Se riedifico quello che ho demolito, mi denuncio come trasgressore  –  di Don Giovanni Stefano Di Maria

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Riflessioni sul Decreto della Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti che modifica il Rito della “Lavanda dei piedi”.

“Se riedifico quello che ho demolito, mi denuncio come trasgressore” (Galati, 2, 18)

di Don Giovanni Stefano Di Maria

.

zzzzgtt

.

In data 6 gennaio 2016, solennità dell’Epifania del Signore, la Congregazione per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti, con la firma del Prefetto Robert Card. Sarah e un commento dell’Arcivescovo Segretario Arthur Roche, ha emanato il Decreto “In Missa in Coena Domini”, che muta il Rito della  ‘Lavanda dei piedi’, dando attuazione ai desiderata di Papa Francesco, espressi con Lettera del 20 dicembre 2014.

Riprendo la missiva del Sommo Pontefice con questo metodo: ritrascrivo il testo pontificio, evidenzio in corsivo alcune sue affermazioni, fra parentesi in neretto offro il mio contributo.

.

Al Venerato Fratello

Signor Cardinale Robert Sarah

Prefetto della Congregazione

Per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti

.

Signor Cardinale,

come ho avuto modo di dirle a voce, da qualche tempo sto riflettendo sul Rito della “lavanda dei piedi” (da quanto tempo? Perché è da tempo che Bergoglio ha mutato nei fatti la Norma in questione, fin dai tempi in cui era Arcivescovo Cardinale di Buenos Aires e non so se anche prima. Con quale criterio l’ha fatto? Con quale umiltà di sottoporre la sua scelta al parere della Congregazione competente e all’obbedienza dei Sommi Pontefici in carica prima di lui?), contenuto nella Liturgia della Messa in Coena Domini, nell’intento di migliorarne le modalità di attuazione, (non c’era niente da migliorare, la modalità era unica e semplice: bagnare e asciugare i piedi di uomini scelti e disponibili, che rappresentassero i Dodici Apostoli nella commemorazione del gesto di Gesù, a edificazione dei presenti. Cosi anche il Sacerdote, che in tutta la Liturgia Eucaristica agisce come “alter Christus”, in quel momento, fra l’altro facoltativo e non obbligatorio, ed è questo un punto importante da considerare, drammatizza a sua volta il ruolo di Gesù), affinché esprimano pienamente il significato del gesto compiuto da Gesù nel Cenacolo, il suo donarsi “fino alla fine” per la salvezza del mondo, la sua carità senza confini (Papa Francesco vuole rivestire di significato teologico la mera sostituzione degli attori liturgici nella ‘Lavanda dei piedi’: dagli uomini e ragazzi prescritti nel Messale e stabiliti nella Tradizione, a una ampia gamma di soggetti, che dovrebbero essere rappresentativi di tutte le categorie del Popolo di Dio. Ciò che qui non scrive, lo fa esplicitare dal Cardinale Prefetto in quel Decreto: che nei Dodici, più o meno, ci siano anche le donne, una specie di ‘quota rosa’ ecclesiastica. Tecnicamente però il Papa non l’ha affermato! Incredibile! E io che mi ostinavo a non ritenere vera la doppiezza gesuitica! Il Cardinale Sarah, che pure dimostra tempra apostolica non comune in questi tempi, si è dunque piegato al capriccio liturgico del Papa [come mai c’è voluto più di un anno per rispondere alla sua lettera?], lasciandosi così strumentalizzare).

Dopo attenta ponderazione (lo stesso motivetto di sopra), sono giunto alla deliberazione di apportare un cambiamento nelle rubriche del Messale Romano (c’era già arrivato arbitrariamente).

