Un mistero gaudioso, così lo ha definito un amico  –  di Marisa Orecchia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Mistero, perché non è dato sapere a chi attribuire  l’iniziativa della pubblicazione  sull’Osservatore  Romano dell’8 ottobre di una pagina nella quale  Mario Palmaro, definito “ Un grande esempio, per  tutti” viene ricordato assieme ad alcuni  dei   suoi libri.

di Marisa Orecchia

.

zzzzMario-PalmaroNé è dato sapere  quale sia la circostanza che ha  suscitato tale iniziativa. Sandro Magister,  nel sul blog Settimo Cielo azzarda (azzarda?)  l’ipotesi che, non ricorrendo  l’8 di ottobre né la data di  nascita di Mario Palmaro, né quella  della nascita al cielo, l’ignoto  autore  di questa pagina abbia voluto ricordarne la pubblicazione dell’articolo – scritto, come spesso capitava, a quattro mani con l’amico Alessandro Gnocchi – più indimenticabile, apparso sul Foglio appunto  il 9  ottobre 2013. Articolo scandaloso perché, a pochi mesi  dall’elezione al soglio pontificio  di Jorge Mario Bergoglio, nel generale clima  di osanna  per la chiesa povera di Francesco, ospedale da campo in uscita verso le periferie esistenziali per curare le ferite di questo mondo e opporsi alla cultura dello scarto, Gnocchi & Palmaro si chiedevano  semplicemente  che fine avesse  fatto il Papato  e se Petrus non fosse  definitivamente scomparso dietro una vecchia borsa sdrucita, un paio di scarpe nere e un Crocifisso di  metallo vile.

zzzzplmossrmnMistero, appunto, la pubblicazione  di questo  ricordo di Mario Palmaro,  anche per la scelta dei titoli dei libri che sono presenti nella pagina.  Appare  ovvia quella  del libro “Il buon seme fiorirà”, curato da Gnocchi e scritto  con l’apporto di quanti  hanno conosciuto e amato Palmaro, e altrettanto ovvia  la scelta degli altri, testi di bioetica, contro aborto e eutanasia.  Chiari, vigorosi, senza  la minima sfrangiatura, come tutti   i suoi scritti. Coerenti  quanto  lui era coerente   nell’adesione totale e incondizionata alla verità, lucidi nell’individuare il sofisma, il cedimento che  spesso inficia  il ragionare di molti. Ma c’è anche un libro, “Il Cardinale coraggioso. Giovanni Colombo, il Sessantotto e l’aborto”, scritto da Mario Palmaro per evidenziare  il coraggio e la forza della verità che  avevano animato il cardinale Colombo anche in circostanze difficili, con particolare riferimento alla battaglia che dovette sostenere contro un’opinione pubblica scatenata a favore dell’aborto, durante i fatti di Seveso e della diossina  del  1976.

Rimanendo nel campo delle ipotesi, potremmo anche  affermare  che chi ha avuto idea e autorevolezza per una  simile pubblicazione sul prestigioso Osservatore Romano abbia voluto  lanciare un messaggio chiaro e forte ai  Padri sinodali, intenti in questi giorni a Roma a discutere di famiglia. Ha forse voluto richiamare ai vescovi lì riuniti la testimonianza di un laico che con la vita e con le opere ci ha detto l’amore  e il rispetto  per la Tradizione, il Magistero, per la  Chiesa cattolica, insomma, e per la sua immutabile dottrina  della quale non è dato cambiare un solo iota?

Mistero – lo ha definito l’amico Silvio Ghielmi – ma  gaudioso.

Non solo e non tanto perché per tale iniziativa  gioiamo nel ricordo  di Mario Palmaro e della sua opera, quanto perché  aumenta e conferma la consapevolezza che il buon seme fiorirà.

E se è vero che il seme per dare fiori e frutto deve macerare nella terra e morire, allo stesso modo la vicenda di Mario Palmaro, ci colma, pur nella nostalgia, di un’attesa carica di consolazione e speranza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

15 commenti su “Un mistero gaudioso, così lo ha definito un amico  –  di Marisa Orecchia”

  1. Che sia avvenuto che qualcuno a cui interessa il mantenimento della vera fede sia riuscito a far mettere in risalto il pensiero di chi professa o ha professato la vera fede cattolica? Su Libero di oggi un articolo di Caterina Maniaci parla del rapporto intermedio del ‘circolo minore B’ di lingua italiana in cui si legge: ”Una buona parte dei padri ha segnalato l’esigenza di utilizzare formule che lascino fuori dubbio sin dall’inizio che l’unico modello di famiglia che corrisponde alla dottrina della Chiesa è quello fondato sul matrimonio fra uomo e donna”. L ’attenzione, sottolinea la Maniaci, si è anche concentrata sui “rischi dell’ideologia del gender” su cui si chiede una critica più incisiva e aperta. Come ai tempi CVII, all’interno del Sinodo esistono posizioni ortodosse che difendono la verità, ma la loro voce sarà ascoltata o finirà come è finita dopo quell’infausta assise ?

