I volumetti osceni dell’UNAR e il gioco dello scaricabarile – di Elisabetta Frezza e Patrizia Fermani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Quante storie ci raccontano! Adesso pare che nessuno ne sapesse nulla… ma anche il quotidiano della CEI rimedia una brutta figura.

di Elisabetta Frezza e Patrizia Fermani

 .

strzztstsbbOra pare proprio che la ripugnante storia dell’Unar e dei suoi programmini scolastici stia venendo finalmente a galla.. Ma questi sono soltanto un tassello, peraltro decisivo, del più ampio disegno di distruzione della società. Una distruzione che ha la sua linea di forza nell’omosessualismo per tutti, o in subordine, nell’indifferentismo sessuale.

Avvenire ci informa con soddisfazione che si è trattato di un bluff; del tentativo, da parte di un ufficio consultivo ministeriale quale è appunto l’Unar, di far passare i libretti “educativi” ideati e poi commissionati all’Istituto Beck a spese del contribuente come provenienti dal Dipartimento delle Pari Opportunità. Quest’ultimo, per bocca del viceministro Guerra, si dichiara estraneo all’operazione perché tenuto all’oscuro di tutto. Estraneo anche il Miur, ex Pubblica Istruzione. Insomma un colpo di mano smascherato – meglio tardi che mai – a metà dell’anno scolastico e probabilmente a sperimentazione avvenuta.

Ma forse le cose non sono così rosee come appaiono ad Avvenire.

Cominciamo dalla Guerra, chiamata da Letta a sostituire la dimissionaria Idem nominata per meriti sportivi. La Guerra che la sostituisce fa parte dell’attivismo omosessualista. Una scelta casuale?

Le Pari Opportunità nascono in uno Stato la cui Costituzione garantisce la parità di diritti di tutti i cittadini di fronte alla legge. Dunque è stato creato un ministero apposito (questo il modo più sensato di intendere la sua istituzione nel 1996) per realizzare quanto è garantito dalla Costituzione ex art. 3 e nei limiti da essa indicati. E per vocazione questo Ministero mira soprattutto alla parità di trattamento tra uomo e donna in campo lavorativo tanto che, in tempi di vacche magre, diventa una appendice del Ministero del Lavoro. Del resto non sembra che in Italia le donne viaggino sui mezzi pubblici separate dagli uomini, come in Arabia Saudita.

Tuttavia, ben presto risulta chiaro che le Pari Opportunità devono servire, anche sulla scorta della predicazione comunitaria e della sua religione omosessista, a qualcos’altro. Cioè proprio alla parificazione di altre prospettive, quelle sessuali dei sessi intermedi icasticamente rappresentati dalla formula LGBTQ. E democraticamente propagandati dalle ministre precedenti succedutesi fino alla Guerra, passando per la Fornero. Ma quest’ultima, nota per il corpo a corpo con l’art.18, fa il salto di qualità, e da ministro del Lavoro con delega alle Pari Opportunità, a governo Monti già dimissionario, vara in 55 pagine le direttive per la scuola, ispirate alle raccomandazioni europee in tema di educazione alle diversità (leggi: normalità delle diversità), cioè alla introduzione nella scuola di quella fondamentale materia di studio che è la normalità dell’omosessualità, una disciplina che i medievali avrebbero senz’altro inserito nel quadrivio se fossero stati evoluti come la ministra in scadenza.

Ora, a nessuno viene in mente, dalle parti del governo, che quelle direttive intrinsecamente mostruose e lesive della libertà di educazione dei genitori, sono frutto di un abuso di potere e prive di ogni legittimità istituzionale e costituzionale. Anzi, ad esse si ispira il decreto scuola convertito in legge, e dotato di cospicui di mezzi finanziari.

Dunque, senza questo pregresso sviamento dei poteri di un organismo governativo non si capirebbe come mai l’Unar abbia preso poi l’iniziativa di emettere i documenti destinati alla scuola in nome e per conto del Dipartimento delle Pari Opportunità. Infatti questo è il punto saliente di questa vicenda: il viceministro Guerra, al di là della sbandierata presa di distanza “formale”, non sconfessa minimamente il contenuto dei documenti Unar; come, purtroppo, non lo sconfessa neppure Avvenire.

