Il “Sinodo” sui giovani di Bergoglio e Farrell – di Elizabeth Yore

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Fonte: remnantnewspaper.com, Elizabeth Yore è un avvocato statunitense che ha investigato sui casi di abusi sessuali da parte del clero. Traduzione di Marco Manfredini

Lo stupido pensa di essere saggio, ma il saggio è consapevole di essere stupido.        
(Shakespeare, “Come vi piace”)

 

Papa Francesco e il Cardinale Farrell siedono tra gli studenti all’incontro pre-sinodale dei giovani.

 

-Prendimi in giro una volta: il Sinodo sulla Famiglia 2014

-Prendimi in giro due volte: il Sinodo sulla Famiglia 2015 e Amoris Laetitia.

-Prendimi in giro tre volte: il Sinodo sui giovani 2018?

 

Durante gli ultimi cinque anni di questo papato, Francesco e i suoi Cospiratori Sinodali hanno magistralmente manipolato, truccato e sfruttato il processo per arrivare al Sinodo. Le macchinazioni e le tattiche di retrobottega sono state brillantemente documentate da Edward Pentin, Henry Sire, George Neumayr e tutta una serie di giornalisti investigativi.

Per quanto tempo i cattolici si faranno menare per il naso?

L’imminente Sinodo dei Vescovi di ottobre promette altre sinodali amenità come il culmine dottrinale del mantra “Chi sono io per giudicare?” e la ritrattazione dell’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità.

Papa Francesco ha annunciato nell’incontro pre-sinodale che la Chiesa ascolterà tutti i giovani e “nessuno sarà escluso”. Questo linguaggio in codice significa che il Papa “dialogherà” e “accompagnerà” e “ascolterà” i promotori dell’agenda LGBT.

Oh, ironia della provvidenza! I due temi del Sinodo dei Vescovi a Roma saranno niente meno che giovani e vocazioni. Dice nulla? Qualcuno ha sentito la relazione del Grand Jury di Pennsylvania? Quale inconveniente che i due obiettivi dei chierici e prelati predatori saranno il soggetto del Sinodo.

Quale inconveniente che il capo del Sinodo su giovani e vocazioni, il Cardinale Kevin Farrell, sia stato compagno di stanza del più attivo predatore seriale di giovani e seminaristi nella storia della Chiesa Americana! Quale inconveniente che Farrell, capo del Sinodo sui giovani, ha abitato col notorio Cardinal Theodore McCarrick per sei anni e non si è mai accorto degli abusi che questi compiva.

Quale inconveniente che uno scandalo globale sugli abusi compiuti dal clero omosessuale stia scoppiando nel momento in cui Francesco indice un Sinodo per minimizzare quella fastidiosa e priva di misericordia dottrina del Catechismo sull’omosessualità come “intrinsecamente disordinata” sfruttando le ingenue idee dei giovani al Sinodo stesso.

Quale inconveniente che gli abusi omosessuali stiano mandando in bancarotta la Chiesa Americana e l’Instrumentum Laboris, il documento di lavoro dell’Agenda Sinodale, abbraccia il clima di rilassamento degli insegnamenti magisteriali sull’omosessualità.

Quale inconveniente che la rete di chierici e prelati omosessuali sia emersa con tutti i suoi predatori e le sue coperture nel report del Grand Jury di Pennsylvania, mentre l’Instrumentum Laboris sostiene che: “Alcuni giovani LGBT, attraverso vari contributi giunti alla Segreteria del Sinodo, desiderano «beneficiare di una maggiore vicinanza» e sperimentare una maggiore cura da parte della Chiesa, mentre alcune Conferenze Episcopali si interrogano su che cosa proporre «ai giovani che invece di formare coppie eterosessuali decidono di costituire coppie omosessuali e, soprattutto, desiderano essere vicini alla Chiesa”.

Quale inconveniente che durante lo scandalo delle coperture alle attività omosessuali dei prelati, i vescovi stiano esplorando le modalità per discutere durante il Sinodo come tenere i giovani omosessuali più “vicini” alla Chiesa!

