Nigeria: ennesima mattanza di cristiani

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Nigeria

NigeriaOltre 500 le persone massacrate dai nomadi musulmani a colpi di machete
La cronaca ripropone per l’ennesima volta una cruda, scomoda realtà, spesso minimizzata dai mass media italiani. La ‘caccia al cristiano’ è ormai diventata una macabra ‘moda’ in non pochi Paesi africani e asiatici a maggioranza musulmana. Di fronte ad una realtà così evidente, documentata e provata, di odio e di fanatismo, quanto durerà ancora il silenzio assordante di coloro i quali, per convenienze economiche o per codardia, continuano a negare o ‘minimizzare’, in nome di un facile e comodo ‘buonismo’, tutto ciò?
Nuova ondata di violenze contro i cristiani in Nigeria: 500 morti, tra cui molte donne e bambini. Le tribù nomadi musulmane sono scese dalle montagne. Centinaia in fuga. L’intervento delle autorità: 95 in arresto
Lagos – Una vera e propria carneficina. E’ di 500 morti (forse più), tra cui molte donne e bambini, il bilancio della nuova ondata di violenze contro i cristiani in Nigeria. “Abbiamo compiuto 95 arresti – ha detto il governatore dello stato centrale di Platea, Dan Manjang – ma allo stesso tempo più di 500 persone sono state uccise dai nomadi Fulani”. Il riferimento è alle tribù nomadi musulmane, che, secondo le testimonianze, sono scesi durante la notte dalle montagne su tre villaggi alle porte della città di Jos.
Il massacro a colpi di machete Sparando hanno costretto gli abitanti a uscire dalle abitazioni e li hanno massacrati a colpi di machete. Teatro della peggiore carneficina è stato il villaggio di Dogo Nahava a sud di Jos. Il presidente ad interim, Goodluck Jonathan, ha dichiarato di aver “collocato tutte le forze di sicurezza a Plateau e nelle regioni vicine in stato di massima allerta in modo di evitare qualsiasi estensione del conflitto”. La situazione nel Paese è sempre più tesa da quando il 9 febbraio scorso il vicepresidente Goodluck Jonathan è stato nominato presidente provvisorio in vista delle prossime elezioni presidenziali nel primo semestre 2011. Il rientro a sorpresa poi dell’ex presidente Umaru Yar’adua. Musulmano del sud, ha poi accentuato il clima di violenza, dal momento che Jonathan, cristiano, ha dichiarato di non voler lasciare la carica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici

Chi siamo

Ricognizioni è nato dalla consapevolezza che ci troviamo ormai oltre la linea, e proprio qui dobbiamo continuare a pensare e agire in obbedienza alla Legge di Dio, elaborando, secondo l’insegnamento di Solženicyn, idee per vivere senza menzogna.

Progetto Mondo piccolo

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. Scopri di più!

Emporio Mondo piccolo

Ti potrebbe interessare

Eventi

Sorry, we couldn't find any posts. Please try a different search.

Iscriviti alla nostra newsletter

Se ci comunichi il tuo indirizzo e-mail, riceverai la newsletter periodica che ti aggiorna sulla nostre attività!

Torna su