Qualche riflessione (con amare conclusioni) in merito ad alcuni recenti fatti di cronaca  –  di Carla D’Agostino Ungaretti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

… il “mondo” sta perdendo il lume della ragione, non solo per il gravissimo problema di fondo – quello delle cosiddette “famiglie alternative“, che comincia a trovare udienza anche presso i cattolici “adulti” pronti a riconoscere un valore umano anche in quei legami che io, invece, non esito a definire “contro natura” – ma anche per le stupide e meschine ritorsioni  messe in atto dalla cultura corrente che trova sulla rete il suo più favorevole brodo di coltura e, invece di cadere nel vuoto, riesce a reclutare  un’infinità di simpatizzanti  e sostenitori.

di Carla D’Agostino Ungaretti

.

zzzzfllQualche tempo fa, l’industriale Guido Barilla, produttore dell’ottima pasta che io mangio quasi ogni giorno, sollevò un gran polverone – alimentato da tutto il popolo LGBT che non esitò un istante ad inzuppare il suo pane in questa vicenda – per una sua affermazione a mio giudizio molto naturale e sensata, che non avrebbe certo avuto bisogno di essere riportata (e ancor meno con tanta enfasi) dai mass media, tanto era ovvia e scontata: quella di concepire la famiglia come l’abbiamo avuta tutti, composta cioè da un padre, da una madre e dai figli. Secondo me, aveva scoperto l’acqua calda.

Non l’avesse mai fatto! Fu sommerso da un autentico tzunami  di insulti e contumelie culminati nella pubblicità negativa fatta ai suoi prodotti (come se la qualità dei prodotti alimentari dipendesse dalle opinioni più o meno fondate del loro produttore, anziché dalla bontà degli ingredienti usati nella fabbricazione) da parte di tutti i vip dello spettacolo e della pseudo cultura mediatica dominante, sostenuti dal potente mondo omosessuale (che bisogna stare attenti a non contrariare), i quali  fecero un solenne giuramento: non avrebbero mai più consumato i prodotti di una marca che avesse subito una tale contaminazione. Come tutti sanno, terrorizzato all’idea di perdere i suoi affari (perché purtroppo il mondo moderno è capacissimo di provocare anche questo) il povero industriale fu costretto a ritrattare la sua bestemmia e a dichiarare di non avere alcuna prevenzione verso le famiglie omosessuali e arcobaleno.

Pochi giorni fa i celeberrimi e miliardari stilisti Domenico Dolce e Stefano Gabbana sono incorsi in un’analoga tòpica aggravata, nell’ottica LGBT, di essere essi stessi omosessuali notori e dichiarati, anche se ormai ex coppia: quella di credere nella famiglia tradizionale che, secondo la loro aberrante opinione, non dovrebbe subire mutazioni antropologiche e, tanto meno, dovrebbe procreare attraverso gli “uteri in affitto“. Anche in questo caso, orrore! L’intellighenzia internazionale è insorta, capeggiata dal cantante Elton John, gay e, in virtù dei suoi molti miliardi con i quali sfrutta le povere donne indigenti, pluricommittente di figli procreati con quel metodo. Alcune famose attrici hanno dichiarato che avrebbero subito buttato via i loro costosi abiti firmati D&G perché anch’essi contaminati dalle parole espresse dai loro creatori i quali, a loro volta, hanno dovuto innestare la retromarcia per non perdere lucrosi affari.

Secondo la povera cattolica “bambina” che scrive, il “mondo” sta perdendo il lume della ragione, non solo per il gravissimo problema di fondo – quello delle cosiddette “famiglie alternative“, che comincia a trovare udienza anche presso i cattolici “adulti” pronti a riconoscere un valore umano anche in quei legami che io, invece, non esito a definire “contro natura” – ma anche per le stupide e meschine ritorsioni  messe in atto dalla cultura corrente che trova sulla rete il suo più favorevole brodo di coltura e, invece di cadere nel vuoto, riesce a reclutare  un’infinità di simpatizzanti  e sostenitori.

Ma c’è una frase di Stefano Gabbana che mi ha dato molto da discutere con i miei amici cattolici “adulti”: “Che fossi gay mia madre lo venne a sapere da un telegiornale. Fu difficile all’inizio. Mi fece una scenata. Cosa dico alla vicina? Nulla, non dirle nulla mamma. E poi se amo un uomo o una donna che importanza ha per te? Lei mi guardò e poi mi disse: è vero, non ha nessuna importanza”[1].

