Simonetta Scotto narra le imprese dei resistenti all’islam – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Nel racconto di Scotto gli avversari dell’islam sono due amici, uomini veri, soldati esenti da languori liberali e indenni da scrupoli ecumenici. Sono i protagonisti di una difficile e rischiosa impresa, liberare due commilitoni imprigionati (e canonicamente torturati) da guerriglieri jihadisti.

di Piero Vassallo

.

zzzzsctt(Per inciso: che palle la democrazia, che palle il pacifismo, che palle la venerata & tutelata culocrazia, che palle l’America, che palle Obama, che palle il porno-progressismo della Clinton!)

Nuotare contro la melassa pacifista, in discesa impetuosa attraverso le autorevoli dentiere dei buonisti di pia estrazione e/o di massonica risma, narrare (senza deplorare e stigmatizzare) storie di guerra giusta (oibò!) è un’impresa squisitamente scorretta, deplorevole e linciabile.

Trattasi di un’indiretta offesa ai banditori del sincretismo caramelloso, in corsa forsennata sulle liquide/scivolose piste battute dalla rispettosa inclinazione e dalle aperture dei debolucci, desiderosi & vogliosi di islamiche attenzioni [1].

Simonetta Scotto, colpevole di aver gettato la democratica mordacchia, rischia la caduta sotto il greve silenzio, che è contemplato e previsto dalla irosa deplorazione dei sinceri ecumenisti e dei devoti lettori, ultimamente eccitati e titillati dai neo-clericali squilli del leopardiano Eugenio Scalfari.

La imperterrita scrittrice genovese propone testi che narrano, con coinvolgente fantasia, bello stile e (sospetta e deplorevole) simpatia, le imprese dei combattenti di un’immaginaria agenzia, in guerra contro le associazioni malavitose a fine di lucro e/o di promozione islamica.

Opportunamente l’autrice rammenta che “l’agenzia di cui parlo qui è puro frutto di fantasia, in quando differisce dalle normali Agenzie di Servizi Segreti”.

Precisazione quanto mai opportuna, dal momento che fra le righe della ragionevole opposizione all’islam, gli ambigui e maldestri liberatori americani (all’inseguimento degli infelici risultati già ottenuti in Iraq e in Libia dagli educatori democratici) fanno correre il culto fanatico (e perdente) del feticcio liberale, che Piero Nicola definisce “giungla organizzata e condotta da una cricca di senza Dio e senza Patria”.

D’altra parte il racconto Il gatto e la volpeedito in questi giorni a Tricase di Lecce, corre in parallelo con la vicenda dei marò italiani Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, prigionieri della sgangherata e superba giustizia di un paese terzomondiale: “prima di tutto il fatto che fossero due militari in missione a subire insieme questa incredibile ingiustizia; poi l’amicizia che li univa e li unisce nel lavoro e nella vita, nel bene e nel male”.

Nel racconto di Scotto gli avversari dell’islam sono due amici, uomini veri, soldati esenti da languori liberali e indenni da scrupoli ecumenici. Sono i protagonisti di una difficile e rischiosa impresa, liberare due commilitoni imprigionati (e canonicamente torturati) da guerriglieri jihadisti.

Il racconto in quanto mantiene il doveroso equilibrio tra fantasia e verosimiglianza ottiene un significativo risultato: mostrare l’inclinazione della religione islamica a una violenza cieca, che manifesta la refrattarietà a vivere secondo virtù e conoscenza.

La corretta risposta alla sfida della barbarie è l’azione implacabile dei corpi speciali (attivi più nell’immaginario che nell’intenzione degli americani) impegnati nella disperata difesa di un’egemonia fondata sulle sabbie mobili del pensiero debole.

Uno scenario crepuscolare, sul quale incombe un futuro orientato nella direzione dell’alleanza delle nazioni mediorientali – in uscita dal fanatismo islamico – con la tradizione cristiana della Russia di Putin.

.

[1] Tradotta nel dialetto genovese deboluccio diventa de-buliccio, e infine bulicciosostantivo deplorato, che allude in modo oltraggioso e plebeo agli eletti praticanti dello svago democratico.

.

fonte: blog dell’Autore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1 commento su “Simonetta Scotto narra le imprese dei resistenti all’islam – di Piero Vassallo”

  1. Futuri paralleli: Sono reali invocazioni, e la forma letteraria o cinematografica poco importa. Sono rituali di invocazioni diverse dalle preghiere formulate a parole ma sempre preghiere sono. Vediamo di capire: se di scrittori cosi ce ne fosse uno, poi dieci, poi cento, poi ottantamila, finalmente l’Occidente comprenderebbe in massa che senza reale mobilitazione spirituale non si può ottenere una effettiva mobilitazione? Pacifismo, buonismo, femminismo, de-familizzazione, omosessismo, perdonismo, eutanasia, iper-relativismo, ecumenismo, pornografia e rincoglionismo, dissoluzione ecclesiastica e protestantizzazione della Chiesa, sono: ARMI che enfatizzano un progetto disgregativo iniziato nei tardi anni ’50 dall’Unione Sovietica, nella logica della Guerra Fredda, ma oggi usato nella logica del Piano Kalergi. Orizzonte: Guerra Interraziale e Religiosa in Europa. Auspicabile: Resistenza Spirituale Preventiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su