San Tommaso e l’islam – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Dedicato agli allucinati dal chiar di mezzaluna e a quanti leviter credunt aut iudicant

di Piero Vassallo

.

zzstmmsLe roventi minacce rivolte dagli islamici all’Italia e al ministro degli esteri Paolo Gentiloni rivelano finalmente l’insostenibile leggerezza dell’ecumenismo interreligioso, una chimera destinata a sopravvivere soltanto nelle elucubrazioni di Enzo Bianchi e Alberto Melloni, i continuatori dell’opera confusionaria di Giuseppe Dossetti e Giuseppe Alberigo.

La teologia verbosa e gongolante messa in circola da banditori carismatici intesi a celebrare le loro macchinose e avventizie novità è stata peraltro già confutata dal decreto Dominus Jesus del 6 agosto 2000: “con l’espressione subsistit il Concilio Vaticano II … volle affermare che la Chiesa di Cristo, malgrado le  divisioni dei cristiani, continua ad esistere pienamente soltanto nella Chiesa cattolica”.

In altre parole: i gesti ecumenici del Vaticano aperturista cadono, come stelle filanti in un teologico carnevale, ai piedi della verità indeclinabile, che è minacciata apertamente dal furore islamico.

 Ecumenismo interreligioso addio. Il dolce e pio sale del buonismo non è più in grado di attribuire un amichevole sapore alla falsa religione di Maometto.

Un redivivo Amleto oggi direbbe: ecumenismo il tuo nome è von Sacher-Masoch.

Tradotto dal compianto padre Ceslao Pera o. p., il brano del Dottore comune, estratto dal Liber de Veritate catholicae fidei (I, 6, 41g) è riproposto alla lettura degli ultrà ecumenici, che rifiutano di misurare le distanze abissali tra la fede cristiana e il minaccioso errore islamista.

La lettura del testo tomasiano è specialmente raccomandata al raggio di mezzaluna, l’ecumenico professore Franco Cardini, guida dei cammellieri sull’asfalto e pastore dei rinoceronti al galoppo ecumenico tra la destra estinta e la sinistra allegramente bancaria.

Afferma San Tommaso d’Aquino: “Coloro i quali introdussero partiti basati su dottrine erronee, procedettero per una via contraria a quella seguita dal magistero divino, come è evidente in Maometto, il quale attirò i popoli con la promessa di piaceri carnali, alla cui bramosia istiga la sensibilità inferiore. Egli dette precetti conformi alle promesse, accondiscendendo alla voluttà carnale; ai quali precetti è ovvio che si obbedisca da uomini carnali. Né produsse documenti di verità, se non quelli che facilmente possono essere conosciuti da ognuno mediocremente sapiente, per naturale ingegno; che anzi le verità che insegnò, le mescolò con molte favole e falsissime dottrine. Non usò segni, fatti soprannaturalmente, coi quali, solo, si rende testimonianza alla divina ispirazione, mentre l’operazione visibile, che non può essere se non divina, mostra il dottore di verità, come spiritualmente ispirato, ma disse di essere mandato in potenza di armi: segni questi che non mancano anche ai ladroni e ai tiranni. Né, da principio, gli credettero uomini sapienti nelle cose di Dio, esperimentati nelle cosa divine e umane, bensì uomini bestiali del deserto, affatto ignoranti di ogni divina dottrina, per mezzo dei quali, con la violenza delle armi, costrinse gli altri alla sua legge. Nessun oracolo dei precedenti profeti, rappresentanti autentici del Magistero divino, gli rende testimonianza, che anzi deprava quasi tutti i documenti del Vecchio e del Nuovo Testamento, con favoloso racconto, come è evidente a chi dia una scorsa al Korano; perciò con astuto consiglio non lasciò leggere ai suoi seguaci i libri del Vecchio e del Nuovo Testamento affinché, per mezzo loro, non fosse accusato di falsità. Così è evidente che coloro, i quali prestano fede alle sue parole, credono con  leggerezza – leviter credunt”.  