  2. Non saprei, Marisa: fatto sta che Lui mi ha regalato parecchi dei Suoi libri pochi giorni prima di lasciare questo mondo. Ci siamo incontrati a casa Sua a Monza, gli ho fatto vedere la Mostra e lui l’ha davvero apprezzata. Ed ha divulgato a tutto il Comitato. I Suoi libri li ho regalati qui e là a Sacerdoti, i quali hanno sentitamente ringraziato, dicendo di non aver purtroppo ricevuto tale tipo di educazione in seminario…….. Sono stata ad Olcio sulla sua tomba provvisoria. Il giorno dell’Anniversario della Sua morte ho ricevuto la telefonata di un bagnino toscano colpito da forte sindrome post abortiva.. ho pensato ad un segno. L’ho trascritta assieme ad altre testimonianze sulla rivista Pro Vita. Scrivendo su face book e facendo le Mostre mi rendo conto che il caro professor Mario Palmaro è più noto ed amato di quanto pensiamo….. Cordiali saluti, Anna Maria Pacchiotti.

  3. il Mistero si fa carne ossa, muscoli e tendini e vive in mezzo a noi. Mario Palmaro nella sua vita ha scoperto l’ortodossia e il mistero si svela anche sull’ Osservatore Romano.

  4. Mi sono piacevolmente stupita di leggere la stessa pagina sul settimanale cattolico di Crema il nuovo torrazzo.
    Caro Palmaro ci manchi.

  5. Che DONO ho ricevuto con questa notizia!!!!!
    Quasi incredibile!! E commovente!!!
    Penso anche a come sarà felice Mario Palmaro che di sicuro è già nel Gaudio Eterno!
    E la gioia dei suoi familiari? E quella di Gnocchi e di tutti i carissimi di Riscossa
    Cristiana???
    GRAZIE GESU’, GRAZIE MARIA!!!

  6. Alcune settimane fa stessa pagina anche sul settimanale diocesano di Pavia. Penso che gli editori dei volumi possano saperne qualcosa… è stato come aprire una finestra in una mattina tersa.

    1. E’ vero, cara Dottoressa e sappiamo all’epoca come andò a finire. Satana è diventato troppo forte e per introdurre il male si presenta sempre più spesso offrendo doni accattivanti. Il Signore, però, è così al di sopra dei nostri pensieri che potrebbe sorprenderci proprio quando meno ce lo aspettiamo. Affidiamoci totalmente a Lui.

  7. Mario Palmaro è stato un gaudioso cristallo cristiano che ha riflettuto la Luce Pasquale. Riflettuto in tutti i sensi. Preghiamo per lui e per la sua famiglia, e lui pregherà per noi.

  8. riccardo cristiani

    Poche volte ci siamo incontrati a Modena, in occasione di sue conferenze e in altri luoghi con la comune Associazione di fedeli laici “Progetto Gemma”.. Le sue doti sono state ampiamente riconosciute e affermate da molti. Vorrei solo aggiungere un dato formulato anche in riferimento a ipocriti personaggi che non perdono occasione di dichiararsi “cattolici adulti”. Mario sì, lui era veramente un “cattolico adulto”.un vero credente e lo testimoniava con il suo coraggioso pensiero, la sua cultura, la sua preparazione e competenza di docente, la sua coerenza trattando tematiche e valori evangelici affermati e difesi “senza se e senza ma” liberi da opportunismi e personali interessi, politici o altro, senza l’arroganza di coloro i quali, sedicenti “cattolici adulti” appunto, si adeguano a un progressismo etico mutevole e compiacente interpretando la dottrina della Chiesa secondo la moda dei tempi. Mario è stato un vero esempio di credente fedele alla Chiesa ed è bene rileggerlo andando al suo…

  9. Non solo su Osservatore Romano e’ apparsa quella pubblicita’,ma anche su Il Ticino,settimanale della diocesi di Pavia,Il Nuovo Torrazzo,settimanale della diocesi di Crema,Parole di Vita,settimanale della diocesi di Cosenza-Bisignano,Tabloid,bimestrale dell’Ordine dei giornalisti della Lombardia.
    Il buon seme..fiorira’..fiorira’..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su