Legislazioni internazionali in materia di aborto: fattibilità e presupposti di un nuovo referendum abrogativo in italia (L. 194/78)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
No Aborto

Di Pietro Guerini

No AbortoNel numero del 31-12-2009 ho sottolineato come l’azione abrogativa referendaria sia l’unica via praticabile per travolgere la legislazione abortista italiana , alla luce delle caratteristiche del nostro ordinamento .
Ciò considerati il pericolo ( sia pur sopravvalutato ) di impopolarità che presentano nuovi interventi legislativi anche solo restrittivi in materia e la mancata previsione da parte dei costituenti e dei legislatori successivi , in sede di revisione costituzionale:

– di un diritto alla nascita , che avrebbe dovuto essere inserito tra quelli inviolabili di cui all’art. 2 della Carta e che avrebbe legittimato e legittimerebbe un intervento della Corte Costituzionale avverso la 194 e leggi analoghe;

– di un diritto di veto ( vincolante e ripetibile , a differenza della facoltà generale riconosciuta dall’art. 74 Cost. ) da parte del Presidente della Repubblica nei confronti di leggi contrarie ai diritti dei non elettori , soggetti dal cui consenso i Parlamentari non dipendono , ed ispirate agli interessi di comodo degli elettori.

Ora , sottolineata la sostanziale esclusività dello strumento referendario sul piano costituzionale , qual è il quadro legislativo internazionale in materia e come si colloca in tale ambito la legislazione italiana ?
Un’analisi fondamentale ed alla quale comunque , da giurista , non posso sottrarmi .
Sinteticamente e cercando di non essere tedioso , individuerei 8 livelli :

  1. aborto in ogni caso illegittimo (Cile, El Salvador , Malta e Stato Città del Vaticano) ;
  2. aborto ammesso solo in caso di pericolo di vita della donna ( Irlanda , San Marino , Principato di Monaco , Andorra , Paraguay , Guatemala , Honduras , Venezuela , Filippine e altri ) ;
  3. aborto ammesso in caso di pericolo di vita e di stupro della donna ( Brasile ) ;
  4. aborto ammesso in caso di pericolo di vita , stupro e di pregiudizio per la salute fisica della donna ( Argentina , Ecuador , Costarica e altri ) ;
  5. aborto ammesso in caso di pericolo di vita e di pregiudizio per la salute fisica della donna , nei primi 90 giorni solo per stupro , pericolo per la salute mentale e anomalie del feto ( Polonia e altri );
  6. aborto pressoché libero nei primi 90 giorni , anche per ragioni socio-economiche , limitato successivamente ( Italia , Francia , Germania e altri ) ;
  7. aborto ammesso per ragioni socio-economiche anche nel secondo semestre ( Inghilterra , Russia e altri ) ;
  8. aborto pressoché sempre ammesso ( buona parte dei paesi dell’Est Europa , del Nord America e del Nord Europa ) .

A riguardo di tale ultimo livello , vorrei sottolineare che , a differenza di quanto avviene nei paesi orientali del nostro continente , sottoposti nel secolo scorso a decenni di socialismo reale ateista , negli USA ( nazione che conta 127 milioni di cristiani almeno settimanalmente praticanti su 300 milioni di abitanti ) i gruppi pro-life sono molto attivi ed il 50% della popolazione si è recentemente dichiarata favorevole a significativi interventi restrittivi in materia .
Il fenomeno nell’Est Europa è tale che in Russia , addirittura , i 2/3 delle gravidanze si traducono in interruzioni volontarie di gravidanza .
In tale quadro generale , che possibilità e fondamento ha un’azione abrogativa referendaria nel nostro paese , dove in un trentennio dall’entrata in vigore della 194 si sono registrati ufficialmente 5 milioni di aborti ?
Di primo acchito , è duro a morire nell’opinione pubblica il luogo comune secondo cui la L. 194 avrebbe combattuto il fenomeno dell’aborto clandestino , in realtà inalterato ( si calcola che non vi siano mutamenti numerici , 50 000 all’anno , anche perché molti aborti verrebbero praticati oltre il terzo mese senza la ricorrenza dei presupposti giustificativi previsti dall’art. 6 della legge in un clima di lassismo piuttosto diffuso e di assenza di controlli rigorosi).
Ma quando si entra nel merito del contenuto della 194 , il distacco tra legislatore e cittadini diventa molto sensibile .
Cito ad esempio un sondaggio Eurispes del 2006 , in base al quale :

