Croazia, ça va sans dire… Anche il giorno dopo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“È giunta l’ora del popolo della Contea ed esso si leva dai campi silenziosi e tranquilli per scuotere le torri e i consigli dei grandi. Quale dei saggi l’avrebbe mai predetto? E perché, se sono veramente saggi, avrebbero dovuto pretendere di saperlo prima che suonasse l’ora?”.

R. R. Tolkien, Il Signore degli Anelli

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

45 commenti su “Croazia, ça va sans dire… Anche il giorno dopo”

    1. mi unisco anch’io, qualsiasi cosa per battere l’orgoglioso e sprezzante Macron (se ci fosse stata la Le Pen sarei stato più titubante, ma con Macron nessun dubbio).

      1. Mi scusi, lei si firma Catholicus e pertanto ritengo che sia tale. Allora come fa a conciliare il Vangelo con i principi razzisti e xenofobi i Madane Le Pen? Può cortesemnte spiegarmelo.

        1. in realtà i veri razzisti sono Macron, Renzi, Bergoglio e tutti gli immigrazionisti fanatici e intolleranti. i discriminati siamo noi, che siamo rimasti fedeli alla vera Chiesa e ai valori che essa veicolava, primi tra tutti Dio, Patria e Famiglia. I muri nella Bibbia ci sono sempre stati, si legga l’A.T. Cristo non ci ha ordinato di farci invadere e sottomettere dai musulmani, l’Immacolata li ha sconfitti a Lepanto, Vienna e Cestokowa (lì erano i luterani svedesi, ma fa lo stesso) Oggi i massoni alla Macron e Renzi vorrebbero rigirare la frittata, far scomparire Cristo e il Cristianesimo con la fola dell’accoglienza indiscriminata, ma basta poco discernimento per vedere chi sono gli intolleranti. Peccato per chi non ci arriva, io tiro dritto “Tiremm innanz!” (Amatore Sciesa…)

          1. Una bellissima prec isazione, caro Catholicus. Ha ragione in pieno. Piuttosto su questo sito hanno cominciato a circolare dei “dissidenti” ai quali vorrei chiedere che piacere hanno a gironzolare da queste parti se spesso non sono d’accordo su niente.

          2. Questi, caro Catholicus, non si leggono né l’ Antico né il Nuovo Testamento. Quando li citano, lo fanno per turlupinare, a cominciare dal Gran Capo dei Troll che Siede in Vaticano.
            Dicono che l’ Antico Testamento raccomanda di avere riguardo dello ‘straniero’, senza voler saper che per straniero qui s’intende il ‘proselite’ che condivide (CONDIVIDE, chiaro?) la stessa fede nel Dio di Israele , e quindi è sottomesso alla stessa legge del culto nel tempio: “Ci sarà una STESSA LEGGE E UNO STESSO RITO per VOI e per lo STRANIERO che soggiorna presso di voi».Nm.14,5;
            senza voler sapere che l’ordine di Dio è anche quello di “eliminare – ELIMINARE – gli dei dello straniero, che sono in mezzo a voi” – altro che bellezza di tutte le religioni!), e senza volere sapre che nel Vecchio Testamento si dice anche che quando l’ “elemento straniero”-pur identico nella fede e nella pratica all’elemento autoctono – diviene troppo ingombrante, quell’elemento straniero viene ordinato di espulsione“dal paese”, tutto (ESPULSO – TUTTO, chiaro?)-cfr. Neemia

          3. 2-E dicono e la menano e non la finiscono col ripetere che nel migrante c’ è Cristo stesso, detto poi da da loro, che in Cristo veramente non credono e vorrebbero che noi accogliessimo lo straniero- più diverso da noi meglio è, più maomettano è meglio è – in nome del Cristo a cui non danno alcun valore ( a cominciare dal Troll Supremo, che mette Cristo alla pari di ‘Maometto’, e quindi lo annulla, e non dice mai che nel migrante c’è Maometto, e quindi attento dove lo metto, e a che a pensarci dovrebbero essere per primi i Signori Staricchi del petrolio, che nei ‘poveracci’ loro fratelli musulmani dovrebbero vedere Maometto stesso e quindi far loro spazio a più non posso!)… quando nel Vangelo, letto come si deve, da cima a fondo (e non come loro fanno o fingono di fare, vero cardinal Ravasi? Che uomo di cultura dovresti sapere che non si devono staccare le 6 parole di tuo comodo fuori dal loro contesto, o no?) ,
            quando nel Vangelo, dicevo, si dice che ogni qual volta noi facciamo del bene ai credenti in Cristo …

