TRENTA RIGHE FUORI MODA – rubrica settimanale di Alessandro Gnocchi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Lasagnette in basilica per Omissis e vignette su Avvenire per Staino. La chiesa invertita ha una sua coerenza.

.

In un giornale, “trenta righe”, sono come un sigaro toscano e una medaglia di cavaliere: non si negano a nessuno. Sono perfette per i primi balbettii di un praticante, per i funambolismi del vecchio cronista, per l’elzeviro del professore un po’ dandy e per l’editoriale del direttore. Dunque bastano anche a noi per dare un taglio veloce ed esaustivo a questa rubrica che commenta quanto accade dentro e fuori la Chiesa. Ma per favore, anche se la forma non è più quella della risposta alle vostre lettere, continuate a scrivere. Gli spunti migliori vengono sempre da voi.

.

“Lasagnette al ragù di manzo, cotoletta di tacchino con crema di parmigiano accompagnata da patate alla provenzale, centrotavola di uva e prugne settembrine e torta di riso”: così recita il menu del pranzo servito la scorsa domenica nella basilica di San Petronio a Bologna per l’incontro di Bergoglio con “gli ultimi”. I penultimi si sono dovuti accontentare fuori con un panino. Naturalmente, spiega “Repubblica”, “sono state usate stoviglie totalmente biodegradabili”, così la “Green Church” guidata da Omissis I ha rispettato il precetto domenicale. Poi tutti al Dall’Ara con bandiere e striscioni perché, se in basilica si mangia, la messa si fa allo stadio: i canoni della chiesa invertita sono inflessibili.

Il “bravo vaticanista” si è affrettato a spiegare che non è vero che in basilica fossero stati installati i bagni chimici, quindi sia anatema chi parla di profanazione. Però l’arcivescovo di Bologna Matteo Zuppi ha spiegato in un’intervista a radio InBlu che “quello che è successo non significa desacralizzare, anzi ci aiuta a capire ancora meglio e a sentire ancora più umana l’eucarestia”. Il che sembrerebbe una profanazione ben peggiore dei cessi chimici in basilica.

Di contorno, ci sono stati gli elogi bergoglieschi al “modello emiliano”, l’invito agli immigrati ad assimilare la cultura di Bologna e non quella cristiana, la foto di Omissis I con tanto di bracciale 3900003 mano nella mano con il profugo. La chiesa che piace è questa, una chiesa tutta nuova che di nostro Signore non sa proprio cosa fare. Anzi lo sa benissimo, ne fa una macchietta. Non a caso Avvenire, il quotidiano dei vescovi italiani, ha affidato al vignettista Sergio Staino, presidente dell’Unione Atei e Agnostici Razionalisti, lo spazio domenicale per una striscia a fumetti intitolata “Hello Jesus”. In un’intervista al “Corriere”, Staino spiega l’operazione così: “Gesù ha l’aspetto di mio figlio a 20 anni e l’aria di non sapere cosa fare nella vita. Il babbo Giuseppe è Bobo, preoccupato come tutti i padri per quelle frequentazioni maschili. Gli dice: dammi una mano in bottega, che dobbiamo reggere la concorrenza con l’Ikea”.

In sovrappiù, dice di non rinnegare l’ateismo. Evidentemente, nella neochiesa di Omissis I, che offre le lasagnette invece dell’Eucaristia, e al calduccio del Sol dell’Avvenire un ateo si trova a casa sua.

Alessandro Gnocchi

Sia lodato Gesù Cristo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

28 commenti su “TRENTA RIGHE FUORI MODA – rubrica settimanale di Alessandro Gnocchi”

  1. E’ chiaro ormai che del soprannaturale a questa Chiesa non importa più nulla, visto che nei discorsi di Bergoglio nella recente visita emiliano romagnola pare non si sia parlato per nulla di soprannaturale, di salvezza eterna dell’anima, ma delle solite e sterili parole sull’immigrazione, sul social veicolo di odio, sulla disoccupazione. Tutte cose importanti ma non determinanti per la Chiesa il cui Fondatore, sempre più estromesso dalle inutili parole di questi ecclesiastici, ha detto di battezzare tutte le creature e di evangelizzare… ma per qual motivo? E’ una domanda da chiedere a questi Pastori… chi sa quali risposte avremo… da ridere o da piangere…?