Dispongo pertanto che venga modificata la rubrica seconda la quale le persone prescelte per la Lavanda dei piedi debbano essere uomini o ragazzi, in modo tale che da ora in poi (da ora in poi; dunque quelli che precedentemente hanno violato quella norma liturgica del Giovedì Santo, siano Sacerdoti, Vescovi, o un Papa, lui… sono stati disobbedienti, impostori, TRASGRESSORI, ciò che succede sempre quando saccenti Ministri delle cose sacre alterano a loro gusto e presunzione le indicazioni del Messale!) i Pastori della Chiesa possano scegliere i partecipanti al rito tra tutti i membri del Popolo di Dio (quali membri del Popolo di Dio? Il Decreto, con il suo Commento ufficiale esemplifica così: Tale gruppetto può constare di uomini e donne, e convenientemente di giovani e anziani, sani e malati, chierici, consacrati, laici.  Comunque Bergoglio si è dimostrato più creativo e bizzarro nello scegliere: drogati, carcerati, ragazze madri, ammalati, musulmani [a che titolo costoro vengono inseriti nelle file del Popolo di Dio?]. E i contadini, gli ingegneri, gli impiegati, le casalinghe, gli aviatori, i navigatori, chi vota a destra, chi vota a sinistra… non ce li mettiamo? I disoccupati… vogliamo escludere proprio loro? E via, all’infinito… ).

Si raccomandi inoltre che ai prescelti venga fornita un’adeguata spiegazione del significato del rito stesso (al Papa chi glielo spiega che il Popolo di Dio non ha bisogno di essere rappresentato? Perché c’è già. È lì nel Tempio che sta partecipando alla Santa Messa, tutti quelli che vogliono e sono venuti, nessuno escluso, se non dalla Comunione eucaristica quelli che si escludono da essa [coppie conviventi e irregolari, persone regolari col peccato mortale]. È la Comunità, che si è riunita per la ‘Frazione del Pane’, per rinnovare il ‘Santo Sacrificio’, per fare Eucaristia, ‘Azione di ringraziamento’ a Dio per il suo Amore senza limiti e la Sua donazione infinita a nostra salvezza, in ogni Celebrazione Eucaristica, specialmente quella della Cena del Signore nel Giovedì Santo. In quel giorno c’era solo la necessità, non obbligante, di reperire uomini e ragazzi, che impersonassero gli Apostoli, mentre Gesù lo fa e lo è il Sacerdote). 

Grato per il prezioso servizio di codesto Dicastero, assicuro a Lei, Signor Cardinale, al Segretario e a tutti i collaboratori il mio ricordo nella preghiera e, formulando i migliori auguri per il Santo Natale, invio a ciascuno la Benedizione Apostolica (Papa Bergoglio assicura preghiera per loro, molte volte ce l’ha chiesta per lui stesso. Dal Primo Marzo ho iniziato la pratica del Sacro Manto in onore di San Giuseppe per le sue intenzioni di bene e per una mia intenzione particolare. Questa. Lo Sposo castissimo della Beata sempre Vergine Maria gli impedisca di appoggiare proditoriamente le mani sul calice e sulla patena, al momento dell’Epiclesi o Invocazione allo Spirito Santo, mentre invece vanno sollevate sulle Offerte, perché così si fa, perché così c’è scritto nella Rubrica del Messale, ed è una contraddizione assoluta e inaccettabile che il Sommo Pontefice “trasgredisca uno solo di questi precetti, anche minimi, e insegni agli uomini a fare altrettanto” [cfr. Matteo 5,19]. Non ho capito perché non si inginocchi dopo la Consacrazione del pane e del vino. Se era per motivo di salute, gli ho scritto consigliandogli di emanare un comunicato, in cui dichiarasse di non volere dare cattivo esempio ai fedeli o pretesto ai numerosi Ministri insubordinati… ai quali non sarà certo egli a mettere la testa a posto!). 

= = = = = = = = = = = = = = = = = =       

Infine, ormai fuori testo, per spiegare il titolo di questa diatriba, che ancora non è finita, applico a Jorge Mario Bergoglio le parole citate della Sacra Scrittura, in quanto egli inventa una norma ecclesiastica, non perché dettata dalle esigenze della Chiesa o per recuperare una tradizione antica, o perché frutto della sua ispirata meditazione, ma solo per costruire una legge “ad personam” e giustificare i suoi errori passati, sfruttando il suo potere, come nella peggiore politica sociale!

Il Papa eleva a pratica ecclesiastica comune e generale quello che è stato un suo abuso liturgico di sempre!

