Visto? Non era solo la Russia a dopare. Altri 11 Paesi sotto accusa. Ma è ancora una volta spin – di Marcello Foa

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

di Marcello Foa

.

zzzzdpngRicordate lo scandalo del doping? Sembra appartenere a un’altra epoca. La notte di sangue di Parigi ha modificato la nostra memoria e di fatto cancellato qualunque altra notizia, come avviene sempre in queste circostanze. E’ una delle regole del giornalismo e non c’è da stupirsene.

Ora che, almeno in parte, l’emozione per il dramma del 13 novembre inizia ad affievolirsi, è buona cosa verificare se ci siamo persi qualche notizia importante negli ultimi dieci giorni. E la risposta è sì. Lo avete indovinato: una di queste riguarda proprio il doping.

Forse ricorderete che il sottoscritto è stato uno dei pochissimi giornalisti a evidenziare come – stando ai resoconti di fonti autorevoli – l’inchiesta sul doping non riguardava solo la Russia ma anche altri Paesi, di cui tuttavia nulla si sapeva perché la parte del rapporto che li concerneva era stata secretata dall’agenzia anti-doping WADA. E questo rendeva molto plausibile il sospetto che lo scandalo fosse stato gestito per screditare la Russia e Putin, anteponendo ragioni politiche al desiderio di ripulire in maniera oggettiva e senza altri fini il mondo dell’atletica. Così attraverso l’uso selettivo delle fonti, una mezza verità diventava l’unica, devastante verità.

La mia tesi era così originale e controcorrente che è stata ripresa da alcune agenzie internazionali e due televisioni russe mi hanno intervistato. Poi la strage al Bataclan ha spazzato via tutto.

Ora scopriamo che quella vicenda non è affatto finita. Lo scorso 19 novembre la WADA ha pubblicato la parte secretata del rapporto e – lo avreste mai detto? – scopriamo che altri cinque Paesi sono risultati non conformi: Andorra, Israele, Argentina, Bolivia e Ucraina. E altri sei sono sotto osservazione. Mica Paesi qualunque. Trattasi di Francia, Spagna, Belgio, Grecia, Brasile e Messico.

Scopriamo voi, cari lettori, il sottoscritto e pochi altri. Non il grande pubblico, perché nessuno dei grandi media il 19 novembre ha pubblicato la notizia, che è scivolata via. La WADA in fondo ha compiuto il proprio dovere, le opinioni pubbliche di questi 11 Paesi non hanno saputo che anche le loro federazioni molto probabilmente dopavano gli atleti o comunque truccavano le carte.

Ma nella memoria collettiva la Russia resta l’unico, grande cattivo. Il timing di questa operazione di spin è risultato ancora una volta perfetto.

Capito come va il mondo, se sai gestire l’informazione?

.

fonte: Il Giornale

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “Visto? Non era solo la Russia a dopare. Altri 11 Paesi sotto accusa. Ma è ancora una volta spin – di Marcello Foa”

  1. Gli USA sono i protagonisti del piu’ clamoroso scandalo doping degli ultimi 20 anni; l’affare Armstrong, vincitore di ben 7 Tour de France. Ma sarebbe ingeneroso nei confronti di Armstrong, comunque grande atleta, non menzionare che il doping (di stato) ancora vive e combatte assieme a noi pure qui in Italia. Sarebbe strano non avessero riscontri le curiose voci, tutte autorevolissime, su alcuni dei nostri più’ “valenti” atleti di varie discipline. Ora sono gli stati in prima persona, attraverso le varie Federazioni, ad offrire un valido scudo protettivo contro occhi indiscreti.

  2. Il doping è un problema, ma c’è un problema ancora più problema: gli americani possono essere anche puliti, ma hanno il cervello dopato. Dopato sin dalla nascita. Ringrazio quotidianamente Dio di non avermi fatto statunitense. È questo è quanto. Se volete potete insultarmi ora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su