 I giudizi di San Tommaso furono in seguito confermati da un dotto e intrepido domenicano, Ricoldo da Montecroce (1243-1320) il quale si era recato in Oriente con l’intento di evangelizzare gli islamici [1].

 Convinto della buona fede dei maomettani, il domenicano tentò di avviare con loro un dialogo costruttivo, ma fu tosto deluso dalla reazione acrimoniosa e feroce dei suoi interlocutori.

 Fece allora un passo indietro ed approfondì lo studio della lingua araba e la conoscenza del Corano, giungendo presto a conclusioni opposte a quelle buoniste/ottimiste nutrite all’inizio della sua infelice avventura ecumenica.

 Ritornato a Firenze nel 1300, dopo dodici anni di tormentati viaggi nelle terre invase, che lo convinsero dell’impossibilità del dialogo con i maomettani, sviluppò le tesi dell’Aquinate e scrisse un fondamentale saggio sui Saraceni.

 Nel testo sono elencate “le quattro categorie di persone che aderiscono all’errore di Maometto: La prima  è quella di coloro che sono divenuti Saraceni in forza della spada, e che ora, riconoscendo il loro errore, ritornerebbero sui loro passi, se non avessero paura. La seconda è rappresentata da quelli che furono adescati dal diavolo e finirono per credere vere le menzogne. La terza è quella di coloro che non vogliono abbandonare l’errore dei loro genitori, e dicono di attenersi ai loro padri dai quali invece discordano per il fatto che al posto dell’idolatria hanno scelto la setta di Maometto. La quarta è quella di coloro che per il gran numero di donne concesse e per le altre licenze preferirono questo errore all’eternità del secolo futuro”

 Di seguito Ricoldo elenca le cause dell’impossibilità del dialogo con i maomettani, ad esempio la favola che “Mosé e i Profeti hanno profetato su Maometto” ipotesi sostenuta dalla voce secondo la quale “i Giudei avrebbero corrotto le Leggi di Mosé e i Profeti, i Cristiani il Vangelo“. Informazione in certo modo smentita da Maometto, il quale, come si legge nel Corano, suggerì ai suo seguaci di chiedere consiglio a “coloro che prima di voi hanno letto il Libro … dunque al tempo di Maometto i libri dei Giudei e dei Cristiani non erano corrotti e non è possibile dire che lo furono in seguito”.

 Contraddittori e ridicoli sono altresì numerosi passi del Corano, ad esempio quello in cui si afferma che i Giudei e i Cristiani si salveranno e di seguito “nessuno si salverà se non coloro che sono nella legge dei Saraceni”, e quello in cui si ingiunge ai fedeli di usare soltanto parole miti con gli infedeli e più avanti “ordina di uccidere e di depredare coloro che non credono“.

 zzissL’analisi del Corano dimostra infine l’incompatibilità di fede e ragione in corsa nei testi maomettani, un vulnus che ha giustificato la devastante teoria di Averroé intorno alle due verità, quella dei filosofi e quella dei religiosi.

Non è peraltro fondata l’opinione secondo cui i giudizi di San Tommaso e di Ricoldo, oggi sarebbero superati dalla teologia volante, con la funambolica opinione di Karl Rahner, squillante tra le righe infelici del Vaticano II e indirizzata all’immaginaria folla dei cristiani anonimi”.

 Ovviamente l’uomo non può conoscere il giudizio di Dio. L’esortazione dell’Alighieri, “non creda donna Berta e ser Martino per vedere un furare, altro offerere vederli dentro al consiglio divino; ché quel può surgere e quel può cadere (Par., XIII, 118 ss), segna il limite della conoscenza umana.

 Se non che l’impossibilità e l’illiceità del giudizio ultimo non indeboliscono il giudizio teologico al quale ci obbliga il Decalogo: non avrai altro Dio all’infuori di me. E la nozione maomettana di “dio” è totalmente, irreparabilmente all’infuori della verità di Dio.

