SIRIA. DICHIARAZIONI DEL PATRIARCA GRECO MELCHITA GREGORIOS III: NO ALL’INTERVENTO, GLI USA ALIMENTANO L’ODIO E LA VIOLENZA

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Mentre con impressionante incoscienza gli Stati Uniti preparano un attacco alla Siria, per “punire” un uso di gas da parte delle forze governative contro i ribelli, proponiamo alla Vostra attenzione le dichiarazioni che Gregorios III, Patriarca Greco-Melchita, ha rilasciato alla Fondazione “Aiuto alla Chiesa che soffre”. La guerra civile che sta insanguinando la Siria viene combattuta anche sul fronte dell’informazione, con un uso spregiudicato della menzogna e dell’omissione. Nel caso specifico, l’uso di gas è stato tutt’altro che accertato con sicurezza, né, laddove i gas siano stati realmente usati, si è in grado di sapere se ciò è avvenuto da parte dell’esercito regolare o da parte di bande di ribelli. Al proposito Vi invitiamo alla lettura dell’articolo di Piero Laporta “Siria, il gas soffoca la verità“.

PD

acs

Aiuto alla Chiesa che Soffre

Fondazione di Diritto Pontificio

www.acs-italia.org

GREGORIOS III: NO ALL’INTERVENTO, GLI USA ALIMENTANO L’ODIO E LA VIOLENZA

pgm«È giunto il momento di mettere da parte le armi e lavorare insieme per un piano di pace». È l’appello di Gregorios III Laham alla comunità internazionale, raccolto da Aiuto alla Chiesa che Soffre martedì 27 agosto.

Appena rientrato in Libano dopo alcuni giorni a Damasco, il patriarca greco-melchita condanna fermamente l’eventualità di un intervento militare in Siria. «Una tale azione non potrà che avere conseguenze disastrose – afferma Sua Beatitudine – dobbiamo invece continuare a promuovere iniziative per la riconciliazione. Nonostante l’infuriare della crisi, la riconciliazione è ancora una strada percorribile e deve essere in cima alle nostre priorità».

Gregorios III esprime ad ACS anche le sue perplessità relative agli autori dell’attacco avvenuto il 21 agosto scorso nella periferia della capitale siriana, durante il quale sarebbero state utilizzate armi chimiche. «Chi può dire chi ci sia dietro l’attentato?», si chiede il patriarca puntando il dito contro gli Stati Uniti, «che un giorno accusano le forze lealiste, ed il giorno seguente l’opposizione».

Per il patriarca melchita, l’atteggiamento americano non farebbe che gettare benzina sul fuoco. «Sono ormai due anni che gli Usa continuano ad alimentare l’odio e la violenza». Nel condannare l’utilizzo di armi chimiche Gregorios III fa inoltre notare il notevole afflusso di guerriglieri stranieri in Siria, in parte dovuto al massiccio ingresso di armi nel paese mediorientale, che contribuisce ad accrescere le file di gruppi islamisti e fondamentalisti.

L’alto prelato ha lasciato la Siria lunedì pomeriggio (26 agosto), poco prima che due bombe colpissero la città vecchia di Damasco, poco distante dal patriarcato melchita. Un ordigno è caduto su un centro Scout uccidendo due passanti, ma risparmiando fortunatamente i bambini. «Non possiamo affermare che l’obiettivo fosse il patriarcato, perché vi è anche una base militare nelle vicinanze». Intanto continua il lavoro del centro di soccorso della Chiesa greco-melchita (istituito a fine 2011) a cui oggi si rivolgono oltre 2800 famiglie damascene bisognose di cibo e medicine. «La situazione nella capitale è davvero tragica e si può essere colpiti da una bomba in qualsiasi momento».

Oltre un terzo dei cristiani siriani – circa 450mila – ha dovuto abbandonare la propria casa per cercare rifugio all’estero o in altre aree del paese. «Nonostante i gravi problemi, i nostri fedeli non hanno mai smesso di pregare e le nostre chiese non sono mai vuote. I cristiani di Siria hanno paura, ma la loro fede è ancora più forte».

Roma, 30 agosto 2013

*************************

“Aiuto alla Chiesa che Soffre” (ACS), Fondazione di diritto pontificio fondata nel 1947 da padre Werenfried van Straaten, si contraddistingue come l’unica organizzazione che realizza progetti per sostenere la pastorale della Chiesa laddove essa è perseguitata o priva di mezzi per adempiere la sua missione. Nel 2012 ha raccolto oltre 90 milioni di euro nei 17 Paesi dove è presente con Sedi Nazionali e ha realizzato oltre 5.604 progetti in 140  nazioni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su