-il 73,7% degli italiani non condivide che possa essere legale l’interruzione volontaria di gravidanza per mere ragioni economiche , sociali o familiari , come dispone l’art. 4 della legge per i primi 90 giorni di concepimento ;

-il 78% dei nostri connazionali esprime il proprio dissenso a che l’evento abortivo possa essere deciso solo dalla donna , quando l’art. 5 prevede che essa non sia neppure tenuta ad informare della sua decisione in tal senso il potenziale padre , anche se coniugata !

E’ di tutta evidenza che sono cambiate le condizioni rispetto a trent’anni or sono ( tale aspetto verrà da me trattato in modo approfondito nel prossimo articolo ) e che sono maturati i tempi per un’azione decisa contro la normativa vigente .
Un’azione tanto più opportuna in un periodo di particolare stabilità politica come quello attuale, con la sinistra in crisi e diverse formazioni di ispirazione cattolica escluse dalle due coalizioni, libere così di appoggiare con loro spezzoni o singoli esponenti iniziative eticamente sensibili ad apparente rischio di impopolarità come quella in oggetto, senza il timore di compromettere tale stabilità .
Ecco perché il 18-7-2009 , analizzato l’esito dell’elezioni europee , ho pubblicato su www.ladestrabergamo.it un intervento intitolato significativamente “ Una proposta di iniziativa concreta a favore della vita “ , con la quale intendevo per l’appunto farmi promotore di un nuovo referendum abrogativo della L. 194/78 in materia di aborto .
Da tale intervento nacque il 28-9-2009 il sito www.no194.org , il primo sorto con quello specifico obiettivo , nel quale fu riportato il giorno stesso l’originale manifesto dell’iniziativa a firma del sottoscritto che allego nel suo testo storico .
Nella seconda parte di tale manifesto , in particolare e come si può riscontrare , ho indicato gli aspetti procedurali essenziali dell’operazione , in linea con il tenore della legge sul referendum n. 352 del 1970 ( artt. 4 , 7 e da 27 a 40 ) .
Con la costituzione di un sito e di organismi operativi , assume un ruolo centrale sul piano tecnico la formulazione dei quesiti , da riportare da subito sui fogli vidimati che attesteranno le sottoscrizioni dei cittadini (art. 27) .
Un quesito avente come oggetto l’abrogazione dell’intera legge va sicuramente proposto , ma è indispensabile la formulazione di quesiti alternativi , nel fondato timore che il primo non superi il doppio vaglio della Cassazione e della Consulta .
Quesiti che dovranno prevedere , quanto meno , l’abrogazione dei sopra citati artt. 4 e 5 , singolarmente e congiuntamente , oltreché dell’art. 6 .
Il termine iniziale ideale per la raccolta delle firme ( che va effettuata in tre mesi e nel numero di 500 000 ) è stato da me individuato nel 1-3-2010 , affinché si potesse utilizzare un trimestre non estivo ( quindi con una piena capienza delle città ) anteriore al 30-9 , termine entro il quale quesiti e firme vanno depositati avanti la Corte di Cassazione ( art. 32 ) .
Solo in tal caso , la consultazione referendaria si potrebbe svolgere tra il 15-4-2011 ed il 15-6-2011, senza slittare a dopo le prossime elezioni politiche .
Nel prossimo intervento mi soffermerò sui presupposti politici dell’operazione .
Ringrazio sin d’ora per l’attenzione e ringrazio doppiamente chi vorrà aderire all’iniziativa , che rappresenta una vera e propria azione di riscossa cristiana contro l’offensiva laicista promossa anche in Italia negli scorsi decenni a scapito della nostra civiltà ( ispirata , anzitutto , alla tutela della vita ) e , nella fattispecie , dei soggetti più deboli , ridotti ad entità legalmente sopprimibili .
Un’operazione nella quale il nostro paese , per la sua storia particolare , deve assumere un ruolo di avanguardia , o meglio anche attraverso la quale esso deve riuscire ad elevarsi in ambito europeo al grado di civiltà di una nazione come l’Irlanda , che guarda da sempre con orgoglio e coerenza legislativa ai valori della nostra fede ed alla Chiesa di Roma .