Letteralmente riedifica quello che ha demolito e si denuncia pertanto come TRASGRESSORE! Ma non capisce che sta costruendo un castello di carte truccate, che crolla al soffio dello Spirito Santo? Davvero vuole spacciare come Magistero pontificio un suo personalissimo, pretenzioso vizio celebrativo? Se lui ha disatteso quelle stesse norme liturgiche, disobbedendo ai precedenti Pontefici, non sta autorizzando gli altri a disprezzare quella legge, che con tanta enfasi sta ora emanando, cambiando la precedente? Ma non c’è nemmeno bisogno di agitarsi tanto… non è obbligatorio il Rito della Lavanda dei piedi e non lo faccio per niente!

Intanto parroci zelanti e trafelati sono alla ricerca spasmodica di esemplari originali ed esotici di simulazione del Collegio Apostolico, da ingaggiare per la ‘Lavanda dei piedi’ nel prossimo, imminente, incombente Giovedì Santo: che so?… badanti romene e polacche… prostitute e suorine… vecchiette e bambine… calciatori e ciclisti… e chi s’è visti s’è visti…

Il Decreto della Congregazione, con il commento pubblicato a corollario dello stesso da parte del Segretario, non può nascondere il suo aspetto ideologico e mostra subito la sua difficoltà applicativa, come succede sempre con i pastrocchi che combina Francesco (p. e. i suoi ‘Motu proprio’ sulla nullità dei Matrimoni): dove trova un povero parroco, fra gli altri uomini e donne, un altro Sacerdote come lui, a cui lavare i piedi? Ma se ci fosse un altro confratello, non sta anch’egli, grazie a Dio, celebrando la Santa Messa dell’Ultima Cena da qualche altra parte con la sua Comunità?

Vedremo cosa inventa il Papa per la prossima ‘Lavanda dei piedi’, se metterà in pratica le sue stesse indicazioni o addirittura ‘rinnegherà se stesso’; se farà come ha fatto sempre (quello che gli pare), non vergognandosi così di dare più importanza a un gesto liturgico facoltativo che alla Santa Messa in Coena Domini, che ha finora celebrato fuori della Basilica di San Pietro.

Un eccentrico Papa non si accorge che così facendo egli diventa il protagonista e padrone dell’Azione liturgica e si sostituisce maldestramente a Gesù Cristo: non c’è più il Sacerdote, che rappresenta Gesù e lava i piedi a uomini e ragazzi, che impersonano gli Apostoli; no, si dirà: visto Bergoglio quanto è stato bravo? È andato là e ha lavato i piedi a quelli e a quell’altre!

Forse egli pensa di commuovere la gente, ma per me risulta ridicolo: l’amore cristiano siamo chiamati a praticarlo, non a goffamente drammatizzarlo! L’infinito Amore di Gesù è la Santa Messa, che stiamo celebrando! Il Popolo di Dio che ne è beneficiario, è quello che vi sta partecipando!

.

Sullo stesso argomento, vedi anche un articolo di Repubblica (clicca qui)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

23 commenti su “Se riedifico quello che ho demolito, mi denuncio come trasgressore  –  di Don Giovanni Stefano Di Maria”

  1. Bergoglio è solo apparentemente un pasticcione; sta scientemente demolendo, mattone dopo mattone, la Chiesa Cattolica Apostolica Romana, usando gli stessi mattoni per costruire la “Nuova Chiesa” del “Nuovo Ordine Mondiale” tanto caro alla Massoneria!

  2. Anche il fatto che perdiamo tempo con “Mangiafuoco” è una sua vittoria.
    Ignoremus eum et operam eius !

  3. Cosa si inventa il papa per la prossima lavanda dei piedi? Ho il cuore a pezzi, temo sia di nuovo uno spettacolo. Qualcosa di insolito, inedito, mai fatto prima, che susciti stupore e ponga in primo piano qualcuno che non è Cristo.
    Cerco di pregare di più e meglio, di condurre una vita più cristiana, di praticare le virtù, perché, sinceramente, non voglio lasciarmi vincere dallo scoraggiamento, una grossa tentazione nella situazione attuale della Chiesa. Ma non nascondo di essere stanca e triste tante volte.
    Sono inoltre in apprensione per la prossima uscita dell’esortazione post-sinodale, che verrà firmata il 19 marzo. Il povero S.Giuseppe, mancava solo lui dei componenti della Sacra Famiglia. Dio mi perdoni, ma non mi aspetto niente di buono.

