Sul sito dei Vescovi tedeschi, intervista-choc contro la Dottrina

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

zzzzvscvtdIncredibile! Nuovo, clamoroso “strappo” dei Vescovi tedeschi progressisti. E’ più di una sensazione, ormai, quella di trovarsi di fronte ad un’altra Chiesa, diversa da quella cattolica, sebbene non ancora formalmente ritenuta tale (ed è questo il guaio). Nonostante la Sacra Scrittura, il Magistero, la Tradizione, il Catechismo parlino estremamente chiaro, lo scorso 25 agosto sul proprio sito ufficiale Katholisch.de, la Conferenza episcopale tedesca ha pubblicato un’ampia intervista al prof. Stephan Goertz, docente di Teologia morale presso l’Università di Magonza, intervista dedicata al suo ultimo libro dal titolo – scontato e davvero poco originale – Chi sono io per giudicare? Omosessualità e Chiesa Cattolica.

Di nuovo la “teologia della situazione”

Secondo lui, essendo cambiati i tempi, anche i giudizi morali dovrebbero andare di conseguenza. Così, mentre nei periodi cui fa riferimento la Bibbia «il primo scopo dato da Dio alla sessualità era quello della procreazione» per «garantire la sopravvivenza del popolo» e per non «mettere in pericolo l’ordine sociale», oggi non sarebbe più così, “grazie” anche alle attuali «conoscenze scientifiche» (che non si comprende cosa c’entrino e come possano spostare i termini del problema). Ciò, a suo dire, per lo meno dai tempi del «Concilio» ad oggi (dove con tale termine ci si riferisce al Vaticano II, pur senza citarlo, come se si trattasse dell’unico tenuto dalla Chiesa Cattolica…).

Così Goertz rispolvera la vecchia (e già condannata) teologia «della situazione» per tentare di spiegare cosa spinga la Sacra Scrittura a condannare la pratica omosessuale: «Nelle nostre interpretazioni dobbiamo sempre comprendere la situazione storica concreta in cui si trovano gli autori del testo biblico», dice.

Ma, così facendo, Goertz tradisce e calpesta di fatto il Catechismo, che al n. 105 precisa: «Dio è l’autore della Sacra Scrittura. “Le cose divinamente rivelate furono consegnate sotto l’ispirazione dello Spirito Santo» e, poiché «Gesù Cristo è lo stesso ieri, oggi e sempre!» (Eb 13, 8), va da sé come la Dottrina sia immutabile e non dipenda da una moda, da un costume, da un desiderio, da un capriccio e neppure dal consenso della maggioranza. Dottrina definita «infallibile», «immutabile» e «certa» dalla Dichiarazione circa la Dottrina cattolica sulla Chiesa per difenderla da alcuni errori d’oggi, emanata dalla Congregazione per la Dottrina della Fede. Al n. 5, citando il Concilio Vaticano I, tale Dichiarazione condanna in modo inappellabile la sentenza «secondo la quale potrebbe accadere ‘che ai dogmi proposti dalla Chiesa si debba talvolta dare, in base al progresso della scienza, un senso diverso da quello che la Chiesa ha inteso ed intende’. Non c’è dubbio che il senso dei dogmi dichiarato dalla Chiesa sia ben determinato ed irreformabile». Con buona pace di Goertz, il quale, dal canto suo, ritiene tutto questo un «uso fondamentalista dei testi biblici», come afferma nella sconcertante intervista.

Per questo egli ritiene che le cosiddette “unioni omosessuali” debbano essere rispettate «e non discriminate o criminalizzate», nonostante la pratica dell’omosessualità venga chiaramente condannata sempre dal Catechismo. E confida anzi in un cambio di rotta al prossimo Sinodo sulla Famiglia, magari con tanto di «approvazione ecclesiastica» e con «carattere sacramentale». Infischiandosene della retta Dottrina, fissata non dagli uomini, ma da Cristo.

Un’intervista senza commenti

L’intervista è apparsa sul sito ufficiale dei Vescovi tedeschi tale e quale, senza prese di distanza, senza precisazioni, senza commenti, senza critiche, senza rettifiche. Niente di niente. E questo è semplicemente scandaloso.