          4. 3- accoglierli (come pellegrini, come ospiti, non come parassiti stanziali perpetui) saziarli dissetarli vestirli…- è come se lo avessimo fatto a Lui! Ai CREDENTI IN CRISTO SIGNORE, capito???
            Ma questo è il loro modo di credersi intelligenti credendo tutti i cristiani dei deficienti, incapaci di leggere. E purtroppo ci riescono vista l’ignoranza vergognosoa della gran parte dei cristiani, che poi abboccano, credendo di obbedire a Cristo e invece obbediscono ai loschi trafficanti e ai gestori dei loschi traffici e assassini delle nostre comunità nazionali, di quello che ne resta…).

            Ma che la piantassero di rinfacciare ai Cristiani – a coloro chi si fregiano del nome di ‘Catholicus’ – contrari alle istanze globaliste e mondialiste, ai Cristiani Catholici ‘sovranisti, di “non sapere conciliare” i loro “principi col Vangelo”! Che ‘Cristiano’ di per sé non fa mai rima con ‘di mente insano’ , o ‘chrétiens’ con ‘crétins’!

        2. Madame Le Pen, e qui da noi Salvini, per volontà dei loro elettori (non dimentichiamolo) difendono i principi della sovranità nazionale e della identità nazionale, che per i Franz Peter sono principi razzisti e xenofobi… E questi Franz Peter del mondo si chiedono come possa un ‘catholicus’ ( vero, non imbergogliato) difendere tali principi ed essere insieme fedele al Vangelo ( o alla Bibbia tutta, se si vuole).
          Bene allora questi maestri di ‘mondo’ che dànno lezione di ‘catholicismo’ ai ‘catholici’ (veri, ripeto) – perché lezione vogliono dare con la loro domanda – siano così gentili da citare un passo uno dove il Vangelo (o la Bibbia intera) propugnano principi anti-sovranisti e anti-identitari. Su, coraggio, Franz Peter, che siamo tutt’ orecchi- che anch’io sono un ‘catholicus’ – vero, non imbergoglito…

          1. carissimo bbruno, avevo già risposto al suo lungo ed inconcludente intervento. Purtroppo chi ha il compito di censura, lo ha censurato, infatti questo è un sito da tenere in risalto per la sua alta democrazia, ove ognuno può liberamente esprimere il suo pensiero, anche se in disaccordo. Guai però, a scrivere o pensare in modo diverso dal padrone. Pazienza crogiolatevi nel vostro brodo e che Cristo perdoni la vostra immensa superbia. Il paradiso è fatto per tanti, ma senza voler giudicare non so se è fatto anche per voi con tutto l’odio che seminate: non siete i perfetti.

          2. a Peter Franz, poco caro- io sono inconcludente? e le citazioni richieste dove sono? Concluda per favore, e poche arie!

          3. e poi, chiaro, io sono in-concludente: non concludo infatti alla sua maniera. Altre conclusioni. Come non sono democratico, perché non della sua squadra. Come non ‘ catholicus’, perché non secondo il ‘suo’ vangelo..

  1. paolo amiconi

    La FRANCIA non abbiamo motivo di amarla , nemica storica dell’ Italia e cuginanza bastarda, che in ogni occasione ci ha ostacolato e derubato.
    Non c’ è motivo comunque neppure di amare la Croazia. O abbiamo dimenticato Pola, Fiume e Zara e la pulizia etnica in Istria e Dalmazia?

    1. Mi scusi lei è un po’ corto di memoria storica: guardi che chi ha invaso e aggredito la Francia e la Jugolavia. di cui la Croazia faceva parte, siami stati noi italiani e non loro. Quindi sitamo zitti, che facciamo una figura migliore!

