Se Peppone incontra la Cirinnà – di Mario Bozzi Sentieri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Mario Bozzi Sentieri

.

zzzzppnDon  Mario Fangio, parroco di Carovilli (Isernia), ha suonato le campane a morto per celebrare il “funerale del matrimonio tradizionale” e per protestare contro la legge sulle unione civili.

Facile evocare – in questa occasione –  l’immagine di Don Camillo, l’intramontabile personaggio, creato da Giovannino Guareschi, parroco di Brescello, anticomunista  senza se e senza ma, storico avversario del sindaco falce e martello Giuseppe Bottazzi, detto Peppone. Don Camillo non avrebbe avuto problemi nel contestare la legge Cirinnà. Anche lui avrebbe suonato le campane e tuonato dal pulpito. Ma Peppone che cosa avrebbe detto ? Come avrebbe giustificato, innanzitutto in famiglia e poi tra i suoi compagni, le scelte del Partito ? Le risposte sono tutt’altro che scontate.

Per quanto “fedele alla linea”, Peppone non solo è credente, ma è anche figlio di un’Italia profonda, sanguigna e verace, autenticamente popolare, che lascia poco spazio al progressismo laico-borghese,  oggi così di moda a sinistra.  Non a caso – come ha ricordato  Luciana Castellina, storica dirigente comunista e  tra i fondatori de “il manifesto” – sul tema del divorzio la Direzione del Pci si spaccò in due: “Longo si schierò a favore dell’introduzione del divorzio, come pure Macaluso anche a nome delle donne siciliane “vedove bianche”, e chi si schierò contro furono Amendola e Pajetta”.

Peppone crede alla famiglia tradizionale. E’ sposato con Maria e ha cinque figli, tirati su a scoppole ed affetto verace, nel rispetto della solidarietà e dei vecchi legami paesani, del patriottismo nazionale e della generosità padana. Insomma una bella immagine nazional-popolare che cozza con i contorsionismi intellettuali e verbali della vecchia e nuova sinistra.

“Se io parlo come mi ha fatto mia madre capisco tutto quello che dico” – esclama Peppone, che, non a caso, con Don Camillo  sa “dialogare”, senza, per questo, arrivare alla confusione dei linguaggi e delle idee, ma sempre salvaguardando quel “buon senso”, che ha rappresentato, nel corso dei decenni, l’idem sentire  del popolo italiano, al di là delle fazioni, delle ideologie, dei partiti.

Sulla base di questo duro zoccolo ideale, il Pci di  Peppone avrebbe considerato la legge Cirinnà come un esempio della decadenza borghese e non si sarebbe imbarcato nell’impresa, lasciandola magari – come è avvenuto per il divorzio e l’aborto – alle mosche cocchiere radical-socialiste, ai loro piccoli orizzonti individualistici.

Augusto Del Noce, mai abbastanza citato in occasioni come queste, ha scritto pagine esemplari sulle derive del comunismo e sulla nuova “cultura di massa”, sul nuovo materialismo che diventa “totale individualismo”, che ha ormai messo da parte l’ideale di classe, la rivoluzione proletaria, nel segno dei nuovi orizzonti piccolo-borghesi.

Da che parte sarebbe stato Peppone ? Come molti vecchi comunisti, avrebbe passato la mano al nuovo rampantismo renziano, cinico e formalista. Altro che “unioni civili”. “Il matrimonio – scriveva Guareschi – non è uno zabaione , nel quale si prendono le uova, si sbattono assieme e in dieci minuti tutto è fatto”. Peppone è della stessa pasta. Ha un cuore, che va ben oltre le linee di partito ed i codici. Come accade – ad esempio – con la maestra Cristina, la vecchia maestra monarchica, che, in punto di morte, tra le sue ultime volontà, affidate a Peppone e Don Camillo, chiede di essere portata al cimitero con la bara avvolta nel tricolore con lo stemma sabaudo. Malgrado la legge lo proibisca, il sindaco, sentito il parere negativo del consiglio comunale, a maggioranza comunista, fa di testa sua:  “In qualità di sindaco – dice Peppone –  vi ringrazio per la vostra collaborazione e come sindaco approvo il vostro parere di evitare la bandiera richiesta dalla defunta, però siccome in questo paese non comanda il sindaco ma comandano i comunisti, come capo dei comunisti vi dico che me ne infischio del vostro parere e che domani la signora Cristina andrà al cimitero con la bandiera che vuole lei perché rispetto più lei morta che voi tutti vivi”.