Quale inconveniente che nel 2013, durante l’estemporanea conferenza stampa in aereo, Francesco abilmente inviò un potente messaggio ai chierici omosessuali col “Chi sono io per giudicare”, mentre ora deve giudicare la condotta predatoria e criminale di clero e prelati che abusavano di gioventù e seminaristi?

Lo scandalo di abusi che sta emergendo è solo all’inizio. I fedeli scopriranno nel corso dei prossimi anni che la causa sottostante agli scandali criminali del clero risiede nella rete omosessuale di preti, vescovi e cardinali profittatori di giovani che aggredivano seminaristi, favorivano i propri simili, e punivano chi spifferava o non si adeguava.

Questo è lo sporco segreto che sta ora emergendo. Molti nelle gerarchie erano omosessuali praticanti che intenzionalmente rilassavano o ignoravano gli insegnamenti della Chiesa e la sua posizione morale sull’omosessualità. Il degrado personale brutalmente descritto nel report del Grand Jury è il risultato diretto di una cultura clericale che ha abbracciato l’omosessualità e coltivato, reclutato e infine assalito giovani ragazzi nel suo sordido stile di vita. Molti preti, vescovi e cardinali praticavano ciò che Francesco ha predicato col suo “Chi sono io…”

Il risultato? Una litania di vite completamente devastate moralmente, fisicamente ed emotivamente, sofferte dalle vittime degli abusi omo-clericali.

Questo è solamente l’inizio della notte buia in cui è caduta la Chiesa. L’imminente Sinodo e il suo debole per lo stile di vita LGBT, si farà beffe della sofferenza delle vittime del clero giustificando questo scandalo che va avanti da decenni.

Occorre essere consapevoli che invitare giovani ragazzi dai 16 ai 29 anni al Sinodo per discutere di vocazioni con i vescovi comporta seri pericoli morali e fisici per questi ignari giovani, molti dei quali pensano che l’omosessualità sia buona. E i vescovi lo sanno.

Ci vorranno anni per scoprire la reale portata degli abusi da parte del clero. Fino ad allora questo Sinodo deve essere sospeso, in attesa che le autorità civili e le forze dell’ordine facciano piena luce su ampiezza e la profondità dei crimini sessuali clericali.

I segnali di avvertimento, come le bandiere arcobaleno, si stanno vistosamente manifestando, e indicano che il Sinodo in arrivo rappresenta un grave pericolo di sfruttamento fisico e morale dei giovani.

Secondo il Vaticano, l’argomento scelto per il Sinodo 2018 è “espressione della sollecitudine pastorale della Chiesa verso i giovani”, ed è in continuità con i risultati del duplice Sinodo sulla famiglia e con l’esortazione che ne è scaturita, l’Amoris Laetitia.

Abbiamo compreso la sua subdola tattica sinodale. Francesco utilizza abilmente i processi sinodali per allentare la dottrina della Chiesa tramite strumenti profani come sondaggi e focus-group, e se non escono dai conteggi i risultati sperati, questi vengono sottoposti a critica. Un magistero a colpi di maggioranza o [se non funziona, ndt], la manipolazione del voto.

L’unica possibile “espressione della sollecitudine pastorale della chiesa verso i giovani” si manifesterebbe nella piena e trasparente collaborazione con le indagini sui crimini dei predatori omosessuali. Aprire i documenti segreti relativi gli abusi, sia in Vaticano che nelle cancellerie di tutto il mondo. Questo sarebbe l’unico modo per dimostrare premura verso i giovani.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “Il “Sinodo” sui giovani di Bergoglio e Farrell – di Elizabeth Yore”

  1. “Per quanto tempo i cattolici si faranno menare per il naso?”
    Fino al patatrac finale.
    Ai cattolici di oggi piace troppo farsi menare per il naso,o per ignoranza crassa (non hanno mai capito niente di fede cristiana , se non la pratica biascicata di due preghierine e, ora, vedere nell’ ‘accoglienza’ Nigrorum et Islamorum il non plus ultra della morale cristiana); o per convergenza di interessi (fa bene sentirsi lisciati per il proprio pelo ‘nel nome del Signore’)….

