Marcia per la Vita. Un rifiuto della legge 194, perché la 194 uccide – di Marisa Orecchia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“Dedichiamo questa quarta edizione della Marcia per la Vita a Mario Palmaro”. Queste parole pronunciate dal palco da Virginia Coda Nunziante, presidente del Comitato per la Marcia per la vita, sono certamente espressione  di affetto e ricordo  per un amico recentemente scomparso, ma soprattutto indicano una verità inconfutabile: Mario Palmaro incarna  con la sua vita stessa  e con l’opera di  bioeticista, di filosofo, di  docente,  di  scrittore, lo spirito  della Marcia per la vita, tanto da poterne essere assunto, con   ragione, a emblema.

di Marisa Orecchia

.

ZZZZZM1Comune denominatore della Marcia per la Vita, che chiama   a Roma dall’Italia e dal mondo  decine di migliaia di persone, anche quest’anno in aumento rispetto all’anno scorso, in un inarrestabile crescendo, è il rifiuto  dell’aborto volontario e della legislazione abortista. Un rifiuto  della legge 194 che si esprime in modo netto e deciso perché la 194 uccide.

Nel suo libro” Aborto & 194 – Fenomenologia di una legge ingiusta” scritto a trent’anni dall’approvazione di questa legge, Palmaro entra come un  ferro acuminato dentro  la lettera e la ratio della 194 e ne sviscera il potenziale  mortifero. “Un libro onesto –scrive Palmaro –  fino al punto di dire come stanno realmente le cose […]al punto da trarre con rigore tutte le conseguenze che la ragione  ci impone: se l’aborto uccide, e uccide un innocente,  non può essere giusto che la legge consenta alla donna di praticarlo”. (pagg 14-15)

Un libro che smonta, una dopo l’altra, le ragioni dell’abortismo, ma soprattutto che rischiara in modo impietoso  i poveri , i superficiali argomenti del pressapochismo di quanti, dicendosi contro l’aborto,  si affannano  difendere  la  194 adducendo  ragioni inconsistenti su presunte parti buone  che  basterebbe mettere in pratica , frasi fatte, tratte dal buonismo  dei luoghi comuni,  che acquietano la coscienza  nella  conclusione che sì, l’aborto è un male, ma in certi casi….

No alla legge di aborto, sempre  e in ogni caso: è questo il leitmotiv  che risuona  in tutta la vita e l’opera  di Mario Palmaro. La stessa melodia che  ha  accompagnato i passi  di quanti  domenica scorsa hanno marciato per le strade di Roma e che  marceranno, sempre più numerosi  per gli anni a venire.  Non sappiamo per quanto tempo ancora sarà necessario  scendere in strada  per affermare una verità  naturalmente  insita nel cuore di ogni uomo, ma che una tremenda e pervicace  cultura di  morte è riuscita a soffocare.

Ma non perdiamoci d’animo. Già altri tempi la storia dell’uomo ha visto nei quali  sembrava  che dottrine totalitarie e mortifere potessero stendere definitivamente  la loro coltre di menzogna su ogni anelito di verità: basti pensare  al socialismo reale che  per decenni ha  potuto tenere prigioniere  popolazioni intere .

Dissolto, come nebbia  al sole.  Anche  i suoi  eredi diretti  che hanno come  obiettivo nel tempo presente, non solo di ridisegnare gli stati e le potenze territoriali, ma la stessa antropologia , la  verità stessa dell’uomo,  cadranno. Quando, non sappiamo. Ma siamo in marcia, con questa certezza.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

2 commenti su “Marcia per la Vita. Un rifiuto della legge 194, perché la 194 uccide – di Marisa Orecchia”

  1. Francesco Bernardini

    Io ero presente e la gente sui marciapiedi ci guardava come pellerossa usciti da una riserva indiana … ma certe esperienze ci incutono un senso di libertà enorme, la libertà che deriva dalla consapevolezza della completa gratuità del gesto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su