Giorni fa, in un salotto, si discuteva l’articolo di Tommaso Scandroglio su questo argomento e tutti ammiravano l’equilibrio e la saggezza della Signora Gabbana. Quando toccò a me dire come mi sarei comportata in una situazione simile, puramente ipotetica, dichiarai senza mezzi termini che la mia reazione sarebbe stata molto diversa da quella della mamma in questione. Anzitutto non avrei fatto scenate al ricevere la notizia (tramite TV, o direttamente da mio figlio) ma avrei provato un grandissimo dolore, che gli avrei sicuramente manifestato, e “cosa dire alla vicina” sarebbe stato l’ultimo dei miei problemi, perché il primo sarebbe stato la triste constatazione che mio figlio amasse una persona del suo stesso sesso e questo fatto, per me, non sarebbe stato davvero privo di importanza come per lei, perché sarebbe stata la dimostrazione che la vita di colui che ho messo al mondo e che ho cercato di educare in senso cristiano al meglio delle mie capacità, scorre su binari lontani da quelli stabiliti da Dio per l’uomo e per la donna.

Ma ho fatto anche un’importante precisazione. Io non condanno affatto l’amore, la solidarietà, l’affetto tra due persone, anche dello stesso sesso, perché questi sentimenti, di per sé,  non sono mai da condannare. Se fossi stata sicura che mio figlio aveva un partner del suo stesso sesso, gli avrei sicuramente detto che Il mio dolore e la mia preoccupazione non avrebbero intaccato di un’oncia il mio amore per lui, la mia sollecitudine nei suoi confronti e la mia totale disponibilità ad aiutarlo in ogni suo problema, ma avrebbero intensificato le mie preghiere perché lo Spirito Santo lo illuminasse e lo avrei affidato alla protezione della Madre di Dio. Tuttavia, con altrettanta chiarezza gli avrei fatto conoscere la mia totale disapprovazione per il suo stile di vita, se questo avesse incluso l’omosessualità praticata, che sarebbe stato l’unico fatto della sua esistenza per il quale non avrebbe dovuto contare sul mio aiuto, e neppure avrei accettato di incontrare il suo partner in veste di membro della loro coppia, perché sarebbe stato come approvare e sostenere la legittimità di quel legame. Avrei rispettato le sue scelte di uomo adulto, ma avrei preteso altrettanto rispetto per le mie più profonde convinzioni. Quindi la mia divergenza dalla signora Gabbana sarebbe stata di 180 gradi.

Anche in questo caso, non l’avessi mai detto! Sono stata accusata di omofobia, di odio per il diverso, di integralismo cattolico (si badi bene: gli amici in questione sono tutti cattolici osservanti) di “giudicare”, di essere una cattolica pre conciliare (questo per me è stato un complimento). Mi è stato fatto osservare che, comportandomi in quel modo, avrei perso mio figlio (forse, ma questo eventuale ulteriore dolore sarebbe stato consolato dalla certezza di avere agito secondo la legge di Dio) e infine tutti hanno dato ragione a quel simpatico frequentatore della rete che qualche anno fa mi definì “parruccona”.

Poi la conversazione si spostò su un argomento diverso ma parallelo.  Come giudicare l’atteggiamento della Santa Sede che tergiversa nell’accettare, da parte della Francia, un ambasciatore dichiaratamente gay, anche se “celibe” e non legato da PACS? Nel linguaggio diplomatico usato dal Vaticano il silenzio significa rifiuto e attesa della proposta di un altro nome. Istintivamente ho esclamato: “Finalmente Papa Francesco si è deciso a correggere la sua nefasta affermazione: Chi sono io per giudicare …!”. Altra ondata di disapprovazione per la sottoscritta (come sempre, decisamente political uncorrect) anche se  formulata in termini affettuosi da tutti quegli amici di vecchissima data.

Ma signori miei: il Papa, capo di uno Stato sovrano, non ha il diritto di ammettere in casa sua solo chi gli torna gradito, come facciamo tutti noi nel nostro piccolo? E come può tornargli gradito un personaggio pubblico, dall’ampia visibilità, che non ha mai taciuto i suoi gusti, soprattutto avendo intuito che l’iniziativa di Monsieur le President Hollande aveva il fine, palesemente provocatorio,  di usare una storia privata, resa pubblica appositamente per forzare la mano del Pontefice e fargli allentare la dottrina cattolica sull’omosessualità? Qui non c’entra la misericordia (che viene continuamente tirata in ballo a proposito e a sproposito e della cui mancanza sono stata accusata) perché né io né tanto meno il Papa diciamo che M. Stefanini, l’aspirante ambasciatore, andrà all’inferno, ma è solo una questione di opportunità politica, oltre che di buon senso pastorale, e il Papa deve essere il primo coerente con se stesso e con la dottrina della Chiesa. Se il Papa cedesse alle pressioni francesi, si scatenerebbe una nuova ondata di esultanza da parte di tutto il popolo LGBT che riuscirebbe, una volta di più, a convincere le anime semplici che “gay è bello”, se lo stesso Papa accetta un ambasciatori omosessuale. 

