Magro bilancio del dossettismo – di Peppino Orlando

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
giuseppe dossetti

Di Peppino Orlando

giuseppe dossettiSiamo tutti nella chiesa cattolica in fase di revisioni.  Vedo solo  poche ri-trattazioni per correggere errori lampanti .Mentre  continuano le lodi agli   anticipatori del cosiddetto “spirito conciliare”,fregiati persino del titolo di profeti. Tra i profeti forieri di quello spirito molto pensano di collocare  cultura -fede -opere di Giuseppe Dossetti. Una vegetazione lussureggiante vien attribuita alla semina della  veggenza  dossettiana.Si consumano golosamente   frutti monastici, teologici , politici .La” nuova pentecoste” di quello spirito fu preconizzata da Giovanni XXIII con fiera rampogna verso verso i “profeti di sventura”,che vedevano serpeggiare   spiritelli modernisti da ogni anfratto della roccia petrina. Stante la consonanza tra dossettismo e “bontà” giovannea,è più corretto ,in tale  contesto semantico,chiamare Dossetti profeta di “ventura”.
Questo titolo cavalleresco piacerebbe anche a lui,che  nelle memorie si è vantato di aver applicato nelle manovre e nelle formulazioni dei “padri” conciliari,il metodo di guerriglia partigiana. Così,si è scoperto che  di notte egli convinse Palmiro Togliatti a imporre la disciplina stalinista al partito comunista per accogliere  l’articolo 7 .Promessa deleteria di un patto costituzionale  che avrebbe reso  irreversibile lo spirito dei comitati di liberazione.Si aggirava così la  volontà di Pio XII,dei popolari di Gasperi contrari alla continuità Concordato-Iri, dei cattolici comunisti di Franco Rodano e Felice Balbo che avrebbero preferito un piena laicità (non ideologica atea e marxista)dello statuto del Pci piuttosto che un coinvolgimento costituzionale ibrido della chiesa cattolica . Legge naturale universale e  chiesa soprannaturale dovevano essere l’orizzonte ideale in cui la politica e la vita della chiesa dovevano ricercare  un’armonica e pacifica distinzione senza miscele…Ma il disegno dossettiano,, era ben altro:la vera sinistra era quella cristiana,di stampo pauperista  preborghesche avrebbe trascinato con sé la sinistra atea comunista .
Dossetti nulla riteneva di apprendere dalla  dottrina sociale della chiesa e dell’elaborazione del partito  popolare di Sturzo e De Gasperi nel rigore antimodernista da Pio X a Pio XII,all’altezza  della rivoluzione borghese e la questione operaia capitalistica..Ma l’illusione pauperista antoiborghese ristagna ancora  dall’Ulivo di Babele e dell’Unione plurisinistra.
Ma per questa via Dossetti,sconfitto  da De Gasperi e Pio XII  e dalla realtà della guerra fredda,si ritirò in convento in attesa di tempi propizi .Una reviviscenza perversa si ebbe con la politica fanfaniana e morotea che sconfissero la libera democrazia degsperiana..Comincio l’uso  del carrierismo  manageriale che trasfromo l’Iri in stanza di bottoni di partito e  leva  ideologica antiborghese.Invece che garanzia di bene pubblico nei confronti dei fini dell’impresa privata di rischio ,l’IRI divenne greppia elettorale ,cursus honorum  di raccomandati che non avevano vincolo di rischio.La  genia dossettiana divenne   razza padrona, pseudocattolica e condusse la politica economica all’indebitamento e la promozione  dell’imprenditore assistito, fuori merito e concorrenza. Dopo la politica di De Gasperi si combatteva così l’impreditoria cattolica  di rischio e di vero spirito solidale,sin dalla ricostruzione guidata da Angelo Costa..Si preparò l’infausta politica del centro-sinistra dirigista,che inficiò poi anche qualche sana idea di Berlinguer e Rodano,conducendoli alla rovinosa sconfitta nel PCI. Nell’ondata travolgente  delle carriere ,Dossetti promosse promozioni accademiche e centri culturali che profittarono delle illusioni di  giovannee.Le vaste cricche accademiche e manageriali inventarono  la “chiesa dei poveri”nella grassa staliniana Bologna,travolgendo anche un cardinale fin allora spirituale e prudente come Giacomo Lercaro di sobria  scuola genovese E cosi zampillò tra gli appennini  la guerriglia di un   nuovo monachesimo gioachimita  che doveva costituire un’alternativa alla chiesa del Papa e dei vescovi  del clero secolare che da lui ricevono potere di ordine ma sopratutto di giurisdizione. Oltre al fascino occulto dell’Urss staliniana, si introduceva nella chiesa la visione scismatica ortodossa con i patriarcati autocefali,fuori dal primato papale.I monaci erano come “vergini” gli unici degni dell’episcopato che cosi veniva sognato monastico e autocefalo.Le vergini stolte squalificavano  anche la famiglia naturale ,il laicato fedele  rivalutato dal Concilio,come poi avvenne con il diritto di famiglia  plurisessuale  e precario   delle famiglie di fatto .Questo è il dossettismo teologico che ha rotto l’unità della chiesa italiana,ha attenuato   la consapevolezza petrina e ha diffuso  sui vecchi ceppi benedettini,camaldolesi ,serviti,e anche altri,illusori orizzonti  gioachimiti di chiesa” spirituale” .Oltre sinistra  opulenta del carrierismo politico si formava la deriva  orientalistica e gli ordini religiosi. Si instaurava un illusorio   orientalismo scismatico ,anticattolico e antioccidentale,presto raggiunto nel 68 dal nichilismo psichedelico erotico polimorfo  tra prolisse liurgie e   meditazione orientali e procaci boss di pauperismo di sinistra.. Eccolo  lo spirito della “profezia di ventura,” di cui vediamo i frutti amari tra chiesa e politica..E’ l’intreccio tra integralismo gnostico  premoderno che il dossettismo ha alimentato nella storia italiana.A questo  va aggiunto anche il radicarsi  delle organizzazione feudali signorili delle varie mafie,che si parassitarono  partiti e Iri..La dottrina sociale dei pensatori cattolici e dei papi  era  all’altezza della rivoluzione borghese e  avrebbe garantito un sano sviluppo,sulla linea dirittto naturale-Chiesa soprannaturale,, se non avesse trovato davanti a sé l’ottusità gnostica “cattolica “aggregata a quella dei capi massoni. Ingorghi istituzionali,, tra  federalismo e unità  , europesimo anticristiano,attenuazione dell’unità tra episcopato e papa,crisi irreversibile Dc-Pci, impropria politicizzazione della conferenza episcopale(né chiesa locale né partito cattolico-nésegretreia di stato vaticana),crisi della famiglia e della legalità.-e che altro..? -sono li  mostrare i frutti amari di una profezia di ventura del tutto aliena dallo spirito cattolico della viva , progressiva e perenne  tradizione nella quale troviamo la Grazia per la crescita delle  virtù naturali e teologali.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su