UMORISMO OGGETTIVO E NUOVA TEOLOGIA – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Piero Vassallo



Il clero progressista correva incontro alle aspirazioni della gente semplice e fedele o inseguiva i miraggi del mondo moderno?

I fatti inducono a credere che il clero modernizzante corresse a perdifiato nella direzione indicata dagli iniziati. A una tale corsa, padre Cornelio Fabro conferì il titolo di delirio teologico.

Il capofila della nuova teologia, ad ogni modo, fu identificato, negli anni Ottanta, dai poliziotti olandesi, che misero le manette ai polsi di un insospettabile nudista: il teologo ecumenico Edward Schillebeeckx, fermato mentre correva nudo – e urlando oscenità – su una spiaggia frequentata da famiglie normali. Famiglie attonite e spaventate dalla notizia che il nudista agli arresti era la più autorevole e squillante locomotiva della rivoluzione avviata dal Concilio ecumenico Vaticano II.

Dopo l’infortunio di Schillebeeckx e il discredito caduto sul catechismo olandese, la gerarchia post-conciliare si trova al bivio tra la catastrofe e la sconfessione della teologia corrente.

Bivio disegnato ultimamente da monsignor Brunero Gherardini, severo e coerente interprete della dialettica, che contempla il Vaticano II in bilico tra continuità e discontinuità.

Intanto si comincia a dubitare sull’attendibilità dell’eminente teologo Henri de Lubac, secondo cui “lo spirito ispiratore del Concilio dallinizio alla conclusione era stato lo spirito di Teilhard de Chardin“.

Anche fra gli innovatori più audaci e intemperanti serpeggia il sospetto che non convenga sostituire la fede tradizionale con le aberrazioni di un fattucchiere apostata, che professava una fede capovolta: Il Mondo, il valore, linfallibilità e la bontà del Mondo: ecco in ultima analisi la prima e lunica cosa nella quale io ho fede. Questa è la fede che mi fa vivere“.

Il bivio propone la scelta tra la farsa mondana e la Santa Messa. O la nudità schillebeeckxiana-teilhardiana o le vesti della sacra tradizione. O la fede di sempre o l’avventizia mitologia teilhardiana intorno al punto omega.

La via del compromesso non è più percorribile. Lo rivela ultimamente il bollettino dei protesti, che cita con assidua frequenza la sontuosa università eleusina infeudata nel San Raffaele di Milano.

Nell’università dello scoperto bancario, gli spettrali arcangeli sussurranti nei libri del criptico Cacciari bisticciavano [a caro prezzo] con gli arconti babilonesi di don Vitaliano Mancuso.

Il rosso dei conti ha chiuso il tempio della nuova teologia con i sigilli del tribunale. Segnali di debiti a molti zeri. Zeri a sinistra, ovviamente.

Walter Martin, è il nome de plume del compianto salesiano torinese Giuseppe Pace (1911-2000),habemus papamuomo di fede candida e indomabile, profondo teologo. Elui lautore dellavvincente romanzo Habemus Papam, edito (a cura di Alessandro Gnocchi e Mario Palmaro) dalla veronese Fede & Cultura.

Strenuo difensore dellindeclinabile Tradizione, Don Pace aveva definito puntualmente la sgangherante vertigine del taboga neoteologico, sul quale stava scivolando la dottrina del post concilio: “La novella Chiesa dei poveri ha già speso tanti miliardi in opere faraoniche, quanto mai laiche e tuttaltro che urgenti“. Luniversità babelica di don Verzé, Cacciari e Mancuso, ad esempio.

La riforma liturgica, avviata per incontrare il presunto desiderio del popolo, peraltro, era già deragliata nel frastuono delle chitarre urtanti e delle prediche demenziali.

Nelle figure infantili del fumetto, in sovrappiù. Nella verde e già cattolica Irlanda, il celebrante la messa per gli acrobati e le cavallerizze di un circo equestre, salì all’altare travestito da topo, l’animale concepito dalla fervida fantasia del massone Walt Disney. Orecchie nere e rotonde in panno lenci, naso di cartone, pantaloncini rossi con bottoni dorati.

All’orizzonte i tempi nuovi, la Cristianità umiliata nella figura del topo umanoide, che si batte il petto per espiare i peccati della fede cattolica. Fu un “ritorno alle origini, ma non della Chiesa di Nostro Signore Gesù Cristo, bensì alle origini delleresia di Lutero“.

Puntualmente don Giuseppe Pace ha definito l’essenza dei giornalisti teologizzanti: “Avrebbero costretto la Chiesa stessa a riconoscersi peccatrice al posto del tempo: e si voleva arrivare proprio . Doveva convertirsi al mondo; perciò doveva riconoscere di aver peccato per non averlo fatto finora“.

Implacabile don Pace cita anche la delirante preghiera di Teilhard:Santa materia, materia affascinante e forte, materia che accarezzi e virilizzi, io mi abbandono alle tue risorse possenti. La virtù di Cristo si è trasferita in te. Con le tue attrattive attirami. Con la tua linfa nutrimi“.

Don Pace immagina la vicenda di un papa eletto per caso e diventato il restauratore della Chiesa cattolica, sotto lo schiaffo dagli autodistruttori. Il suo racconto contiene un annuncio profetico. La figura della restaurazione, infatti, si intravede nella contrastata azione di Benedetto XVI, testimone della dissoluzione in atto nell’area della teologia progressista e promotore dell’inevitabile resa dei conti.

 

Per acquisto on line del libro Habemus Papam, CLICCA QUI

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su