Presentata al Senato una legge contro le “terapie riparative” – di Rodolfo de Mattei

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Rodolfo de Mattei

.

zzzzdcsIl 17 maggio, in occasione della Giornata Internazionale contro l’Omofobia, Sergio Lo Giudice, senatore del Partito Democratico, ha presentato il disegno di legge n. 2402, intitolato “Norme di contrasto alle terapie di conversione dell’orientamento sessuale dei minoridisegno di legge n. 2402, intitolato “Norme di contrasto alle terapie di conversione dell’orientamento sessuale dei minori”, volto a mettere al bando in Italia le cosiddette “teorie riparative” rivolte ai minori, su richiesta dei genitori.

Il provvedimento, oltre a Lo Giudice, primo firmatario, è stato sottoscritto dai senatori Bocchino, Capacchione, Cardinali, Cirinnà, Dalla Zuanna, De Petris, Gatti, Guerra, Idem, Lo Moro, Lumia, Mastrangeli, Orellana, Palermo, Pegorer, Ricchiuti e Spilabotte.

La premessa del disegno di legge rappresenta un vero e proprio excursus ideologico della propaganda omosessualista in cui i proponenti hanno messo insieme le conquiste ottenute dal movimento LGBT lungo il “percorso di depatologizzazione dell’orientamento omosessuale” a partire dal fatidico 1973, anno in cui l’American Psychiatric Association eliminò la diagnosi di omosessualità egosintonica dal DSM, il Manuale Diagnostico e Statistico delle Malattie Mentali. Una derubricazione – è superfluo ricordarlo – frutto non di particolari risultati scientifici raggiunti ma piuttosto del singolare contesto socio-politico di quegli anni.

I firmatari del progetto di legge si richiamano alla politica promossa in materia dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama, affermando come “La depatologizzazione dell’omosessualità è un percorso ormai compiuto dai professionisti della salute mentale di tutto il mondo, le associazioni professionali e scientifiche, italiane e straniere, hanno a più riprese dovuto chiarire l’antiscientificità e la pericolosità delle terapie di conversione“.

Il disegno di legge consta solo di tre articoli.

L’articolo 1 fornisce una definizione preliminare di “conversione dell’orientamento sessuale”, specificando che con tale dicitura si intende

(…) ogni pratica finalizzata a modificare l’orientamento sessuale di un individuo, inclusi i tentativi di cambiare i comportamenti o le espressioni di genere ovvero di eliminare o ridurre l’attrazione emotiva, affettiva o sessuale verso individui dello stesso sesso, di sesso diverso o di entrambi i sessi“.

In tale prospettiva le nuove norme vorrebbero addirittura impedire alle figure preposte la libertà di esercitare la propria attività professionale,pena multe salatissime e perfino il carcere. In questo senso, all’art. 2rivolto ai destinatari si legge:

Chiunque, esercitando la pratica di psicologo, medico psichiatra, psicoterapeuta, terapeuta, consulente clinico, counsellor, consulente psicologico, assistente sociale, educatore o pedagogista faccia uso su soggetti minorenni di pratiche rivolte alla conversione dell’orientamento sessuale è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa da 10.000 euro a 50.000 euro. La condanna comporta la pubblicazione della sentenza e la confisca delle attrezzature utilizzate.”.

L’art. 3 prevede, per di più, una sanzione accessoria qualora il responsabile del “reato” dovesse essere una figura abilitata dallo Stato per la quale scatterebbe l’immediata sospensione dell’incarico:

Se la condotta è posta in essere nell’esercizio di una professione per la quale è richiesta una speciale abilitazione dallo Stato, la condanna comporta la sospensione dall’esercizio della professione da un minimo di un anno a un massimo di cinque anni.

Che l’omosessualità non possa essere curata è una delle affermazioni più devastanti della propaganda omosessualista. Fino al 1973 attorno all’omosessualità veniva fatta una seria ricerca scientifica e assumere uno stile di vita omosessuale era un comportamento “sconsigliato” e, in quanto contro natura, giustamente stigmatizzato.

Dal 1973 in avanti la progressiva campagna di sdoganamento dell’omosessualità al motto di “gay is good” ha capovolto la situazione, portando, da un lato, ad arrestare totalmente la ricerca scientifica in materia e, dall’altro, a far sì che la classe medica passasse da un atteggiamento di corretta ed sana prevenzione alla sua promozione secondo lo slogan politically correct di “sei come sei”. Un approccio folle e antiscientifico che induce gli adolescenti più fragili ad assecondare i propri istinti e pulsioni sessuali, per altro confusi e traviati dalla martellante propaganda gender, al di là di ogni legge naturale. Una vera e propria ribellione contro la ragione e la realtà!

