Russia: prove tecniche di Rivoluzione colorata – di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

LA “BRUTALE REPRESSIONE”
15 giorni di carcere e 300 euro di multa. Questa è la pena che il “brutale e repressivo regime di Putin” ha inflitto al dissidente Alexey Navalny per aver organizzato, qualche giorno fa, una decina di manifestazioni non autorizzate in altrettante città russe. Una pena minore di quanto si sarebbe preso in Italia per lo stesso reato.
Difficilmente però da noi gli avrebbero consentito di attendere in tribunale la lettura della sentenza, facendosi selfie con il telefonino e twittando ad uso e consumo del mainstream occidentale: “Ciao dal tribunale di Tver verrà un giorno in cui saremo noi a giudicare loro (ma lo faremo onestamente)”; tutto sommato sembra trattato meglio che a Guantanamo.

I dati ufficiali parlano di centinaia di arresti che hanno provocato l’indignazione internazionale, la reazione della Casa Bianca e dei governi europei. L’imperturbabile Federica Mogherini, a nome dell’UE, ha chiesto “il rilascio senza indugi dei dimostranti pacifici che sono stati imprigionati”.
Non ricordo richieste simili della Mogherini e dell’Unione Europea quando nell’Aprile del 2016, Obama fece arrestare in una sola mattinata 400 manifestanti pacifisti che protestavano (non autorizzati) davanti a Capitol Hill.

Per capire lo stato di repressione poliziesca in Russia, guardate questa foto (a destra): ritrae un gruppo di manifestanti anti-Putin appena arrestati  tutti sorridenti e gioiosi della missione compiuta. Da notare i segni delle violenze subite ed il terrore nei loro occhi. Come? Non li notate? Impossibile, allora che regime brutale e poliziesco è?

Ora, se archiviamo per un attimo l’ennesima fake news partorita dai media proviamo a concentrarci su chi è veramente Alexey Navalny, sbandierato in Occidente come l’uomo che può sfidare Putin. Per farlo dobbiamo fare un passo indietro.

SOLDI USA? SI! (DA!) 
È il 30 novembre del 2006 quando dall’ambasciata americana di Mosca viene inviato a Washington un documento classificato come “Riservato”.
Il documento è redatto da Colin Cleary, allora Capo dell’Unità politico-militare dell’Ambasciata. Cleary è un diplomatico affidabile e attento studioso delle dinamiche politiche; non a caso si è specializzato al Rockfeller College of Pubblic Affair dell’Università di Albany, centro di formazione e consulenza per i governi federali e stranieri.
Il suo report è un resoconto accurato e analitico dei movimenti politici giovanili attivi in Russia raggruppati per macro categorie: gruppi con base ideologica (nazionalisti, comunisti), gruppi xenofobi (skinheads e organizzazioni estremiste), gruppi sponsorizzati dal Cremlino e gruppi democratici, quelli maggiormente attenzionati dall’ambasciata perché utilizzabili per una “rivoluzione arancione”. Tra questi ultimi una particolare citazione merita il movimento “DA!” (che in russo significa “SI!” ma che è anche l’acronimo inglese di Democratic Alternative) come scrive Cleary, finanziato dal National Endowment for Democracy (NED).

NED è “una Fondazione dedicata alla crescita e al rafforzamento delle istituzioni democratiche in tutto il mondo” e finanziata “in gran parte dal Congresso degli Stati Uniti” come si legge nel suo sito.
L’obiettivo di NED è “promuovere la crescita di istituzioni democratiche all’estero, compresi i partiti (…) per favorire “cambiamenti politici”…cioé “regime change” e/o rivoluzioni colorate.
Quindi, Alternativa Democratica è un’organizzazione politica giovanile russa finanziata direttamente dagli Stati Unitie chi ha fondato un anno prima questa organizzazione? Proprio Alexey Navalny.

CHI È MAURICE GREENBERG?
Facciamo un salto di 4 anni e andiamo in America e per la precisione alla Yale University.
Qui nel 2010 Navalny compare come partecipante al Maurice Greenberg World Fellow Program.
E che cos’è? È un corso molto particolare in cui ogni anno, una decina di giovani di tutto il mondo vengono selezionati “con lo scopo di coltivare una rete di leader a livello mondiale impegnati a rendere il mondo un posto migliore”.

Per capire cos’è il Maurice Greenberg Program, bisogna sapere chi è Maurice “Hank” Greenberg, una delle personalità più emblematiche del sistema di potere tecnocratico americano. Per quasi 40 anni è stato Ceo e poi anche Presidente di AIG (American International Group), una delle più importanti società assicurative e finanziarie del mondo, dove era entrato su chiamata diretta del fondatore Cornelius Starr, uomo dell’OOSS.
Nel 2005 ha lasciato il suo ruolo manageriale, travolto da un gravissimo scandalo di frode finanziaria (cosa non bella per chi vuole formare l’élite democratica mondiale).

Per decenni è stato l’uomo di collegamento della Cia sopratutto in Asia dove l’attività di AIG è particolarmente presente: dal Presidente filippino Marcos ai leader cinesi, Greenberg è stato l’uomo che ha aiutato la Cia e il Dipartimento di Stato a sciogliere i nodi delle relazioni internazionali, a costruire le reti di contatto e a definire strategie.
Nel 1983 sul New York Times, l’allora Direttore della Cia William Casey, rivelò che Greenberg era uno dei consiglieri ombra di sua fiducia; cosa che lo mandò su tutte le fuori perché il suo ruolo è sempre stato quello di operare dietro le quinte dove il vero potere agisce. Questo fu il motivo per cui Greenberg rifiutò la Direzione della Cia offertagli da Ronald Reagan.

