San Giovanni Crisostomo e l’omosessualità come passione diabolica – di Don Marcello Stanzione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Don Marcello Stanzione

.

San Giovanni Crisostomo, che la Chiesa festeggia il 13 settembre, nacque in Antiochia nel 350 e morì a Comana il 14 settembre 407, fu  vescovo della capitale imperiale di Costantinopoli,  Primate della Chiesa d’Oriente, ed era un uomo dall’integrità morale assoluta. Integerrimo, dotto, brillante, le sue capacità oratorie lo hanno reso il  più perfetto ed elegante fra i Padri Greci. Giovanni Crisostomo è passato alla storia come l’uomo della Bocca d’oro, l’appellativo che i Bizantini gli hanno attribuito tre secoli dopo la sua morte. Votato alla vita spirituale sin dall’infanzia, trascorsa insieme alla madre Antusa ad Antiochia, in Siria, Giovanni si lasciò sedurre dalla vita eremitica: trascorse sei anni nel deserto, di cui due all’interno di una caverna che gli provocò una malattia allo stomaco, ma la sua indole lo chiamò presto verso compiti più alti.s giovanni crisostomo

La sua anima reclamava giustizia verso la parola di Dio che rischiava di essere avvelenata dalle eresie dilaganti, dalla bassezza dei costumi, dalle ipocrisie della corte. Per cinque anni si dedicò alla preparazione del sacerdozio e del ministero della predicazione, fino a quando il Vescovo Fabiano lo ordinò sacerdote. E’ a partire da questo momento che le sue doti oratorie hanno modo di mostrarsi. Giovanni si dedica costantemente alla predicazione, ma oltre a diffondere la parola di Cristo, il suo scopo è anche quello di difendere la moralità, rivolgersi ai fedeli per rafforzare il loro credo, allontanarsi dalle tante insidie del quotidiano. La sua fama si diffonde. I suoi sermoni sono lunghi (quasi due ore), complessi, appassionati, incantano gli ascoltatori e li obbligano a pensare. Nel 398, il Patriarca di Costantinopoli, Nettario, muore: Giovanni è chiamato a sostituirlo. La più alta carica ecclesiastica del tempo veniva conferita a un uomo che aveva cominciato ad avvicinarsi a Dio nel silenzio del deserto. Come guida e maestro di tutti i cristiani d’Oriente, la voce d’oro di Giovanni acquistò una risonanza anche maggiore: teologia, morale, politica, arte. Parole ardenti che tuonavano contro i vizi della corte e della Chiesa.

Cominciarono le reazioni, non sempre positive. La perplessità può sfociare nell’invidia e da lì arrivare al rancore. Lavorando in segreto, un concilio sedizioso noto come Sinodo della Quercia, formato dai vescovi al seguito di Teofilo di Alessandria, riuscì a farlo deporre. L’imperatrice Eudossia, più volte censurata da Giovanni, dette l’aiuto decisivo e, nell’incontro di Calcedonia del 403, Giovanni fu condannato all’esilio. Subito dopo, Costantinopoli venne colpita da un terremoto. Coincidenza? Presagio di più funeste sventure? Fatto sta che il popolo reclamò a gran voce il ritorno del Patriarca e Eudossia non poté impedirlo. Ancora due mesi e una legione di soldati barbari fece prigioniero Giovanni, costringendolo nuovamente ad allontanarsi. Questa volta per sempre. La destinazione era il Mar Nero, ma il Santo non riuscì mai ad arrivarvi, perché si ammalò e morì durante il viaggio. Il pensiero di Giovanni Crisostomo non era molto diverso da quello dei suoi predecessori: non si distaccava dall’ortodossia e le sue omelie riflettevano, anche se in maniera più elevata, tutti i nuclei centrali della morale cristiana. Grande ammiratore di San Paolo, fu lui a dettare i commenti più profondi che ci siano pervenuti sulle Lettere dell’Apostolo, oggi ancora ammirati e utilizzati dagli esegeti. Tra le sue opere letterarie più importanti si possono citare “La genesi e l’Antico Testamento”, i “Commentari dei profeti e del Nuovo testamento”, i numerosi trattati sulla verginità e sul sacerdozio. Molte anche le opere nel sociale, come la costruzione di ospedali, l’evangelizzazione delle campagne, le processioni anti – ariane sotto il controllo della polizia imperiale.