Con lo stesso “buon senso”, difficilmente Peppone officerebbe  i “nuovi matrimoni” targati Cirinnà, archiviandoli magari, da par suo, con un lapidario “Ma va a ca…. !”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Se Peppone incontra la Cirinnà – di Mario Bozzi Sentieri”

  1. giorgio rapanelli

    Sì, infatto molti dei miei vecchi Compagni non ci stanno a capire più nulla. Io capii tutto quando Occhetto e il buon Napolitano andarono negli USA dopo la morte del Compagno Enrico Berlinguer ad omaggiare David Rockefeller. Ormai era diventato un partito con un nuovo padrone. Come lo è oggi. Come lo è Renzi. Lacché dei potentai americani che impongono il Gender e tutte le cose innaturali legate all’omosessualità. Alcuni vecchi Compagni non vanno più a votare. Altri votano M5S. Qualcuno ha iniziato a votare Salvini, in quanto egli difende la piccola produzione e di conseguienza i lavoratori.

  2. Circa le vedute di Peppone, comunista ma nella tradizione, mi viene in mente anche l’episodio in cui stava facendo un comizio disfattista ed antimilitarista per salutare le giovani reclute di Brescello che partivano per la naja, invitandole a non prendere mai le armi contro i lavoratori ed il grande paese della pace (l’URSS) ma poi, improvvisamente, dall’altoparlante sul campanile della chiesa ecco uscire le note della “Leggenda del Piave” messo da don Camillo ed allora Peppone si trasforma, si ricorda di essere stato anche lui un “ragazzo del ’99” ed allora modifica il suo discorso cambiandolo in senso patriottico e nazionale: “I vostri padri hanno difeso la patria dall’invasore sul Piave e sul Carso” e conclude persino con un pensiero al Re, facendo sussultare tutti i compagni presenti sul palco che cercano quasi di bloccarlo e di levargli il microfono.

  3. esprimo il mio modestissimo parere:
    A me I COMUNISTI (anche in stile don Peppone)NON PIACCIONO per niente.
    ce l’ho nel sangue…un’avversione che mi viene dal cuore.

    1. Mi associo a lei, cara Vittoria : anch’io sono anticomunista da una vita, e adesso mi ritrovo a dover essere anche anticlericale, se voglio mantenere integra la mia fede cattolica. Va bè, mi dico, tanto si tratta solo di opporsi al clericalismo di gente senza fede e senza Dio, mica di santi sacerdoti. LJC !

      1. E’ ovvio che anch’io sono anticomunista da quando ero ragazzo….un vero missino non poteva che essere tale! Però Gino Cervi rese abbastanza simpatica la figura di Peppone.

  4. Gentile Catholicus, noi non dobbiamo perdere la fede, questo no…farebbe solo male al futuro della nostra anima.
    Dobbiamo pensare alle cose di lassù…non cerco a questi (falsi) preti con a capo un massone di nome bergoglio.
    Dobbiamo tirar dritto per la nostra strada…verso Dio.
    Non dobbiamo temere il giudizio meschino di questo mondo fatto di illusioni e pazzia.
    In mezzo a questa società buia, più buia delle notti oscure, MAI dubitare di essere amati da Dio, ed è questo quello che conta…
    Il Signore ci benedica e ci custodisca nel Suo bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su