Negli anni Novanta, Fabrizio Gualco, un sagace studioso formato alla scuola di Pier Paolo Ottonello, dopo aver dimostrato che “la Bibbia non è il Corano e il Dio biblico non è il Dio coranico”, ha citato un testo di Karol Wojtyla, che dissolve il dubbio suscitato dall’incauto bacio sul Corano: “Chiunque conoscendo l’Antico e il Nuovo Testamento, legga il Corano vede con chiarezza il processo  di  riduzione  della  Divina  Rivelazione  che  in  esso  è compiuto[2].

 Benedetto XVI dal suo canto ha citato Emanuele II Paleologo, il quale dopo aver accusato di ateismo il suo interlocutore maomettano [3], gli rinfacciava di non poter immaginare “qualcosa di peggiore e assolutamente disumano, di ciò che egli [Maometto] fa prescrivendo che attraverso la spada  si faccia largo quella fede che lui stesso proclamò. Credo che occorra esprimerlo nel modo più chiaro possibile. Di tre cose una ha costretto con la forza che avvenisse: o che si avvicinassero alla legge gli uomini di ogni angolo della terra, o che pagassero tributi e che svolgessero inoltre le attività degli schiavi o che, senza fare nessuna di queste due cose, venissero loro mozzate le teste con la spada, ed è questa, invero, la cosa più assurda. Perché? Dal momento che Dio non sa gioire delle stragi e il non agire secondo ragione è alieno da Dio. [4].

 L’imperatore bizantino concludeva, pertanto, che la dottrina islamica è in conflitto con la ragione oltre che con la misericordia: “Ciò che tu dici per poco non si spinge oltre l’irrazionalità.

 Di qui l’obiezione che l’imperatore rivolge al persiano “La fede è frutto dell’anima e non del corpo, e a chi conduce verso la fede occorre una lingua virtuosa e un retto pensiero, non la violenza, non la minaccia, non l’azzannare e il terrorizzare”.

 Quando il Paleologo rivolgeva queste parole all’interlocutore islamico Bisanzio era sotto lo schiaffo dei turchi, che avevano ridotto l’impero a poche, aride strisce di terra. Tuttavia il fondato timore della feroce ritorsione turca non forzò l’imperatore a contorcersi nell’auto censura. Il testo del Paleologo, infatti, smentisce le stucchevoli leggende intorno alle contorsioni del pensiero bizantino e dimostra che i bizantinismi abitano altre regioni dello spirito.

 Davanti all’incombente aggressività islamica, la Cristianità contemporanea ha elaborato una debole strategia, che è purtroppo condivisa e applaudita dai (numerosi e influenti) teologi ammaliati dal falso ecumenismo.

 Monsignor Rino Fisichella ha indicato la via da percorrere senza esitazioni: “Ragione e fede devono riprendere inevitabilmente il loro cammino comune. Benedetto XVI, a più riprese, ha ribadito che questa strada  non solo permette al cristianesimo di essere fecondo nella via dell’evangelizzazione, ma consente anche ai non credenti di accogliere il messaggio di Gesù Cristo come ipotesi carica di senso e decisiva per l’esistenza[5].

 Anche Monsignor Brandmüller, in un articolo pubblicato nella rivista “La fiaccola”, rivendica la verità storica, che il buonismo mediatico vorrebbe affondare nella melassa: “Mentre il Cristianesimo si è diffuso nei primi tre secoli, nonostante le persecuzioni e il martirio, in contrapposizione per molti aspetti al dominio romano – e comunque introducendo una netta separazione della sfera spirituale da quella politica – l’islam si è imposto con la forza di una dominazione politica”.