  2. Staino all’Avvenire? Una buona notizia! Chissà che, dopo aver mandato a gambe all’aria l’Unitá, non gli riesca di fare la stessa cosa col quotidiano della cei. La speranza é sempre l’ultima a morire…

    1. Stefano Mulliri

      Io ho ottime speranze, e speriamo che si trascini anche l’osservatore miope famiglia democristiana e tutte le pubblicazioni apostatatee.

  3. Ma ormai che sono cent’anni dalle apparizioni di Fatima, non giunge mai il trionfo del Cuore Immacolato di Maria promesso ai tre pastorelli e la sconfitta di satana?

    1. Giungerà, ne stia certo. I Suoi tempi non sono i nostri ed anche il Suo modo di agire. Stiamo pronti, con le lampade accese, come Gesù ci ha insegnato.

  4. A quando Marco Cappato Segretario di stato?
    E quando faremo una partita di calcetto in S. Pietro?
    Quanta pazienza dovremo avere ancora verso questo…..OMISSIS?

  5. Per chi non ha capito ancora Bergoglio è una persona ambigua, cioè un gran imbroglione, lo si vede dalla faccia che ha, fa tela su cattolici ignoranti, con poca testa

  6. A me sembra ancora più terrificante la seguente frase di Zuppi: ““Qui a Bologna padre Marella, un uomo che negli anni 50-60 ha animato la carità della città, tutte le domeniche celebrava la messa e faceva un offertorio al contrario: invece di raccogliere distribuiva ai poveri. E quindi mangiava in chiesa insieme a loro, una specie di colazione-pranzo con cui continuava l’agape fraterna. La gioia e la bellezza di questa immagine ci aiuta a capire e contemplare in maniera più religiosa l’unità tra le due mense”.
    Ditemi voi se l’inversione dell’offertorio, l’offertorio al contrario, non è un vero e proprio sacrilegio. Ditemi voi se tale messe erano valide! L’unità tra le due mense! E del Sacrificio propiziatorio della Messa, chissenefrega…
    Marella è Servo di Dio: l’8 settembre 1995 fu aperto il processo diocesano per la sua Causa di beatificazione, dall’arcivescovo di Bologna card. Giacomo Biffi.
    NESSUNO HA NIENTE DA DIRE? OMISSIS I NON E’ PIOMBATO SULLA TERRA DA MARTE…

    1. Ben detto.
      Questa chiesetta conciliare é nient’altro che la Chiesa di Giuda iscariota morto suicida impiccato.
      Dove ‘erano i vari Giovanni
      23 paolo 6, g.p2, benedetto16 quando  i protestanti imponevano le guide al concilio, quando il grande Mons. Lefebvre soffriva perché voleva semplicemente continuare la tradizione della Chiesa Cattolica di sempre e dov’ erano tutti i papi quando la comunità di Riccardi è i neocatecumenali di kiko pranzavano  cenavano fumavano e bevevano allegramente nelle chiese.
      No. Bergoglio non é arrivato da Marte, purtroppo é da moltissimo tempo che sta con noi.

    2. Penso che Zuppi si sia espresso male. Ha detto “offertorio”, ma probabilmente intendeva riferirsi alla raccolta delle offerte.

      1. Non Metuens Verbum

        in fondo è solo arcivescovo e cardinale in pectore: che volete che sappia di codeste quisquilie da rigidi ?

  7. Qui da noi si fa bisboccia in chiesa a Natale. Ma ormai è poca cosa di fronte al crescendo di insulti al Padreterno, di sacrilegi e di pubblicazioni blasfeme, di protestantesimo proposto sfacciatamente sui foglietti della messa con gli elogi al “padre della riforma” e ai frutti spirituali da essa scaturiti. Siamo in iperapostasia.

  8. Sig.Alessandro,è sempre più evidente che Satana vuole far credere che lui è buono! e Gesù un estremista etc..che è lui satana il vero “buon-pastore”…
    sempre più vera è la preghiera di leone XIII(quella integrale)…
    ma perché Dio permette di essere così oltraggiato a casa sua e dai suoi!?