        1. Perché Alessandro2 non mi dà lei lezioni di storia, dato che la conosce così bene, avendola studiata su libri rarissimi editi a suo uso personale? Non c’è peggior cieco di chi vuole esserlo. Sono state forse le truppe francesi e slave ad invadere l’Italia o è stato il contrario? Chi nel 1942 si è inventato il Regno di Croazia? Me lo sa dire?

          1. Mi ripeto, l’ho già scritto sotto.
            La storia dell’Adriatico orientale italiano comincia ben prima di quella data, ma suppongo che un fine conoscitore della storia come lei lo sappia già: https://goo.gl/GYKBKr
            Un’umile prece ai moderatori: occhio, questo è un altro trollone peggio dell’Olga Maria di altre discussioni. Provoca ripetendo a pappagallo la solita vulgata, non so se per vezzo o per interesse.

  2. Continuiamo così, in silenzio. Onore a chi è arrivato fin qui. Le battaglie continuano su tutti i fronti. Ognuno è elemento essenziale lì dove si trova. Silenziosi e tranquilli. Muti come i fanti, per fare barriera contro il Nemico, andiamo avanti.

  3. Carla D'Agostino Ungaretti

    Sono d’accordo con tutti. Sono secoli che la Francia ci rompe le scatole (scusate l’espressione … ) pretendendo di darci lezioni su tutto, perfino nei fumetti di Asterix in cui i Galli fanno fare sempre figuracce ai Romani, contraddicendo la storia e dimostrando palesemente che “o ci sono, o ci fanno”. Secondo me “ci sono”. Neppure l’Inghilterra, che pure aveva un Impero, è mai arrivata a tanto!

  4. Bah! Tra le due, “la più pulita c’ha la rogna”…
    La Croazia… Prima di tutto ci ridìa Fiume, l’Istra e la Dalmazia; vengano processati per gli orrori delle Foibe, poi ne riparliamo.

        1. Per Alessandro2 – Molto bella ed interessante la cartina della Repubblica di Venezia, però desidererei sapere cosa c’entrano i possedimenti della Serenissima con la Repubblica Italiana. Forse perché l’ Italia è l’erede di Venezia? Se così fosse dovremmo reclamare anche il possesso della Rezia, della Pannonia, dell’ Illiria, della Dacia…, quali eredi di Roma Imperiale.

          1. Suppongo che i concetti di popolo, etnia, architettura urbanistica e sociale, commerci, secolare cultura italiana in Istria, Venezia Giulia, Dalmazia, Carnaro non le dicano niente. Così come non le risuoni la tragedia conseguente ai massacri ed alla pulizia etnica che a questi secoli di civiltà italiana fecero seguito dopo il 1945, con lo spalleggiamento di tutta la sinistra nostrana e l’indifferenza colpevole delle masse “liberate”. Grazie a loro oggi l’Italia è monca della sua parte orientale, in gran parte ripopolata da slavi. Molti nostri connazionali, inclusi purtroppo anche alcuni appartenenti alla classe dirigente, per estrazione o educazione sono intimamente antitaliani. Se non fosse termine purtroppo desueto e non rischiassi denunce, li chiamerei senz’altro traditori della Patria. Come tali meriterebbero di essere trattati.

  5. davvero un bell’ affare: dovere scegliere tra il peggio dell’ Europa e l’Europa nera. E ha vinto questa, l’ Afric-ance! Finis Europae, e delle sue sconcezze!

  6. antonio corso

    l’arbitro era palesemente di parte, si e’ inventato una punizione al limite dell’area e un rigore che non c’erano. Senza questi due gol sarebbe stato 2 a 2 e si sarebbe andati ai supplementari. Manifestamente, la dittatura aveva deciso che vincesse micron perche’ amato da soros, bilderberg, dai massoni, dall’ue etc. La croazia non aveva santi protettori.

    1. Aggiunga che l’allenatore della Croazia è un fervente cattolico, che non nasconde la sua fede ed è devoto del S. Rosario. Il peggio del peggio per l’establishment pallonaro, e dell’universo mondo (incluso F.P.).

  7. Chi ha procurato le Foibe sono stati i comunisti di Tito e pertanto il popolo croato è responsabile fino ad un certo punto del massacro dei nostri italiani dell’Istria.

