4 ottobre: S. Francesco d’Assisi, patrono d’Italia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

In occasione della solennità di S. Francesco, patrono d’Italia, riproponiamo dal nostro ricco archivio alcuni articoli già apparsi su Riscossa Cristiana dedicati al Serafico Padre

O Serafico san Francesco, Patrono d’Italia, che rinnovasti il mondo nello spirito

di Gesù Cristo, ascolta la nostra preghiera.

Tu che per seguire fedelmente Gesù abbracciasti volontariamente la

povertà evangelica, insegnaci a distaccare il nostro cuore dai beni terreni

per non divenirne schiavi.

Tu che vivesti nell’ardente amore di Dio e del prossimo, ottienici di praticare

la vera carità e di avere un cuore aperto a tutte le necessità dei nostri fratelli.

Tu che conosci le nostre ansie e le nostre speranze, proteggi la Chiesa 

e la nostra Patria e suscita nel cuore di tutti propositi di pace e di bene.

San Francesco antimoderno

Il dialogo interreligioso: San Francesco e il Sultano

Scriptorium – Recensioni. Rubrica quindicinale di Cristina Siccardi

L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan

L’angolo di Gilbert K. Chesterton – Grandezza e attualità di uno scrittore cattolico – rubrica quindicinale di Fabio Trevisan

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

4 commenti su “4 ottobre: S. Francesco d’Assisi, patrono d’Italia”

  1. Anche oggi il “nostro”ha brillato per la sua assenza:ad Assisi: per ricordare il patrono d’Italia si è presentato il presidente del consiglio,il dottor Conte(un vero signore),così come per il 50°anniversario della morte di San Pio,non aveva mancato di essere presente,mentre “il misericordioso”si trovava nei paesi baltici a rendere omaggio ai protestanti.In contemporanea tuttavia i media non hanno mancato di presentare l’ultimo film biografico”Francesco,un uomo di parola”dedicato alla grandezza spirituale dello stigmatizzato di Assisi?Macché il protagonista è sempre lui,l’umile.il simpaticone, Bergoglio,uno di noi…..se non è idolatria questa!!!
    A quanto pare questa “neochiesa”ha deciso di mettere in soffitta anche il fondatore dei frati francescani,probabilmente perché “non è più credibile”come ecologista,figlio dei fiori,idealista,che viveva dei suoi sogni,nonché amante dei poveri e diseredati e quindi di tutti gli immigrati del mondo(specialmente quelli che approdano in Italia e sono mussulmani)!

    1. Caro Innominato, i francescani hanno smarrito la strada, purtroppo. Glielo dico perché ne ho una buona conoscenza. Il “povero” San Francesco nella sua tomba custodita (si fa per dire) nel santuario più politicizzato del mondo si sarà rivoltato ormai milioni di volte…

  2. Personalmente, preferirei mettere il Francesco attuale nel dimenticatoio e far Papa l’avvocato Conte, magari con Salvini alla CEI (a fare pulizia) e Di Maio segretario di Stato.

  3. Oggi San Francesco è modello di povertà e solidarietà. Ma è pure Patrono d’Italia! Il 4 ottobre non è più festa nazionale! Perché non cominciamo a pregarLO per l’Italia? Siamo così divisi e sempre così in lotta tra di noi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su