La Fabbrica della Pace?  –  di Marisa Orecchia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“Sento che oggigiorno il più grande distruttore di pace è l’aborto, perché se una madre può uccidere suo figlio non c’è più niente  che impedisce a me di uccidere te e a te di uccidere me”. (Beata Madre Teresa di Calcutta)    =======================

di Marisa Orecchia

.

zzzzfdpMi  tornano alla mente le parole che  Madre Teresa di Calcutta ebbe a pronunciare  ritirando,  nel dicembre del 1979,  il Nobel per la pace  che le  era stato assegnato per la sua instancabile  attività a favore dei poveri: “Sento che oggigiorno il più grande distruttore di pace è l’aborto – affermò la piccola suora beatificata nell’ottobre del 2003 –   perché se una madre può uccidere suo figlio non c’è più niente  che impedisce a me di uccidere te e a te di uccidere me”.

Non meno chiare e decise sullo stesso tema   le parole che San Giovanni Paolo II disse durante una delle sue  innumerevoli ed energiche  pronunce contro l’aborto e che suonano così : “nessun movimento per la pace può dirsi veramente tale se non è contro l’aborto volontario”.

Mi tornano alla mente oggi, quelle parole,  e penso che forse  sarebbe il caso di ricordarle  agli organizzatori della grande manifestazione intitolata “La  Fabbrica della pace”, che avrà luogo  lunedì 11 maggio  a Roma, in sala Nervi, Vaticano, dove 7.000 bambini saranno per l’occasione ricevuti da Papa Francesco.

Verranno riferite queste parole a quei bambini, lì invitati come “creatori di  pace, tolleranza e accoglienza”?

Qualche dubbio è permesso.

zzzzmtrsbmbA leggere le cronache della presentazione dell’evento vi si trovano evocate “rivoluzioni del cuore,  mobilitazioni per portare forze spirituali, politiche educative ad utilizzare un linguaggio di pace con cui  si favorirebbe quell’integrazione  multietnica, che porterebbe anche gli adulti a sostenere la pace in famiglia e in tutti gli ambienti”.  Contenuti, riferimenti culturali,  principi filosofici ed etici,  metodi e strumenti  per operare tale miracolo non sono nominati, se non con un vago cenno, sempre secondo le cronache, a “un cantiere senza limiti e barriere dove sono i più piccoli ad aiutare i grandi  a guardare la realtà  con occhi non contaminati”. Neppure il comunicato dell’Agenzia Sir riesce  a far luce  su principi e  metodologie  di questa  Fabbrica della pace, “iniziativa  lanciata oggi  per mobilitare quante più energie possibili – istituzioni, media, organismi ecclesiali, organizzazioni non governative, forze del lavoro e della politica – per costruire subito e in futuro un mondo di pace”.

La quale  pace – secondo la psicologa Maria Rita Parsi, membro del Comitato dell’ONU sui Diritti del Fanciullo, promotrice, insieme ad altre personalità in vari campi, di questa iniziativa, targata FAO e perciò stesso ONU – “si deve costruire mattone dopo mattone e i mattoni di questa fabbrica sono i bambini.” E poi, via alle frasi fatte:  “Dare anima all‘anima”, “per educarsi ed educare alla pace“. Insomma, buio completo su questo gran laboratorio di pace, se non per la luce  sinistra  che vi gettano le ben note politiche ONU, che ha fatto dell’aborto libero e assistito uno dei suoi impegni prioritari,  pervicacemente perseguito ad ogni costo e in ogni occasione.  A questo proposito non si può non  notare che la presenza  di Emma Bonino – invitata  a partecipare alla manifestazione, secondo la notizia  da lei stessa diffusa –  le cui mani grondano del  sangue delle migliaia di aborti dei tempi fiorentini del CISA, sia  del tutto intonata. Poveri quei 7.000 bambini della Fabbrica della pace. E povera pace.

Sarebbe bello che qualcuno ricordasse loro, lunedì 11 maggio alla sala Nervi, che la pace non si fabbrica solo parlandone e che può anche non coincidere con il silenzio delle armi e degli eserciti, se vi alligna l’ingiustizia, ma che  nasce dal cuore di ciascun uomo quando è in pace con  Dio  e si comporta con giustizia  verso i fratelli. Giustizia e pace si baceranno, recita  il salmo. Non si dà l’una senza l’altra.

Sarebbe bello che lunedì 11 maggio qualcuno raccontasse ai 7.000 bambini convocati in Vaticano per la Fabbrica della pace,  che il  giorno prima  per le strade di Roma in decine di migliaia si sono messi in marcia  per dire no all’aborto, la peggiore ingiustizia che possa essere perpetrata  a danno di un innocente indifeso. Così si fabbrica  davvero  la pace.

zzzmrc15

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

9 commenti su “La Fabbrica della Pace?  –  di Marisa Orecchia”

  1. Lunedì 11 Maggio Bergoglio avrà l’occasione di parlare come parlò Madre Teresa, un occasione d’oro e unica, che potrebbe salvare moltissime anime e dare un grandissimo messaggio a tutto il mondo: la scelta è solo Sua, ma tutti noi capiremo molto da ciò che deciderà di fare!
    Ovviamente io NON mi faccio illusioni!

