LA RIVOLUZIONE RESTAURATRICE DI JOSE’ ANTONIO PRIMO DE RIVERA – di Piero Vassallo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Un protagonista dell’antimoderno

 

di Piero Vassallo

 

libro rizzaUn brillante allievo di Fausto Belfiori, il filosofo romano Paolo Rizza, secondo l’autorevole e condiviso giudizio di Luigi Gagliardi, è il più qualificato e infaticabile fra i giovani scrittori intesi alla ricerca delle profonde ragioni che hanno animato i movimenti costituiti nel XX secolo per affermare gli indeclinabili princìpi della Tradizione.

Frutto recentissimo dell’assidua fatica di Rizza è il saggio “La Falange spagnola. Origini ed essenza di un movimento rivoluzionario”, pubblicato in Chieti dal coraggioso e benemerito editore Marco Solfanelli.

Nella presentazione del libro, Gagliardi, offre una puntuale chiave di lettura rammentando che “Caratteristica della Falange era la sua estraneità alle categorie politiche di destra e di sinistra; la sua finalità era la rivendicazione della cultura e della Tradizione del popolo spagnolo contro la dirompente carica profanatrice della modernità“.

José Antonio Primo de Rivera (1903-1936) perseguiva, infatti, l’ambizioso progetto di creare un ordine radicalmente alternativo al liberalismo e al marxismo. Opportunamente Rizza dimostra che “Le componenti spirituali e culturali che hanno concorso a determinare la fisionomia della Falange traggono la propria origine da un ethos religioso-cavalleresco ben radicato nell’eroica tensione civilizzatrice che animò l’epopea della Reconquista e che va considerato come uno degli aspetti più qualificanti della Hispanidad”,

Di qui la critica spietata al contrattualismo, errore (scrive Rizza) “che pretendendo di desumere il fondamento e la legittimazione dell’autorità politica da vuote finzioni razionalistiche, ha determinato una pericolosa falsificazione del carattere e dei fini dello Stato”, ossia la negazione che esso abbia per compito la tutela dell’ordine etico e spirituale fondato dalle società naturali, che sempre precedono le leggi stabilite dalla società politica.

La filosofia politica della Falange sosteneva che il più devastante fra gli errori seminati da Rousseau e comunicati alla politologia sedicente progressista, è la tesi secondo cui verità e giustizia non sono categorie che la ragione deve scoprire e approfondire ma prodotti delle decisioni della volontà.

L’implacabile denuncia del peccato originale delle rivoluzioni, che dopo aver sconvolto l’età moderna sfociano nel relativismo e nel nichilismo, dimostra “la sostanziale affinità di orientamenti dottrinali e programmatici che accomunano il pensiero politico della Falange alla connotazione religiosa e anti-ideologica che caratterizza la cultura reazionaria”.

Rizza confuta tuttavia il giudizio che attribuisce a José Antonio l’avversione al progresso e dimostra l’origine decadente della cultura che ha tentato di mettere in stato d’accusa il falangismo: “smaccata perversione patologica della sana idea di progresso, che trova la propria giusta collocazione nel quadro di una concezione filosoficamente fondata della realtà“.

Dall’orizzonte della sana e legittima reazione è esplicitamente escluso il nazismo, espressione dei prodotti ultimi e peggiori dell’apostasia moderna, il darwinismo e il superomismo.

Di qui il suggerimento di una originale interpretazione del rapporto tra falangismo e fascismo: “Le rivoluzioni di cui Mussolini e José Antonio sono pugnaci assertori, perseguono il fine di ricomporre la dimensione comunitaria in una cornice politicamente e giuridicamente organica, ove lo Stato, assurgendo a organo rappresentativo dei più alti valori della vita di un popolo, ordina e garantisce il suo dispiegamento“.

Grazie all’ingente lavoro di Paolo Rizza il revisionismo esce dal circuito in cui si estenuano i difensori dell’anomalia nazista per indirizzarsi alla scoperta delle ragioni che appartengono alla destra ideale. In una fase storica segnata dalla contestazione della macchina speculativa e strozzina generata dall’ideologia liberale e dal tramonto della destra americanizzante, la vasta opera di Rizza costituisce un importante contributo al chiarimento delle idee necessarie alla rifondazione.

per acquisti on line del libro, clicca qui

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su