ProVita e gender. Una lettera di Elisabetta Frezza e Patrizia Fermani