Quanto è facile denigrare un consigliere nel mese di agosto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Comunicato di Alberto Zelger, consigliere comunale a Verona

.

zzzlgrNel mese di agosto ho assistito a una bufera mediatica, con lo scopo evidente di denigrare il sottoscritto per aver proposto e fatto approvare dal consiglio comunale un ordine del giorno (odg 426 – CLICCA QUI) in difesa della famiglia naturale e contro l’indottrinamento omosessuale nelle scuole. Ciò è accaduto riportando soltanto le dichiarazioni dei consiglieri che hanno votato contro l’odg e di quelli che si sono sentiti accusare di incoerenza, a seguito della pubblicazione di qualche mia email riservata, senza dar voce ai consiglieri che hanno in maggioranza votato il provvedimento.

Sul merito dell’odg non si è scritto quasi nulla, mentre è chiaro che dietro di me ci sono migliaia di famiglie preoccupate per quanto sta accadendo in varie scuole italiane, dove ai loro bambini vengono proposti progetti educativi, spettacoli o materiale didattico, che mirano a familiarizzarli con i comportamenti omosessuali, ricorrendo anche alla pornografia e scavalcando il diritto dei genitori di educare i figli secondo le proprie convinzioni morali e religiose.

Mi hanno accusato di essere un integralista cattolico e di proporre la censura sugli insegnamenti scolastici; niente di più falso. Qui non si tratta di un principio religioso, ma semplicemente umano, che riconosce il valore fondamentale della famiglia naturale, formata dall’unione di un uomo e di una donna, così come l’hanno riconosciuto tutti i popoli da almeno 4000 anni; un principio fatto proprio da tutte le religioni, ma ad esse preesistente. Solo le dittature hanno osato metterlo in discussione, imponendo ai bambini un’educazione di stato, come Hitler con la superiorità della razza ariana o Stalin con l’ateismo di stato. E poiché in molte scuole italiane si sono verificati degli abusi, è del tutto legittimo che i genitori siano preoccupati e che la politica si schieri in loro difesa.

Sulla scelta di invitare i miei amici a farsi sentire, scrivendo alla stampa e ai consiglieri comunali, devo dire che si tratta di una prassi molto comune tra coloro che condividono un obiettivo, facciano essi parte di qualche comitato o meno. Ciò rientra nel diritto di ogni cittadino di manifestare le sue opinioni esercitando pressioni politiche anche tramite gli strumenti della comunicazione elettronica. Questa strategia è per altro molto utilizzata su internet nei confronti di parlamentari italiani ed europei e non può essere confusa col “mail bombing”, che ha come unico obiettivo quello di bloccare la casella elettronica del destinatario. Chi ricopre un incarico elettivo non può sottrarsi a queste comunicazioni; io stesso ricevo molte email da vari cittadini.

Le email che mando ai miei amici sono tutelate dalla privacy, così come ogni scambio epistolare cartaceo o informatico. Il fatto che qualche mia email sia stata inoltrata alla stampa è di fatto una violazione della privacy. Non so se la pubblicazione di ampi stralci delle mie email personali costituisca un reato (in tal caso mi riservo di agire legalmente contro i responsabili), ma è certamente un comportamento deprecabile, così come lo è la velata accusa di “cospirazione” avanzata in qualche articolo di stampa. L’attività di informazione e coordinamento di più persone, al fine di esercitare pressioni politiche sugli organismi elettivi, è una normale modalità operativa di tutti i comitati e gruppi spontanei, che, condividendo gli obiettivi, definiscono strategie e iniziative scambiandosi email senza che questo debba essere considerato una cospirazione, come certi giornali hanno insinuato sul mio conto, parlando delle “email segrete” di Zelger.

Tutte le informazioni inviate dal sottoscritto ai suoi amici tramite email, in merito all’odg 426, sono di dominio pubblico, in quanto reperibili sul sito del Comune di Verona o comunque note alla cittadinanza; non si configura quindi al riguardo alcuna violazione da parte mia delle norme sulla privacy, come qualcuno ha dichiarato sulla stampa