 Da questo rilievo discende un giudizio sulla jihad islamica opposto alle opinioni diffuse dagli intellettuali militanti sotto la bandiera bianca: “L’uso del termine jihad nella tradizione islamica – compreso quello che ne viene fatto oggi – è sostanzialmente univoco e indica la guerra in nome di Dio per difendere l’islam, un obbligo per i musulmani maschi adulti. Ci sostiene dunque che l’accezione di jihad come guerra santa costituisce una sorta di deviazione dalla vera tradizione islamica non dice la verità. La storia mostra purtroppo come la violenza abbia caratterizzato l’islamismo fin dalle origini, e come sia stato lo stesso Maometto a organizzare e a condurre sistematicamente le razzie nei confronti delle tribù che non volevano convertirsi e accettare il suo dominio”.

 Anche la rappresentazione dell’islam mite e tollerante nei confronti dei popoli del Libro (ebrei e cristiani), ai quali sarebbe consentito il tranquillo esercizio del culto, è risolutamente contestata da Brandmüller: “Nella realtà la situazione era molto meno idilliaca: cristiani ed ebrei potevano sopravvivere solo se accettavano il dominio politico musulmano e una situazione umiliante, aggravata dall’obbligo di pagare imposte sempre più pesanti”.

 Quanto alla sharia, Brandmüller dimostra che il suo fondamento è la triplice ineguaglianza: tra uomo e donna, tra maomettano e non maomettano, tra libero e schiavo: “La differenza più forte tra cristianesimo e islamismo è a proposito di un tema centrale come la concezione dell’essere umano. Lo dimostra il fatto che molti paesi islamici non hanno accettato la dichiarazione dei diritti dell’uomo promulgata dalle Nazioni Unite nel 1948, o l’hanno fatto con la riserva di escludere le norme che contravvenivano alla legge coranica, cioè tutte”.

 Il realistico ritratto dell’islam, il cui vertice speculativo è rappresentato dai tagliatori di teste, avvalora la tesi sulla scarsa consistenza del c. d. “islam moderato”. Tesi accreditata da un autorevole esponente dell’Istituto Affari Internazionali, Mario Arpino.

 Nel volume “Cento opinioni Sulla pace e sulla guerra dopo l’11 settembre”, edito da Mursia, Arpino attesta infatti che gli islamici, da lui incontrati nelle conferenze internazionali, ritengono che il termine “moderato” sia un’offesa per i veri seguaci di Maometto. Moderato, dunque, significa non più islamico.

 Di seguito, Arpino rivela che, durante gli incontri con gli occidentali,  i moderati ripetono continuamente che “L’islam politico dei terroristi è deviazione dalla vera interpretazione moderna, che esiste”. Ma aggiunge immediatamente che “essendo l’ambiente degli incontri per lo più laico, non sono rimasto del tutto convinto che ciò sia davvero il sentimento comune”.

 C’è da augurarsi che il giudizio dei teologi medievali e le chiare puntualizzazioni di Brandmüller e di Arpino, destino nelle autorità religiose e politiche una più realistica e allarmata considerazione dei problemi posti dalla strisciante invasione islamica. Dio vuole che l’uomo viva e si salvi, non che rimanga nell’errore e che in esso sia in qualche modo confermato da incauti e sbiaditi testimoni della verità cristiana.

.

[1]              Il testo di padre Ricoldo è stato pubblicato nel 1992 da Nardini editore in Firenze. Il curatore e commentatore dell’opera, Giuseppe Rizzardi, nutrito di opinioni largamente “ecumeniche”, tentò  di correggere i giudizi dell’intransigente padre Ricoldo, senza peraltro ottenere risultati significativi.

[2]              Cfr.: “Assisi: una preghiera, due modi d’intendere Dio (e l’uomo)”, in “Ragion politica”, 8 Ottobre 2004.

[3]              Cfr.: Emanuele II Paleologo, “Dialogo con un persiano”, prefazione di Rino Fisichella, Introduzione, traduzione e note a cura di Francesco Colafemmina, Rubettino, Soveria Mannelli 2007, pag. 44.   

[4]     “Dialogo con un persiano”, op. cit., pag. 65.