    1. Dio non deve perdonarla per questa attesa negativa.
      Siamo di fronte a una persona che ogni giorno demolisce e affossa la Chiesa. E il Giovedì Santo, come ho scritto alla prima pubblicazione della notizia, sarà il giorno dell’esame di bergoglismo per il Clero: chi non laverà i piedi alle donne, sarà ipso facto (e correttamente) classificato come a-bergogliano, cioè “fossile da cestinare”. Scomunicato perciò (tra virgolette, e forse poi anche senza virgolette) dal “gioioso carrozzone della Libertà, dell’Umanità e della Pace”, cioè dalla Neo-chiesa, inaugurata l’ 8 dicembre con la satanica proiezione sulla facciata di San Pietro.

      P.S.: chiesa di Sant’ Ignazio in Roma (“Collegio Romano”, storica sede di studi e di insegnamento dei Gesuiti, storico luogo di confessioni con i Padri gesuiti): una serie di “Alberi della Vita” occupano gran parte della navata. Albero in senso naturalistico/evoluzionistico. All’ingresso, la spirale, simbolo della Natura che attinge l’Infinito. Teilhard, sei il nostro dio!
      E noi dobbiamo perdere tempo e serenità con questa gente ?

      1. Ma scusi Raffaele, e il bell’ovale, in alto, con l’immgne di Maria SS.ma e la scritta “Tota pulchra es Maria”, non l’avranno mica tolto, nè? ogni volta che vengo giù a Roma faccio una visita a codesta chiesa per ammirare quell’immagine dell’Immacolata (il resto lo ignoro, non lo degno di uno sguardo) che mi riscalda letteralmente il cuore. Certo è che le offese alla Madonna le pagheranno a caro prezzo, tutti quanti, questo è sicuro : NSGC non la fa passare liscia a chi offende Sua Madre e persevera, impenitente. Ad Jesum per Mariam, quindi. LJC

        1. Sinceramente non l’ho osservato, carissimo.
          L’impressone attuale è che, se non ci fosse la Soprintendenza, avrebbero fatto piazza pulitaa delle “decorazioni” per usare la grande chiesa come “spazio per mostre e provocaziioni culturali”. Nel frattempo ci sono le procazionii ereticali – concepite dai Gesuiti.

          Da Wikipedia:
          ” nel 1849 l’edificio fu occupato e pesantemente devastato dai rivoluzionari i quali prima di lasciarlo, il 7 agosto 1849, al sopraggiungere dei francesi che venivano per liberare Roma, incendiarono un’ala del collegio, danneggiando anche le stanze di San Luigi”
          “…con l’occupazione delle truppe sabaude di Roma, il 20 settembre 1870, il collegio fu adibito a caserma dei bersaglieri e i locali e le aule vennero adibite a scuole tecniche e a ginnasio liceo. Il 6 novembre venne ordinata la chiusura del Collegio Romano. Anche il simbolo della compagnia di Gesù fu scalpellato dai timpani delle porte, che fino ad allora sia i giacobini che i mazziniani avevano risparmiato

  4. Concordo pienamente con Joannes: i prossimi passi saranno l’esortazione post-sinodale e la terribile sua partecipazione al cinquecentesimo anniversario dell’eresia di Lutero. Ma possibile che nessun vescovo o cardinale, tolti i pochi che osano criticare alcune sue posizioni, abbia il coraggio di affermare che questa persona non può essere il Papa della Chiesa Cattolica Apostolica Romana? Grazie a don Giovanni Stefano!
    Non ci rimane che pregare che il Signore possa attenuare la sua prossima condanna della nostra deviata umanità.
    Anselmo

    1. Don Giovanni Stefano Di Maria

      Gentile Anselmo
      Io non dico che Francesco non può essere il Papa della Chiesa Cattolica Romana (sebbene il signor Socci documenta che la sua elezione non sia valida), però critico le parole e le azioni di lui, quando sono contrarie alla sua missione. Aspettiamo di conoscere l’Esortazione post – sinodale sulla Famiglia. Per quanto l’annuncio ufficiale della Santa Sede: “Papa Francesco ha in animo di prendere parte a una cerimonia congiunta fra la Chiesa Cattolica e la Federazione Luterana mondiale a Lund, in Svezia, il 31 ottobre 2016, per commemorare il 500° anniversario della Riforma”, commento satiricamente: è come due separati, che celebrano l’anniversario del loro divorzio!