E veniamo alle dichiarazioni ministeriali. La Guerra protesta che la diffusione del materiale fatto confezionare dall’Unar con il logo della presidenza del Consiglio è avvenuta a sua insaputa. Ma non prende minimamente le distanze dal fatto che esulasse anzitutto dalle competenze del proprio Dipartimento emettere direttive per la scuola. E tanto meno prende le distanze dai contenuti. Anzi. Questi rappresentano materia “così sensibile da richiedere particolare attenzione anche al linguaggio”. Dunque, dice il viceministro pariopportunista, questa è roba delicata che va trattata con i guanti e propagandata con altra accortezza. Purtroppo sono stata scavalcata e non sono stata messa in condizione di fare le cose come si deve. E non è stato consultato, come avrebbe dovuto, neppure il Ministero della Pubblica istruzione (manteniamo per chiarezza la tradizionale denominazione). Non dice, la signora, che è inaudito andare ad insegnare a bambini ed adolescenti la bellezza dell’omosessualità e delle sue possibili varianti. E non dice neppure che in ogni caso non è compito del suo Dipartimento occuparsi della scuola per la quale c’è un apposito Ministero. Lamenta anzi di non essersi neppure potuta consultare per lumi con quest’ultimo (è venuto a mancare un apporto prezioso). E non ha torto la Guerra, dal momento che alla Pubblica Istruzione c’è la signora Carrozza, la quale ha fatto stanziare dieci milioni di euro per formare gli insegnanti alla iniziazione di bambini e adolescenti alla bellezza del gender e della cultura omosessualista, con eventuali applicazioni pratiche. Chi meglio della ministra Carrozza avrebbe potuto dare suggerimenti alle Pari Opportunità sulla educazione al gender e all’omosessualità?

Per riassumere, per la viceministra non è indecente il contenuto del materiale confezionato dall’Unar, né la pretesa usurpazione da parte del suo dipartimento di poteri educativi. No, la cosa disdicevole è la inosservanza delle precedenze e una cattiva gestione di tutta la faccenda.

A questo punto Avvenire interviene in prima persona per dimostrare il proprio apprezzamento alla signora viceministro che, bontà sua, avrebbe smascherato il bluff dell’Unar. E si mette in perfetta sintonia con questa sapiente pokerista. Anzi, si preoccupa di riaffermare la necessità e la urgenza, per la scuola, di sradicare il bullismo, quella che appare ormai come la vera piaga nazionale. Roba da fare impallidire mafia, droga, malavita comune, corruzione, e altre amenità.

Peccato che il bullismo sia l’ultima trovata, in fatto di linguaggio, elaborata proprio nell’area della lobbistica omosessualista, per inventare a proprio vantaggio una realtà da sfruttare per ogni uso mediatico e propagandistico. Come la famosa “discriminazione” omofobica, che non esiste ma che è capace di tradursi in legge dello Stato.

Ed infatti nella dogmatica dell’Unar-Pari Opportunità, il bullismo significa non il gavettone o lo sgambetto o altri scherzi praticati dai ragazzi ai danni dei propri compagni dalla notte dei tempi, ma il fatto di apostrofare il proprio compagno che appaia effeminato, con uno dei termini che nel linguaggio popolare identificano la tendenza omosessuale. Il che (a rigore per i cultori della materia dovrebbe non suonare troppo disdicevole) è diventato da un giorno all’altro una forma di persecuzione di dimensioni tali da dominare sinistramente tutta la vita della scuola. Ma tant’è. Infatti, oggi quello che bisogna combattere con ogni mezzo è soprattutto quel perverso sentimento interiore che impedisce di condividere la bellezza dell’omosessualità (di recente teorizzata in modo spettacolare da Wladimiro Guadagno, noto cattolico praticante caro alla chiesa genovese).

Insomma, il bullismo sta all’omofobia come i documenti culturali per la scuola – di Miur e Unar – stanno al disegno Scalfarotto.

Tuttavia Avvenire si spinge oltre e, facendo proprie le parole della Guerra, dice la sua sul metodo da usare: il bullismo va combattuto, ma non con “l’imposizione di punti di vista quanto meno discutibili e il capovolgimento di valori e tradizioni millenarie”. Dunque apprendiamo con non poco stupore che l’ideologia omosessualista e l’ideologia di genere cui si è ispirata l’Unar rappresentano, per il quotidiano della Cei, “punti di vista quanto meno discutibili” anche perché tendono a capovolgere “valori e tradizioni millenarie”. Per esempio quelli legati al primo libro della Genesi, che, per Avvenire, dovrebbe conservare ancora almeno un valore antiquario. Come se la secolare tradizione della pizza napoletana potesse essere soppiantata di punto in bianco dall’Hamburger. Un po’ troppo pensa Avvenire. Facciamolo con calma, magari parliamone prima con Parolin.