Greenberg è anche Membro della Commissione Trilateral, frequentatore assiduo del Circolo Bilderberg (qui nell’elenco dell’edizione 1989 e qui nel 1990 insieme a Prodi e a Soros), vice-Presidente onorario del Council on Foreign Relations (uno dei più influenti think tank legati all’apparato Cia-Nato), consigliere della Rockfelller University e detentore di una decina di altre cariche.

Insomma Greenberg è uno dei Maestri d’Ombra dell’élite mondialista, uomo di quel sistema tecnocratico e finanziario che è impegnato a diffondere democrazia e interessi geo-economici.

Ora si capisce meglio la natura del Programma formativo della Yale University da lui voluto e a cui Navalny ha partecipato: creare in laboratorio i leader del domani in tutti i campi possibili (dalla politica, all’economia, alla cultura), costruendo una rete di collegamento globale funzionale agli interessi del sistema tecno-finanziario made in Usa.

RICAPITOLANDO…
Ricapitolando, Alexey Navalny è un dissidente anti-Putin che fonda in Russia movimenti politici finanziati dagli Usa e viene formato nei laboratori universitari americani collegati all’élite mondialista in connessione con la Cia. Insomma un vero oppositore spontaneo di popolo.

Quanto basta per capire la natura delle recenti proteste in Russia: prove tecniche di rivoluzione colorata simile a quelle già ampiamente sperimentate in Ucraina e in altri paesi eurasiatici.

D’altro canto basta fare un giro sul web per scoprire che persino la regia propagandistica è la stessa. Qui una foto storica di Kiev nel 2014 affiancata a quella della protesta di qualche giorno fa a Minsk.

La stessa foto da un’altra angolazione mostra la costruzione scenografica ad uso e consumo degli obiettivi dei fotografi all’interno di una narrazione che è praticamente la stessa.

.

.

Ovviamente di tutto questo sulla libera stampa democratica non troverete traccia.
Però avrete Ezio Mauro che su Repubblica vi racconterà che il povero Navalny vive con la valigia pronta per la fuga. Senza raccontarvi che magari, dentro quella valigia, ci tiene molti dollari e un modulo d’iscrizione già compilato alla Yale University.

Su Twitter: @GiampaoloRossi

articoli correlati:
Tre domande sull’Ucraina
“Mentite come il Diavolo!”: i media occidentali e Putin
Normalizzare Trump: Stato Profondo contro popolo!
Soros: lo Shelob del Nuovo Ordine Mondiale

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Russia: prove tecniche di Rivoluzione colorata – di Giampaolo Rossi”

  1. Cesaremaria Glori

    richiesta all’autore dell’articolo: chi è la Mogherini, da dove è spuntata, quali i suoi precedenti e le referenze, da chi è sostenuta e a chi si ispira? Nessuno in Italia ne parla eppure prende e diffonde prese di posizione che possono costare parecchio in futuro per il nostro Stato. Appare sempre di più come una longa manus del potere globalista e nella funzione che esercita può essere di enorme danno per il nostro amato paese.

    1. – Chiedersi il perché delle cose è segno di intelligenza e di saggezza, e questo vale sia per l’attuale invasione afro-asiatica (mascherata da richiesta di asilo), sia per la follia ecumenista del clero, spacciata per fratellanza e misericordia, mentre invece è solo tesa al suicidio della civiltà cristiana occidentale, delle sue radici etniche, religiose, civili.
      – Follia globalizzatrice, mondialista, ecumenista hanno una sola ed unica radice: la massoneria, il piano Kalergi con l’obiettivo di realizzare un meticciato europeo senza radici né identità (etnica, civile e religiosa), un serbatoio di mano d’opera a basso costo, da schiavizzare a vantaggio delle éiltes massoniche politico-finanziarie internazionali. A tal fine so rendeva necessaria un’azione di supporto anche dalla sponda religiosa, oltre che politica; per questo hanno costretto Ratzinger a farsi da parte e lasciare il posto ad un loro uomo di sicura fede massonica, comunista e luterana, un anticattolico sfegatato, acido ed intollerante, vendicativo e spietato, costruendogli un finto profilo buonista e bonaccione…

      1. ….. tramite i media mondialisti e le minacce al clero dissenziente (a partire dallo stesso Ratzinger). Il loro piano era perfetto, e sembra quasi interamente realizzato, o avviato ad una felice conclusione, ma … c’è un ma, hanno commesso un errore (come l’Ispettore Rock di quel bel Carosello anni ’60, di cui dicevano “non sbaglia mai”, ma che invece aveva commesso anche lui un errore, confessando di non aver mai usato la brillantina Linetti ed esser così diventato calvo), non hanno tenuto nel debito conto che “il Signore aveva altri progetti”, come ci avverte la beata Katharina Emmerick, e questi progetti manderanno in fumo i loro piani diabolici, sia politici che religiosi.

  2. Stefano Mulliri

    Che dire la fogna a stellestrisciate , continua a lavorare per preparare un degno popolo al principe di questo mondo , che qualcuno ha già fatto rientrare dalla finestra dopo che era stato cacciato da nostro signore. Aspettiamo con pazienza un altro po, e vedremmo le loro fortezze crollare miseramente.
    Sia Lodato Gesù Cristo.

  3. Spaziando a 360°: si è scomposto qualcuno quanto a Tallin (Estonia – UE) la polizia ha fermato e portato al commissariato Giulietto Chiesa (simpatico o no, cittadino italiano) per impedirgli un incontro con quei ex-cittadini estoni a cui le tre repubbliche baltiche hanno tolto la cittadinanza perchè i loro nonni erano dei “sovietici invasori”, persone oggi ridotte ad apolidi senza passaporto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su