Alcuni consiglieri hanno espresso pubblicamente la loro indignazione per le mie valutazioni critiche su di loro, espresse nelle mie email riservate, poi pubblicate sui giornali, arrivando persino a minacciare azioni penali e chiedendo la mia espulsione dal consiglio comunale. Fermo restando il mio diritto di critica e di condivisione epistolare con gli amici, la pubblicazione di queste valutazioni non è imputabile al sottoscritto, ma a chi ha trasmesso alla stampa le mie email riservate e a chi le ha poi pubblicate, violando il segreto epistolare. L’unico comunicato, che ho trasmesso finora alla stampa, dopo l’approvazione dell’odg in questione, non contiene alcuna critica di questo tipo. Viene comunque il sospetto che le persone oggetto di critica si siano infastidite, perché ho evidenziato la loro incoerenza tra quello che dicono e quello che fanno: c’è chi firma un documento e al momento del voto se ne va a casa; e c’è anche chi, a parole dice di seguire gli insegnamenti della Chiesa (Catechismo Chiesa Cattolica n. 2357 e seguenti), ma nei fatti dimostra fedeltà più al partito che alla Chiesa, peggio di quanto fecero il 18 luglio 2013, quando si discuteva l’ordine del giorno 279/2013 sui diritti degli omosessuali, e tre consiglieri del PD, anziché dichiarare la loro contrarietà alla “linea del partito”, preferirono uscire dall’aula all’inizio del dibattito. Si invoca tanto la trasparenza e poi non si accetta che i cittadini sappiano certe cose, al punto che si rinvia a notte fonda il dibattito sui temi sensibili, per non far sapere ai cittadini come la pensano i singoli consiglieri. Invano chiesi all’assemblea il 23 luglio scorso di invertire l’ordine dei lavori, anticipando la discussione dell’odg 426; c’era tanta gente sulla balconata che avrebbe voluto seguire il dibattito, ma le fu negato. L’odg fu discusso dopo mezzanotte, assegnando solo 3 minuti all’intervento di ogni consigliere.

Un’ultima osservazione sull’interrogazione parlamentare del senatore Lo Giudice, le cui contestazioni mi sembrano del tutto prive di fondamento. Mi chiedo perché i giornali, così pronti a pubblicare le email riservate del sottoscritto, abbiano taciuto quanto ho appreso recentemente da facebook, e cioè che detto senatore, eludendo la legge italiana, è andato all’estero col suo compagno per produrre un figlio a pagamento, affittando l’utero di una donna e strappando il bimbo dal suo grembo subito dopo la nascita. Per contrastare questa nuova forma di schiavitù, verso la quale sta andando anche la società italiana, mi auguro che tanti politici abbiano il coraggio di difendere questo nucleo fondamentale di verità, che avvolge la vita e la famiglia, a prescindere dalla loro appartenenza partitica.

.

Alberto Zelger

Consigliere comunale

Verona, 19 agosto 2014

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Quanto è facile denigrare un consigliere nel mese di agosto”

  1. Quello di Zelger è un comportamento esemplare, soprattutto perché argomenta con ragioni di ordine razionale, sulla base del diritto naturale (che è nella coscienza ditutti, anche di quelli che a parole lo negano, per insensatezza o per motivi ilnconfessabili).. Prendano esempio i laici impegnati nella politica e nelle amministrazioni locali: meno clericalismo e più coscienza civile!

  2. Comè stato consolante leggerla, gentile Sig. Zelger!
    Vorrei anche che si avverasse quanto scrive Antonio Livi riguardo a quanti sono
    impegnati in politica, cattolici e non cattolici, cioè persone “ragionevoli”..

    GRAZIE a voi e anche a Riscossa Cristiana, che è una benedizione del Cielo.

  3. natale del grande

    Esprimo al SIg. Zegler la piena solidarieta’ e la mia ammirazione per la sua tenace, coraggiosa ed efficace testimonianza. Conosco perfettamente quanto costi uscire dal coro informe e di cosa siano capaci coloro che ne fanno parte. Sono anni che attendo il mese di Agosto e le mie ferie con ansia, in parte “rovinandole” anche alla mia famiglia, perche’ c’e’ sempre chi approfitta della mia assenza per distruggere ed infangare. Ho condotto una lotta furente, anche sulla stampa, per difendere un diritto fondamentale (come quello di esprimere il proprio credo religioso) di un dipendente di una grande azienda che tanto aveva “osato”! L’azione disciplinare contro questa persona e’ stata ritirata. Coraggio Sig. Zegler, forse non abbiamo una vita traquilla ma, in fin dei conti, quella che abbiamo dobbiamo spenderla, con l’indispensabile aiuto di Nostro Signore e di Sua e nostra Madre, per cause giuste, proprio come sta facendo lei.

  4. natale del grande

    Dimenticavo, Sig. Zelger, a proposito della fuga delle email, …..prendiamo atto che…non abbiamo molti amici!! A volte i traditori sono molto vicini!!

  5. Caro Zelger, ti ho ringraziato e dato solidarietà alla redazione dell’Arena, augurandomi che altri Consigli Comunali seguano l’esempio di Verona. Grazie di nuovo. G.Z.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su