APPENDICE

Manifesto dell’iniziativa referendaria per l’abrogazione della legge 194

no194.org

blog ufficiale del comitato per l’abrogazione della legge 194

UN’INIZIATIVA CONCRETA A FAVORE DELLA VITA

REFERENDUM ABROGATIVO DELLA L. 194 IN MATERIA DI ABORTO

1 ) PREMESSA

La funzione fondamentale dello Stato ( di qualunque tipo o forma ) è quella di provvedere alla difesa dei soggetti più deboli .
In assenza dello Stato , una comunità è destinata ad essere soggiogata dalla ricchezza , della forza , dalla violenza , dal potere e da coloro che usufruiscono di tali prerogative , vale a dire i più ricchi , i più forti , i più violenti e i detentori delle posizioni di privilegio .
Il Cristianesimo per primo , a fronte di tale realtà oppressiva , ha sostenuto la centralità dell’Uomo e degli ideali di eguaglianza dei diritti ( che gli ateniesi limitavano ai liberi , escludendo gli schiavi ) , di fratellanza degli uomini ( riferita anche a coloro che aderivano a diverse confessioni ) , fatto salvo il libero arbitrio , categoria soprattutto cattolica , vale a dire la libertà di ciascuno di far le proprie scelte e di osservare o meno i precetti che quel grande ( quanto meno e di fatto sul piano del coinvolgimento popolare ) movimento religioso ha suggerito ed affermato .
Appare , quindi , a dir poco incredibile che si possano contrapporre ideali illuministici ( intesi come forieri della dea laicità ) e religiosi ( visti come indici di arretratezza oscurantista ) , in quanto i tre princìpi fondamentali dell’illuminismo e della rivoluzione francese ( con tutte le sue storture ) erano già stati proclamati dal Cristianesimo quasi due millenni prima della nascita di quel movimento culturale .
Ora , chi è l’Uomo , da considerarsi oggetto della tutela statale e destinatario degli ideali di eguaglianza , fratellanza e libertà ?
E’ pacifico che ciascuno di noi esiste a seguito della ricorrenza di due condizioni : il concepimento e l’assenza di eventi letali , tra i quali deve annoverarsi , anzitutto ed oggettivamente , l’aborto non spontaneo , vale a dire la volontaria interruzione della gravidanza .
Ed è pacifico , dunque , che un concepito , da un lato , va considerato a tutti gli effetti alla stregua di un essere umano e , dall’altro , che è il più debole tra gli esseri umani .
Un concepito non guadagna , non compra , non occupa , non sciopera , non protesta , non ricopre incarichi di potere .
Ciò premesso , non si riesce a comprendere come uno Stato possa ritenersi civile contravvenendo alla sua funzione fondamentale sopra indicata ( la tutela dei soggetti più deboli ) e , pertanto , alla tutela di un concepito .
E come possa essere , ad un tempo , ritenuta sacrosanta la configurazione dell’omicidio come un reato ( uno dei più gravi ) e affermata la legalità di un atto abortivo .
L’aborto viene oggi considerato come un evento fisiologico , quasi ineluttabile .
Esso , in realtà , è un fenomeno di carattere strettamente culturale .
In Irlanda ( paese di solida ed orgogliosa tradizione cattolica , sottoposto a forti pressioni laiciste da parte dell’UE ) è ammessa l’interruzione volontaria di gravidanza solo allorché sia in pericolo la vita della madre .
E nell’isola verde ( alla faccia dell’aborto clandestino ) vi è un tasso di natalità 4 volte superiore a quello che si registra in Francia , secondo paese dell’unione europea in questa graduatoria e che risente positivamente al riguardo della massiccia presenza di immigrati di fede e cultura mussulmana , oltreché di una seria politica assistenziale a sostegno della maternità .