In un mondo capovolto, lo stigma sociale nei confronti dell’omosessualità e, poi, l’omofobia interiorizzata sono divenuti le vere cause del malessere delle persone omosessuali e, in conseguenza di ciò, la soluzione proposta è quella di costruire un diverso clima culturale, atto a far sentire finalmente “normali” coloro con pulsioni sessuali verso persone dello stesso sesso. Una soluzione chiaramente ideologica, presa in nome del principio di non discriminazione, che, paradossalmente, nella realtà, finisce per abbandonare al loro involontario e insoddisfatto destino i tantissimi omosessuali in lotta con i propri istinti.

Dopo aver ottenuto la legge sulle unioni civili, tale intollerante ed ideologico provvedimento, assieme al “ddl Scalfarotto”sull’omofobia, costituisce un altro tassello del prepotente, e sempre più aggressivo, piano di “normalizzazione” dell’omosessualità.

.

fonte: Osservatorio gender – Famiglia Domani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

18 commenti su “Presentata al Senato una legge contro le “terapie riparative” – di Rodolfo de Mattei”

  1. Infatti.. sono anni che l’amico Psicoterapeuta Roberto Marchesini me l’ha detto.. Anni fa venne in Italia il dottor Joseph Nicolosi del NARTH, che si occupa appunto di “terapie riparative”, e fu attaccato dalle lobby. Sullo stesso tema, ascoltati monsignor Tony Anatrella (grande studioso) v. sue pubblicazioni fra cui “Le sex oublié” a Brescia, presso la “Paolo VI”. Ed erano presenti, oltre a Luca Di Tolve, i genitori di ragazzi “egodistonici”. Già anni fa l’Associazione Internazionale degli Psichiatri dettava legge…. anche riguardo alla pedofilia, che non volle più riconoscere come “disturbo”….

  2. Non Metuens Verbum

    Che bella pensata laica, totalitaria, liberticida, assassina.
    Fa da pendant alle belle pensate clericali che “Il proselitismo è una solenne sciocchezza”, e “è vietato convertire gli ebrei”.

  3. Tutto coincide alla perfezione: prima si legalizza lo scempio delle “famiglie arcobaleno”; poi si vieta la terapia antiomosex, ed infine la teoria gender sarà spacciata fin negli asili. Lo stupro dei bambini e dei ragazzi e’ ormai chiaro e definito.

    1. Temo che quando arriveranno a tanto, scoppierà una catastrofe mai vista a memoria d’uomo, al cui confronti il diluvio universale sembrerà una pioggerella marzolina. Purtroppo è necessario che qualcuno li fermi, questi demoni incarnati, e ciò avverrà solo quando Nostro Signore dirà Basta !, ricacciando Satana e tutti i suoi corifei nell’abisso infernale; speriamo che ciò avvenga presto, preghiamo insistentemente con il S. Rosario, arma potente, da “soluzione finale”

      1. In effetti, Catholicus, i tempi del “redde rationem” si stanno pericolosamente avvicinando. Hai ragione: spendiamo questi ultimi tempi che ci rimangono in preghiere, digiuni e perseveranza nella retta fede.

  4. jb Mirabile-caruso

    L’intera questione omosessuale è sintetizzabile come segue: TERRORE della Verità. Qual’è la Verità da cui gli omosessuali militanti fuggono a gambe levate? Semplice: quella che la Psichiatria riconosceva ufficialmente fino al 1973: patologia mentale. Lo rimane ancora oggi nella realtà, e lo sanno fin troppo bene gli omosessuali che si oppongono alle terapie riparative. Inutilmente, ovviamente, perché la Verità NON è sopprimibile dalle leggi dello Stato, né dal bombardamento mediatico del mondo Occidentale, né dalla massoneria che li usa a sostegno della sua strategia di dissoluzione delle Società, delle Nazioni e delle Religioni per l’instaurazione del suo agognato Nuovo Ordine Mondiale.

    Tutto tempo perso, signori massoni ed omosessuali: la Verità è INVINCIBILE, e mettersi dalla parte della menzogna è davvero una colossale, quanto INUTILE stoltezza! La Vita Umana è troppo preziosa per essere buttata via alle ortiche!

  5. Beh, anche io non voglio sottopormi a terapie riparative rivolte alla conversione del mio orientamento sessuale da sanamente eterosessuale a perversamente gay. E, perciò, non accetto immondi lavaggi del cervello provenienti dal mondo LGBT. La misura è quasi colma ed una grave punizione delle moderne Sodoma e Gomorra è alle porte. Non praevalebunt!