    1. Infatti, quando Napolitano in guizzo di lucidità nel 2007 definì le foibe «un imperdonabile orrore contro l’umanità, [ed] egualmente l’odissea dell’esodo, del dolore e della fatica che costò a fiumani, istriani e dalmati ricostruirsi una vita nell’Italia tornata libera e indipendente ma umiliata e mutilata nella sua regione orientale», fu attaccato da Zagabria: «elementi di aperto razzismo, revisionismo storico e ricerca di vendetta politica».
      Vedi https://goo.gl/tGtDg8

      1. Per Alessandro 2, vede se il 10 giugno 1940, il buon Benito, invece di sbraitare dal balcone di palazzo Venezia, avesse trascorso il suo tempo giocando una partita a tre sette o a tarocchi con la Petacci e un paio di gerarchi, oggi l’Italia, non sarebbe monca. Quando si va per picchiare è d’uopo portare con sé sempre due sacchi: uno per darle e l’altro per riceverle, e in questo caso è più che mai esatto recitare un “nostra culpa, nostra culpa, nostra maxima culpa”

        1. Posso essere d’accordo con lei nel condannare il comportamento dei fascisti in quelle terre. Ma nel suo intervento lei non sta contraddicendo me, dando ragione ai Croati; sta contraddicendo il Presidente Emerito della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano. Non esattamente un revanscista nostalgico dell’orbace. Resta il fatto che l’Italia, volente o nolente, ha perso una parte importante del suo corpo sociale, culturale e politico, lassù a nordest. E che molti italiani – tradendo l’ideale di integrità della Patria – hanno sostenuto e sostengono ancora oggi apertamente la bontà di questa mutilazione.

          1. Egregio Alessandro2- Io non dò nessuna ragione agli ex jugoslavi, ne contraddico le parole di Napolitano. Voglio dire solo questo: se io sono un pazzoide e vado in auto ai 200 all’ora, quando c’è un limite di velocità ai 50 e mi schianto contro un platano o finisco in un burrone, la colpa non è del platano, o del burrone o di chi ha fabbricato l’auto o del concessionario della strada, ma è solo mia. Così purtroppo se abbiamo perso i territori orientali ed io aggiungo la Val Roja ed altre zone verso la Francia e Rodi e il Dodecaneso è solo colpa nostra, e di nessun altro. Pensi che alla fine del conflitto, col trattato di pace, il grandissimo De Gasperi, a parte le perdite territoriali di cui sopra è riuscito a mantenere l’Italia nella sua integrità territoriale. Pensi invece la fine che ha fatto la Germania e alla sedicente Repubblica Democratica Tedesca.

    2. Già, perché il “popolo croato”, gli autori di quell’orrore non erano “comunisti di Tito” , vero?
      Qual è il “certo punto” in cui rientra la responsabilità dei Croati, secondo lei?

      1. La reazione del Presidente croato da me segnalata qui sopra, caro Lister, la dice lunga sulla passata ed anche sull’attuale repulsione dei Croati per la questione foibe.

  8. Colendissimo ed esimio messer bbruno: “da citare un passo uno dove il Vangelo (o la Bibbia intera) propugnano principi anti-sovranisti e anti-identitari” Facilissimo, lapalissiano si legga la parabola del Buon Samaritano e mediti sul comportamento dei vari personaggi. Parlando di comportamento il buon ministro Salvini ha subito parlato dell’ucraino che ha violentato una ragazza, ma non parla dei tre ragazzi italiani che hanno violentato un ragazzina di 17 anni. Certo i mostri, i delinquenti sono solo e unicamente gli altri, gli italiani sono tutti di razza superiore: santi, poeti e navigatori. Per voi sovranisti ed identitari esistono razze superiori, ma per Cristo tutti gli uomini sono uguali e questo concetto lo ha ripetuto anche ieri il nostro Presidente Mattarella ricordando le leggi razziali. “Su, coraggio, Franz Peter, che siamo tutt’ orecchi- che anch’io sono un ‘catholicus’ – vero, non imbergoglito…” Appunto perché lei è un cattolico vero (con tanto di sigillo?) lo consiglio di leggersi la prima lettera di san Giovanni Evangelista: in sintesi non posso amare Dio, che…

  9. seguito – … non vedo, se non amo il mio Prossimo che vedo e di cercare di mettere ciò in pratica. Pace e bene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su