PRIVATE MILITARY FIRM: LA GUERRA PRIVATA – di Federico Gatti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Federico Gatti

 

La guerra è sempre stata un business per regni e imperi, democrazie, dittature e qualsiasi altra forma di Stato; ma nel tempo d’oggi, dominato dal libero mercato (che poi di libero ha ben poco, visto che tale regime altro non fa che concentrare il capitale nelle mani di poche corporations), la guerra è diventata un business anche per compagnie private. Aziende quotate in borsa che, dall’inizio degli anni 90, stanno facendo veri affari d’oro con i conflitti presenti su tutto il globo.

È stato il forte cambiamento negli ultimi decenni della natura stessa della guerra, nonché la “rivoluzione privatizzatrice” figlia delle politiche liberiste degli anni ’80, i cosiddetti reaganismo e thatcherismo, a favorire la libera azione nella sfera economica riducendo l’intervento statale anche nei gangli vitali della cosa pubblica.

Trovandoci di fronte ad un comparto industriale relativamente giovane, è difficile ad oggi quantificare il numero di PMF presenti sul mercato. Se da un lato c’è una tendenza all’accorpamento di varie aziende, dall’altro lato c’è un costante incremento di nuove aziende tendenzialmente ridotte nelle dimensioni, specie nei Paesi dove ancora il controllo e la regolamentazione di questo settore è carente.

Ma come avviene il reclutamento in queste aziende private? Con la fine della guerra fredda e la scarsa remunerazione delle forze armate di quasi tutti i Paesi, le PMF godono di un continuo flusso di assunzioni. Gli stipendi che offrono poi sono dalle 2 alle 10 volte superiori a quelli degli eserciti o delle polizie ufficiali. Se poi a questo si aggiunge un trattamento assicurativo pensionistico di buon livello e la possibilità di divenire comproprietari dell’azienda tramite formule di stock options l’affare è presto fatto.

Un’altra condizione che ha favorito il boom delle aziende militari private è la struttura leggera e dinamica di quest’ultime. Le PMF non essendo costrette a tenere sotto contratto un elevato numero di impiegati, si avvalgono specialmente di personale qualificato disponibile ad incarichi saltuari. Inoltre questa struttura cosi agile e leggera permette loro di piazzare sedi nelle situazioni più favorevoli, dato che una lista di potenziali clienti o impiegati non necessita di essere gestita da un luogo particolare; inoltre sempre più PMF stabiliscono la loro sede nei paradisi fiscali come le Cayman o le Seychelles avvicinandosi alle tendenze generali dell’economia mondiale.security

I maggiori clienti delle PMF sono individuabili principalmente in due settori: le ONG (organizzazioni non governative) e le multinazionali. Per quanto riguarda il primo caso, sono le stesse ONG che ricercano personale privato altamente specializzato per la difesa dei volontari o i dipendenti e per prevenire eventuali danneggiamenti o saccheggi delle risorse destinate alle popolazioni nelle zone di crisi. Nel caso delle grandi multinazionali, specie del settore industriale estrattivo-minerario, dove bisogna necessariamente estrarre e trattare il materiale sul posto, e visti i crescenti pericoli in quei Paesi e la scarsa disponibilità di protezione delle strutture statali locali, sempre più colossi industriali tendono non solo a servirsi di PMF, ma a integrarle in maniera più stabile nelle loro attività. Veri e propri eserciti di occupazione a difesa degli interessi capitalistici. Compagnie private sono state coinvolte anche nelle tristi vicende dello scandalo di Abu Ghraib, la prigione irachena teatro di torture e abusi fisici e psichici durante la seconda guerra del golfo. Le compagnie in questione sono Titan Corporation, specializzata nella fornitura di traduttori e CACI che usualmente si occupa di information technology. Alcuni dei loro dipendenti in alcuni casi hanno gestito in prima persona interrogatori e attività della prigione. E se i responsabili dell’esercito hanno subito una corte marziale per quanto successo, è probabile che gli operatori di Titan e CACI non saranno mai giudicati a causa di un vuoto di legislazione in merito.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su