USA, Kasper scatenato – di Marco Tosatti

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Il cardinale Walter Kasper, scelto da papa Bergoglio come relatore alla recente riunione dei cardinali sul tema della famiglia è in un tour americano, dove il 5 maggio è stato ospite della Fordham University per un colloquio pubblico con Cathleen Kaveny, una studiosa del Boston College e per parlare del suo libro “Misericordia”. L’evento, molto ben pubblicizzato, si è svolto davanti a un pubblico numeroso ed è stato twittato dal vivo da Grant Gallicho, co-direttore di “Commonweal”, un sito cattolico americano. Alcune risposte sono state sorprendenti.

di Marco Tosatti

.

ZZKASPERIl cardinale Walter Kasper, scelto da papa Bergoglio come relatore alla recente riunione dei cardinali sul tema della famiglia è in un tour americano, dove il 5 maggio è stato ospite della Fordham University per un colloquio pubblico con Cathleen Kaveny, una studiosa del Boston College e per parlare del suo libro “Misericordia”. L’evento, molto ben pubblicizzato, si è svolto davanti a un pubblico numeroso ed è stato twittato dal vivo da Grant Gallicho, co-direttore di “Commonweal”, un sito cattolico americano.

E’ stato chiesto al cardinale qual è la sua posizione sui divorziati-risposati, e la risposta, twittata da Gallicho, è stata: “Papa Benedetto ha detto che possono essere in comunione spirituale con Cristo, e allora perché non l’eucarestia?”. E ancora: “Uno non può essere in uno stato di comunione spirituale con Cristo se è in peccato grave, perché questo non si può applicare alla ricezione dell’eucarestia?”. La logica del ragionamento ci pare sia questa: se papa Benedetto ha detto che sono in comunione spirituale, allora vuol dire che non sono in stato di peccato grave e quindi possono fare la comunione.

Ma il porporato tedesco, che evidentemente non è tra i fan né di Benedetto né del Prefetto della Congregazione della Fede, il suo connazionale Gerhard Müller, ha parlato anche di teologia femminista e della suora, Elizabeth Jonhson, pubblicamente censurata nel 2011 dalla Commissione sulla Dottrina dei vescovi USA, guidata all’epoca dal cardinale Donald Wuerl, certamente non annoverato fra i super-conservatori. Kasper ha detto di stimarla molto, e sulla condanna ha aggiunto: “Questa non è una tragedia…Anche San Tommaso fu criticato, dunque è in buona compagnia”.

Alla suora è stato assegnato il premio annuale della Leadership Conference of Womer Religious (LCWR), l’organizzazione più numerosa di suore americane, rimproverata severamente sia dal card. Gerhard Müller, che ha parlato di “provocazione” sia dal delegato pontificio arcivescovo Sartain. E Kasper ha criticato i colleghi: “Se c’è un problema con la leadership degli ordini religiosi femminili – ha detto – dovete discutere con loro, avere un dialogo con loro, uno scambio di idee. Forse devono cambiare qualche cosa. Forse anche la Congregazione (per la Dottrina della Fede) deve un poco cambiare la sua mentalità. Questo è il modo normale di fare le cose nella Chiesa. Sono per il dialogo. Il dialogo presuppone posizioni differenti. La Chiesa non è un’unità monolitica”.

Giusto per mettere le cose nel contesto: il dialogo fra Roma, l’arcivescovo Sartain e la LCWR è in corso da parecchi anni, e i problemi riguardano temi centrali della fede cristiana.  Leggi QUI  e QUI  

.

fonte: La Stampa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

21 commenti su “USA, Kasper scatenato – di Marco Tosatti”

  1. Roberto De Mattei è stato chiarissimo a tal proposito: “La posizione della Chiesa è inequivocabile. La comunione ai divorziati risposati viene negata perché il matrimonio è indissolubile e nessuna delle ragioni addotte dal cardinale Kasper permette la celebrazione di un nuovo matrimonio o la benedizione di un’unione pseudo-matrimoniale. La Chiesa non lo permise ad Enrico VIII, perdendo il Regno di Inghilterra, e non lo permetterà mai perché, come ha ricordato Pio XII ai parroci di Roma il 16 marzo 1946: “Il matrimonio fra battezzati validamente contratto e consumato non può essere sciolto da nessuna potestà sulla terra, nemmeno dalla Suprema Autorità ecclesiastica”. Ovvero nemmeno dal Papa e tantomeno del cardinale Kasper”.
    Kasper dice quelle cose perchè è talmente modernista da non poter più essere considerato cattolico: alcune delle sue eresie sono le seguenti: 1)NEGA LA DIVINITà DI CRISTO; 2)NEGA I MIRACOLI OPERATI DA CRISTO; 3) e 4)NEGA LA RISURREZIONE CORPOREA DI CRISTO e LA SUA ASCENSIONE AL CIELO; 5)NEGA LA VERGINITà DI MARIA.
    Non meraviglia affatto che un simile personaggio, per ricevere gli applausi del mondo, voglia distruggere l’indissolubilità del matrimonio (stabilita da Gesù) e che voglia profanare il Santissimo Corpo di Cristo facendolo distribuire anche a persone in peccato mortale!!!

  2. Dante Pastorelli

    Forse devono cambiare qualche cosa. Forse anche la Congregazione (per la Dottrina della Fede
    ————————–
    Forse anche Kasper dovrebbe cambiar qualcosa: testa.

    1. le teste vuote si possono riempire di cose buone, ma per le teste piene di sè stesse impossibile. Non credo che Kasp. possa cambiare, semmai peggiorare.

