Sauditi: gli amici dell’Occidente che hanno creato l’Isis – di Giampaolo Rossi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Giampaolo Rossi

.

zzzzissSE È GUERRA CHI SONO GLI AMICI?
Qual è la nazione che in questo momento sta combattendo l’Isis a viso aperto con più determinazione e coraggio? La Russia di Vladimir Putin.
E qual è la nazione a cui l’Occidente ha imposto inutili sanzioni economiche e su cui media e intellettuali hanno calato il velo ipocrita della criminalizzazione e della denigrazione? La Russia di Vladimir Putin, appunto.

Qual è il paese che in questi ultimi decenni ha alimentato, protetto e finanziato il radicalismo islamico in tutto il mondo e le organizzazioni terroristiche più violente?L’Arabia Saudita.
E qual è il principale alleato dell’Occidente in Medio Oriente, al quale Europa e Usa continuano a vendere armi e garantire allettanti partnership economiche? L’Arabia Saudita, appunto.

È questa la contraddizione che porterà l’Europa alla sconfitta in questa guerra che ormai anche le anime belle del buonismo progressista riconoscono come tale.
In una guerra la prima cosa da fare è individuare gli amici e i nemici ed è evidente che in questa, la Russia è nostra amica e i sauditi non lo sono.

Ancora nel Luglio scorso, mentre l’America spingeva per incrementare le sanzioni contro Mosca, la Francia di monsieur Hollande chiudeva con gli sceicchi di Riyad, un accordo di 12 miliardi di dollari per la vendita di mezzi militari e, in previsione, tecnologia francese per la costruzione di reattori nucleari.

SPONSOR DEL TERRORISMO
Eppure il rapporto tra le monarchie del Golfo e il radicalismo islamico è ormai comprovato da tempo; quindici dei diciannove dirottatori dell’11 Settembre erano sauditi, così come lo era Osama bin Laden. I sauditi sono il gruppo combattente più numeroso all’interno dell’Isis.

Dagli anni ’70 gli sceicchi del Golfo hanno investito fiumi di miliardi per alimentare il radicalismo islamico wahhabita (la dottrina alla base della monarchia saudita) e soffocare nel sangue tutte le forme d’Islam non estremista o laico.

Rula Jebreal ha definito l’ISIS un clone del wahhabismo ; e Thomas Friedman, intellettuale espressione dell’establishment americano, ha scritto che il più “grande dispensatore di Islam radicale” non è l’Iran ma “è il nostro alleato putativo l’Arabia Saudita”. Isis, Al Qaeda e le altre organizzazioni sunnite, “sono la progenie ideologica del wahhabismo iniettato dall’Arabia Saudita nelle moschee e nelle madrase (scuole coraniche) dal Marocco al Pakistan all’Indonesia”; ma anche in quelle europee ed eurasiatiche, aggiungiamo noi, costruite con i soldi degli sceicchi.

ARABIA SAUDITA E ISIS, STESSO INTEGRALISMO
La natura integralista, anti-occidentale e anti-moderna dell’Isis e la sharia sono parte integrante anche della dottrina wahhabita applicata dagli sceicchi.
Le decapitazioni dell’Isis che tanto ci inorridiscono, sono prassi in Arabia Saudita essendo la forma più praticata di condanna a morte (fatte pubblicamente e senza alcun diritto processuale) in un paese che è tra i primi al mondo per esecuzioni capitali. La sottomissione della donna, la persecuzione dura e implacabile delle minoranze religiose, la pena capitale per gli omosessuali, l’uso della tortura come prassi procedurale nei processi penali, rendono l’Arabia Saudita il modello a cui il Califfato s’ispira; perché la violazione dei diritti umani nei territori sottoposti alla sharia del Califfato non è diversa da quella che avviene nelle terre governate dagli sceicchi.

NON SOLO L’ARABIA SAUDITA
Diverse fonti d’intelligence provano che oltre l’Arabia Saudita, anche Qatar e Kuwait (altri grandi amici dell’Occidente) finanziano privatamente l’Isis trasformandola nella più ricca organizzazione jihadista del mondo con un valore di 2 miliardi di dollari solo di fondi ricevuti.