  2. “Se tutte le ragazze / Le ragazze del mondo / Si dessero la mano / Si dessero la mano / Allora ci sarebbe un girotondo / Intorno al mondo/ Intorno al mondo ” – Sergio Endrigo, mezzo secolo fa; testo del medesimo.

    Lo scopo della “Costruzione” massonica, da ottenere “prendendo i bambini finché sono piccoli, prima che la società li rovini” (Rousseau: catalogazione di tutti i “cuccioli” come Santi, di tutti gli adulti, specialmente maschi, come Dannati), non è fare qualcosa, lavorare, dare qualcosa a Dio. È guardarsi negli occhi gli uni gli altri, creando un Senato di fratelli senza Padre, immacolati, che prenda possesso del Mondo.

    http://www.contrapunto.com.sv/images/Abril15/Monumento-Reconciliacion-El-Mozote.jpg : atroce monumento satanico, di cui parlavo sotto “Il diritto di essere sconcertati”

    Per confronto, un monumento cattolico, realizzato subito dopo la fine dell’incredibile mattanza spagnola degli anni ’30, ospitante i caduti di entrambe le fazioni: http://www.republica

  3. Marina Alberghini

    Tutto giustissimo, ma allora perché papa Francesco ha fatto una telefonata all’icona dell’aborto Emma Bonino, molto premurosa preoccupandosi della sua sua salute?Non c’era proprio nessun altro a cui telefonare?E’una contaddizione in termini!Il papa non può fare quello che gli pare perché rappresenta sia Cristo, che non era certo un abortista, sia miliardi di cattolici!

  4. Giustissimo: così si fabbrica davvero la pace!. E non con le frasi ad effetto, coi paroloni, coi bambini strumentalizzati (non è anche questo un peccato contro l’innocenza?), con le tante Bonino inopportunamente, ma non a caso invitate a un raduno dove la pace non è altro che un cartellone di mille colori dietro cui si intravede molta foschia. E c’era bisogno di utilizzare proprio la sala Nervi? Non bastava un palazzetto dello sport qualsiasi?

  5. Che aggiungere a quanto scrive Marisa Orecchia se non interrogarsi perché mai alla “Fabbrica della pace” di lunedì 11 maggio in Vaticano sia stata invitata Emma Bonino? Sia chiaro che se la signora rinnegasse pubblicamente i suoi trascorsi di abortista ed esortasse i suoi sodali a fare altrettanto, non ci sarebbe che da rallegrarsi. Ma non è accaduto. E allora perché invitarla?
    Ma quale pace si celebrerà in tale manifestazione? Quella di uno spot per le cosiddette battaglie radicali.
    Amici, preghiamo per la Chiesa e per quanti la guidano!

  6. Proprio oggi, per caso, ho visto il tabellone pubblicitario di una libreria “per bambini e ragazzi”: bambini di tutti i colori (Arcobaleno) si danno la mano intorno al mondo, esattamente come riportato qui sopra.
    Nome della libreria: IL CERCHIO MAGICO. Proprio come la Aquarian Conspiration del New Age di qualche anno fa: se abbastanza persone (una “massa critica”) invocheranno INSIEME l’avvento della felice Era dell’Acquario, questa verrà all’istante

  7. Sono certissima che bergoglio ripeterà esattamente le parole della BEATA MADRE TERESA DI CALCUTTA!!
    Temo però che le ripeterà talmente sottovoce che si potrà udire solo il consueto SILENZIO ASSORDANTE…..

  8. Condivisione piena per l’articolo! Voglio aggiungere però, sul tema della telefonata e dell’invito ad Emma Bonino ed in precedenza a Marco Pannella, di ricordarci ciò che è narrato in Mt. 9, 9-13: anche allora tutti si scandalizzarono nel vedere quegli invitati a pranzo, ma il presupposto di Nostro Signore non era certamente quello di fare un buon pranzo in allegra compagnia! D’altra parte come tentare di far riflettere certe persone (per tentare di mettere un “seme” di rimorso nella loro coscienza e quindi di conversione) se non avvicinandoli in qualche modo? Se li si lasciano sempre nel loro brodo è sicuro che non cambieranno mai. Lo stesso discorso vale per l’incontro precedente con Scalfari. Il resto lo farà lo Spirito Santo. Certamente bisogna stare molto attenti a non farsi strumentalizzare da loro.

    1. Cristo andava, se invitato, nelle case dei peccatori. Eccezionalmente -con Zaccheo, subito prima della Passione- Si autoinvitò.
      Oggi c’è il Papa che invita presso di sé, cioè nel cuore della Chiesa, i principali esponenti della “crociata” massonica contro Cristo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su