Simboli religiosi derisi, il Gay Pride brasiliano in tribunale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzbndrclL’Ufficio di Presidenza del Consiglio di Regione Lombardia, circa un mese fa, ha concesso – col voto decisivo del rappresentante di Lega Nord, Fabrizio Cecchetti – il patrocinio all’imminente Milano Pride, un’intera settimana di manifestazioni Lgbt, promosse dal 22 al 28 giugno. Ebbene, è giusto che al Pirellone si sappia quanto accaduto al recente Gay Parade promosso in Brasile, dove simboli cristiani sono divenuti oggetto di scherno, insulto e profanazione, tanto da spingere i Vescovi cattolici a denunciare pubblicamente l’accaduto, a stigmatizzarlo ed a chiedere che vengano intraprese azioni legali contro i responsabili. La dissacrazione di simboli religiosi, infatti, «viene riconosciuta come reato dal Codice Penale» brasiliano. Per questo l’episcopato chiede ora al governo federale, «custode della Costituzione», di «difendere i diritti calpestati».

La Conferenza episcopale della prima Regione Sud, con un proprio comunicato, ha denunciato le «chiare manifestazioni di disprezzo verso la coscienza religiosa del nostro popolo e verso il principale simbolo della fede cristiana, Gesù crocifisso», ostentate nel corso dell’iniziativa Lgbt. Inoltre, ha espresso «stupore nel constatare come eventi di questo tipo possano essere autorizzati ed ottenere il patrocinio del governo», pur promuovendo «atti, che offendono chiaramente lo stato di diritto garantito dalla Costituzione». Vasta l’indignazione suscitata presso la popolazione dalla parata annuale, svoltasi per le strade di Sao Paulo, parata durante la quale sono state distrutte immagini sacre, individui nudi si sono seduti su di esse oppure le hanno utilizzate per coprirsi le pudenda. Non ultimo, è stato mostrato un transessuale seminudo su di una croce, mentre un altro si è spogliato davanti ad una chiesa. Atti inqualificabili, atti che suonano come una vera e propria bestemmia.

L’on. Rogério Rosso, rappresentante del Distretto federale presso la Camera dei Deputati, ha proposto una legge, che vieti tali disgustose e blasfeme pagliacciate, infliggendo anche ai responsabili una pesante ammenda, oltre ad 8 anni di carcere. Anche il sen. Magno Malta ha denunciato il fatto che queste sfilate usino i soldi pubblici, stanziati dal governo, per «andare oltre» un discorso di correttezza, per seminare «l’intolleranza e la totale mancanza di rispetto verso la libertà religiosa». Così ha chiesto ai procuratori federali di avviare un’indagine penale contro tali comportamenti.

L’offesa recata ai simboli religiosi cari ai fedeli cattolici richiede ora un atto di riparazione, per domandare a Dio il perdono e la conversione dei cuori.

.

fonte: NoCristianofobia  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

7 commenti su “Simboli religiosi derisi, il Gay Pride brasiliano in tribunale”

  1. Sono disgustata e impaurita: e parlano di omofobia!
    Sia benedetto l’on. Rogério Rosso!!!
    Sperò però sempre di più nell’intervento di Gesù!

    1. Ben detto, cara Paola: vediamo se qualche pro-choice verrà anche qui a dire che Dio ci ha lasciati liberi e che quindi non bisogna lamentarsi di questo disgustoso fatto?

  2. Se quei LURIDI SODOMITI sapessero cosa li attende…
    Speriamo almeno che il Brasile riesca a liberarsi di tali disgustose, oscene e blasfeme pagliacciate!

  3. luciano pranzetti

    Allegri, amici, ché l’instrumentum laboris, prologo al Sinodo del prossimo ottobre, sta allestendo la fiera della misericordia: comunione ai divorziati/risposati – previo “cammino penitenziale(!) – riconoscimento delle coppie nella irreversibile condizione di concubinato, compassione per gli accoppiamenti sodomitici ed altro. Il pride Milano è il tedoforo di questo sinodo.

    1. Caro Dott. Pranzetti , speriamo che Burke ( se potra’ partecipare ) , Schneider & Co . si decidano finalmente a difendere Cristo , e non il ‘ papa’. , perché forse e’ l’ultima chance .
      Diversamente , dovremo fare altre scelte. Non vorrei sorbirmi nel 2016 i ‘ missionari della misericordia’ visto anche il ‘vescovo’ che mi ritrovo.

  4. Il 29 luglio 2007, il procuratore capo di Bologna ha richiesto l’archiviazione di una denuncia per vilipendio ad un’associazione gay che aveva allestito uno spettacolo offensivo nei riguardi della Madonna. Il 13 novembre la richiesta di archiviazione è stata accolta dal GIP del tribunale di Bologna.
    E l’UAAR se la ride.
    “E’ il modernismo, bellezza”, tanto per parafrasare Humphrey Bogart.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su