    1. Purtroppo, Bruno, questo patatrac rischia di essere di dimensioni tali “che i sopravvissuti invidieranno i morti” (da una locuzione della Madonna ad una mistica); sembra che possano sparire oltre i 2/3 della popolazione mondiale. Del resto, la follia immigrazionista e la provocazione, fino allo scontro armato, portate avanti da queste forze agli ordini della massoneria internazionale (che adora Satana) lasciano ben poco sperare. E’ sempre più evidente che vogliono il caos, lo scontro di piazza, mettere a tacere la maggioranza del popolo che non li vuole e non li approva. In parole povere: sono il male assoluto della nostra epoca post-moderna.

  2. Che ne dite del fatto che proprio questa sera, alla Messa delle ore 19, il celebrante ha detto che la causa della corruzione dei sacerdoti (ha detto che sono almeno 300 (trecento)!) è stata la corruzione delle famiglie di provenienza degli stessi?
    Io sono rimasto allibito!
    Poco prima il parroco ha celebrato un matrimonio che, secondo me, è stato più una gazzarra che una celebrazione religiosa.
    Il culmine della “celebrazione” è stato quando, alla comunione, gli sposi sono stati chiamati a fianco del celebrante perché si comunicassero con il Corpo e il Sangue di Gesù Cristo, mentre due cine-operatori (si dice così?) riprendevano la scena da distanza ravvicinata e il complesso di chitarre elettriche e il coro accompagnavano il tutto con un chiasso degno della migliore discoteca rock!
    E’ proprio il caso di dire che non c’è più religione (quella cattolica, per intenderci!).

  3. A questo punto è lecito dedurre che indicono un sinodo per i giovani perché hanno bisogno di carne fresca e soprattutto ignara da introdurre nel tritacarne delle loro turpitudini (mi riferisco al vertice di questa diabolica neochiesa e non ai preti e prelati rimasti puliti).

    Quanto alle parole con richiesta di perdono pronunciate a Dublino con la solita voce accorata da mite nonnetta… come non trovarle RIVOLTANTI?
    Personalmente sono rimescolata dallo sdegno.

    1. Carla D'Agostino Ungaretti

      Infatti io non seguo più da tempo le telecronache riguardanti questo Papa e seguo TV2000 solo per la recita quotidiana del Rosario che mi sembra sia rimasto (almeno quello …!) come una volta e per qualche film della mia gioventù. Per il resto la Chiesa istituzione mi deprime e mi scoraggia. Adesso anche i preti dicono le parolacce dal pulpito (il giorno di S. Giovanni Batt. ho sentito il celebrante definire la moglie adultera di Erode con l’epiteto che a me era stato insegnato non dovevasi pronunciare) e anche il Papa a Dublino ha usato una parola che ha scandalizzato anche il Corriere della Sera. Allora di che ci meravigliamo? Exsurge Domine! Fino a quando vedremo la Tua Chiesa ridotta così?

  4. Albino Mettifogo

    “Il risultato? Una litania di vite completamente devastate moralmente, fisicamente ed emotivamente, sofferte dalle vittime degli abusi omo-clericali.”

    E aggiungo che, a meno di un intervento diretto del Consolatore Perfetto, chi mai riuscirà a riportare queste vite e queste anime alla vera Fede in Cristo?
    Ho conoscenza diretta di persone che, per causa di tutto questo, hanno perso la Fede, e oggi sono atei o aderenti a qualche religione pagana.
    Un grande dolore che non potrà mai essere risanato da mani umane. Preghiamo per loro!
    Albino

  5. il cardinal Farrell, colui che non s’accorgeva delle oscenità del suo pari cardinal Mc Carrick, pur essendo suo compagno di stanza, messo a capo del  Dicastero vaticano per i laici, la famiglia e la vita ( famiglia e vita, pensa un po’!!!), a capo del sinodo per i giovani (!!!), da chi? Da chi ora s’ indigna dell’attacco alla sua ‘santa’ persona, e chiama sdegnato, il poverino, il suo pubblico a “giudicare”… Che faccia da IMBOLSITO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su