Preghiera per il Santo Natale. Vieni Gesù a salvare l’Italia – di Patrizia Stella

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Patrizia Stella

 

prsit1

Durante l’ultima guerra, davanti al profilarsi di immani catastrofi per la nostra Patria e di persecuzioni contro la Chiesa, il popolo italiano, guidato dai suoi sacerdoti che allora avevano molta più fede, coraggio e sapienza di adesso, aveva rispolverato un vecchio inno che pare risalga a S. Pio V, adattandolo alle terribili esigenze del momento storico, a mo’ di supplica a Dio, che diceva così:

.

Pietà Signor, del nostro patrio suolo,

noi ti preghiam ai piè del santo altar

la patria nostra a te si volge in duolo

guarda benigno al nostro supplicar.

 

        Dio di clemenza, Dio Salvator,

        salva l’Italia nostra per il tuo Sacro Cuor;

        Dio di clemenza, Dio Salvator,

        deh! salva “Chiesa e Italia” per il tuo Sacro Cuor. Ecc.

            A quei tempi il sentimento dell’amor di Patria, come quello per la sacralità della famiglia e per la maestà di Dio, il famoso trinomio “Dio, Patria e famiglia” era incomparabilmente più forte di adesso, e la consapevolezza che l’Italia era considerata, in un certo senso, suolo sacro, perchè scelto da Dio per collocarvi la sede del Papato, conferiva al popolo italiano una sorta di santo orgoglio perchè si sentiva chiamato ad essere “l’araldo di Dio e della fede nel mondo”. E questo lo si evince anche dall’ultima strofa, laddove si chiede al Sacro Cuore di salvare “Chiesa e Italia” come fosse un’unica realtà indivisibile, un “cuor solo e un’anima sola!” da difendere e per cui combattere.

            Adesso le vicende storiche che si profilano all’orizzonte non sono certo migliori, sia perché con l’avanzare del laicismo si è persa la consapevolezza di questo nostro singolare privilegio per cui combattere e difendere la nostra terra, la nostra identità cristiana, sia perché, pur avendo la chiara percezione di un grave pericolo che ci sovrasta, non riusciamo a capire dove e chi sia questo fantomatico nemico che ci priva un po’ alla volta di tutte le sicurezze necessarie per vivere e sembra che goda di vederci disorientati e spaventati fino al punto da indurci alla disperazione e al suicidio.

            Ebbene, questo nemico-fantasma di casa nostra non è tanto l’avanzata islamica, che comunque non è da sottovalutare, perché ad un cenno del loro “Gran Visir”, i fanatici islamici non si farebbero scrupolo di tagliare la gola a tutti in nome di Allah, destra, sinistra e centro; il vero nemico-fantasma, quello più insidioso, falso, ipocrita, viscido, è rappresentato dai nostri stessi conterranei, italiani ed europei, sicuramente anche battezzati a suo tempo, ma che, una volta diventati traditori di Cristo e della Chiesa per servire Satana abbagliati dal trinomio “potere, denaro e sesso”, sono diventati acerrimi nemici anche della nostra Patria, delle nostre famiglie e di ciascuno di noi, soprattutto di coloro che stanno lottando per mantenersi onesti e fedeli a Cristo, ai valori della patria e della famiglia naturale, l’unica voluta da Dio.

            Si tratta di quei nemici isolati che un po’ alla volta si sono moltiplicati e compattati in potenti lobby più o meno occulte, quelle lobby massoniche che controllano una Unione europea spacciata per la grande benefattrice di tutte le Nazioni, ma hanno in realtà come unico e principale obiettivo quello di ridurre tutti in schiavitù, asserviti al cosiddetto “Nuovo Ordine Mondiale”, cioè asserviti a Satana. In particolare, per la cattolica Italia, “colpevole” di ospitare la Sede ufficiale del Papato, da sempre nemico acerrimo di Satana e dei suoi intrighi, hanno riservato un “trattamento speciale”. E questo “trattamento speciale” è quello di annientarci un po’ alla volta, come nella tortura della goccia cinese, togliendoci lavoro, viveri, casa, dignità, dopo aver distrutto la famiglia, perno fondante di tutto questo.