Nei paesi dell’Est europeo , di contro , vi sono più aborti che nascite .
Voglio una società che consenta alle donne ( ed agli uomini ) di nascere ( e di sopravvivere, pensiamo al caso Englaro ) senza attribuire ai genitori o ad uno di essi un diritto di soppressione , diritto che in Italia viene esercitato verso i nascituri del tutto liberamente , in particolare nei primi 90 giorni di concepimento ( ex art. 4 L. 194/78 ) a discrezione di un genitore .
Ed è del tutto anacronistico lottare per le pari opportunità della donna , per poi negarle il suo diritto fondamentale , quello di nascere , leso mediante una via , quella abortiva , che colpisce presumibilmente soprattutto il genere femminile , se è vero che la maggioranza delle nascite riguarda quel genere .
Del pari è anacronistico condannare l’orribile piaga della pedofilia e ignorare o legittimare l’estrema violenza che può essere commessa ai danni di un bambino , quella mortale , compiuta in radice durante il concepimento ,resa palese nella sua drammaticità dalle sconvolgenti immagini che riproducono l’atto abortivo .
Ancora , non ha senso esaltare le libertà dell’individuo al punto di estenderle alla soppressione noninevitabile del prossimo inerte , al quale ultimo viene così negata ogni libertà .
Sono d’accordo sulla necessità di affrontare la piaga abortiva sul piano culturale ( spiegando nelle scuole che forse sopprimere un feto non costituisce un atto di emancipazione femminile o una conquista della nostra era ) e sul piano assistenziale ( garantendo un assegno statale alla madre già dai primi mesi di gravidanza , come nobilmente proposto da un leader politico ) .
Però , da uomo di legge , ritengo che la promozione di un referendum abrogativo della legge 194 ,che avrebbe ben maggiori possibilità di raggiungere il “ quorum “ di votanti di quante non ne avessero già in partenza tutti gli inutili referendum promossi in Italia negli ultimi anni , siaassolutamente indispensabile .
Un passo necessario per contrastare il genocidio di nostre e nostri connazionali ( nel numero di 5 milioni ad oggi, in 31 anni dall’entrata di vigore di tale osannata legge ) innocenti ed inermi , a fronte di un immutato numero di aborti clandestini ( 50 000 all’anno ) , e per intervenire restrittivamente sulla disciplina regolante e legittimante tale piaga .
Che le leggi non possano contribuire a modificare i fenomeni sociali lo trovo assai dubbio , ricordo per tutti il calo significativo di fumatori successivo all’entrata in vigore della normativa introdotta dal Ministro Sirchia , che ha inciso su una condotta che produce addirittura assuefazione .
In ogni caso , nella peggiore delle ipotesi , non avremmo il rimpianto di aver “girato la testa dall’altra parte“ per usare parole già sentite , ma potremmo affermare di aver sollevato un dibattito sulla revisione di una legge che viene incredibilmente considerata inattaccabile , un dibattito a livello pubblico morto e sepolto da un trentennio , ed aver alimentato qualche riflessione individuale in più sul tema oggettivamente principale per l’umanità : la vita per l’appunto .
Affinché un soggetto possa beneficiare di un incremento retributivo mensile di qualche centinaio di euro o detrarre fiscalmente qualche migliaio di euro in più all’anno ( questioni sulle quali i politici si azzuffano quotidianamente ) gli si deve anzitutto consentire di nascere .

