REPETITA IUVANT. L’ITALIA NELLA MORSA DELL’USURA INTERNAZIONALE – di Piero Nicola

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Piero Nicola

 

 

Quello che sto per dire non è nuovo. È stato esposto puntualmente, con competenza e chiarezza. Ciò non toglie che sia di tale importanza, e che smascheri un raggiro, un sopruso così epocale, per cui ritengo valga la pena ripresentarlo. Osservare un fatto da una diversa prospettiva dovrebbe renderla più evidente; rinfrescando la memoria, questa potrà restare meglio impressionata della cosa, e la mente potrà meglio capacitarsene.

Il cappello è eccedente quanto un sombrero in inverno? Pazienza. Vengo a bomba.

usuraDopo più di vent’anni che un debitore rilascia titoli di credito a creditori che gli danno fiducia in ragione del suo patrimonio, egli si vede circondato da soggetti concordi nell’alzare gli interessi, intesi cioè a pretendere interessi eccessivi. Vedendosi in mano agli strozzini, il poveraccio come si regola? Forse che si rassegna a mettersi nelle mani dei disonesti, talché il suo debito cresca tanto che, a breve termine, il capitale non basterà più a garantirlo come solvibile, e andrà incontro al fallimento? Soltanto un vile suicida consentirebbe a un simile esito nefasto. Di fronte alla congiura, egli ha ogni diritto di difendersi, di ricorrere alla legge che lo tutela.

Ovviamente l’ipotesi è assurda. Chi dispone di beni sufficienti trova chi gli faccia credito a un tasso ragionevole. Alla mala parata, vende il suo e salda il debito.

La condizione di questo tale assomiglia parecchio a quella dello Stato italiano. Non c’è motivo che esso si faccia condurre alla bancarotta da una congiura di prestatori di denaro, che sono banche estere. Invece, l’Italia sta supina davanti a un destino segnato, e finanziariamente è già sul punto di non ritorno. In pratica, i banchieri stranieri esigono un interesse di circa il 6%, quando essi pagano ai loro clienti, piccoli o grossi, in una forma o nell’altra, neppure l’1%.

Ci sono paroline garbate per definire siffatta porcheria? Domanda retorica.

Allora come procedere con onore e avvedutezza? I provvedimenti non mancano. Stiamone certi.

Abbiamo chi indica l’uscita dalla trappola famigerata dell’euro. Tanto più che, a quanto pare, il mastodontico fronte finanziario che dirige la borsa, il mercato, vuole affondare la valuta europea, a vantaggio del dollaro. E se anche il fine non è così assoluto, il pericolo esiste. Abbiamo, poi, chi raccomanda la vendita dei buoni del tesoro agli italiani; s’intende con un costo per lo Stato affatto normale, e magari con un prestito forzato, essendo gli italiani duri di comprendonio e meritevoli di questo trattamento. A mali estremi estremi rimedi.

Insomma, c’è il sistema per togliersi il cappio dal collo. Quindi, se i professori, che si sono accomodati sulle sedie curuli governative, non operano nulla del genere, ma anzi aggravano la situazione prendendo più denaro ai cittadini per pagare gli usurai, e determinano così la recessione (minori consumi, aumento dei costi e dei prezzi, aumento della disoccupazione, dell’inflazione, miseria crescente) e l’insolvenza statale, come dobbiamo qualificarli?

Suggerire gli epiteti sarebbe offendere le intelligenze. Ma, poiché sembra che i più stiano incredibilmente tranquilli, ossia inerti, abbindolati da Monti & Company, ripeto che conviene rivolgere per bene la nostra attenzione sulla novità piovutaci sulla testa, e impegnare le nostre forze per avere soddisfazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su