.

Questa volta, però, la reazione, furibonda, è giunta dai genitori ed anche da molti alunni, scandalizzati dalle sue affermazioni. Si sono immediatamente recati dai vertici dell’istituto, hanno preteso una spiegazione formale dell’accaduto ed anche un gesto riparatorio per una simile indecenza. Gesto, che deve ancora giungere. Non solo: hanno inviato una lettera alle autorità ecclesiastiche dell’Ontario. Sono ad oggi in attesa di risposte. Decisi, questa volta, a non fermarsi.

Non solo. Pochi giorni prima, lo scorso 19 ottobre, negli Stati Uniti, l’Università della California, d’intesa con la Commissione studenti, ha addirittura pagato degli attori, “star” dell’industria pornografica, per tenere una conferenza, che desse un’idea di che cosa rappresenti il settore. Ovviamente, il tutto sovvenzionato con i fondi per l’istruzione e la ricerca.

I vertici dell’Ateneo han dato pieno sostegno all’iniziativa, ritenendo, questo, incredibilmente, un modo per «combattere la violenza sessuale», oltre tutto necessario per offrire ai giovani «una conversazione aperta sui temi dei film per adulti, dell’impiego sessuale, dell’intimità e delle pratiche per avere rapporti protetti, ivi compresi i discorsi relativi alla comunicazione ed al consenso». E’ evidente come simili sconcezze, degradando e reificando la sessualità, rendendo schiavi delle passioni, calpestando la dignità della donna, incitando alla perversione, nonché solleticando gli infimi istinti, finiscano per corrompere i costumi ed ottenere l’effetto esattamente opposto a quello indicato dai promotori, che v’è da stupirsi siano, oltre tutto, accademici e cattedratici.

.

fonte: Corrispondenza Romana

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

3 commenti su “Pornografia e femminismo spinto in aula: così rovinano i figli”

  1. Non mi meraviglio affatto. Non è la prima volta – ed è risaputo, specialmente negli USA – che gran parte delle scuole e università (molto quotate e quasi tutte gestite attualmente, dai Gesuiti o gestite nel passato dai Gesuiti, ma tuttavia associate al “carisma Ignaziano”) intitolate “Notre Dame”, prediligono “eventi” culturali con discutibilissimi personaggi e contenuti. Inoltre, secondo un recente articolo (NYTimes), la SJ risultò l’ordine con la più alta percentuale di omosessuali. C’è solo da piangere pensando a Sant’Ignazio, e a tutti i grandi santi e martiri (atrocemente uccisi anche in Canada), che appartenevano a questo ordine.

  2. Ma se ovunque noi guardiamo, l’intero mondo è impregnato di sensismo ed erotismo, fino al ridicolo; come puó stupire? La questione è vissuta con una certa bonomia anche da chi dovrebbe tutelare il sano sviluppo mentale dei giovani. Sono idiotificati ormai anche i rettori, i presidi. L’erotismo contemporaneo ha superato il ridicolo. Vi siete mai soffermati più di un attimo sulle pagine web di qualche noto motore di ricerca e, superando la giusta indignazione, vi siete mai concessi una risata? Guardate che ormai, moda, web, TV, cinema, pubblicazioni, hanno sfondato il mondo del ridicolo e stanno precipitando nel grottesco. Il vero problema è la salute mentale dei giovani. Poverini, non fanno a tempo a crescere che sono subito impastati in questo strano luridume, buffo e sgraziato. Quindi? Quelli sani si salveranno, quelli influenzabili diventeranno completamente rimbambiti. I genitori sono l’unico baluardo. Il resto? Finito.

  3. strano che nessuno si renda conto di come uno dei fattori propedeutici e delle cause a monte, che ha reso possibile questa deriva di post-rivoluzione sessuale, femminismo, genderismo e omocrazia, sia stata l’introduzione, negli anni ’60, delle classi miste. E’ forse possibile che senza questo fattore, il livellamento sessuale e il conseguente indifferentismo sessuale, che ha portato oggi alle conseguenze che vediamo, non sarebbe mai stato possibile… Strano che nessuno metta in discussione questo fattore e lo dia per scontato, perchè in realtà non lo è mai stato in alcuna epoca precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su