Davanti alla sentenza che condanna Alfie bisogna davvero arrendersi?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

L’ospedale pediatrico Alder Hey ha rilasciato questa agghiacciante dichiarazione che, sulla sua pagina Facebook sta raccogliendo grandi consensi altrettanto agghiaccianti: “Questa sera l’Alta Corte ha di nuovo ordinato che è nel miglior interesse di Alfie continuare con il piano di cure per la fine della vita elaborato dal team clinico che lo hanno curato finora. La nostra priorità pertanto è di assicurarci che Alfie riceva le cure che merita per assicurargli comfort, dignità e privacy e mantenerle fino in fondo. Questo include lavorare a stretto contatto con Kate e Tom così che possano passare con lui questo tempo prezioso. Saremo grati per il rispetto e la considerazione che vorrete dimostrare a tutto il nostro staff, i pazienti e le famiglie presenti in ospedale in questo momento difficile”.

Di rispetto e di considerazione, soprattutto da parte di chi impugna la fede come strumento di potere e di trattativa con il mondo, ci pare che tanto l’ospedale quanto la Corte che ha deciso la morte di Alfie ne abbiano avuti anche troppi. A commento di questi terribili pensieri riportiamo quanto ci ha appena scritto il sacerdote che, fin dal primo momento sta tentando ogni via per salvare il bambino: “Perdonatemi, non mi metto a spiegarvi tutto, perché sarebbe troppo lungo e il tempo è pochissimo. Qui bisognerebbe fare un casino della miseria, perché il giudice inglese ha decretato che Alfie non può essere portato in Italia. Al massimo sarà concesso ai genitori di portarselo a casa. Nessuno ha capito due cose semplicissime: che il bambino non è più nutrito da quasi 24 ore e che l’essere portato a casa, dopo essere sopravvissuto alla tortura per più di 12 ore (completamente senza ossigeno e idratazione), ora Gli è concesso solo un po’ di ossigeno e di acqua. Mangiare nulla fino a che morirà (forse a casa dei Genitori) di fame. Questo ricorda quanto avveniva dei campi di sterminio!  E tutto sotto gli applausi scroscianti dell’intelligenza italiana, vaticana e mondiale. Possibile che nessuno abbia il coraggio di portare questa gente alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aja?”.

Già, possibile che nessuno, specialmente tra chi per mestiere se non per vocazione dovrebbe difendere la vita, voglia veramente andare fino in fondo? Ce lo chiediamo anche noi. Oppure il vero obiettivo erano i titoli di giornali e giornalisti che non hanno capito niente di quanto sta veramente avvenendo e intestano ai protagonisti sbagliati la misericordia altrui?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Davanti alla sentenza che condanna Alfie bisogna davvero arrendersi?”

  1. ore 23.00: Dichiarazione dell’ospedale Alder Hey: “Stasera l’Alta Corte ha affermato di nuovo che il miglior interesse di Alfie Evans è continuare con il programma di cure di fine vita proposto dalla equipe medica che lo ha già curato finora.
    La nostra priorità dunque è quella di garantire che Alfie riceva le cure che egli merita, per assicurare che gli siano mantenuti in questo tempo comfort, dignità e privacy. Questo include anche lavorare con Thomas e Kate dato che passeranno questo prezioso tempo con lui.
    Saremo grati del rispetto e della considerazione dimostrata a tutto il nostro staff, ai pazienti e ai familiari che si trovano nel nostro ospedale in questo periodo difficile”.
    Da LNBQ

  2. possibile che non si possa “iscriverlo” sul passaporto diplomatico del nostro ambasciatore (o altro diplomatico) e portarlo come prima tappa in ambasciata e poi a Roma? Preghiamo S. Maria Ausiliatrice e S. Domenico Savio

  3. Scusate se sono sempre in mezzo ma non riesco proprio a non indignarmi: ma ciò che quei delinquenti hanno scritto su facebook non solo non è coerente e sano di mente ma di una ipocrisia che se non fosse tragica la vicenda sarebbe da catalogare come una macchietta macabra della peggior specie! Rivolgersi ai loro sostenitori chiedendo “sostegno e stima” per l’ ospedale. Secondo me sono in una follia che, a questo punto, è solo subumana. Non credo di aver esagerato, follia allo stato puro!

  4. Un sacerdote cattolico

    Non ci si arrenda assolutamente. E’ tutto manovrato dalla massoneria, ma Dio è più forte della massoneria. Si continui a pregare con fede e si usino tutti i mezzi umani a disposizione per combattere le forze massoniche del male e di satana.

  5. Oltre al Santissimo Rosario consiglio a tutti di pregare la Coroncina a San Michele Arcangelo http://www.preghiereagesuemaria.it/preghiere/preghiere%20a%20san%20michele%20arcangelo.htm

    Io la recito e ho avuto modo di sperimentarne la potenza. Dio ha gia concesso ad Alfie di continuare a respirare da solo per 24 ore, preghiamo perche’ conceda la Grazia di farlo sopravvivere e venire in Italia, se questa e’ la Sua Volonta’. Dio puo’ tutto, preghiamo!

    1. Potentissime tutte le preghiere del sito a San michele! Grazie Silvia. Chi conosce dei buoni esorcisti faccia pregare. Io ne conosco uno che è santo ma è anziano e non esercita più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su