Un tempo la Francia mandava i suoi zuavi a difendere i diritti e il prestigio del Papa, ora vuole mandare un omosessuale a provocarlo e a neutralizzarlo.  E’ il costume dei tempi.

La conclusione di questa mia chiacchierata è amara: i cattolici che si sforzano di rimanere fedeli al Vangelo e alla bimillenaria dottrina della Chiesa sono sempre meno numerosi e sono criticati perfino da ampi settori della Chiesa. Quei pochi che vogliono gridare dai tetti le loro convinzioni – in base ai principi democratici che nel XX secolo ci sono stati messi in testa con tanto sfoggio di retorica dalla cultura dominante – ora si vedono tappare la bocca da quella stessa cultura che contraddice se stessa. Il “nemico” ha ottenuto un doppio risultato: oltre a favorire la diffusione della secolarizzazione e del relativismo in tutta l’Europa un tempo cristiana, è riuscito a seminare la sua zizzania dottrinaria anche in mezzo ai cattolici osservanti che vanno a Messa tutte le domeniche e si accostano alla S. Comunione.

Nessuno sa cosa riserba il futuro ai cattolici che vogliono rimanere abbarbicati alla parola di Cristo; forse anche il martirio, come succede in certe parti del mondo in odium fidei, ma allora i secolaristi e i relativisti che ora dileggiano e irridono i cattolici, seminando confusione spirituale, dovranno anche loro guardarsi alle spalle, perché quei nemici di Cristo che perseguitano i cristiani non amano davvero il secolarismo e il relativismo che dominano l’Occidente e, se conquisteranno il mondo come si propongono, non andranno tanto per il sottile, né faranno tante distinzioni.

 .

[1] Cfr. Tommaso Scandroglio, Il caso Dolce & Gabbana, in CORRISPONDENZA ROMANA n. 1383 del 25.3.2015.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

17 commenti su “Qualche riflessione (con amare conclusioni) in merito ad alcuni recenti fatti di cronaca  –  di Carla D’Agostino Ungaretti”

  1. Carissima Cristina, la moralità NATURALE ormai si sta decomponendo.
    E questo significa che apriamo, spalanchiamo sempre di più le porte al MALE

    1. Carissima Carla, spero voglia scusarmi per avere scritto Cristina (ma successe un’altra volta?).
      Però alla prima occasione bacchetterò un pochino le mani dei carissimi di Riscossa Cristiana:
      perché non hanno corretto il mio evidentissimo errore????

      1. Dichiarazione di pubblico pentimento! E’ vero, l’errore era evidente, ergo mea culpa! Invoco a mia (parziale) scusante solo il fatto che i refusi – ne sono convinto – vivono di una malvagia vita propria, per cui si nascondono durante le correzioni e balzano fuori solo dopo la pubblicazione…

        Grazie, scusate e un abbraccio a Carla, a Paola B. e a tutti gli amici che ci seguono.

        Paolo Deotto

          1. Carla D'Agostino Ungaretti

            Non si preoccupatevi, carissimi Paola B. e amico Paolo! Non solo non mi sono offesa, ma vi ringrazio di cuore per avermi letta e per i vostri lusinghieri commenti. E’ la dimostrazione che abbiamo “un cuore solo e un’anima sola”!

  2. Siamo al punto che qualsiasi paese può attaccare il Papa e la Chiesa impunemente. E guai a chi osa opporsi. Che la Vergine Madre di Cristo ci protegga.

    1. “qualsiasi paese può attaccare il Papa e la Chiesa impunemente”

      Un paese che critichi la Chiesa dovrebbe essere punito?

  3. Mi permetta, Lei dice:
    “Io non condanno affatto l’amore, la solidarietà, l’affetto tra due persone, anche dello stesso sesso, perché questi sentimenti, di per sé, non sono mai da condannare.”
    Anche questo è un luogo comune inculcatoci dai media ad ogni occasione, in ogni trasmissione, giorno per giorno dai vari “te-lo-dico-io”.
    L’omosessualità, va detto, è un disturbo psicologico e, volendo, può essere curato, così come ha fatto Luca Di Tolve, ed altri come lui:
    http://www.bastabugie.it/it/articoli.php?id=3492
    Volendo, dicevo: il problema è che a loro piace… 🙂

  4. Gentilissima Carla, sono senz’altro d’accordo.
    Su un punto farei una precisazione: Lei pensa che l’industriale Guido Barilla abbia mancato di coraggio (diciamo così); io penso più probabile che sia stato vittima di intimidazioni e minacce e quella sua “retromarcia” sia stata fatta per difendere la sua azienda e i suoi dipendenti. Comunque siano andate le cose non sappiamo, in quanto è comprensibile che l’interessato non ne abbia dato spiegazione. Sono d’accordo comunque che è necessario che difendiamo la verità sul disegno di Dio riguardo la famiglia e la vita nascente senza compromessi e senza paura, con la certezza che il Signore è con noi e quello che per noi sarebbe impossibile, con Lui è possibile perché “nulla è impossibile a Dio” .