  5. è il caso di valutare se lui sia SOLO l’ultimo picconatore di ciò che si è iniziato molto prima???? Si tratta di vedere che l’albero dle concilio ultimo ha dato tale frutto FINALE!

    1. No, non è il caso.
      Quella è la via per mettersi a disquisire quale sia stata la percentuale di ereticità dei diversi Papi, senza vedere l’enormità di un Papa-Anti (anti-Chiesa, per far mascere la Neo-chiesa: proprio quella che chiunque può vedere, effigiata in modellino ligneo, in S. Ignazio, entrando a destra)

  6. Solo ragazzi o, anche, bambini? Nelle ultime liturgie del giovedì santo a cui ho partecipato, la lavanda dei piedi è stata fatta a dei bambini, non ricordo se tra questi ci fossero delle bambine. Se non erano ammessi i bambini, quella di ammetterli era, quindo, una prassi ormai già praticata.
    Emanuele

    1. Don Giovanni Stefano Di Maria

      Gentile Emanuele
      Bergoglio non è il solo scriteriato ad aver condito ‘la pizza’ della Lavanda dei piedi nei più svariati modi possibili, ci si sono cimentati altri Vescovi e Preti e, come Papa, solo Lui: donne e uomini, in primis, come criterio fondamentale (diciamo: la pizza margherita), e quindi bambini e bambine della Prima Comunione… ecc. ecc. (con tutti gli ingredienti e i sapori possibili!). A tutti essi applico la Parola di Dio, la quale li accusa di seguire “il principe delle potenze dell’aria, quello spirito che opera negli uomini ribelli” (Efesini 2,2)

  7. Gesù a S.Maria Alacoque (Frammenti autobiografici): “Il mio Cuore rifiuta in tal modo i disobbedienti che, più cercano di avvicinarsi a me per mezzo di sacramenti, preghiere ed altri
    esercizi, e più Io mi allontano da loro per l’orrore che mi ispirano…..dato che il superiore, buono o cattivo che sia, occupa il mio posto”. E S.Alfonso M. De Liguori: ‘Gesù, è meglio per me che mi allontani da te per obbedire anziche che io rimanga ai tuoi piedi disobbedendo.’
    S.Benedetto da Norcia considerava i monaci sediziosi peggiori dei piu grandi peccatori: apparentemente desiderosi di perfezione bramano solo di imporre la loro volontà.

    1. Maria Teresa

      I monaci sediziosi cercano anche il “successo” personale. Sussistono numerosi esempi al riguardo.

    2. Don Giovanni Stefano Di Maria

      Gentile ‘Frama’ (maschile, femminile o neutro?)
      I Santi ci insegnano l’obbedienza e ad obbedire, “dato che il superiore, buono o cattivo che sia, occupa i mio posto”, dice Gesù. Infatti Bergoglio non mi ha chiesto niente, perché io possa avergli disobbedito. Usando l’espressione del Divino Maestro, dico solo di lui: “è un cattivo Papa!”.

      1. Il soldato al quale viene ordinato dal suo superiore di far parte di un plotone di esecuzione per un’ingiusta fucilazione, è tenuto all’obbedienza?
        …e si può essere complici anche per semplice omissione?

  8. Medito il Vangelo e prego … per salvare la mia fede cattolica dagli attacchi di bergolius!
    Gesù abbi pietà di me peccatore!

  9. “bramano solo di imporre la loro volontà” : è quello che fa conti nuamente il VdR, per chi sa vedere oltre il uo finto buonismo; altro che collegialità ! però non tende ad imporre la sua volontà come papa, ma come demolitore del papato e del Cattolicesimo, quindi come un massone dittatore, una specie di novello Bonaparte.

    1. Il suo motto è “Chi non è con me, è contro di me”.
      Al quale io consiglio di rispondere “Chi non è con te, non ha tempo da pedere con te”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su