SUPERATE LE 6 MILA FIRME IN POCHISSIMI GIORNI PER CHIEDERE LE DIMISSIONI DI PADRE VOLPI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Sono già oltre 6 mila le firme raccolte -e raccolte in pochissimi giorni!-, per chiedere le dimissioni di Padre Fidenzio Volpi dal suo incarico di commissario dei Francescani dell’Immacolata… Vai alla pagina di Corrispondenza Romana CLICCANDO QUI

 

ffix

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “SUPERATE LE 6 MILA FIRME IN POCHISSIMI GIORNI PER CHIEDERE LE DIMISSIONI DI PADRE VOLPI”

  1. Ariel S. Levi di Gualdo

    Mi domandavo e quindi domando a chi si è occupato della raccolta di firme: tra questi cinquemila firmatari, quante firme di preti e di religiosi ci sono?
    Che so … il 10% il 15%, forse anche il 20% …
    A rigor logico dovrebbero essercene in alto numero, perché nessuno come noi preti è bravo a predicare il coraggio e l’eroismo sulla pelle degli altri e a difendere chi ingiustamente è stato colpito e oppresso, soprattutto quando si tratta di difendere persone che hanno patito ingiustizie dieci o venti secoli fa …
    Certo, esistono anche oggi persone che patiscono ingiustizie, ma la “prudenza” richiede, prima che si ci possa esprimere, tempi molto, molto lunghi.
    Comunque fatemi sapere, perché la cosa m’interessa.

  2. Anch’io mi sono chiesta quanti religiosi ci siano fra tutti i firmatari. Credo pochi. Il problema è il clima staliniano che vige in questa chiesa conciliare. Tutti hanno paura di affrontare queste persone che goverrnano la chiesa. Eppure quanti religiosi coraggiosi ha avuto Santa Madre Chiesa nei suoi 2000 anni di vita? Quanti Santi Papi? Che cosa è successo? Dov’è andata a finire la Mia Amata Chiesa?

    Si pensi che l’ordine serafico dei Frati dell’Immacolata ricevette un bel “regalino” già nel 2005.

    I FRANCESCANI DELL’IMMACOLATA CACCIATI DAL SANTUARIO DI CASTELPETROSO (IS)

    http://www.unavox.it/ArtDiversi/div026.htm

    Dopo la loro dipartita le cose ( ovviamente) sono peggiorate.

    Mi chiedo e chiedo, questo silenzio e sottomissione dei Frati ad ordini ingiusti, che frutti ha prodotto nel frattempo dal 2005 in poi? E ai fedeli tutti tristi ed abbandonati chi ci pensa? Ah, si certo che diamine…. esiste la gospa, migliaia e migliaia di conversioni. Quello che non possono i Frati lo fa la gospa. Eppoi quando questi nuovi Frati commissariati saranno divenuti come i ribelli al loro interno il sole su di loro ritornerà a splendere. Nel frattempo le pecorelle non possono più aspettare, la guerra del quotidiano si fa giorno dopo giorno sempre più dura.

    Non sarebbe il caso che fossero anche i frati stessi ad alzare le loro voci e cominciare a resistere di fronte a ordini e maltrattamenti ingiusti? Non lo farebbero solo per se stessi ma prima di tutto per la Fede e il Gregge di Cristo. Se sono consapevoli del danno che questo esecrabile commissariamento stà producendo, perchè non cominciare ad agire? Al punto in cui siamo in una chiesa conciliare dove è rimasto solo l’involucro (e qualche rara perla sparsa un po’ quà e un po’ la e manco a dirlo insufficiente) si può dire aspettiamo soffriamo e preghiamo in momenti nei quali bisogna agire con atti concreti?

    Perchè non cominciano a far sentire la loro voce assieme a quelle dei coraggiosissimi laici che li stanno difendendo? Io se fossi uno di loro, non ci penserei due volte… mi cacciano? Bene vado da un’altra parte e da li combatto. E’ questo che continuo a non capire…… L’obbedienza muta, cieca e il sorriso alle calamità, non riguarda solo le loro persone ma tutta la Chiesa.

    Nel frattempo quel Santuario da dove sono stati cacciati, si è un po’ trasformato …..

    http://www.unavox.it/FruttiPostconcilio/NuoviPreti/CastelpetrosoAttoII.htm

  3. Attenzione ai normalisti! Un distinto signore, il cui sito pure si intitola alla Tradizione, pubblica con solerzia i comunicati del nuovo vertice del FI e stigmatizza con virtuosa indignazione l’idea di chiedere la revoca di chi è stato nominato dalla S. Sede.