    1. Carla D'Agostino Ungaretti

      Gentile signora Paola, io non critico affatto Guido Barilla, se ha davvero ritrattato. Anche io forse avrei fatto così, se avessi dovuto difendere azienda e lavoratori. Ciò che mi indigna e mi indispone (Dio mi perdoni … !) è l’arrogante e ipocrita sicumera di tutto questo mondo LGBT che si sta imponendo anche presso i cattolici osservanti, dopo aver conquistato i politici e gli intellettuali, in barba a quei raggiunti valori e principi democratici per i quali è stato è stato tanto ipocritamente e retoricamente festeggiato il 25 aprile. E’ mai possibile che io non possa disapprovare ad alta voce l’omosessualità, le famiglie di fatto, gli “uteri in affito” et similia senza venire aggredita da tutte le parti? Questo sta succedendo in Europa e mi fa temere fortemente per il futuro. Grazie per avermi letto.

  5. molto amare conclusioni, ormai la creatura umana cammina nella liberta’ di coscienza, di relativismo di coscienza, ha l’anima non ci pensa piu’ nessuno, la fede quelle poche persone che la portano avanti piano piano vanno perdendola, ma nel Vangelo e’ stato profetizzato anche questo, il vecchio Simeone illuminato dallo spirito santo lo ha lasciato detto, questo bimbo e’ nato per essere il segno della contraddizione, molti si salveranno, e molti si perderanno, con le leggi divine immutabili non si scherza, ormai non c’e’ piu’ un controllo, milioni di bimbi che vengono uccisi per l’ aborto, unioni illecite, famiglie allargate, molti separati, molti si drogano, si suicidano, la cosa piu’ grave e’ che adesso stanno toccando la famiglia, i pochi figli che nascono, hanno la psiche compromessa, dovuta al cattivo esempio dei genitori, litigate, separazioni, senza fede, senza una regola senza niente, e poi tutti i cataclismi che stanno succedendo in natura
    SIA LODATO GESU’ CRISTO

  6. Resteremo in pochi a professare la Fede (almeno cerchiamo di professarla)? Pazienza, noi aspettiamo il ritorno del Salvatore, allora si faranno i conti, cattolici “adulti” compresi.

  7. Gentile Sig.ra Carla,
    condivido appieno la sua analisi e nel ricordare i vari interventi del dott. Gnocchi su questo stesso sito in cui argomenta su come si siano fatti una nuova religione, propongo di stanare uno ad uno su questi argomenti, i cosiddetti laici impegnati che militano in ogni parrocchia. Ex sagrestani, collaboratori d’ogni grado e tipo, consiglieri economici e parrocchiali, catechisti, diaconi e gli stessi parroci… si faccia loro sentire la nostra pressione… interroghiamoli sulle loro propensioni in argomento e forniamo dati sia sul come vanno le cose, sia su cosa ha sempre detto la Chiesa su questi temi. Don Stanzione, ancora su questo sito, ha fornito interessanti posizioni di santi e dottori della Chiesa… E’ in ballo il futuro dei bambini, della società, della fede…

  8. Sono d’accordo con Lei, Signora Carla, condivido anche le virgole. Il mondo vola basso, molto basso, purtroppo, e per questo chi gli si oppone è additato, dileggiato, ritenuto disumano. I nostri governanti non solo sono del tutto incapaci, ma nemmeno degni di questo nome e chi dovrebbe difendere i sacrosanti principi del cristianesimo, quelli che hanno fatto grande la nostra storia, riesce a malapena a balbettare. Si tende soprattutto a non presentare il male come male, piuttosto se ne addolcisce la sua valenza negativa trasformandola lentamente in positiva. Con questo satanico inganno il potere occulto che dilaga nel mondo crede di ottenere vittoria. Ma non ci riuscirà.
    Ricominciamo a recitare la preghiera a San Michele Arcangelo.

  9. E’ vero Sig. Giancarlo, rimarremmo in pochi a professare la fede, ma l’ importante e’ sempre mettere in pratica la fede con il buon esempio, l’ umilta’ la dottrina, il raccoglimento, cosi facendo molte creature vedono, meditano nella propria coscienza, nel cuore, nello spirito, e assorbono quello che mettiamo in pratica, dobbiamo riportare Gesu’ nella nostra vita quotidiana, e far capire alla gente che senza nostro Signore Gesu’ Cristo, non possiamo fare nulla, chi non e’ con me e’ contro di me, chi e’ contro di me, disperde, ci ha lasciato detto anche che: quando tornera’ sulla terra, trovera’ ancora la fede?
    SIA LODATO GESU’ CRISTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su