2 ) MODALITA’ E TEMPISTICA DELL’INIZIATIVA

L’operazione referendaria si suddivide in 10 fasi :

a ) creazione di un sito ( www.no194.it ) ;

b ) costituzione di un comitato referendario ( comitato per l’abrogazione della L. 194 ) ;

c ) radicamento territoriale del comitato in strutture locali finalizzate alla raccolta delle firme ;

d ) formulazione dei quesiti ed espletamento delle formalità preliminari per la raccolta ;

e ) raccolta delle firme , da effettuarsi nel numero di 500 000 tra il 1-3-2010 ed il 29-5-2010 ;

f ) deposito di quesiti e firme presso la Corte di Cassazione entro il 30-9-2010 e vaglio da parte della stessa ;

g ) controllo della Corte Costituzionale ( che si riunirà entro il 20-1-2011 ) ;

h ) indizione del referendum ( che dovrà svolgersi tra il 15-4-2011 e il 15-6-2011 ) da parte del Presidente della Repubblica ;

i ) campagna referendaria ;

l ) referendum .

3 ) ATTIVITA’ PROPAGANDISTICA

Essendo l’iniziativa circoscritta all’abrogazione della L. 194 , tutta l’attività propagandistica che si svolgerà durante essa e nelle sue diverse fasi dovrà avere come unico oggetto il tema dell’aborto richiamando al limite i valori religiosi che fondano in un più ampio contesto la sacralità della vita , senza alcun riferimento a posizioni politiche o storiche generali ( qualsiasi possibile domanda al riguardo dovrà rimanere priva di risposta , in quanto inammissibile e fuori luogo ) e ricorrendo a tutte le ulteriori tematiche ed argomentazioni ( anche non strettamente religiose ) a supporto della campagna referendaria e antiabortista sottesa , tra cui quelle riportate al punto 1 ) .
La polemica politica , di conseguenza , potrà essere utilizzata solo per replicare ad un attacco sul tema nonché per sottolineare l’incoerenza dell’avversario e del suo partito di appartenenza tra i valori generali che proclama ( egalitari , di tutela del più debole , della donna , dei minori , dei valori cristiani e libertari etc. ) e la sua posizione specifica in materia di aborto , ciò per evitare strumentalizzazioni degli avversari o divisioni interne al movimento e per favorire la più ampia adesione di soggetti che condividano le ragioni di fondo dell’iniziativa .
Non potrà , quindi e ad esempio , ritenersi giustificabile e condiviso dal movimento referendario qualsiasi intervento svolto sulla dialettica maggioranza-opposizione o effettuato per elogiare o contestare l’operato del Governo o esaltare le posizioni di un partito se non sul tema in oggetto .
Posizioni sul tema che , ovviamente , le singole forze politiche avranno modo di ribadire autonomamente prima , durante e dopo la campagna referendaria .
L’attività propagandistica sarà finalizzata ad informare sul contenuto della L. 194 ( con particolare riguardo agli artt. 4 , 5 e 6 ) , a coagulare tutta la protesta riguardante anche solo singoli aspetti della legge ( a partire dalla totale irrilevanza sulla decisione del ruolo del potenziale padre , che non ha neppure un diritto conoscitivo , ed al carattere giustificativo attribuito a mere ragioni economiche e sociali ) ed a sottolineare come il referendum sia l’unico strumento per ottenere almeno la sua modifica , superando l’inerzia del Parlamento , che ha dimostrato e dimostra di fatto di considerarla più intoccabile della Costituzione .
Il tutto , in tale ottica unitaria , senza che possa essere proposto a nome del movimento uno specifico modello legislativo tra i vari ( grosso modo di 5 tipi , corrispondenti rispettivamente ed in ordine sempre meno restrittivo a quelli cileno , irlandese , brasiliano , argentino e spagnolo )meno tolleranti di quello italiano , tanto più poiché il referendum in oggetto ha natura abrogativa e non propositiva .
Si invita , in ogni caso , ogni aderente all’iniziativa ad evitare di lasciarsi coinvolgere in disquisizioni di carattere psico-sociologico o economico-sociale dirette a mascherare o sminuire l’atto abortivo per ciò che esso oggettivamente è : la soppressione volontaria di un essere umano inerme .

Avv.Pietro Guerini

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

1 commento su “Legislazioni internazionali in materia di aborto: fattibilità e presupposti di un nuovo referendum abrogativo in italia (L. 194/78)”

  1. Nella scala di permissione delle varie nazioni, la più restrittiva è 1) aborto mai ammesso; ed è quella in linea con il magistero; sull’efficacia, per il raggiungimento del suddetto fine, della strategia del male minore e quindi del colloquio e l’accordo con il demonio..lascio a Padre Pio la risposta che avrebbe dato, nonché alla pastorale disastrosa degli ultimi 50 anni. Detto questo, perché il vostro sito pubblicizza questa legge che sì, è più restrittiva dell’attuale, ma resta comunque un abominio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su