  6. Carla D'Agostino Ungaretti

    E’ evidente che i veri cattolici dovranno prepararsi al martirio. Le nuove belve che li sbraneranno stanno già affilandosi i denti, non certo i poveri leoni e le povere tigri che chiedono solo di essere lasciati in pace nel loro habitat naturale, ma i nostri rappresentanti in parlamento (con l’iniziale minuscola) per i quali noi stessi abbiamo votato. E allora io grido al mondo che non voterò più perché non vedo nessuno, tra di loro, che sia disposto a difendere “usque ad sanguinem”, non dico la Parola di Dio perché rispetto chi non ci crede, ma la semplice legge naturale che li ha fatti nascere da un uomo e da una donna e che essi difendono soltanto quando è in ballo l’ecologia o i diritti degli animali.

    1. jb Mirabile-caruso

      C. D’Agostino Ungaretti: “E allora io grido al monodo che non voterò più perché non vedo nessuno, tra di loro, che sia disposto a
      …………………………………..difendere “usque ad sanguinem” […] la semplice legge naturale che li ha fatti nascere da un uomo e da
      …………………………………..una donna…”………………………………………………………………………………………………………………………………

      Oltre alla validissima questione di fiducia che Lei presenta a piena giustificazione del Suo rifiuto di andare a votare, c’è un’altra ancor più valida ragione per recarsi alle urne ed annullare la propria scheda elettorale: la Democrazia, infatti, presenta un gravissimo difetto strutturale in forza del quale offre al Cittadino SOLO il voto del “consenso”, negando di fatto quello del “dissenso”, esattamente come opera la Dittatura. La Democrazia, così com’è al presente nel mondo, è semplicemente una BURLA!!!

    2. Cara Carla, deve proprio esserci una grande battaglia, in Cielo, se qui sulla terra si sono scatenati i demoni facendo strame dei cervelli di larga parte della popolazione (specie in Occidente), cosa impensabile fino a 30-40 anni fa, pur in epoca di rivoluzione clericale modernista. Penso infatti che fino alla fine degli anno ’60 molti non si fossero resi conto della rivoluzione attuata con il CV II. Il filocomunismo di Roncalli e Montini, quello sì era noto anche al popolo “minuto”,tanto che a Roma scherzavano su “Mater et Magistra” , commentando che G XXIII avesse voluto sottintendere “italiani, adesso votate pure a sinistra” (che è terminata l’era anticomunista di Eugenio Pacelli). Ma i segni evidenti sono apparsi dopo : NOM, comunione sulla mano, TdL, preti operai, abbandono epocale del sacerdozio, nuovo catechismo, ecc. Or la battaglia sta volgendo al termine, stringiamoci “a testuggine romana” per reggere l’assalto dei barbari. Regina delle Vittorie, vieni presto in nostro aiuto. Amen

      1. Carla D'Agostino Ungaretti

        Avete ragione entrambi , amici miei. Voglio aggiungere solo che una classe politica che si preoccupa più degli omosessuali, dei “civiluniti” e degli uteri in affitto (ai quali arriveremo tra poco) che di aiutare le vere famiglie e di risanare l’assetto idrogeologico del territorio, oltre che della manutenzione degli acquedotti (v. disastro di Firenze) non merita altro che disprezzo. Perciò credo che seguirò il consiglio di jb Mirabile-caruso che ringrazio per avermi suggerito una soluzione alla quale non avevo pensato.

  7. Normanno Malaguti

    Disegni diegge abominevoli perché palesemente lesivi della verità e. quindi, lesivi della naturale moralità.

  8. Certo che se gli omosessuali di buona volontà che non hanno paura ad indagare sulla loro infanzia SI FACESSERO SENTIRE UN PO’ DI PIU’ e proclamassero quelli che sono i loro diritti ….. e che non vengano a dirmi pure loro che si sentono discriminati! o forse sì, ma dalla LGBT!

  9. i pederasti? alla faccia della democrazia e della libertà…
    Lo Giudice, sono altri i disegni di legge da presentare, qualche es.?
    le invasioni barbariche…
    le famiglie che non arrivano a fine mese…
    contro le droghe…
    contro chi vorrebbe la pedofilia…
    e sull’eutanasia, cosa ne dice il partito di satana?

  10. ripeto: NON OCCORRE MAI PIU’ VOTARE!
    io lo faccio da anni, e mi trovo benissimo… se non altro non dovermi magiare poi le mani, per aver dato il mio voto a chi NON MERITAVA niente di niente.
    Mai possibile, mi chiedo, che ancora c’è gente che crede al babbo natale?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su