Ma il contributo più importante rimane sempre quello legato alla predicazione: il tono solenne, perentorio delle sue parole lo identificano come accusatore impietoso, ma quelle parole non volevano condannare: erano solo appassionate, animate dalla fede, capaci di raggiungere i cuori come dardi infuocati. Il figlio di Arcadio, Teodosio il Giovane, fece trasferire i resti mortali del Santo dal sepolcro di Comana, luogo del suo esilio a  Costantinopoli, il 27 Gennaio del 438, restituendo alla capitale d’Oriente la guida che sino ad allora aveva illuminato il suo cammino spirituale. Il Padre della Chiesa che condannò con maggior frequenza l’abuso sessuale contro natura, ovvero l’omosessualità,  fu proprio san Giovanni Crisostomo. Di questo grandissimo Dottore della Chiesa, riporto i  passi di un’omelia di commento all’epistola di san Paolo ai Romani: “Le passioni sono tutte disonorevoli, perché l’anima viene più danneggiata e degradata dai peccati di quanto il corpo lo venga dalle malattie; ma la peggiore fra tutte le passioni è la bramosia fra maschi. (…) I peccati contro natura sono più difficili e meno remunerativi, tanto che non si può nemmeno affermare che essi procurino piacere, perché il vero piacere è solo quello che si accorda con la natura. Ma quando Dio ha abbandonato qualcuno, tutto è invertito! Perciò non solo le loro (degli omosessuali, ) passioni sono sataniche, ma le loro vite sono diaboliche. (…) Perciò io ti dico che costoro sono anche peggiori degli omicidi, e che sarebbe meglio morire che vivere disonorati in questo modo. L’omicida separa solo l’anima all’interno del corpo. Qualsiasi peccato tu nomini, non ne nominerai nessuno che sia uguale a questo, e se quelli che lo patiscono si accorgessero veramente di quello che sta loro accadendo, preferirebbero morire mille volte piuttosto che sottostarvi. Non c’è nulla, assolutamente nulla di più folle o dannoso di questa perversità”. (San Giovanni Crisostomo, Homilia IV in Epistula Pauli ad Romanos; cfr. Patrologia Graeca, vol. 47, coll. 360-62).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “San Giovanni Crisostomo e l’omosessualità come passione diabolica – di Don Marcello Stanzione”

  1. Wow! “Peggiori degli omicidi”! Lo trovo plausibile. E sia, invertiamo pure l’ordine dei primi due peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio! Ah, già, dimenticavo che Omissis li ha stralciati dal Catechismo…non esistono più. Nei suoi sogni, naturalmente!

  2. Il San Giovanni Crisostomo di oggi, che parte dal deserto spirituale di una prigione e dal silenzio che così spesso esalta in omelie bellissime, ed arriva al cardinalato in sempre più aperta polemica con i potenti ecclesiastici e col Papa stesso, è il Card. Robert Sarah. Volesse il Signore che esca dall’esilio cui è di fatto condannato, poiché nessuno l’ascolta, e con un colpo di mano dello Spirito Santo diventi prossimo successore di Pietro.

    1. Sono d’accordo. Ma se 10 anni fa mi avessero detto che oggi avrei pensato ciò di un africano, li avrei mandati al diavolo! È proprio vero che le vie del Signore…..

  3. Alberto Giovanardi

    Le orde di colore nullafacenti e inclini a delinquere che ci tocca mantenere mi stava facendo diventare razzista. Poi ho pensato al Cardinale Sarah, alla sua spiritualità, alla dignità e alla pazienza con cui sopporta l’apostata bianco (di pelle e di tonaca), alla sua intelligenza superiore, alla sua fedeltà alla Dottrina violata dal grande eretico, e mi dico: ma come è stato possibile che il Conclave abbia sprecato l’occasione di dare alla Chiesa il primo Papa di colore per regalarci questo sciagurato Capataz eretico, falso, furbo, piacione e buonista per il popolo -o popolino- quanto prepotente, arrogante, intollerante e villano in privato?
    “Si parvos licet componere magnis”, personalmente per comunicarmi seguo le inascoltate raccomandazioni proprio di Sarah: mi metto in fila per ultimo, inginocchiandomi con la mia artrite sul gradino dove una volta c’era la balaustra e assumendo la Santa Particola sulla lingua, senza profanarla con le mie mani di peccatore.

  4. Alberto Giovanardi

    (segue) Ci ho provato in tutte le chiese della mia città e ho dovuto constatare che sono l’unico: tutti gli altri si mettono in fila indiana come alla cassa del Supermercato, con le mani protese in avanti come quelle degli accattoni e l’espressione beota di chi non sa quello che fa (andate a spiegargli cosa è la transustanziazione!). Quanto ai celebranti, per fortuna nessuno ha ancora avuto il coraggio di rimproverarmi, quantunque l’espressione più diffusa sia stata una evidente perplessità. A questo punto sono dunque giunte la desacralizzazione e la banalizzazione post-conciliari?.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su