Lo scrittore e giornalista cattolico Mathias von Gersdorff ha subito commentato l’accaduto: «Quando si mette in discussione in questo modo il pur chiaro insegnamento della Chiesa sui Sacramenti, allora ci si deve chiedere per quale motivo questi teologi non ritengano più opportuno fondare una nuova religione». Che loro desiderino restar mischiati e confusi tra i Cattolici, è prevedibile: il problema sta nella latitanza di chi sia preposto a vigilare e non lo fa, sta cioè nei silenzi complici dei pastori, che giungono addirittura a dar loro spazio sul sito ufficiale della Conferenza episcopale tedesca. Senza neppure precisare ai lettori cosa realmente dica la Chiesa. E questa è una colpa grave.

.

fonte: NoCristianofobia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

8 commenti su “Sul sito dei Vescovi tedeschi, intervista-choc contro la Dottrina”

  1. Federico Fontanini

    Uno schifo! Si vergognino questi “teologi” e pensino al Giudizio di Dio che verrà anche su di loro! C’è davvero tanta sporcizia nella Chiesa! Dio abbia pietà e affretti l’ora del trionfo del Suo Regno

  2. Chi è il prof. Stephan Goertz, docente di Teologia (im)morale presso l’Università di Magonza?
    Un povero apostata appoggiato da una conferenza episcopale formata in gran parte da apostati!

  3. E’ nel dire e nel non dire, nell’ambiguità e nel pensiero nebuloso che si insinua il maligno. Cosa significa “rispettare le unioni omosessuali, non discriminarle e non criminalizzarle” e nel contempo ricordare che la pratica omosessuale è condannata dal Catechismo? Si può rispettare una situazione condannata dal Catechismo? E’ come se si dicesse: “Tu, Signore, mi dici che questo comportamento è peccato, però io lo rispetto lo stesso”. Di questo passo rispettiamo qualsiasi tipo di traviamento e di trasgressione alla legge di Dio, ché tanto per tutto si trova una giustificazione e dunque sentiamoci finalmente liberati dal peso di dover confrontare la nostra coscienza con le norme divine; che in fondo sono tutte passibili di modifiche e di aggiornamenti, ché i tempi sono cambiati e, -caro Padre Eterno, mettiti l’anima in pace, che, peccato o non peccato, i diritti sono diritti e chi sei Tu per limitarli?-

    1. Federico Fontanini

      Il peggior guaio è che a furia di sentirsi rispettate, le persone che soffrono di certe “devianze” e vivono in stato di peccato mortale, si convincono di non fare alcun male; se cattolici non si sentiranno spinti a cambiar vita, si accosteranno comunque alla comunione perché “anche Gesù rispetta i loro comportamenti”. Conclusione: sempre più anime all’inferno Questo è il vero MALE e si vede chiaramente che quando il diavolo fa breccia sui pastori è una strage.

  4. IL diavolo si nasconte molto bene in questi attegiamenti e pensieri perversi volendo chiamarli diritti umani in nome della maledetta libertà pagana imposta dal potere dominante. Satana è già infiltrato anche nella chiesa di Cristo e se ne vuole impadronire facendo credere che il Santo Natale è proprietà del “barba bianca” della Coca Cola, la Santa Pasqua la festa delle uova di cioccolato, il significato di perversione=famiglia, ecc…. Cristiani: SVEGLIATEVI!! Gesù ci ha insegnato che si deve perdonare tutti ma NON il male che c’è in coloro che lo commettono

  5. Ha ragione Mathias von Gersdorff… perchè non si fondono una loro religione? ma no, conviene confondersi nell’ambiguità e scalare un successo ormai
    sempre più previsto e favorito da chi comanda. Ma qualcuno risponderà ai COMANDAMENTI!! Dio non li cambia secondo i potenti interessi di lobby e interessi
    economici che oggi comandano morale e mode su tutto il pianeta, seguiti pedissequamente da masse superficiali e ignoranti e da governi venduti al maligno.
    Auguri a tutti per affrontare lo sfacelo a cui andiamo incontro ma sicuri di dover continuare a pregare e difendere la verità anche se siamo in minoranza, ci
    guidi lo Spirito Santo. Almeno avremo fatto la nostra parte. Buona preghiera a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su