Scuola cattolica condannata per discriminazione sessuale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zScuola-Cattolica-468x161L’Istituto paritario di Trento “Sacro Cuore” è stato condannato dal tribunale di Rovereto per discriminazione nei confronti di una insegnante cui l’allora dirigente dell’istituto chiese di smentire le voci circa una sua relazione “sentimentale” con un’altra donna. La docente, sdegnata per quella che considerava un’ingerenza nella sua vita privata, si rifiutò di rispondere alle domande del suo interlocutore, il quale le chiese comunque di cercare di “risolvere il problema”.

Constatato il fallimento di tutti i tentativi compiuti allo scopo di salvaguardare, giustamente, il buon nome dell’Istituto e di eliminare lo scandalo pubblico di un’insegnante convivente con un’altra donna, lo stesso Istituto non la riassunse ed ella perse il diritto di ottenere un contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Il giudice di Rovereto ha così condannato L’Istituto “Sacro Cuore” di Trento a risarcire l’ex docente con 25.000,00 per danni patrimoniali e non e con 1.500,00 ciascuna delle organizzazioni che hanno presentato ricorso, ossia la Cgil del Trentino e l’Associazione radicale “Certi diritti”, accogliendo dunque la domanda posta da codeste associazioni di accertare «il carattere di discriminazione collettiva delle diverse dichiarazioni rilasciate dall’Istituto con le quali si rivendicava il diritto di non assumere persone omosessuali, ritenute inidonee ad avere contatti con minori». (Il Messaggero, 23 giugno 2016).

Si tratta della prima sentenza che condanna per discriminazione individuale a causa dell’orientamento sessuale un’organizzazione di tendenza dopo l’entrata in vigore della normativa antidiscriminazione emanata nel 2003.

E’ evidente come il caso dell’Istituto di Trento non rimarrà purtroppo isolato ma sarà il primo di una lunga serie di persecuzioni nei confronti di chi intende affermare pubblicamente l’intrinseca illiceità dei rapporti omosessuali. E’ altresì evidente come la generale accettazione (anche da parte del mondo cattolico) del principio secondo cui è comunque sbagliato discriminare le persone sulla base dei loro “gusti” sessuali, costituisce la base filosofica e normativa che “arma” i giudici e consente loro di “chiudere la bocca” a tutti coloro che pensano e agiscono coerentemente coi dettami della ragione nonché con quelli della religione cattolica.

A questo punto, è lecito chiedersi se sarebbe preferibile lasciare per strada qualche presunto diritto di una minoranza deviata piuttosto che doversi trovare, prima o poi, a dover accettare supinamente il ribaltamento totale della legge naturale e il conseguente dilagare dell’immoralità sia a livello individuale che pubblico.

La strada purtroppo è stata già tracciata ed ora risulta molto difficile, se non quasi impossibile, tornare indietro. In questi casi vale il detto “Chi è causa del suo mal pianga sé stesso”. (A. D. M.)

.

fonte: Corrispondenza Romana 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

5 commenti su “Scuola cattolica condannata per discriminazione sessuale”

  1. Un tempo si diceva, correttamente, “l’ipocrisia è l’omaggio che il vizio rende alla virtù”.
    Oggi il Vizio -quello con la maiuscola- esige che la Virtù gli si inginocchi. Ricordiamo che è stato proclamato che “l’amore puro è quello che non può avere figli”

    1. … né dobbiamo dimenticarci l’aiuto venuto dal “Chi sono io per giudicare?” … che ha fatto del dott. Bergoglio “l’uomo dell’anno” per la rivista “The Advocate”.

  2. Sul mio vocabolario Devoto-Oli (pur in edizione un po’ vecchia…) il termine “discriminazione” è definito come primo significato “Distinzione operata in seguito a un giudizio o ad una classificazione”: solo dopo sono riportate alcune accezioni storiche ed estensioni, peraltro di connotazione più oggettiva che morale. Un istituto cui vengono affidati giovani da educare non solo può, ma DEVE “discriminare” i potenziali educatori in base ai valori che essi vivono e quindi inevitabilmente tenderanno, tanto o poco, esplicitamente o no, a trasmettere agli educandi. Vorrei vedere se, ad esempio, in una scuola new-age verrebbe assunto un insegnante “sospettato” di essere cattolico lefebvriano. La “discriminazione”, non nel suo vero significato sopra ricordato ma in quello diabolicamente travisato dal mondo odierno, l’ha subita proprio l’Istituto, al quale viene vietato di esercitare le proprie scelte educative nel rispetto della propria etica e, si presume, della fiducia di chi gli affida i propri figli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su