S. Michele Arcangelo, il difensore del Popolo di Dio – di Angelo De Lorenzi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Angelo De Lorenzi

 

zzsmchUna delle preghiere più semplici che si imparano da bambini è l’Angelo di Dio . La tradizione cristiana educa i piccoli a rivolgersi a una presenza discreta, ma assai prossima, quello dell’angelo, per chiedere qualche cosa di più dell’aiuto e della protezione: “[…] reggi, governa me” , si dice in questa preghiera , implorando l’angelo di essere la nostra guida. La teologia riserva grande interesse nei confronti degli angeli. E uno di loro, san Michele Arcangelo, è riconosciuto come uno dei tre patroni della Chiesa universale, insieme alla Beata Vergine Maria e a san Giuseppe.

Nel Medioevo, il 29 settembre, memoria liturgica dell’Arcangelo, era un giorno festivo obbligatorio dedicato a san Michele. La considerazione, la venerazione e la devozione nei suoi confronti, è stata ribadita il 5 luglio 2013 quando papa Francesco, alla presenza del papa emerito Benedetto XVI, ha posto la città del Vaticano sotto la sua protezione con la benedizione di una nuova scultura, opera di un artista di Trani, in Puglia, città poco distante dal celebre santuario di San Michele al monte Gargano. Nel discorso pronunciato nei Giardini vaticani, papa Francesco ricordava come questa scultura fosse “un invito alla riflessione e alla preghiera che si inserisce bene nell’Anno della fede. Michele – che significa : “Chi è come Dio?” – è il campione del primato di Dio, della sua trascendenza e potenza.

Michele lotta per ristabilire la giustizia divina; difende il popolo di Dio  dai suoi nemici e soprattutto dal nemico per eccellenza: il diavolo. E san Michele vince,perché in lui è Dio che agisce. Questa scultura ci richiama allora che il male è vinto, l’accusatore è smascherato, la sua testa è schiacciata, perché la salvezza si è compiuta una volta per sempre nel sangue di Cristo”. E poi aggiunse: “Nel consacrare lo Stato Città del vaticano a san Michele Arcangelo, gli chiediamo che ci difenda dal maligno  e che lo getti fuori”.

L’arcangelo Michele è presentato nella Bibbia, nel Libro di Daniele, come speciale protettore del popolo di Dio (Dn 10,13-21; 12,1) e nell’Apocalisse, come il capo delle schiere celesti che sconfigge Satana e tutte le forze opposte al regno di Dio (Ap 12,7). Uno dei luoghi più significativi del suo culto, è in Italia, il Monte Sant’Angelo, situato vicino a Foggia, dove avvenne la sua prima apparizione verso la fine del V secolo. Luogo che Giovanni Paolo II visitò, tenendovi anche un discorso. In quella occasione ricordò, fra l’altro quanto “la lotta contro il demonio, che contraddistingue la figura dell’arcangelo Michele, è attuale anche oggi, perché il Demonio è vivo e operane nel mondo”.

Un altro luogo di culto assai noto – questa volta in Francia – si trova al largo della Coste della Normandia. Si tratta del santuario di Mont Saint – Michel, dove l’arcangelo apparve, secondo la tradizione, a sant’Umberto, vescovo di Avranche, nel 708. Due anni più tardi, iniziarono già i pellegrinaggi di persone provenienti soprattutto dalla Francia.

L’autore del libro,  San Michele Arcangelo. Patrono della Chiesa universale, edito da Sugarco Milano, 2014, pp. 191, euro 16,80, che parla diffusamente e in modo approfondito di questa figura, è don Marcello Stanzione, sacerdote salernitano che nel 2002 ha fondato l’associazione Milizia di San Michele Arcangelo per la retta diffusione della devozione ai santi Angeli. Don Marcello ha anche dato vita a un centro di angelologia dotato di biblioteca, centro di documentazione e mostra permanente sulla devozione agli angeli. Per chi desiderasse approfondire l’argomento, c’è anche un sito internet: www.miliziadisanmichelearcangelo.org

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “S. Michele Arcangelo, il difensore del Popolo di Dio – di Angelo De Lorenzi”

  1. Dante Pastorelli

    Reintroduca nella S. Messa, il Papa, le preghiere Leonine: Maria e l’Arcangelo Michele insieme sono un bastione inespugnabile da Satana.

  2. Bisogna rendersi conto da quanto succede attorno a noi che Satana esiste e opera. Altrimenti non c’e’ ragione di capire certi comportamenti che tengono
    molti politici o gente che conta. E’ inutile fare i nomi e cognomi. Lo sappiamo tutti chi sono. Preghiamo l’Angelo Michele che intervenga. ma tutti noi dobbiamo iniziare a intervenire. L’angelo Michele non va lasciato solo.

    1. Lasci perdere i politici, consideriamo piuttosto una madre che taglia la gola al proprio figlio (fatto realmente accaduto qualche mese fa), come spiegare ciò se non presupponendo l’esistenza di un “male” più grande dell’uomo stesso, un male ancestrale, allo stato puro, un male esclusivamente fine a se stesso, che gode e si compiace della sua stessa malvagità? Un male che esaspera, opprime e conquista. E dal momento che un sentimento non sussiste da se stesso, ma “vive” in una esistenza personale e reale che, nel caso dell’angelo caduto, dopo averlo coltivato, lo ha scelto irrevocabilmente, ecco stagliarsi all’orizzonte la figura del Principe delle Tenebre, spiegazione al mistero del male che viene dal Sommo Maestro. Oh quanto non vorrei essere nei panni di quei sacerdoti che non si preoccupano di mettere in guarda le pecorelle loro affidate da questo enorme pericolo. Davanti a Dio dovranno render conto di quante anime hanno permesso che fossero divorate dal Lupo.

  3. …sono sempre accompagnata dal mio angelo custode,che e’grande e forte per reggere un’anima come me,non mi sento mai sola,da quando suor Luisa all’asilo mi ha insegnato la preghiera dell’angelo custode…mi piace tanto anche la definizione in questa preghiera di Dio come Pieta’Celeste…prego spesso durante il giorno il mio Angelo,prego anche gli Angeli custodi di tutti…San Michele Arcangelo per me e’un grande e dovrei invocarlo molto piu’spesso per la pace nel cuore di ognuno…un abbraccio a chi sta leggendo questo mio pensiero…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su