            Ma il “capolavoro” luciferino di questo progetto delle lobby massoniche del terzo millennio è la teoria del gender, né maschi, né femmine, ma un ibrido ripugnante, perché una volta pervertite le nuove generazioni sin dalla prima infanzia nella loro identità e coscienza, anche la bomba atomica più terribile risulta essere insignificante al suo confronto! Tutto questo in odio a Dio e all’uomo, fatto a sua immagine e somiglianza. Ma come è possibile che si sia arrivati a questo punto, viene da chiedersi, se la Chiesa cattolica ha sempre rappresentato un baluardo quasi invincibile contro il dilagare del male? L’astuzia luciferina delle lobby ha pensato bene di raggirare l’ostacolo, addentrarsi all’interno dei vertici più alti della Chiesa per corromperli e trascinarli al nemico, il famoso “fumo nel tempio” ricordato da Paolo VI e ripreso da Benedetto XVI con quella frase storica pronunciata al Colosseo il venerdì santo che ci aveva quasi scandalizzati: “quanta sporcizia nella Chiesa”. Col senno di poi, cominciamo a capire dove sta veramente il vero motivo delle nostre fondate paure, ma dobbiamo avere fiducia in Dio.

            Infatti, come nella canzone di sopra, più i nemici di Cristo si arrabattano per eliminare Cristo e la Chiesa dal mondo, più noi lo invocheremo con tutte le nostre forze: “Vieni Signore Gesù, non tardare! Ti aspettiamo! Sei il Dio con noi, fatto Bambino per amore nostro, per salvarci dal peccato, dalla malattia, dalla morte eterna. Tu sei l’unico garante del nostro benessere e felicità anche su questa terra e pertanto ti aspettiamo, ti lodiamo, ti adoriamo e ti glorifichiamo e ti chiediamo perdono anche per quelli che non ti amano e che ti offendono e che ti maltrattano… Vieni presto, Signore Gesù…ecc. ecc.”. E perché non ricorrere al potere soprannaturale della Santa Messa che fa tremare i diavoli, e a quello del Santo Rosario che chiama in causa direttamente la Madonna, “Regina dei cristiani e delle vittorie”? E poi la “Trinità della Terra: Gesù, Giuseppe e Maria” oltre alla “Trinità del Cielo: Padre, Figlio e Spirito Santo” che invochiamo quando facciamo il “Segno della croce”, meglio se con l’acqua santa che scaccia gli spiriti maligni. Se poi pensiamo alle miriadi di Angeli e Arcangeli che sono schierati in Cielo e pronti a proteggerci, non dovremmo temere nulla. Questa è la nostra fede cristiana che dobbiamo rispolverare e vivere nella sua bellezza formidabile, soprattutto davanti ai pericoli che ci sovrastano.

            Nel contempo preghiamo il Signore affinchè susciti dei politici forti che abbiamo il coraggio di portarci fuori dall’euro e dall’Unione europea massonica, costi quello che costi, perché è l’unica condizione per la nostra sopravvivenza e ripresa economica e morale, cioè il recupero della nostra Sovranità nazionale, monetaria, economica, agricola, artistica ecc. che sarà messa a servizio delle altre Nazioni in un interscambio nel quale ciascuno mantiene e non perde la sua peculiarità e identità.

E siccome abbiamo anche un Patrono della Chiesa universale, che è San Giuseppe, invocheremo con forza anche lui affinchè protegga e difenda “Chiesa e Italia nostra”, con questa preghiera presa dalla Liturgia e dalla devozione popolare che si potrebbe recitare almeno ogni domenica, in modo da elevare da ogni parte d’Italia nel Giorno del Signore questo grido di supplica e di speranza perché l’Italia venga preservata dai molti mali e punizioni che potrebbero affliggerla per il tradimento di molti figli.

 

Preghiera per l’Italia a San Giuseppe

Glorioso San Giuseppe,

sposo della Vergine Maria, madre di Gesù

tu che sei Patrono della Chiesa universale,

ascolta le suppliche che ti rivolgiamo

in quest’ora di confusione, e di decadimento:

proteggi l’Italia e tutte le nostre famiglie.

Quell’Italia scelta con predilezione da Cristo

per collocarvi la Sede del Suo Vicario in terra, il Papa,

quell’Italia disseminata dei Santuari

della Vergine Maria, e forgiata dai Santi

Ottienici, con la tua potente intercessione,

unita a quella della tua Santissima Sposa, uomini nuovi,

che abbiano il coraggio di abrogare

le inique leggi contro Dio e contro l’uomo.

 

Fa’ che la nostra Patria

possa continuare ad essere

centro vivo di civiltà cristiana,

faro di luce in tutto il mondo,

terra di Santi per la gloria di Dio

e per la salvezza di tutti gli uomini.

                   Gesù, Giuseppe e Maria,

                   benedite, proteggete e salvate l’Italia, Così sia

Buon Natale a tutti con l’Emmanuele, Dio con noi, vera fonte della nostra gioia.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Preghiera per il Santo Natale. Vieni Gesù a salvare l’Italia – di Patrizia Stella”

  1. L’inno dei tempi di guerra dovrebbe essere una versione italiana di un inno francese dell’Ottocento in onore del Sacro Cuore affinché salvasse la Francia (infatti durante la guerra i Francesi cantavano la versione francese).

