RIFLESSIONI DI UN SOMARO SULLA SITUAZIONE POLITICA ITALIANA – di Rita Bettaglio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Rita Bettaglio

 

Preciso che in materia d’economia definirmi somaro è un eufemismo, chè i somari, degnissimi animali, sgobbano tutto il giorno e si guadagnano umilmente la pagnotta. Io d’economia capisco più nulla che poco.

Come tutti sono stata travolta dallo tsunami che ha investito l’Italia e sono rimasta sconcertata. Anche cercando di rifletterci con calma, mi manca sempre qualche pezzo per comporre il puzzle della situazione.

Un tempo si diceva: “Fermate il mondo: voglio scendere!”. Io, come tanti vorrei poter dire così, perchècaos monetario quello che è successo in Italia in queste ultime settimane mi appare spropositato e irreale. Ma in ballo ci siamo e ognuno deve fare la propria parte, compresa quella del più aperto dissenso a questo governo-inganno.

E’ possibile che improvvisamente tutto sia crollato per far posto a un nuovo messia, sceso dal colle con ovazioni oceaniche: Mario Monti? Tutti l’osannavano il primo giorno, alcuni obtorto collo. Sì, perchè io sono e resto convinta che chi si è dimesso lo abbia fatto davvero perchè messo alle corde, ma non dai quaquaraqua locali, ma da chi ce l’ha con l’Italia tout court, da chi vuole governare l’Europa e ridurre al silenzio quei pochi paesi, caso strano di tradizione cattolica, che osano alzare la testa, difendendo le radici cristiane di quel fantoccio in cui l’Europa si è trasformata. E non solo le radici cristiane, ma la vita, dal concepimento all’ultimo respiro, perchè essa è un dono e non un possesso da bistrattare a proprio piacimento.

Chi ha sospeso la democrazia, infischiandosene del risultato elettorale ha una grandissima responsabilità. Conosciamo il soggetto e ce lo potevamo aspettare. Invece di elogiare Gianni Letta come si fa con un defunto, nella bara e già in decomposizione, avrebbe dovuto dargli l’incarico di formare un nuovo governo che rispettasse le scelte chiaramente espresse dagli elettori.

In rete sta girando un coraggioso discorso del britannico Nigel Farage, che ripropongo.

http://www.youtube.com/watch?v=03BoaqGIu6I

Ma poiché credo che Dio esista e sia il Dio incarnato nella storia dell’uomo, cerco di comprendere perchè abbia permesso tutto questo. Sul fatto che Nostro Signore permetta sciagure simili e anche peggiori, per darci una svegliata, non ci piove. “Svegliati, o tu che dormi!”, diceva san Paolo. Che sia il momento di farlo, a livello personale e comunitario? Come?

Primo: pregare incessantemente, come da sempre chiede la Madonna, per la nostra Italia e l’Europa tutta. Secondo: organizzare le forze per avere quanto prima la restituzione della democrazia e libere elezioni.

Non sarà facile, ma sappiamo che si può fare. Sursum corda.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su