[5]     Cfr.: “Dialogo con un persiano”, op. cit., pag. 16.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

12 commenti su “San Tommaso e l’islam – di Piero Vassallo”

  1. Tutto ciò (la storia omicida e opposta alla ragionevolezza dell’Islam) non toglie che l’attuale ondata di massacri sia fortemente caricaturale e “vittimistica”, perciò telegenica e postmoderna.
    Le tute arancioni delle vittime sono copiate da quelle assegnate dagli Americani ai prigionieri di Gantanamo, e gli stessi Americani sono definiti “Crociati”, cioè sono bollati come la versione attuale dei “ripugnanti” combattenti cattolici che osarono tentare di proteggere il pellegrinaggio in Terrasanta e di evitare che tutta la Cristianità fosse sottomessa con le armi (riuscendovi, fra il XV e il XVII secolo). Sembra di sentire il mio professore comunista del Liceo.
    Per completare il quadro, il Presidente USA ha detto in questi giorni che i Crociati si macchiarono di crimini orrendi. In pratica ha detto “Siamo costretti a fare qualcosa contro le impennate islamiche, ma sostanzialmente combattiamo insieme a loro contro i Cristiani”

  2. Desolante ,ed in modo sconcertante dati i trascorsi storici fra Cristianesimo (e cristianita’) ed Islam ,la scarsissima bibliografia in lingua italiana ed in particolare quella prodotta e tradotta dai cattolici .Questo ,oltre tutto, nonostante il problema si faccia giorno dopo giorno visibile ,bruciante e ,soprattutto ,urgente. Da questa ignoranza abissale derivano molte leggi suicide approvate da noi come in quasi tutto l’Occidente ,e l’enorme errore ab origine: il considerare l’ Islam una religione ,con pari diritti rispetto alle altre .Nella realta’ si sta evidenziando sempre di piu’ la sua natura di ideologia politica ,ricoperta da un sottile strato di ‘ religione ‘ quanto basta a confondere le idee .L’ esempio piu’ lampante e’ la concezione islamica del Paradiso ,null’altro che la proiezione nell’aldila’ di cio’ che un uomo del deserto arabico del settimo secolo poteva desiderare materialmente e carnalmente su questa Terra .Ma i vertici della Chiesa sembrano ignari di tutto.

  3. piero vassallo

    sarebbe utile ritrovare il saggio del domenicano padre Zacharias “vero maometto e falso islam” pubblicato in Francia alla fine degli anni Cinquanta – il libro dimostra che il falso profeta fu “illuminato” da un maestro religioso ostile al Cristianesimo

  4. Un solo appunto sulla “strisciante invasione” : mi pare che ormai di strisciante non ci sia più nulla è un’invasione e basta, fatta non solo di uomini ma di annullamento della nostra cultura (richiesta e prontamente attuata), di imposizione di nuovi modelli di vita. Credo che gran parte di questo sfascio sia da imputare alle continue colpevolizzazioni della nostra storia, della subalternità dei cattolici alla laicità (parola assolutamente manipolata), colpevolizzazione che è passata anche per mano di chi ha chiesto e chiede continuamente scusa di quello che siamo stati e che purtroppo credo non siamo più, un popolo guidato con mano ferma e nella verità da Pastori che per la verità sono disposti non solo a morire (diceva la mia nonna -alla fine si muore una volta sola-), ma soprattutto ad essere derisi, calunniati ed emarginati.

    1. Il grandissimo punto -meraviglioso e semplice per i Cattolici, problematico per gli altri Cristiani, sconvolgente e ripugnante per chi rifiuta Cristo- è che Dio, vedendoci preda del Demonio e incapaci di accostarci a Lui, è venuto (nella Persona del Figlio) a caricarsi il peso delle nostre colpe.
      “LA Verità” per antonomasia è questa: Verbum Caro factum est / et habitavit in nobis.