  2. Articolo che emana un amore speciale per la nostra cara Italia. Un semplice ringraziamento è troppo poco …. è un articolo da incorniciare.

    Poche parole, chiare e cristalline per dipingere la sacrosanta verità e la consapevolezza del tesoro, di cui indegnamente ci ha omaggiati Dio nel scegliere la nostra cara Italia come Sede del Suo Vicario…. per questo noi italiani siamo e ci dobbiamo sentire più responsabili di tutti gli altri.

    Si, carissima dott.ssa Patrizia lei mi ha commosso. La ringrazio perchè non conoscevo questa splendida preghiera per l’Italia a S. Giuseppe .

    ***

    In particolare, per la cattolica Italia, “colpevole” di ospitare la Sede ufficiale del Papato, da sempre nemico acerrimo di Satana e dei suoi intrighi, hanno riservato un “trattamento speciale”. E questo “trattamento speciale” è quello di annientarci un po’ alla volta, come nella tortura della goccia cinese, togliendoci lavoro, viveri, casa, dignità, dopo aver distrutto la famiglia, perno fondante di tutto questo.

    ***
    Da un po’ di tempo che vado pensando lo stesso, è fin troppo evidente oramai…. si….. all’Italia hanno riservato un trattamento speciale, hanno cominciato con l’annientare la storia del nostro sacro suolo come ben lei l’ha chiamato.
    Napoleone quando venne a saccheggiare la nostra Terra, oltre a numerosissime opere d’arte, sparirono molti libri e documenti, ma non fu l’unico ….. l’Inghilterra non fu da meno…non è un caso che molti dei nostri capolavori artistici siano nei loro musei….

    Francia dove ebbe inizio la rivoluzione francese massonica…. l’Inghilterra dove partirono gli ordini per l’unificazione d’ Italia che in pochi conoscono il suo vero volto. Ricordo che a scuola dipingevano Napoleone come un eroe idem Garibaldi e Cavour….

    In Italia, le sette segrete massoniche si ramificarono e diventarono influenti;subirono un duro colpo con il governo Mussolini, il quale aveva capito quali danni avrebbero arrecato al Paese. Ucciso Mussolini rialzarono la testa e mai nessuno (tranne la Chiesa Cattolica prima del concilio vat.2 ) si preoccupo’ di denunciare e di mettere in guardia….. dopo il concilio pastorale vat.2, si ritrovarono le porte spalancate…. entrarono ….. l’ attuale chiesa non denuncia, ma se ne sta zitta e paradossalmente sta usando un linguaggio simile.

    Vediamo tutti, come le nostre meravigliose Chiese antiche vengano lasciate degradare fino alla morte, mentre non badano a spese se si tratta di costruire orribili capannoni o mostruosi esemplari di cemento, dove il sentimento che ti pervade è l’angoscia….. il vuoto. Perchè non usare quei fondi per il loro restauro? Certo che no!! Le Chiese opere immobili così come le opere mobili sono degli archivi storici…da far sparire….

    Eliminate queste prove, si potrà ricostruire l’identità di una Nazione …. tanto da negare che le uniche radici che l’Italia può e deve vantare sono quelle etrusco/celtico/romano prima, e Cristiane poi…Cristianesimo che trasformò le prime radici in capolavori di civiltà …. infatti l’Europa terra assegnata a Jafet, al quale suo padre Noè predisse che avrebbe abitato i taberrnacoli di suo fratello Sem….. (Gn. 9, 27) … è sempre stata all’avanguardia sia per quanto riguarda arti e mestieri, scoperte e invenzioni.

    A noi non rimane che custodire gelosamente la nostra storia e Paese, aiutati con l’intercessione di S. Giuseppe Patrono della Chiesa Universale, l’unica che potrà far risorgere questa Terra Benedetta.

    Grazie dott.ssa, a lei, alla Redazione di Riscossa Cristiana e a tutti i suoi lettori, auguro un Santo Natale.

  3. A proposito di massoneria, è bene ricordare che il Santo Uffizio, con Decreto del 20.12.1950, vietava ai chierici di affiliarsi al Rotary Club, e ai laici imponeva di osservare le prescrizioni del can. 684 C.I.C., dove ai fedeli era proibito di partecipare alle associazioni segrete o sospette e a quelle “che cercano di sottrarsi alla legittima vigilanza della Chiesa” – A.A.S. v.43, 1951, p. 91.

  4. Capolavoro di articolo di Patrizia Stella.
    Condivido tutto!
    Grazie e che il Natale ci faccia ricordare i fratelli cristiani sparsi nel mondo e perseguitati al POSTO NOSTRO !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su