Avvenire si mostra in sintonia anche con il sottosegretario Toccafondi quando lamenta che l’Unar “sembra voler imporre un’impronta culturale a senso unico”, mentre una materia così delicata “richiede attenzione ai contenuti e al linguaggio”.

Insomma, basterebbe usare il bon ton, e magari introdurre con garbo anche qualche idea in senso contrario, e dalla dialettica degli opposti potrà uscire hegelianamente la nuova civiltà scolastica.

Tradotto invece in un linguaggio più propriamente ecclesiastico, anche l’orizzonte di Avvenire deve essere dominato dall’idea che i veri cattolici debbano comunque vestire i panni dell’agnello, in modo da permettere ai lupi di affondare i denti sul morbido. Pare la pensi così anche l’arciprete di S. Maria Maggiore.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “I volumetti osceni dell’UNAR e il gioco dello scaricabarile – di Elisabetta Frezza e Patrizia Fermani”

  1. piero vassallo

    quando si presentano problemi “politici” faccio fatica a trattenere la tentazione di dire quel che penso della nostra venerata costituzione, dell’amato presidente Napolitano e della categoria politicante – in fondo il mio sogno è l’apparizione di un imitatore del simpatico aviatore keller

  2. Avvenire bel giornale un colpo alla botte e un colpo al cerchio ma mai un colpo ai deficienti vorrei sapere cosa ne pensano del Gesu’ che a un certo punto
    caccio’ in malo modo i mercanti dal tempio. Se ci fosse stato gi’ Avvenire l’avrebbe sgridato !!!!!!! Oh Gesu’ non evi essere cosi’ cattivo anche i mercati ladri e arroganti devono vivere !!!!!! Cosi Avvenire si sarebbe espresso. Deo Gratias

  3. francesco sirio

    Dire la verita’ nella carita’, ora e sempre… ma senza giudicare. Condannare il peccato, isolare il maligno, ma cercando di salvare il pecctatore… per i corrotti… non possiamo piu’ fare nulla se non pregare. Dire la verita’. Ho una raccolta di articoli di avvenire nei quali non mi sembra facciano l’occhiolino o siano teneri con la teoria gender, che poi e’ quella che sta’ alla base di tutto, con le radici a bruxelles, all’Onu, negli Usa, in Olanda….
    Se nel mio orticello non uso la zappa, se al mio alberello non rimuovo i rami sotto l’innesto, il selvatico, il maligno, prende il sopravvento sino a sopprimere la possibilita’ che ci siano i frutti della fede. Troppo tempo, troppa fiducia, troppo… falso benessere, ci ha ricoperti, incrostando il nostro cuore cristiano… E’ ora di svegliarci, e dire, con tutto il nostro coraggio, testimoniare la nostra presenza, e pregare, pregare, pregare, senza sosta…
    francesco sirio, un cristiano…. piccolo piccolo 🙂

  4. A chi lo dici caro Ferruccio…chiediamo a San Giuseppe il patrono della buona morte…comunque sia ma perchè non formare una specie di alleanza cattolica nella difesa di “Dio, Patria, Famiglia” e ricordiamo l’esempio di Lepanto: erano pochi numericamente ma con l’aiuto della Madonna vinsero la battaglia. E’ necessario agire e non stare a guardare mentre loro con arroganza viva cercano di dare il colpo di grazia…avete letto l’articolo di Antonio Socci? http://www.libertaepersona.org/wordpress/2014/02/socci-basta-aspettare-il-consenso-dei-preti-o-del-mondo-tocca-a-noi-padri-e-madri-affrontare-il-caos/ ecco dobbiamo salvare il salvabile per evitare il peggio del peggio…altrimenti non ci resta che aspettare la grande purificazione predetta dalla Madonna di Fatima e di Salette…preghiamo.

  5. Con questa genia di farisei e traditori del cattolicesimo bisognerebbe fare come prescrive la Scrittura: ammonirli – se possa servire – e poi togliere loro anche il saluto, e trattarli sempre come “gentili e pubblicani”.

  6. Carla D'Agostino Ungaretti

    E’ l’ennesima figuraccia fatta dalla nostra classe politica, che si distingue sempre per dilettantismo e incompetenza. Dicono che i nostri ministri, i nostri amministratori, i nostri rappresentanti rispecchiano fedelmente il popolo italiano. Spero che non sia vero, altrimenti dovrei perdere anche quel briciolo di speranza che ancora mi rimane.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su