Quei figli di un dio minore che la storia ha dimenticato. Il comunismo in bianco e nero – di Emanuele Ricucci

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Emanuele Ricucci

.

Echi lontanissimi, in tempi di caccia alle streghe, di legge Fiano. In tempi di negazione e rivalutazione storica superficiale. Di fragilità infantile, in cui spaventa un accendino con la faccia di Mussolini. Echi lontanissimi. Così rarefatti da sembrare un’orribile favola. Un incubo, una carezza distratta e ricomincia di nuovo il sonno profondo. L’eterno sonno della dimenticanza. Echi lontani, come le voci di Palden Gyatso, monaco tibetano che per ben 33 anni ha subito ogni sorta di vessazione fisica nelle galere cinesi, perché “il Tibet appartiene ai tibetani”. O come quella, tra follia e regime, di Andrea Bertazzoni, comunista italiano che nel 1932 emigrò in Russia per sostenere, col suo lavoro, l’affermazione del socialismo, producendo Gorgonzola; le striature verdi nel formaggio risultarono come veleno agli occhi di un funzionario di Stalin e Bertazzoni fu accusato di “sabotaggio social-fascista e congiura trotzkista”, con relativo arresto e condanna a morte, poi scampata.

Cos’è stato il comunismo? Solo una visione del mondo e della società? Purtroppo il socialismo reale non si è fermato qui. A raccontare la lunga marcia di morte del comunismo, storia di vittime e sparizioni, di gruppi etnici cancellati, di silenzi, ci ha pensato Lodovico Ellena – ricercatore storico e collaboratore di riviste universitarie e filosofiche – con il libro Il comunismo in bianco e nero (Solfanelli, pp.144, 12 euro). Storie minori, agli occhi degli uomini, come quella di un ragazzo cinese che nel 1989, ben tredici anni dopo la morte di Mao, fu condannato a trent’anni di carcere per aver imbrattato di fango la faccia del Grande Timoniere impressa su un cartello. Echi. Solo alcune voci. Troppo poche per arrivare alle 85-100 milioni di vittime sacrificate nel mondo sull’altare del comunismo – «cifre ampiamente accettate – ricorda l’autore – anche da buona parte degli ambienti culturali di sinistra» -. Tra le pagine, quei figli di un Dio minore che non hanno meritato la giustizia del ricordo. Ancora sotto i ghiacci della Siberia o terra per vermi nelle campagne del nord Italia. Completo e particolarmente efficace il lavoro di Ellena che è il risultato di una lunga ricerca e raccolta di materiale, documentazione e testimonianze che raccontano le dinamiche di potere nei Paesi “rossi” e la metamorfosi violenta del comunismo mondiale: dalla «distruzione della moralità, della famiglia cristiana», dello Stato, portando gli operai all’amore per il  disordine, secondo Togliatti in una lettera del 1947, alla firma di Stalin, nel 1937, delle liste di condanna con 44mila nomi; tra il ‘37 e il ’38, in Russia, gli arrestati furono ben sette milioni, di cui un milione furono fucilati e altri due milioni morirono nei lager. Un lavoro, quello dell’autore, che nasce dalla lettura di testi abbandonati all’oblio, in cui sono stati quasi maniacalmente collezionati frammenti di quotidianità dei paesi comunisti. Si tratta dunque prevalentemente di notizie minori. Un giro del mondo e del tempo: dai massacri del comunismo cinese – di ieri e di oggi: nel solo anno 2000, in Cina sono state eseguite oltre mille condanne a morte –, a quello russo dei gulag; dalle macellazioni dei partigiani titini della ex-jugoslavia, passando per l’Albania, la Cambogia, la Romania, Cuba e molti altri, fino al caso Italia, tra togliattismo e spontaneismo armato.

Un viaggio sociologico, storico e letterario, racchiuso in una struttura narrativa diretta e fluente. A qualcuno farà male la memoria, eppure nessuno potrà venirci a dire che si è trattato soltanto di un brutto sogno, poiché «i fatti non cessano di esistere perché vengono ignorati», per dirla con Aldous Huxley. Che ne penserà di tutto questo il più doroteo e “migliore” dei mondi possibili, impegnato in mille cause umanitarie?

.

fonte: Il Giornale 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Quei figli di un dio minore che la storia ha dimenticato. Il comunismo in bianco e nero – di Emanuele Ricucci”

  1. I comunisti nostrani dicono che in Italia non abbiamo avuto un regime comunista ma che grazie ai comunisti si è liberata l’Italia dal fascismo e poi con altre forze politiche hanno fatto crescere la democrazia in Italia. Però bisogna ricordare a questi signori che se nel 48 avesse vinto il polo progressista guidato da loro, l’Italia sarebbe passata dalla dittatura fascista a quella peggiore comunista e la provac di questo è che in tutto i paesi comunisti ci sono state dittature criminali con genocidi; per cui perché in Italia sarebbe stato diverso, dato che loro e seguivano le direttive di un paese straniero come l’ex URSS?

  2. Verrà mai un giorno dedicato ai milioni e milioni di vittime comuniste? Potremo mai vedere il volto, conoscere il nome di qualcuno dei milioni di contadini morti nelle desolate plaghe della Siberia, fatti morire di fame in Ucraina(Holodomor), nel Kuban, nel Caucaso,potranno essere onorate le 100mila fosse comuni ritrovate? Si cesserà di ostacolarne la memoria? Quando le isole Solovkij tragico seme del Gulag, saranno conosciute come il luogo santo emulo di una Aushwitz più efferata? Quando saranno conosciuti i nomi e la poesia di una Achmatova, di un Mandel’stam. e di innumeri altri poeti o la figura del prete e sommo scienziato Florenskij, onore della Russia intera, buttato in una fossa comune a Leningrado con centinaia di compagni di sventura delle Solovkij? Riuscì il liberale Krushev nella promessa di mostrare in TV l’ultimo Pope? od anche l’ultima delle icone, la cui sacra bellezza era degno uscio per le latrine, e i sacri arredi, le sacre urne, buglioli deposti sugli altari? Questo e molto altro seppero fare gli uomini “per il bene e la giustizia e per il loro riscatt

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su