      Perciò noi sappiamo chi è Dio non perché abbiamo sfogliato dei buoni trattati, ma perché Lui si è fatto vedere e toccare. I trattati vengono di conseguenza: la Teologia è riflessione sul dato rivelato.

  5. piero vassallo

    Cara Luisa i lupi hanno gettato la pelle dell’agnello migrante perché non hanno motivo di temere la reazione del potere politico – politici dementi importano i futuri padroni del nostro infelice paese – Alfano fa cadere le braccia – il santo clero è ubriacato dal vino buonista – l’amor di patria è calunniato – interprete della morale è scalfarotto – i politici non hanno calato i pantaloni, non li hanno mai indossati – solo Dio ci può salvare! – maledetto chi confida negli uomini (si legge nella Sacra Bibbia)

  6. Credo che questo Ricoldo da Montecroce abbia avuto una gran fortuna a potersene tornare a Firenze nel 1300, “dopo dodici anni di tormentati viaggi nelle terre invase” alla ricerca di un impossibile “dialogo” con l’Islam, con ancora la capoccia attaccata al collo. Dubito che da un’analoga impresa nelle “terre invase” di oggi uscirebbe altrettanto illeso!
    Tommaso Pellegrino – Torino
    http://www.tommasopellegrino.blogspot.com

  7. luciano garofoli

    Caro Magister,
    ho provato a postare un commento questa mattina, ma la linea adsl si è liquefatta e l’ho perduto. Hai ragione da vendere sull’Islam: falsa dottrina,faalso profeta,falso umanitarismo. Non pensare che i lobotomizzati dai media possano risvegliarsi dal sonno della vita: purtroppo solo Dio può farlo, a noi è dato solo testimoniare e tu lo fai sempre ed egregiamente. Ancora grazie per tutto quello che fai e scrivi per la VERITA’.
    luciano garofoli

  8. Emanuele II Paleologo: “Dio non sa gioire delle stragi e il non agire secondo ragione è alieno da Dio”. Questa frase ha detto tutto sullo stato islamico e sul culto che ne è a fondamento. Non ci può essere giustificazione dell’uccisione dei 21 copti inermi e innocenti: cosa c’entrano con l’Italia o con gli Stati Uniti? Questi sono dei banditi, sarò banale ma direi che solo il demonio può ispirare una simile malvagità,non certo il Dio creatore. E sarebbe ora che si producesse una seria e completa apologetica cattolica contro le menzogne (alcune ridicolissime, da rimpiangere Augias!) che usano i maomettani per affermare la falsità dei Vangeli e della dottrina della Chiesa. Anche se poi il problema, più che alla loro abilità, è legato alla debolezza di una Europa che ha detronizzato e smarrito Gesù Cristo. Se anche non ci fossero questi assassini ci sarebbe la crescita demografica: se continua così l’Europa islamizzata sarà una realtà nel giro di non molti decenni.

  9. luigi banchero

    rammento che nel 1963 un mio conoscente scrisse il testo di un documentario che narrava la tragica parabola, tenebrosa di Magda Goebbels. L’ultima sequenza del filmato mostrava un gruppo di giovani soldati tedeschi in LACRIME. MENTRE IL TESTO DEL BANCHERO RECITAVA: “la tragedia tedesca è il risultato dell’apostasia dal Cattolicesimo”.. Invitato alla proiezione in anteprima Banchero udì un altro finale: la tragedia tedesca è il risultato del tradimento della filosofia dei lumi. Il “vizietto” dei nuovi cattolici “moderni” (o modernisti?) era in già in scena: falsificare la storia, piegare la sua lezione al desiderio dei soci laici del momento, Sono trascorsi più di cinquanta anni :e per quella via (la via del compromesso con la sinistra e della resa all’opinione mondana) ha raggiunto il culmine del grottesco: il bacio al Corano. Banchero rifiutò di firmare il documentario. La sua carriera di giornalista televisivo ebbe fine. In questo marginale episodio si legge la formula della catastrofe…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su