 Lo scorso anno, il Ministro tedesco Mueller ha accusato pubblicamente il Qatar di finanziare l’Isis

Già nel 2008 il Dipartimento del Tesoro Usa aveva identificato nella Revival Islamic Heritage Society, una Ong con base in Kuwait, il principale centro di finanziamento di Al Qaeda.

E nel 2010 Wikileaks svelò un documento in cui l’allora Segretario di Stato Usa, Hillary Clinton, ammetteva le donazioni dall’Arabia Saudita erano “la fonte più significativa di finanziamento ai gruppi terroristici sunniti in tutto il mondo”.

 TOSSICI E SPACCIATORI
La realtà è che se noi europei volessimo veramente provare a vincere questa guerra portata al cuore della nostra stessa civiltà, dovremmo iniziare a rivedere i nostri rapporti con gli amici del terrorismo e dell’integralismo. Magari iniziando a togliere le sanzioni alla Russia e metterle agli sceicchi del Golfo. Ma non lo facciamo. Perché? Semplice: perché come dice Thomas Friedman, siamo “tossicodipendenti dai petrodollari”; e si sa, nessun tossicodipendente va contro il suo spacciatore.

.

fonte: Il Giornale  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Sauditi: gli amici dell’Occidente che hanno creato l’Isis – di Giampaolo Rossi”

  1. Il Beato Innocenzo XI, Papa fra il 1676 e la morte, dopo l’ennesima liberazione miracolosa dell’ Europa dall’ondata turca (un mare incalcolabile di armati sotto le mua di Vienna, 1683: “Venimus, vidimus, Deus vicit”, disse il Sobieski) propugnò un’alleanza dell’ Europa Cattolica con la Persia per cacciare i Turchi da Bisanzio

  2. L’Europa è di fatto una colonia degli Stati Uniti, che attuano la loro politica ignorando totalmente il parere degli europei. Solo la Francia avrebbe potuto continuare a svolgere una politica indipendente da quella degli USA. Purtroppo è tornata la paura della Germania e la Francia si è paralizzata nell’indecisione. Si deve aggiungere poi a tutto il quadro la rinascente stupidità dei tedeschi, incapaci di concepire una convivenza leale con i loro vicini. In questa condizione di estrema debolezza interna, qualsiasi evento nuovo non può essere affrontato e si trasforma in una mezza tragedia, come sta succedendo con l’immigrazione. Le cause di questa tragedia sono note ma l’Europa non può far nulla perché di fatto non ha una indipendenza politica economica e militare.

    1. L’Europa è di fatto una colonia degli Stati Uniti…

      Purtroppo questo è il nostro grande incubo che ha preso potere dopo la stramaledetta 2 guerra mondiale, dove sedicenti liberatori hanno iniziato a lavorare alla nostra sottomissione. Oltre le 113 schifose basi militari usa presenti nel nostro amato suolo c’è anche chi ha scoperto un altro inganno… da non credere!!!!

      La NOSTRA Tessera Sanitaria contiene codici militari, commerciali, bancari americani.

      https://www.youtube.com/watch?v=CitEAeIbCKE

  3. “”E qual è la nazione a cui l’Occidente ha imposto inutili sanzioni economiche e su
    cui media e intellettuali hanno calato il velo ipocrita della criminalizzazione e della
    denigrazione? La Russia di Vladimir Putin, appunto.””

    Stasera in TV Salvini ha proprio detto che le sanzioni alla Russia devono essere
    tolte……

  4. Grande Putin! Viva la Russia! Non avrei mai immaginato che, da vecchio missino, un giorno avrei simpatizzato per l’ex impero rosso del male!

  5. Per approfondire la figura di Putin consiglio, di Padre Alfredo Saenz, gesuita, il saggio Vladimir Putin, statista singolare su quenotelacuenten.com/2015/09/29/vladimir-putin-un-estatista-singular-pad C’è anche la versione in italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su