    1. Dante Pastorelli

      Il documento che sfornerà il sinodo non sarà certo un atto magisteriale infallibile, ed il papa si guarderà bene da imprimergli questa nota. Si resterà nella modernistica ambiguità, per cui ognuno ne darà la sua interpretazione. Nel caso che pavento – i miracoli posson sempre sparigliar le carte – il cattolico dovrà restare fermo nella verità ininterrottanente insegnata e professata.

      1. Se anche fosse un atto di magistero straordinario va DECISAMENTE RIFIUTATO se contrasta con il Deposito Della Fede!
        Poi ogni cattolico potrà trarre le proprie conclusioni sulla persona che sbaglia dove per definizione dogmatica del CONCILIO VATICANO PRIMO un Papa non può sbagliare: ciò che contraddice la Sacra Scrittura, la Tradizione, il Magistero Straordinario dei Papi precedenti e il Magistero Universale Cattolico è sempre e comunque SBAGLIATO!
        Il Magistero Papale, anche quello straordinario (=infallibile), DEVE rispettare il Deposito Della Fede, e non può agire contro di esso, come ritengono i sostenitori dell’evoluzione del dogma (=MODERNISTI): ciò che contrasta col suddetto Deposito è ANTIMAGISTERO!

        1. Dante Pastorelli

          E’ ovvio. E per questo il Papa non ha finora pubblicato nessun documento esplicitamente infallibile. E certo non lo farà con le conclusioni di un sinodo che non si presenta come momento di affermazioni dottrinali irriformabili, ma come dibattito pastorale. Che poi attraverso la pastorale si voglia far passare (o, siamo buoni, involontariamente si faccia passare) un messaggio che rifletta una deviazione dottrinale è possibile, dati i precedenti. Ma non ci si deve fasciar la testa prima che si sia rotta. Lo Spirito Santo deve provvedere.

  3. E Satana… RINGRAZIA !!! Rifletta il sig. Kasper riguardo a chi sta facendo compagnia a lui! Miserere nobis Domine, miserere nobis!!!

    1. Ha perfettamente ragione: Satana RINGRAZIA!
      Purtroppo è assai improbabile che chi nega la DIVINITà, i MIRACOLI la RISURREZIONE e l’ASCENSIONE di CRISTO creda all’esistenza di Satana!
      Se ci credesse non scherzerebbe con i Sacramenti!!

  4. Oramai la questione non e’ nemmeno piu’ di Cardinali migliori o Cardinali peggiori. Come ha giustamente , e con fine ironia , notato il Vescovo Fellay nell’ultima intervista ,siamo al punto che a capo dell(ex) Sant’Uffizio attualmente vi e’ una persona che , con quello che ha sostenuto in campo dottrinale , solo pochi anni fa sarebbe stato ‘ deferito’ stante pede proprio al Sant’Uffizio stesso ! E la situazione del ‘gruppo’ – definiamolo cosi’ per carita’ -degli otto non e’ dissimile per almeno la meta’ di essi. Temo ci si debba , ancora per un bel po’, rassegnarsi al fatto di avere ai vertici personaggi che la fede o non l’hanno mai avuta, o l’hanno persa, o stanno addirittura combattendo contro chi ce l’ha ancora . In piu’ ,alcuni si vedrebbero volentieri alla testa di una ‘ Chiesa’ scismatica che di fatto gia’ esiste e che chiede ormai di essere solo ufficializzata . La chiamata al cardinalato o papato , certo , puo’ essere ispirata da scelte sbagliate a favore di persone non degne del ruolo che occuperanno, ma dovrebbe nella Chiesa Cattolica risultare l’eccezione. Chiediamoci come mai tutti i Papi fino al Concilio di Nicea ,senza eccezione , sono stati dichiarati Santi e Martiri ,e che figure di Papi ci sono state ininterrottamente da prima di Napoleone a Pio XII .Scegliere proprio loro e’ stato solo questione di fortuna ?

  5. luciano pranzetti

    Assurdità: Kasper deve dimostrare in qual modo, chi si trova in peccato mortale possa essere, contemporaneamente, in comunione con Cristo. In pratica GRAZIA = PECCATO e PECCATO = GRAZIA. Aberrazione davanti alla quale non ci deve esser chiesta né obbedienza né discrezione, ma azione apologetica forte, testimonianza stentorea, a viso aperto senza ipocrite forme di galateo. Kasper è un eretico patentato e, perciò, va contrastato senza tentennamenti, indirizzando missive a lui e al papa.

  6. Strano vaticano, preferiscono i Kaspercriptoluterani e neanche tanto cripto, che i lefevbriani. I protestanti lupi travestiti da cardinali agnelli cattolici avanzano.

  7. Leggo su Il Giornale di oggi 9 maggio, nell’articolo “Il cardinale Kasper : Sì alla comunione per i risposati, ma devono pentirsi”, quanto segue: “A proposito della dottrina della Chiesa, che prescrive ai divorziati risposati di astenersi dai rapporti sessuali per avere la comunione, osservava: ‘Vivere come fratello e sorella è un atto eroico, e l’eroismo non è per il cristiano medio’. Io penso che per vivere come fratello e sorella c’è bisogno della grazia di Dio, perchè quello che è impossibile all’uomo è possibile a Dio. E poi, una volta deciso di obbedire all’insegnamento della Chiesa, con l’aiuto di una guida spirituale, la Grazia lavorerà nelle loro anime e la loro situazione potrà cambiare come loro neppure immaginavano. Perchè la Grazia nelle anime opera prodigi, ma noi dobbiamo crederci!!!

    1. Non commettere adulterio e non fornicare NON sono atti eroici ma è semplicemente fare il proprio dovere (osservare i Comandamenti)!!!
      Se per Kasper i 10 Comandamenti non sono per il cristiano medio per chi sarebbero? Perchè Dio ce li avrebbe dati?
      Quel cardinale dovrebbe finirla di scherzare coi sacramenti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su