    1. L’inganno che i preti ci stanno confezionando è quello di un Gesù divisivo e di un Anticristo inclusivo, che non esclude nessuno, come fa la Chiesa di cui si è impossessato : nessuno tranne i Cattolici, ovviamente,, derisi, dileggiati, perseguitati e, forse, anche “suicidati” (del resto, si sa bene, Satana è menzognero e omicida e chi lo segue diventa come lui). Segnalo una mia bere riflessione in materia, apparsa poco tempo fa su Una Vox http://www.unavox.it/ArtDiversi/DIV2142_Catholicus_Patto_diabolico.html.

  9. Se questo e’ papa allora e’ meglio la sede vacante, almeno i vescovi invece di preoccuparsi di cessi chimici e di menu tornano a pensare solo alla pecunia.

  10. Ovviamente, il maiale (pur presente ed obbligatorio nella ricetta del ragù alla bolognese e come prosciutto sulla cotoletta di tacchino) è stato accuratamente evitato.
    Non vi è chi non veda il percorso che stiamo seguendo, arrivato ormai verso la fine: cattolicesimo in società sana -> cattolicesimo conciliare in società sessantottina -> cattolicesimo marginale in società edonista -> cattolicesimo bergogliano in società comatosa -> cattolicesimo abolito in società islamica.

  11. Dio lascia il libero arbitrio, ma non permette che lo si oltraggi, prima o poi arriverà il conto del menù. Sinceramente spero prima che poi, perchè non se ne può più. Il demonio vuole farci vivere male, privarci della serenità, bisogna circondarci di cose buone e belle sapendo per certo che siamo nelle mani di Dio e non di Omissis o di chi ci mal governa.

  12. Alberto Giovanardi

    Caro amico Leone, alla sua domanda “Ma perché Dio permette di essere così oltraggiato a casa sua e dai suoi?” potremmo tutti rispondere con la domanda analoga: “Ma perché Dio ha permesso che suo figlio Gesù Cristo fosse così oltraggiato con la crocifissione?”. La seconda domanda, come noto, ha da quasi duemila anni la sua risposta, condensata in tre parole: “GESU’ E’ RISORTO !”
    Per la risposta alla prima occorrerà attendere ancora, ma non dobbiamo disperare: sediamoci dunque sulla riva del fiume, e se avremo pazienza vedremo passare, trasportate dalla corrente, le spoglie (vive o morte) del Gesuita biancovestito e della sua ignobile ciurma. In altre parole non dobbiamo dimenticare che la volontà di Dio è imperscrutabile, e un giorno tutto ci sarà chiaro. E dall’ignominiosa sconfitta del Grande Eretico e del suo mandante che lo protegge dagli Inferi la gloria di Dio uscirà ancora una volta trionfante.

    1. Non Metuens Verbum

      guarda, del cibo non so, ma ho l’impressione che lassù in alto si consumi con una certa frequenza “roba buona”.

  13. “Ci aiuta a sentire ancora più umana l’Eucarestia”, dice il bestiolino! Umana??? Ah già che adesso di divino non c’è più nulla, men che meno l’Eucaristia…!

  14. Fatima(Portogallo)13 Maggio 1990
    Ora iniziate l’ultimo decennio di questo vostro secolo.Io discendo dal cielo, perche’gli ultimi segreti vi siano svelati e vi possa cosi’ preparare a quanto ormai dovete vivere per la purificazione della terra.IL mio terzo segreto che io qui ho rivelato ai tre bambini a cui sono apparsa e che fin’
    ora non vi e’ stato ancora svelato, sara’ reso palese a tutti dallo stesso svolgersi degli avvenimenti.LA CHIESA CONOSCERA’ L’ORA DELLA SUA PIU’ GRANDE APOSTASIA.L’UOMO INIQUO SI INTRODURRA’ AL SUO INTERNO E SIEDERA’ NEL TEMPIO STESSO DI DIO.MENTRE IL PICCOLO RESTO CHE RIMARRA’ FEDELE SARA’ SOTTOPOSTO ALLE PIU’ GRANDI PROVE E PERSECUZIONI. DIO DICE: NON TEMERE PICCOLO GREGGE PERCHE ‘AL PADRE VOSTRO E’ PIACIUTO DI DARVI IL SUO REGNO . DIO NON ABBANDONA MAI I SUOI FIGLI FEDELI.
    SIA LODATO GESU’ E MARIA ORA E SEMPRE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su