    1. Nel web, vi sono una miriade di blog gestiti da signori/e che pur non essendo affatto difensori della Tradizione quella vera, si spacciano per tali, idem per certi sacerdoti…..

      Guarda caso ne ho scovato uno e (sempre guarda il caso) costui, ha pubblicato lo stizzito comunicato stampa di quei frati (che ora hanno in mano l’Ordine) in difesa del commissario Volpi …aggiungendo il suo pensiero…..

      ” Ben hanno fatto i Frati a diffondere questo Comunicato Stampa anche perchè nella Santa Chiesa nessuna organizzazione laicale o anche religiosa non può ne’ deve promuovere ” raccolte di firme” per far revocare un incarico ad un Ecclesiastico designato dalla Santa Sede ! ”

      http://traditiocatholica.blogspot.it/2013/12/francescani-immacolata-ovvio-comunicato.htm

      Ullala’ … che lezioncina….. questo si, è parlar chiaro!!

  4. don MUGUREL DOREL PUIA

    L.I.Ch. et M.!
    Sono uno dei firmatari sacerdoti della petizione. Sottoscrivo al commento di Ariel S. Levi di Gualdo anche perchè questo vantato Concilio Vaticano II sottolinea che l’obbedienza nella chiesa deve essere vissuta secondo la Verità, non cecamente e pieni di paure e terrorizzati da una certa interpretazione ed imposizione autorista della Gerachia! Comunque cio che succede ai Francescani dell’Immacolata ci indica che l’ala progressista-massonica infiltrata nella chiesa (che si vuole venerata perenemente anche nei monumenti gnostici come quella chiesa sincretistica che inghiotisce oggi le Sante Spoglie di Padre Pio!) sta esaurendo i metodi psico-social-ecumenistico-ideologico-…(e cosa volete aggiungere) – manipolativi aparentemente pacifici su tutto il popolo cattolico! Si stanno compiendo le profetiche parole di San Paolo che ci dice che la “scienza (mondana) finirà” e che “neppure il futuro […] (visto come realizzazione di un’umanità e civilizzazione senza Cristo e la Saqntissima Trinità) non ci separerà dall’Amore di Cristo”! IL PADRE FIDENZIO VOLPI NON è STATO FORSE VICINO ALLA CAUSA DI BEATIFICAZIONE DI PAPA PIO IX (se mi sbaglio, correggetemi)? E L’ORDINE CAPUCCINO NON CUSTODISCE LE SANTE SPOGLIE DEL PAPA DELL’IMMACOLATA? Per me è molto strano cio che succede tra due importantissimi rami dello stesso Serafico Ordine Francescano! Lo spirito di Giuda Iscariota striscia tra i figli del grande San Francesco senza paura della Luce forse perchè qualcuno dell’autorità petrina degli ultimi deceni la sta spegnendo… E associare a San Benedetto tutto cio con la simbolistica del 11 luglio come data inizio commissariamento… Forse don Ariel Levi ci aiuterà a capire come satana si fa non solo trino, ma anche santo con l’aiuto di certi infiltrati nel sacerdozio cattolico ai più alti vertici…!? Comincio ad associare questo fenomeno, come frutto e continuità, ai piani mai fatti completamente pubblici di questa ala modernista stipulati all’incontro di Frascatti, convento dei cappuccini, prima del Conclave del 1963 che portò Paolo VI alla soglia di San Pietro. Spero di sbagliare… meglio sbagliare… perchè s’è qualcosa di vero in tutto cio… sperimenteremo non solo il “fumo di satana” ma anche la sua schiavitù eretica e sacrilega, come siamo avvertiti da Fatima!
    Ossequi
    don +germoglio

  5. Vinicio Catturelli

    Ha ragione Giustina: pullulano i siti o i blog che si spacciano per tradizionalisti e pubblicano i comunicati o i commenti di Giuda Iscariota e di p. Robespierre Rubagalline da Volpinaia; anch’io ho notato quello che segnala Giustina, gente che stupidamente e gay-amente straparla e vomita idiozie. Bisogna stare attenti perché molte volte l’imbecille è il cavallo del Diavolo…stare alla larga da questi elementi del folklore, delle patacche, del fondotinta e delle parrucche…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su